Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Ictus ischemico

Di

Elias A. Giraldo

, MD, MS, California University of Science and Medicine School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa feb 2018| Ultima modifica dei contenuti feb 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’ictus ischemico è la morte di una parte del tessuto cerebrale (infarto cerebrale) dovuta a un insufficiente apporto di sangue e ossigeno al cervello in seguito al blocco di un’arteria.

  • Si manifesta solitamente quando un’arteria che va al cervello è bloccata, spesso da un coagulo di sangue e/o da un deposito di grasso dovuto all’aterosclerosi.

  • I sintomi si manifestano improvvisamente e possono includere debolezza muscolare, paralisi, sensazione anomala o assente da un lato del corpo, difficoltà di linguaggio, stato confusionale, problemi di vista, vertigini, perdita di equilibrio e di coordinazione.

  • La diagnosi si basa solitamente sui sintomi e sui risultati di un esame obiettivo e degli esami di diagnostica per immagini del cervello.

  • Vengono effettuati altri esami di diagnostica per immagini ed esami del sangue per identificare la causa dell’ictus.

  • Il trattamento può includere farmaci per rompere i coaguli di sangue o per rendere il sangue più fluido, nonché procedure per rimuovere fisicamente i coaguli di sangue, seguite da riabilitazione.

  • Le misure preventive includono controllo dei fattori di rischio, farmaci per evitare i coaguli di sangue e a volte intervento chirurgico o angioplastica per aprire le arterie bloccate.

  • Circa un terzo delle persone recuperano quasi tutte le funzioni normali dopo un ictus ischemico.

(Vedere anche Panoramica sull’ictus.)

Cause

Un ictus ischemico risulta solitamente dal blocco di un’arteria che irrora di sangue il cervello, più comunemente una ramificazione di una delle carotidi interne. Di conseguenza, le cellule cerebrali non ricevono più sangue. Se privata di sangue per 4,5 ore, la maggior parte delle cellule cerebrali muore.

Afflusso di sangue al cervello

Il cervello viene irrorato di sangue tramite due paia di grandi arterie:

  • Arterie carotidi interne, che trasportano il sangue dal cuore lungo la parte anteriore del collo

  • Arterie vertebrali, che trasportano il sangue dal cuore lungo la parte posteriore del collo

Nel cranio, le arterie vertebrali si uniscono per formare l’arteria basilare (nella parte posteriore della testa). Le carotidi interne e l’arteria basilare si dividono in diverse ramificazioni che includono le arterie cerebrali. Alcune ramificazioni si uniscono per formare un cerchio di arterie (circolo di Willis) che collega le arterie vertebrali e le carotidi interne. Altre arterie si dipartono dal circolo di Willis come strade da una rotatoria. Queste ramificazioni trasportano il sangue a tutte le aree cerebrali.

Quando le grandi arterie che irrorano il cervello sono ostruite, alcune persone non presentano sintomi o manifestano solo un ictus lieve. Tuttavia, altre con la stessa ostruzione vanno incontro a un ictus ischemico di vaste dimensioni. Perché? Una parte della spiegazione risiede nelle arterie collaterali. Le arterie collaterali scorrono fra le altre arterie, fornendo ulteriori connessioni. Esse includono il circolo di Willis e le connessioni fra le arterie che si diramano dal circolo. Alcune persone sono nate con arterie collaterali grandi, che possono proteggere dall’ictus. Quindi, quando un’arteria si blocca, il sangue continua a scorrere attraverso l’arteria collaterale, a volte prevenendo l’ictus. Altre persone nascono con arterie collaterali piccole, che possono essere inadeguate al passaggio di una quantità di sangue sufficiente alle aree colpite e quindi ne deriva un ictus.

Il corpo può anche proteggersi dagli ictus facendo crescere nuove arterie. Quando i blocchi si sviluppano lentamente e gradatamente (come nell’aterosclerosi), possono crescere nuove arterie in tempo affinché l’area lesa continui a ricevere il sangue e quindi si eviti l’ictus. Se si è già verificato un ictus, la crescita di nuove arterie può aiutare a prevenirne un secondo (ma non è in grado di far regredire il danno che è stato fatto).

Afflusso di sangue al cervello

Cause comuni

Solitamente, il blocco è causato da un coagulo di sangue (trombo) oppure da frammenti di depositi di grasso (ateromi, o placche) dovuti all’aterosclerosi. Questi blocchi si manifestano spesso nei seguenti modi:

  • Formandosi in un’arteria e ostruendola: un ateroma nella parete di un’arteria può continuare ad accumulare materiale grasso e diventare abbastanza grande da bloccare l’arteria. Anche se l’arteria non è completamente bloccata, l’ateroma la restringe e rallenta il flusso sanguigno, come un tubo ostruito rallenta il flusso dell’acqua. Il sangue che si muove lentamente rischia di formare coaguli. Un coagulo grande può bloccare una quantità sufficiente di sangue in un’arteria ristretta da causare la morte delle cellule cerebrali da essa irrorate. Oppure, in caso di lacerazione (rottura) di ateroma, il materiale in esso contenuto può dare luogo alla formazione di un coagulo in grado di bloccare l’arteria ( Modalità di sviluppo dell’aterosclerosi).

  • Spostandosi da un’arteria a un’altra nel cervello: un pezzo di ateroma o un coagulo nella parete di un’arteria può staccarsi e spostarsi nel flusso sanguigno (diventando un embolo). In seguito, l’embolo può alloggiarsi in un’arteria che irrora il cervello e bloccarne il flusso sanguigno (embolia si riferisce al blocco delle arterie da parte di materiali trasportati nel torrente ematico ad altre parti del corpo). Tali blocchi sono più probabili dove le arterie sono già ristrette da depositi di grasso.

  • Spostandosi dal cuore al cervello: possono formarsi coaguli di sangue nel cuore o in una valvola cardiaca, in particolare nelle valvole artificiali e in quelle che sono state danneggiate da infezioni del tessuto che riveste l’interno del cuore (endocardite). Gli ictus dovuti a questi coaguli sono più frequenti tra le persone sottoposte a un intervento recente al cuore, che hanno avuto un infarto o affette da una patologia valvolare o da alterazioni del ritmo cardiaco (aritmie), specialmente un ritmo cardiaco rapido e irregolare, chiamato fibrillazione atriale.

Ostruzioni e coaguli: cause di ictus ischemico

Quando un’arteria che trasporta il sangue al cervello si ostruisce o si blocca, può verificarsi un ictus ischemico. Le arterie possono essere bloccate da depositi adiposi (ateromi o placche) dovuti all’aterosclerosi. Le arterie nel collo, in particolare la carotide interna, sono un punto comune per gli ateromi.

Le arterie possono restare bloccate anche da un coagulo di sangue (trombo). Tali coaguli possono formarsi su un ateroma in un’arteria oppure nel cuore delle persone affette da disturbo cardiaco. Una parte dei coaguli può staccarsi e viaggiare nel flusso sanguigno (diventando un embolo). In seguito può bloccare un’arteria che porta il sangue al cervello, come una delle arterie cerebrali.

Ostruzioni e coaguli: cause di ictus ischemico

Diverse condizioni al di là della rottura di un ateroma possono scatenare o promuovere la formazione di coaguli di sangue, aumentando il rischio di blocco da parte di uno di essi. tra questi:

  • Disturbi del sangue: alcuni disturbi, come un eccesso di globuli rossi (policitemia), la sindrome antifosfolipidica e un alto livello di omocisteina nel sangue (iperomocisteinemia) rendono il sangue più soggetto ai coaguli. Nei bambini, l’anemia falciforme può causare un ictus ischemico.

  • Contraccettivi orali: l’assunzione di contraccettivi orali, in particolare quelli con forti dosi di estrogeni, aumenta il rischio di coaguli di sangue.

I coaguli di sangue in un’arteria cerebrale non causano necessariamente un ictus. Se il coagulo di sangue si rompe spontaneamente entro meno di 15-30 minuti, le cellule cerebrali non muoiono e i sintomi si risolvono. In questi casi si tratta di un attacco ischemico transitorio (TIA).

Se un’arteria si restringe molto gradatamente, altre arterie (le arterie collaterali, Afflusso di sangue al cervello) a volte si allargano per inviare sangue alle parti del cervello solitamente irrorate dall’arteria ostruita. In questo modo, se si forma un coagulo in un’arteria che ha sviluppato arterie collaterali, le persone possono non avere sintomi.

L’infarto lacunare è un’altra causa comune di ictus ischemico. Nell’infarto lacunare, una delle piccole arterie in profondità nel cervello si ostruisce quando una parte della parete si deteriora e viene sostituita da un misto di grasso e tessuto connettivo, un disturbo chiamato lipoialinosi. La lipoialinosi è diversa dall’aterosclerosi, ma entrambi i disturbi possono causare il blocco delle arterie. L’infarto lacunare tende a manifestarsi nelle persone anziane con diabete o ipertensione arteriosa poco controllata. Il danno avviene solo in una piccola parte del cervello e la prognosi è generalmente positiva. Tuttavia, nel tempo possono svilupparsi molti piccoli infarti lacunari e causare problemi.

Cause meno comuni

Un ictus ischemico può anche derivare da un disturbo che riduce la quantità di sangue al cervello. Ad esempio, può manifestarsi un ictus ischemico se un’infiammazione dei vasi sanguigni (vasculite) o un’infezione (come l’herpes simplex) restringe i vasi sanguigni che irrorano il cervello. Le emicranie o le droghe, come la cocaina e le anfetamine, possono causare uno spasmo arterioso, che può restringere le arterie cerebrali al punto da scatenare un ictus.

In rari casi, un ictus deriva da una diminuzione generale del flusso sanguigno, come avviene quando le persone perdono molto sangue o hanno una pressione arteriosa molto bassa.

Talvolta, un ictus ischemico compare con un flusso sanguigno al cervello normale, ma con ridotto apporto di ossigeno. Le patologie che riducono il contenuto d’ossigeno nel sangue comprendono un grave deficit di globuli rossi (anemia), il soffocamento e l’avvelenamento da monossido di carbonio. Spesso, in questi casi, il danno cerebrale è diffuso e conduce al coma.

A volte un coagulo di sangue in una vena della gamba (trombosi venosa profonda) oppure, raramente, piccoli pezzi di grasso dal midollo di un osso della gamba fratturato, si spostano nel flusso sanguigno. Solitamente, questi coaguli di sangue e pezzi di grasso si spostano fino al cuore e bloccano un’arteria nei polmoni (detta embolia polmonare). Tuttavia, alcune persone presentano un orifizio anomalo fra le camere superiori destra e sinistra del cuore (chiamato forame ovale pervio). In queste persone, i coaguli di sangue e i pezzi di grasso possono passare attraverso gli orifizi, superare i polmoni ed entrare nell’aorta (l’arteria più grande nel corpo). Se viaggiano fino alle arterie nel cervello, può derivarne un ictus.

Fattori di rischio

Alcuni fattori di rischio di ictus ischemico possono essere controllati o modificati, almeno fino a un certo punto. Ad esempio, trattando la patologia che ne aumenta il rischio.

I principali fattori di rischio modificabili dell’ictus ischemico sono

I fattori di rischio non modificabili includono

  • Avere già avuto un ictus

  • Essere anziano

  • Parenti che hanno avuto un ictus

Sintomi

Solitamente, i sintomi di un ictus ischemico si manifestano improvvisamente e sono spesso più gravi alcuni minuti dopo l’inizio perché la maggior parte degli ictus ischemici insorge improvvisamente, si sviluppa rapidamente e causa la morte del tessuto cerebrale entro pochi minuti oppure ore. Successivamente, nella maggior parte dei casi, l’ictus si stabilizza, causando una lesione minima o comunque non progressiva. Gli ictus che rimangono stabili per 2-3 giorni sono definiti completi. Un blocco improvviso causato da un embolo può causare questo tipo di ictus.

nel 10-15% degli ictus circa, il danno continua a progredire e i sintomi continuano a peggiorare per un massimo di due giorni, causando la morte di zone sempre più ampie di tessuto cerebrale. Questo tipo di ictus è definito evolutivo. La progressione dei sintomi e del danno avviene solitamente per gradi, ed è interrotta da periodi in certo modo stabili durante i quali l’area smette temporaneamente di estendersi o si manifestano alcuni miglioramenti. Tali ictus sono solitamente dovuti alla formazione di coaguli in un’arteria ristretta.

Gli ictus causati da un embolo si verificano spesso durante il giorno, e il primo sintomo può essere un mal di testa. Gli ictus causati da un coagulo di sangue in un’arteria ristretta si verificano frequentemente durante la notte e vengono notati al risveglio della persona.

Possono manifestarsi molti sintomi diversi, in base all’area cerebrale bloccata e quindi alla parte privata di sangue e di ossigeno ( Disfunzione cerebrale in base alla sede).

Quando vengono colpite le arterie che si diramano dalla carotide interna (che trasporta il sangue lungo la parte anteriore del collo al cervello), i sintomi più comuni sono i seguenti:

  • Cecità da un occhio

  • Incapacità di vedere dallo stesso lato con entrambi gli occhi

  • Sensazioni anomale, debolezza o paralisi di un braccio o di una gamba o di un lato del corpo.

Quando vengono colpite le arterie che si diramano dalle arterie vertebrali (che trasportano il sangue lungo la parte posteriore del collo al cervello), i sintomi più comuni sono i più seguenti:

  • Capogiri e vertigini

  • Vista sdoppiata o perdita della vita in entrambi gli occhi

  • Debolezza generalizzata su uno o entrambi i lati del corpo

Si possono manifestare molti altri sintomi, tra cui difficoltà di parola (ad esempio, eloquio inceppato), alterazione dello stato di coscienza (come stato confusionale), perdita di coordinazione e incontinenza urinaria.

Le forme gravi di ictus possono portare a stupor o coma. Inoltre, gli ictus, anche quelli lievi, possono causare depressione o incapacità di controllare le emozioni. Ad esempio, le persone possono ridere o piangere in modo sconveniente.

Alcune persone hanno una crisi convulsiva all’inizio dell’ictus. Le crisi convulsive possono verificarsi anche mesi o anni più tardi. Quelle tardive risultano dalla cicatrizzazione o da materiali che vengono depositati dal sangue nel tessuto cerebrale danneggiato.

Occasionalmente insorge la febbre. Può essere causata da un ictus o da un altro disturbo.

Se i sintomi, in particolare l’alterazione della coscienza, si aggravano nei primi 2-3 giorni la causa è spesso un gonfiore dovuto a un eccesso di liquido (edema) nel cervello. I sintomi solitamente si attenuano entro pochi giorni, quando viene assorbito il liquido. Tuttavia, l’edema cerebrale è particolarmente dannoso poiché il cranio è una struttura non espandibile. L’aumento di pressione che ne consegue può causare lo spostamento del cervello, alterando ulteriormente la funzione cerebrale, anche se la zona direttamente danneggiata dall’ictus non si espande. Se la pressione diventa molto alta, il cervello può venire spinto verso il basso nel cranio, attraverso le strutture rigide che lo separano in compartimenti. Il risultato che ne consegue è chiamato ernia, che può essere fatale ( Ernia: il cervello sotto pressione).

Complicanze dell’ictus

Gli ictus possono causare altri problemi (complicanze):

  • Se la deglutizione è difficoltosa, le persone possono non mangiare abbastanza e sviluppare denutrizione e disidratazione.

  • Si rischia di inalare alimenti, saliva o vomito (aspirati) nei polmoni, provocando una polmonite da aspirazione.

  • Restare troppo a lungo in una posizione può causare la formazione di piaghe da decubito e una perdita muscolare.

  • L’incapacità di muovere gli arti inferiori può favorire la formazione di coaguli nelle vene profonde delle gambe e dell’inguine (trombosi venosa profonda).

  • I coaguli possono staccarsi, viaggiare nel flusso sanguigno e bloccare un’arteria che va al polmone (un disturbo detto embolia polmonare).

  • Le persone possono avere difficoltà a dormire.

Le perdite e i problemi che risultano da un ictus possono renderle depresse.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Tomografia computerizza e talvolta una risonanza magnetica per immagini

  • Analisi di laboratorio, comprese quelle per misurare la glicemia

Il medico generalmente è in grado di diagnosticare un ictus ischemico sulla base dell’anamnesi e dell’esame obiettivo. Solitamente identifica la sede dell’ostruzione basandosi sui sintomi ( Lesioni a specifiche aree cerebrali). Per esempio, la debolezza o la paralisi della gamba sinistra suggeriscono l’ostruzione dell’arteria che irrora l’area localizzata nell’emisfero destro, preposta al controllo dei movimenti muscolari della gamba sinistra.

Solitamente viene effettuata innanzitutto una tomografia computerizzata (TC). La TC aiuta a distinguere un ictus ischemico da uno emorragico, da un tumore cerebrale, da un ascesso e da altre alterazioni strutturali.

Il medico misura inoltre la quantità di zucchero nel sangue per escludere livelli bassi di zucchero (ipoglicemia) che possono causare sintomi simili.

Se disponibile, viene eseguita anche una risonanza magnetica per immagini (RMI) pesata in diffusione, che può rilevare gli ictus ischemici entro pochi minuti dall’inizio.

Appena possibile, vengono eseguiti degli esami di diagnostica per immagini (angio-TC o angiografia con risonanza magnetica) per verificare la presenza di blocchi nelle grandi arterie. A volte, il trattamento tempestivo di questi blocchi può limitare la portata del danno cerebrale causato dall’ictus.

Analisi per identificare la causa

È importante identificare la causa precisa di un ictus ischemico. In caso di ostruzione da coagulo di sangue, può verificarsi un altro episodio di ictus, se non viene trattato il disturbo di base. Ad esempio, se il coagulo di sangue è causato da un ritmo cardiaco anormale, la cura del disturbo può evitare la formazione di nuovi coaguli in grado di causare un altro ictus.

Gli esami per determinare le cause possono includere:

  • Elettrocardiogramma (ECG) per controllare le alterazioni del ritmo cardiaco

  • Monitoraggio ECG continuo (effettuato a casa o in ospedale) per registrare il battito e il ritmo cardiaco in modo continuo per 24 ore (o più), che potrebbe rilevare delle alterazioni del ritmo cardiaco che si manifestano in modo imprevedibile o solo brevemente

  • Ecocardiogramma per verificare la presenza nel cuore di coaguli, di anomalie di pompaggio o strutturali e disturbi delle valvole

  • Esami di diagnostica per immagini, ecocolordoppler, angiografia con risonanza magnetica, angio-TC o angiografia cerebrale (standard), per determinare se le arterie, in particolare le carotidi interne, sono bloccate o ristrette

  • Esami del sangue alla ricerca di anemia, policitemia, disturbi della coagulazione, vasculite e alcune infezioni (come infezioni della valvola cardiaca e sifilide) e fattori di rischio come alti livelli di colesterolo o diabete

  • Screening farmacologico delle urine per individuare cocaina e anfetamine

Gli esami di diagnostica per immagini consentono al medico di determinare il livello di restringimento delle carotidi e di valutare quindi il rischio di un conseguente ictus o TIA. Queste informazioni aiutano a determinare i trattamenti necessari.

Nell’angiografia cerebrale, un tubo (catetere) sottile e flessibile viene inserito in un’arteria, solitamente nell’inguine, e viene fatto passare attraverso l’aorta fino a un’arteria del collo. Quindi viene iniettata una sostanza visibile ai raggi X (mezzo di contrasto radiopaco) per delineare l’arteria. Questo esame è quindi più invasivo degli altri che forniscono immagini dell’afflusso di sangue al cervello. Tuttavia, fornisce maggiori informazioni. L’angiografia cerebrale può essere fatta prima di rimuovere chirurgicamente gli ateromi o se si sospetta una vasculite.

Dato che l’angio-TC è meno invasiva, ha ampiamente sostituito l’angiografia cerebrale eseguita mediante un catetere.

Prognosi

Prima un ictus viene trattato con un farmaco che sciogli i coaguli di sangue (farmaco trombolitico), minore sarà la probabilità che il danno cerebrale sia grave e migliori le possibilità di recupero.

Nei primi giorni dopo un ictus ischemico, il medico di solito non è in grado di prevedere se un paziente andrà incontro a un miglioramento o a un peggioramento. Le persone più giovani e quelle che iniziano a migliorare rapidamente hanno più probabilità di recuperare integralmente.

Circa il 50% dei pazienti con paralisi monolaterale e la maggior parte di quelli che presentano una sintomatologia meno grave recupera parte della funzionalità una volta dimessa dall’ospedale, acquisendo, alla fine, la capacità di soddisfare le necessità fondamentali. Sono in grado di pensare in modo conscio e camminare adeguatamente, sebbene risulti limitato l’uso del braccio o della gamba interessata. L’utilizzo di un braccio è spesso più limitato di quello di una gamba.

Circa il 10% dei pazienti con ictus ischemico riacquista completamente la normale funzionalità.

Alcuni sono fisicamente e mentalmente debilitati e incapaci di muoversi, parlare o alimentarsi normalmente.

Circa il 20% dei pazienti colpiti da ictus ischemico muore in ospedale. La proporzione è maggiore tra gli anziani. Circa il 25% di coloro che guariscono da un primo ictus, ne ha un altro entro 5 anni. Gli ictus successivi alterano ulteriormente la funzionalità.

La maggior parte delle compromissioni ancora presenti dopo 12 mesi sono permanenti.

Trattamento

  • Misure di supporto delle funzioni vitali, come la respirazione

  • Farmaci per sciogliere i coaguli di sangue o per diminuire la probabilità che il sangue si coaguli

  • A volte, intervento chirurgico o di angioplastica con stent

  • Misure per gestire le difficoltà di deglutizione e prevenire così la polmonite da aspirazione

  • Misure per prevenire la formazione di coaguli di sangue nelle gambe

  • Riabilitazione

Le persone che presentano sintomi che suggeriscono un ictus ischemico devono recarsi immediatamente in pronto soccorso. Il trattamento di asportazione o scioglimento dei coaguli è più efficace se eseguito entro 4,5 ore dall’esordio dell’ictus. Prima inizia il trattamento, migliori sono le possibilità di recupero.

La prima priorità è quella di riportare la respirazione, il battito cardiaco, la pressione arteriosa (se bassa) e la temperatura a livelli normali. Viene inserita una fleboclisi per somministrare i farmaci e i liquidi quando necessario. Se la persona ha febbre, questa può essere abbassata con paracetamolo, ibuprofene o una coperta di raffreddamento, perché il danno cerebrale è peggiore quando la temperatura corporea è alta.

Solitamente il medico non tratta immediatamente l’ipertensione arteriosa, a meno che non sia davvero molto alta (oltre 220/120 mmHg), perché quando le arterie sono ristrette la pressione sanguigna deve essere più alta del normale per spingere una quantità sufficiente di sangue attraverso di esse fino al cervello. Tuttavia, una pressione arteriosa molto alta può danneggiare il cuore, i reni e gli occhi e deve essere abbassata.

In caso di ictus molto grave, vengono somministrati dei farmaci, come il mannitolo, per ridurre l’edema e l’aumento di pressione all’interno del cervello. Alcuni pazienti necessitano di un ventilatore polmonare per respirare in modo adeguato.

I trattamenti specifici di un ictus possono includere farmaci per rompere i coaguli di sangue (farmaci trombolitici) e farmaci che fluidificano il sangue (farmaci antipiastrinici e anticoagulanti), seguiti da riabilitazione. In alcuni centri specializzati, i coaguli di sangue vengono fisicamente rimossi dalle arterie (trombectomia meccanica).

Vengono intraprese delle misure per prevenire problemi potenzialmente causati dall’ictus, come ad esempio formazione di coaguli di sangue nelle gambe e piaghe da decubito.

Le misure per prevenire un altro ictus includono controllo dei fattori di rischio (tra cui ipertensione arteriosa, diabete e alti livelli di colesterolo), uso di farmaci che fluidificano il sangue e a volte chirurgia o angioplastica per aprire le arterie bloccate.

Farmaci trombolitici (fibrinolitici)

In alcune circostanze, viene somministrato per via endovenosa un farmaco chiamato attivatore tissutale del plasminogeno (tPA) per rompere i coaguli di sangue ed aiutare a ripristinare il flusso sanguigno al cervello. Dal momento che il tPA può causare sanguinamento nel cervello e altrove, solitamente non deve essere somministrato alle persone che presentano determinate condizioni, come:

  • Un evento pregresso di ictus emorragico, una dilatazione (aneurisma) in un’arteria nel cervello, altre anomalie strutturali nel cervello o un tumore cerebrale

  • Sanguinamento all’interno del cervello rilevato dalla TC

  • Un ictus emorragico sospetto, anche se la TC non ne rileva la presenza

  • Una tendenza a sanguinare

  • Sanguinamento recente (emorragia) nel tratto gastrointestinale o urinario

  • Un ictus o un trauma cranico recente (nei 3 mesi precedenti)

  • Glicemia molto alta o molto bassa

  • Un’infezione cardiaca (come un’endocardite batterica)

  • Una rachicentesi (puntura lombare) nei 7 giorni precedenti

  • Inserimento di un ago in un’arteria nei 7 giorni precedenti se l’arteria non può essere compressa, se necessario, per controllare un’emorragia

  • Uso attuale di un anticoagulante (come warfarin o eparina), a seconda di quanto ha agito sulla coagulazione

  • Un grande ictus ischemico

  • Pressione arteriosa che rimane alta dopo il trattamento con un farmaco antipertensivo

  • Talvolta sintomi che guariscono rapidamente

  • Talvolta una crisi convulsiva all’inizio dell’ictus

  • Talvolta un intervento chirurgo importante eseguito recentemente oppure un trauma grave recente

  • Talvolta gravidanza

  • Talvolta un attacco cardiaco nei 3 mesi precedenti

Prima di somministrare un tPA, viene effettuata una TC per escludere l’emorragia cerebrale. Perché sia efficace e sicuro, il farmaco tPA per via endovenosa deve essere somministrato entro 3 ore dall’esordio di un ictus ischemico. Alcuni esperti consigliano di utilizzare il tPA fino a 4,5 ore dall’esordio di un ictus ischemico. Ma quando un tPA è somministrato fra 3 e 4,5 ore, ulteriori condizioni ne impediscono l’uso. Queste patologie includono:

  • Età superiore a 80 anni

  • Assunzione di un anticoagulante (a prescindere dagli effetti sulla coagulazione)

  • Ictus grave

  • Anamnesi di ictus e diabete mellito

Dopo 4,5 ore, la maggior parte del danno cerebrale non è più reversibile e il rischio di emorragia supera il possibile beneficio dell’uso di tPA.

Se il paziente arriva in ospedale dalle 3 alle 6 ore (a volte anche 12 ore) dopo l’esordio dell’ictus, può ricevere un tPA o un altro farmaco trombolitico. Ma in queste situazioni, il farmaco deve essere somministrato tramite un catetere posto direttamente nell’arteria bloccata e non per via endovenosa. Per questo trattamento (chiamato trombolisi in situ) il medico pratica un’incisione nella pelle, solitamente nell’inguine, e inserisce un catetere nell’arteria. Il catetere viene quindi spinto attraverso l’aorta e altre arterie fino a raggiungere il coagulo, che viene parzialmente rotto con il cavo del catetere per iniettare il tPA. Questo trattamento è solitamente disponibile solo presso alcuni centri specializzati in ictus.

Può essere difficile stabilire il momento dell’esordio dell’ictus. Il medico suppone quindi che l’ictus sia iniziato l’ultima volta che la persona stava bene, in base alle informazioni disponibili. Ad esempio, se una persona si sveglia con i sintomi di un ictus, il medico suppone che questo sia iniziato l’ultima volta che la persona è stata vista sveglia e in buona salute. Di conseguenza, il tPA può essere utilizzato solo in pochi casi di ictus.

In alcuni centri specializzati, tuttavia, i medici iniziano a utilizzare la RMI e altre tecniche di diagnostica per immagini per determinare la progressione dell’ictus anziché ridurre al massimo le tempistiche. Questi esami possono mostrare la portata della riduzione del flusso ematico e indicare quanto tessuto cerebrale sia possibile salvare. Questo approccio (basato sullo stato del tessuto cerebrale e non sul tempo) è utile soprattutto quando il medico non è sicuro sull’orario di insorgenza di un ictus, ad esempio quando un soggetto si sveglia al mattino con dei sintomi di ictus. Se gli esami di diagnostica per immagini mostrano che il flusso ematico è solo parzialmente ridotto, la terapia con tPA, anche dopo 4,5 ore, può comunque essere in grado di salvare del tessuto cerebrale. Tuttavia se il flusso ematico è stato fortemente ridotto o interrotto, la terapia dopo 1 sola ora potrebbe non essere in grado di salvare il tessuto cerebrale nemmeno parzialmente.

Trombectomia meccanica

Nella trombectomia meccanica, il medico utilizza un dispositivo per rimuovere fisicamente il coagulo di sangue. Questa procedura è spesso effettuata quando le persone hanno avuto un ictus grave e non sono state trattate in modo efficace con il tPA, somministrato per via endovenosa o tramite catetere. Deve essere effettuata entro 6 ore dall’inizio dei sintomi.

Si possono utilizzare diversi tipi di dispositivi. Ad esempio, si può utilizzare un retrattore a stent che assomiglia a una piccola gabbia di rete. Si può fissare a un catetere che viene inserito attraverso un’incisione, spesso nell’inguine, e fatto arrivare al coagulo. La gabbietta viene aperta e quindi chiusa attorno al coagulo, che viene estratto attraverso un catetere più ampio. Se eseguita entro 6 ore dall’esordio dell’ictus, la trombectomia meccanica con retrattore a stent può migliorare drasticamente gli esiti dei soggetti con un blocco di notevoli dimensioni. Questa procedura viene eseguita solo nei centri per ictus.

Farmaci antipiastrinici e anticoagulanti

Se non è possibile utilizzare un farmaco trombolitico, la maggior parte delle persone riceve aspirina (un farmaco antipiastrinico) non appena arriva in ospedale. I farmaci antipiastrinici impediscono alle piastrine di addensarsi e di formare coaguli (le piastrine sono piccolissime particelle nel sangue simili a cellule che lo aiutano a coagularsi in risposta ai vasi sanguigni danneggiati).

Se i sintomi sembrano peggiorare nonostante altri trattamenti, vengono somministrati anticoagulanti come eparina e warfarin che possono essere utilizzati anche per trattare tipi specifici di ictus (ad esempio quelli dovuti a fibrillazione atriale). Gli anticoagulanti inibiscono le proteine del sangue che aiutano la coagulazione (fattori di coagulazione).

Se hanno ricevuto un farmaco trombolitico, il medico aspetta solitamente 24 ore prima di iniziare i farmaci antipiastrinici o anticoagulanti, perché questi farmaci si aggiungono al rischio già importante di emorragia cerebrale. Tale terapia non può essere praticata in caso d’ipertensione arteriosa non controllata o di ictus emorragico.

Il trattamento a lungo termine dell’ictus consiste solitamente nella somministrazione di aspirina o di un altro farmaco antipiastrinico per ridurre il rischio di coaguli di sangue e quindi di ictus successivi. Nei soggetti allergici all’aspirina, al posto di quest’ultima viene usato il clopidogrel (un altro farmaco antipiastrinico). I soggetti che hanno avuto un ictus leggero possono ricevere clopidogrel più aspirina. Se somministrata nelle 24 ore successive all’esordio dei sintomi, questa combinazione può essere più efficace della sola aspirina per ridurre il rischio di ictus, ma solo nei primi 3 mesi dopo l’ictus. Dopodiché, l’assunzione della combinazione non presenta alcun vantaggio aggiuntivo rispetto alla sola aspirina. Inoltre, l’assunzione di clopidogrel più aspirina aumenta leggermente il rischio di sanguinamento.

Le persone con fibrillazione atriale o un disturbo della valvola cardiaca ricevono anticoagulanti (come il warfarin) invece di farmaci antipiastrinici, che non sembrano prevenire la formazione di coaguli di sangue nel cuore. A volte le persone ad alto rischio di un nuovo ictus ricevono sia aspirina sia un anticoagulante.

Il dabigatran, l’apixaban e il rivaroxaban sono nuovi anticoagulanti a volte utilizzati invece del warfarin. Questi anticoagulanti più recenti sono più pratici da utilizzare perché, al contrario del warfarin, non necessitano di regolari controlli mediante analisi del sangue per determinare le tempistiche di coagulazione del sangue. Inoltre, non interagiscono con alcun alimento ed è improbabile che interagiscano con altri farmaci. I nuovi anticoagulanti presentano però alcuni svantaggi. Dabigatran e apixaban vanno assunti due volte al giorno. (Il warfarin va assunto una volta al giorno). Inoltre, è necessario che, affinché questi nuovi farmaci siano efficaci, il soggetto non salti alcuna dose. Questi farmaci sono altresì decisamente più costosi del warfarin.

Intervento chirurgico

Al termine di un ictus ischemico, può essere effettuata una rimozione chirurgica dei depositi lipidici (ateromi o placche) dovuti ad aterosclerosi, oppure dei coaguli in una carotide interna ( Afflusso di sangue al cervello). Questa procedura, nota come endoarteriectomia della carotide, può aiutare se sono presenti tutte le seguenti condizioni:

  • L’ictus è stato causato da un restringimento della carotide di oltre il 70% (oltre il 60% nelle persone che hanno subito un attacco ischemico transitorio o più).

  • Alcuni tessuti cerebrali irrorati dall’arteria colpita funzionano ancora dopo l’ictus.

  • L’aspettativa di vita della persona è di almeno 5 anni.

In questi individui, l’endoarteriectomia può ridurre il rischio di ictus successivi. Ristabilisce inoltre l’apporto di sangue alla zona colpita, ma non può ripristinare la funzionalità persa, perché una parte del tessuto cerebrale è morto.

Per un’endoarteriectomia della carotide, si fa ricorso a un’anestesia generale. Il chirurgo effettua un’incisione nel collo sopra l’area dell’arteria che contiene il blocco e un’incisione nell’arteria. Viene rimosso il blocco e viene richiusa l’arteria. In seguito, per alcuni giorni, il collo può essere dolente e la deglutizione può essere difficile. La maggior parte delle persone resta in ospedale per 1-2 giorni. Si deve evitare di sollevare carichi pesanti per circa 3 settimane. Dopo diverse settimane, le persone possono riprendere le attività normali.

L’endoarteriectomia della carotide può scatenare un ictus poiché disloca i coaguli o altro materiale, che possono attraversare il flusso sanguigno e ostruire un’arteria. Tuttavia, dopo l’intervento, il rischio di ictus si riduce rispetto a quanto avviene con la terapia farmacologica e rimane inferiore per vari anni.

Le persone devono fare ricorso a un chirurgo con molta esperienza in queste operazioni e con un basso tasso di complicanze gravi (come infarto, ictus o decesso) dopo gli interventi. Se non riescono a trovare un chirurgo di questo tipo, il rischio di endoarteriectomia può superare i benefici auspicati.

Stent

Se l’endoarteriectomia è troppo rischiosa, può essere effettuata una procedura meno invasiva: si può utilizzare un catetere per inserire un tubicino di rete metallica (stent) con un filtro a ombrello situato all’estremità nella carotide parzialmente ostruita. Una volta in posizione, lo stent viene espanso per aiutare a tenere aperta l’arteria. Il filtro blocca eventuali residui che possono distaccarsi nel corso della procedura e viene rimosso una volta che lo stent è posizionato.

Dopo aver somministrato un anestetico locale, il catetere viene inserito attraverso una piccola incisione in una grande arteria vicino all’inguine o nel braccio, e viene spinto fino alla carotide interna nel collo. Viene iniettata una sostanza visibile alla radiografia (mezzo di contrasto radiopaco) per vedere dove si trovano le aree ristrette. Dopo aver posizionato lo stent, il filtro e il catetere vengono rimossi. Le persone sono sveglie durante la procedura, che solitamente richiede 1-2 ore.

Questa procedura sembra sicura quanto l’endoarteriectomia e altrettanto efficace nella prevenzione degli ictus e del decesso.

Statine

Le statine sono farmaci che diminuiscono i livelli di colesterolo e di altri grassi (lipidi). Vengono spesso somministrate quando l’ictus deriva dalla formazione di depositi adiposi nelle arterie. Questa terapia può aiutare a prevenire le recidive.

Trattamento dei problemi dovuti agli ictus

Le misure per prevenire la polmonite da aspirazione e le piaghe da decubito vengono messe in atto precocemente.

L’eparina, iniettata per via sottocutanea, viene somministrata per prevenire la trombosi venosa profonda.

Il paziente è attentamente monitorato per verificare se l’esofago, la vescica e l’intestino funzionano correttamente.

Spesso, devono essere trattati altri disturbi come insufficienza cardiaca, aritmie e infezioni polmonari. L’ipertensione viene spesso trattata dopo che l’ictus si è stabilizzato.

Poiché un ictus determina frequentemente variazioni dell’umore, specialmente depressione, i familiari o gli amici devono informare il medico nel caso in cui la persona appaia depressa. La depressione può essere trattata con antidepressivi e psicoterapia.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Angiografia cerebrale: inserimento del catetere
Video
Angiografia cerebrale: inserimento del catetere
L’angiografia trova impiego per ottenere informazioni diagnostiche sui vasi sanguigni che...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Cervello
Modello 3D
Cervello

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE