Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Panoramica sui disturbi della coagulazione

Di

Joel L. Moake

, MD, Baylor College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

I disturbi della coagulazione sono disfunzioni nella capacità dell'organismo di controllare la formazione dei coaguli di sangue. Queste disfunzioni possono provocare

  • Una coagulazione insufficiente, che porta a sanguinamento anomalo (emorragia)

  • Una coagulazione eccessiva, che causa la formazione di coaguli di sangue (trombosi)

Per sanguinamento anomalo si intende un’eccessiva facilità alla formazione di lividi e al sanguinamento (vedere Ecchimosi e sanguinamento e Come si coagula il sangue). Il sanguinamento anomalo può derivare da disturbi a carico di

I disturbi della coagulazione si verificano quando l’organismo non è in grado di produrre una quantità sufficiente di proteine necessarie per avviare la coagulazione e fermare il sanguinamento. Tali proteine sono chiamate fattori della coagulazione. Tutti i fattori della coagulazione vengono prodotti nel fegato. Per generare alcuni fattori della coagulazione, il fegato ha bisogno di vitamina K.

A volte è presente un’anomalia della coagulazione del sangue che aumenta il rischio di formazione di coaguli (chiamata trombofilia).

I disturbi della coagulazione possono essere

  • Ereditari

  • Secondari ad altri disturbi

I disturbi della coagulazione ereditari più diffusi sono

Le cause principali dei disturbi della coagulazione che si sviluppano in conseguenza di un’altra malattia sono

Test della coagulazione

Un parametro comunemente misurato che influenza la capacità dell’organismo di interrompere il sanguinamento è il conteggio del numero di piastrine. Meno spesso, i medici valutano la funzionalità delle piastrine. Altri esami consentono di misurare la funzionalità complessiva e coordinata delle molte proteine coinvolte nella coagulazione del sangue (fattori della coagulazione). I più comuni sono il tempo di protrombina (prothrombin time, PT) e il tempo di tromboplastina parziale (partial thromboplastin time, PTT). È possibile determinare anche i livelli dei singoli fattori della coagulazione.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Esame del midollo osseo
Talvolta deve essere esaminato un campione di midollo osseo. Per ottenere un campione di midollo osseo, il medico inserisce un ago nell’osso e preleva una piccola quantità di midollo. Il campione viene quindi esaminato con il microscopio e analizzato. Quale delle seguenti opzioni risulta difficile da attuare usando un campione di midollo osseo?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE