Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Panoramica sulle malattie neuro-oftalmologiche e dei nervi cranici

Di

Michael Rubin

, MDCM, New York Presbyterian Hospital-Cornell Medical Center

Ultima modifica dei contenuti feb 2022
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La disfunzione di alcuni nervi cranici può influenzare l'occhio, la pupilla, il nervo ottico, o i muscoli extraoculari e i loro nervi; così, essi possono essere considerati disturbi dei nervi cranici, disturbi neuro-oftalmologici, o entrambi.

Le malattie neuro-oftalmologiche possono anche comportare una disfunzione delle vie centrali che controllano e integrano i movimenti oculari e la visione.

I disturbi dei nervi cranici possono anche comportare una disfunzione dell'olfatto, della visione, della masticazione, della sensibilità o dell'espressività del viso, del gusto, dell'udito, dell'equilibrio, della deglutizione, della fonazione, della rotazione della testa e dell'elevazione della spalla, o dei movimenti linguali (vedi tabella Nervi cranici Nervi cranici  Nervi cranici ). Possono essere colpiti uno o più nervi cranici.

Nervi cranici

Nervi cranici
Tabella
icon

Le cause e i sintomi delle alterazioni dei nervi neuro-oftalmologici e dei nervi cranici si sovrappongono. Entrambi i tipi di disturbo possono essere dovuti a tumori, infiammazione, traumi, malattie sistemiche e processi degenerativi o altri processi che causano sintomi quali perdita della vista, diplopia, ptosi, anomalie pupillari, dolore perioculare e cefalea.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

  • Neuroimaging

La valutazione delle malattie neuro-oftalmologiche e dei nervi cranici comprende:

Le seguenti parti dell'esame visivo sono di particolare interesse nella diagnosi di patologie neuro-oftalmologiche e dei nervi cranici.

Le pupille devono essere esaminate per diametro, uguaglianza e regolarità. Normalmente, le pupille si restringono prontamente (entro 1 secondo) e allo stesso modo durante l'accomodazione e l'esposizione diretta alla luce e alla luce rivolta alla pupilla controlaterale (riflesso fotomotore consensuale). La valutazione della reattività pupillare alla luce consensuale tramite una torcia elettrica oscillante può determinare se c'è un difetto. Normalmente, il grado di costrizione pupillare non cambia quando la torcia è spostata da occhio a occhio.

  • Se è presente un difetto relativo afferente (pupilla deafferentata, difetto pupillare afferente, o pupilla di Marcus Gunn), la pupilla si dilata paradossalmente quando la torcia è proiettata al lato del difetto. Una pupilla deafferentata si restringe in risposta alla luce consensuale, ma non alla luce diretta.

  • Se è presente un difetto efferente, la pupilla risponde lentamente o non risponde alla luce diretta e consensuale.

Tabella
icon

I movimenti oculari vengono valutati chiedendo al paziente di tenere la testa ferma, mentre segue il dito dell'esaminatore, che si muove all'estrema destra, all'estrema sinistra, in alto e in basso e in diagonale verso entrambi i lati, e verso il naso del paziente (per valutare l'accomodazione). Tuttavia, l'esame obiettivo può non rilevare una lieve paresi dei movimenti oculari sufficiente a causare diplopia.

La diplopia Diplopia La diplopia è la percezione di 2 immagini di un singolo oggetto. La diplopia può essere monoculare o binoculare. La diplopia monoculare è presente quando soltanto un occhio è aperto. La diplopia... maggiori informazioni può indicare un difetto di coordinazione bilaterale dei movimenti extraoculari (p. es., nelle vie nervose) o del III (oculomotore), IV (trocleare) oppure VI (abducente) nervo cranico. Qualora la diplopia persista quando un occhio viene chiuso (diplopia monoculare), la causa è probabilmente una patologia di natura non neurologica. Se la diplopia scompare quando entrambi gli occhi sono chiusi (diplopia binoculare), la causa è da ricercarsi probabilmente in un disturbo della motilità oculare. Le 2 immagini sono più lontane quando il paziente guarda in direzione assicurata dal muscolo dell'occhio paretico (p. es., a sinistra quando il muscolo retto laterale sinistro è paretico). L'occhio che, quando è chiuso, elimina l'immagine più periferica è paretico. Posizionare un vetro rosso sopra un occhio solo può aiutare nell'identificazione dell'occhio paretico. Quando il vetro rosso copre l'occhio paretico, l'immagine più periferica è rossa.

Tabella
icon

Trattamento

  • Trattamento della causa

La terapia delle patologie neuro-oftalmologiche e dei nervi cranici dipende dalla causa.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
PARTE SUPERIORE