Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Panoramica sulle infezioni virali

Di

Laura D Kramer

, PhD, Wadsworth Center, New York State Department of Health

Ultima revisione/verifica completa giu 2021| Ultima modifica dei contenuti giu 2021
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

Un virus è costituito da un acido nucleico, DNA o RNA Geni I geni sono segmenti di acido desossiribonucleico (DNA) che contengono il codice per una proteina specifica che funziona in uno o più tipi di cellule dell’organismo. I cromosomi sono strutture... maggiori informazioni Geni , circondato da un rivestimento proteico, e ha bisogno di una cellula vivente in cui moltiplicarsi. Un’infezione virale può determinare una gamma di manifestazioni che variano da una forma asintomatica (nessun sintomo palese) a una malattia grave.

  • I virus possono penetrare nell’organismo umano per ingestione o inalazione, tramite le punture di insetti o attraverso il contatto sessuale.

  • Le infezioni virali interessano più comunemente il naso, la gola e le vie aeree superiori, oppure il sistema nervoso e gli apparati gastrointestinale e riproduttivo.

  • I medici formulano la diagnosi sulla base dei sintomi, delle analisi del sangue e delle colture oppure esaminando i tessuti infetti.

  • I farmaci antivirali possono interferire con la riproduzione dei virus o rafforzare la risposta immunitaria all’infezione virale.

Un virus è un piccolo organismo infettivo, molto più piccolo di un micete o di un batterio, che deve invadere una cellula vivente per riprodursi (replicarsi). Il virus aderisce a una cellula (chiamata cellula ospite), vi penetra e libera il suo DNA o RNA Geni I geni sono segmenti di acido desossiribonucleico (DNA) che contengono il codice per una proteina specifica che funziona in uno o più tipi di cellule dell’organismo. I cromosomi sono strutture... maggiori informazioni Geni all’interno della cellula stessa. Il DNA o l’RNA del virus rappresenta il materiale genetico che contiene le informazioni necessarie al virus per moltiplicarsi (replicarsi). Il materiale genetico del virus assume il controllo della cellula e la costringe a replicare il virus. Generalmente, la cellula infetta muore poiché il virus impedisce lo svolgimento delle sue normali funzioni. Prima di morire, la cellula libera nuovi virus, che continuano a infettare altre cellule.

I virus sono classificati in virus a DNA o virus a RNA, in base all’uso del DNA o dell’RNA per la replicazione. Tra i virus a DNA si annoverano gli herpesvirus Panoramica sulle infezioni da herpesvirus Alcune infezioni virali piuttosto comuni sono causate dagli herpesvirus. Esistono otto differenti tipi di herpesvirus che possono infettare l’uomo: Tre herpesvirus, il virus herpes simplex di... maggiori informazioni . I virus a RNA includono i retrovirus, come l’HIV ( virus dell’immunodeficienza umana Infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) L’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) è un’infezione virale che distrugge progressivamente alcuni globuli bianchi e può causare la sindrome da immunodeficienza acquisita... maggiori informazioni Infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) ), e i coronavirus Sindromi da coronavirus e sindromi respiratorie acute (MERS e SARS) I coronavirus sono una grande famiglia di virus responsabili di malattie respiratorie che variano per gravità dal raffreddore comune alla polmonite letale. Esistono molti coronavirus diversi... maggiori informazioni , come il SARS-CoV2 COVID-19 Il COVID-19 è una malattia respiratoria acuta che può essere grave ed è causata da un coronavirus denominato SARS-CoV-2. I sintomi del COVID-19 variano significativamente. Per... maggiori informazioni responsabile del COVID-19. I virus a RNA, e in particolare i retrovirus, sono inclini a mutare, vale a dire che la serie di istruzioni genetiche contenente tutte le informazioni di cui il virus necessita per funzionare può modificarsi man mano che il virus si diffonde.

Alcuni virus non uccidono le cellule che infettano, bensì ne alterano le funzioni. Talvolta, la cellula infetta perde il controllo della normale divisione cellulare e diventa tumorale.

Alcuni virus, come quelli dell’ epatite B Epatite B cronica L’epatite B cronica è l’infiammazione del fegato causata dal virus dell’epatite B che perdura per oltre 6 mesi. La maggior parte dei soggetti affetti da epatite B cronica non ha sintomi... maggiori informazioni e dell’ epatite C epatite C cronica L’epatite C cronica a è l’infiammazione del fegato causata dal virus dell’epatite C, che perdura da oltre 6 mesi. Spesso l’epatite C non causa sintomi fino a dopo aver danneggiato pesantemente... maggiori informazioni , possono causare infezioni croniche. L’epatite cronica può durare anni, persino decenni. In molte persone l’epatite cronica è piuttosto lieve e non causa lesioni epatiche significative. Tuttavia, in alcuni soggetti, col tempo induce cirrosi Cirrosi epatica La cirrosi è un diffuso sovvertimento della struttura interna del fegato che si verifica quando una grande quantità di tessuto epatico normale viene sostituito in modo permanente da... maggiori informazioni Cirrosi epatica (grave cicatrizzazione del fegato), insufficienza epatica Insufficienza epatica L’insufficienza epatica è una grave compromissione della funzione epatica. è causata da una patologia o una sostanza che danneggia il fegato. La maggior parte delle persone affette presenta... maggiori informazioni e, talvolta, cancro del fegato Carcinoma epatocellulare Il carcinoma epatocellulare è un tumore che origina nelle cellule epatiche ed è uno dei carcinomi epatici più comuni. Il rischio di carcinoma epatocellulare è maggiore se si è... maggiori informazioni .

Sapevate che...

  • Il virus assume il controllo della cellula che infetta e la costringe a produrre altri virus.

I virus generalmente infettano un tipo particolare di cellula. Per esempio, i virus del raffreddore comune Raffreddore comune Il raffreddore comune è un’infezione virale delle mucose del naso, dei seni paranasali e della gola. Il raffreddore è dovuto a molti virus diversi. Di solito, il raffreddore si trasmette... maggiori informazioni infettano soltanto le cellule delle vie aeree superiori. Inoltre, la maggior parte dei virus infetta solo alcune specie di piante o di animali. Alcuni infettano solo l’uomo.

Molti virus causano comunemente infezioni nei lattanti e nei bambini Infezioni virali nei neonati e nei bambini , nonché negli anziani.

Tipi di infezioni virali

Probabilmente le infezioni virali più comuni sono:

  • Infezioni dell’apparato respiratorio: infezioni del naso, della gola, delle vie aeree superiori e dei polmoni

Le infezioni respiratorie causano sintomi gravi maggiormente nei lattanti, nelle persone anziane e nei soggetti affetti da disturbi polmonari o cardiaci.

Altri virus colpiscono altre parti specifiche del corpo:

Trasmissione dei virus

I virus si diffondono (trasmettono) in vari modi. Possono essere:

Molti virus che in passato erano presenti solo in alcune zone del mondo oggi si stanno diffondendo altrove. Tra questi vi sono il virus chikungunya, il virus della febbre emorragica Congo-Crimea, il virus dell’encefalite giapponese, il virus della febbre della Rift Valley, il virus del Nilo occidentale, il virus di Ross River, il virus Zika Infezione da virus Zika L’infezione da virus Zika è un’infezione virale, trasmessa da una zanzara, che in genere non causa sintomi; tuttavia, può determinare febbre, eruzioni cutanee, dolori articolari o... maggiori informazioni Infezione da virus Zika e il virus dell’encefalomielite ovina. La diffusione di questi virus è in parte dovuta ai cambiamenti climatici, che hanno prodotto un aumento delle aree favorevoli all’insediamento delle zanzare che trasmettono i virus. Inoltre, i viaggiatori possono contrarre l’infezione, quindi tornare a casa ed essere punti da una zanzara che poi trasmette il virus ad altre persone.

Difese contro i virus

L’organismo è dotato di numerosi meccanismi di difesa contro i virus:

  • Barriere fisiche, come la pelle, che ne ostacolano l’ingresso.

  • Le difese immunitarie del corpo, che attaccano il virus.

Una volta entrato nell’organismo, un virus innesca una serie di risposte immunitarie. Questi meccanismi di difesa sono avviati dai globuli bianchi Globuli bianchi , come i linfociti Linfociti Uno dei meccanismi di difesa dell’organismo (sistema immunitario) implica l’azione dei globuli bianchi (leucociti) che si spostano nel flusso sanguigno e nei tessuti, alla ricerca di microrganismi... maggiori informazioni Linfociti e i monociti, che imparano ad attaccare e distruggere il virus o le cellule che ha infettato. Se l’organismo riesce a sopravvivere all’attacco virale, alcuni globuli bianchi “ricordano” il tipo di agente “invasore” e sono capaci di rispondere in modo più rapido ed efficace a una successiva infezione da parte dello stesso virus. Questa risposta si chiama immunità. L’immunità può anche essere stimolata dall’azione di un vaccino Panoramica sull’immunizzazione L’immunizzazione consente al corpo umano di difendersi meglio dalle patologie causate da certi batteri o virus. L’immunità (la capacità dell’organismo di difendersi dalle patologie causate da... maggiori informazioni .

Virus e cancro

Alcuni virus alterano il DNA delle cellule ospiti in modo tale da renderle soggette allo sviluppo di tumori. Alcuni di questi virus, come gli herpesvirus Panoramica sulle infezioni da herpesvirus Alcune infezioni virali piuttosto comuni sono causate dagli herpesvirus. Esistono otto differenti tipi di herpesvirus che possono infettare l’uomo: Tre herpesvirus, il virus herpes simplex di... maggiori informazioni e l’ HIV Infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) L’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) è un’infezione virale che distrugge progressivamente alcuni globuli bianchi e può causare la sindrome da immunodeficienza acquisita... maggiori informazioni Infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) , lasciano il loro materiale genetico nella cellula ospite, dove rimane in forma quiescente per un lungo periodo di tempo (infezione latente). Quando la cellula è perturbata, il virus è in grado di iniziare nuovamente a replicarsi e causare la malattia.

Solo alcuni virus sono noti come causa di cancro, ma probabilmente anche altri ne sono responsabili.

Tabella

Diagnosi delle infezioni virali

  • Valutazione medica

  • Per infezioni che si manifestano in forma epidemica, la presenza di altri casi simili

  • Per alcune infezioni, analisi del sangue ed emocoltura

Per le altre infezioni, possono essere eseguite analisi del sangue e colture (crescita in laboratorio di microrganismi provenienti da campioni di sangue, liquidi corporei o altro materiale prelevato da un’area infetta). Possono essere utilizzate tecniche di reazione a catena della polimerasi (PCR) per ottenere molte copie del materiale genetico virale. Tali tecniche consentono al medico di identificare il virus rapidamente e con precisione. Il sangue può inoltre venire analizzato per ricercare gli antigeni, proteine presenti sulla superficie o all’interno dei virus che scatenano le difese dell’organismo, nonché per ricercare gli anticorpi Anticorpi Uno dei meccanismi di difesa dell’organismo (sistema immunitario) implica l’azione dei globuli bianchi (leucociti) che si spostano nel flusso sanguigno e nei tessuti, alla ricerca di microrganismi... maggiori informazioni Anticorpi contro i virus (gli anticorpi sono proteine prodotte dal sistema immunitario per contribuire a difendere l’organismo dall’attacco di particolari agenti). Di norma le analisi vengono svolte rapidamente, soprattutto quando l’infezione rappresenta una minaccia grave per la salute pubblica o quando i sintomi sono gravi.

Talvolta viene esaminato un campione di sangue o di altro tessuto con il microscopio elettronico, in grado di fornire un alto livello di ingrandimento con chiara risoluzione.

Prevenzione delle infezioni virali

La prevenzione delle infezioni virali può includere:

I vaccini e le immunoglobuline aiutano l’organismo a difendersi meglio dalle patologie causate da certi virus (o batteri). Il processo di rafforzamento delle difese del corpo è chiamato immunizzazione Panoramica sull’immunizzazione L’immunizzazione consente al corpo umano di difendersi meglio dalle patologie causate da certi batteri o virus. L’immunità (la capacità dell’organismo di difendersi dalle patologie causate da... maggiori informazioni .

Misure generali

Si può contribuire a prevenire molte infezioni virali adottando misure dettate dal buonsenso per proteggere se stessi e gli altri (misure di protezione individuale). Tali misure variano in funzione della modalità di trasmissione del virus e includono:

Vaccini

I vaccini antivirali di uso corrente sono quelli contro:

Molteplici vaccini anti-COVID-19 Vaccino anti-COVID-19 I vaccini contro la malattia da coronavirus 2019 (COVID-19) forniscono protezione contro il COVID-19. Il COVID-19 è la malattia causata dall’infezione dal virus SARS-CoV-2. Molteplici vaccini... maggiori informazioni sono attualmente in uso in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, tre vaccini hanno ricevuto l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla Food and Drug Administration (FDA), l’ente governativo che si occupa della regolamentazione dei prodotti alimentari e farmaceutici, ma l’approvazione definitiva è ancora in sospeso.

Un vaccino contro il virus Ebola Vaccino contro il virus Ebola rVSV-ZEBOV è l’unico vaccino autorizzato all’uso negli Stati Uniti dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per la prevenzione della malattia da virus Ebola causata dalla specie... maggiori informazioni , impiegato su scala limitata nell’Africa occidentale durante le epidemie a partire dal 2016, è stato approvato dalla Food and Drug Administration statunitense nel dicembre del 2019 per l’uso in soggetti di età pari o superiore ai 18 anni.

Le malattie virali possono essere debellate con vaccini efficaci. Il vaiolo Vaiolo Il vaiolo è una malattia altamente contagiosa, e mortale, causata da virus della specie Variola. La malattia è ormai considerata eradicata. Non si registrano casi di vaiolo dal 1977... maggiori informazioni Vaiolo è stato eradicato nel 1978. La poliomielite Poliomielite La poliomielite è un’infezione da enterovirus altamente contagiosa, talvolta fatale, che interessa il sistema nervoso e può provocare indebolimento muscolare permanente, paralisi e... maggiori informazioni è stata eradicata in tutti i Paesi tranne alcuni in cui i problemi logistici e il sentimento religioso continuano a interferire con la vaccinazione. Il morbillo Morbillo Il morbillo è un’infezione virale altamente contagiosa che genera vari sintomi e un’eruzione cutanea caratteristica. È causato da un virus. e fra i sintomi vi sono febbre, rinorrea, tosse... maggiori informazioni Morbillo è stato quasi eradicato in alcune parti del mondo, come le Americhe. Tuttavia, dato che il morbillo è altamente contagioso e la copertura vaccinale è incompleta persino nelle regioni in cui è considerato eradicato, una sua eliminazione definitiva in tempi brevi non è probabile.

Immunoglobuline

Le immunoglobuline possono essere raccolte dal sangue di:

  • Persone in buona salute (queste immunoglobuline sono definite immunoglobuline standard)

  • Persone che presentano molti anticorpi contro un microrganismo infettivo specifico, spesso perché sono state infettate da tale microrganismo (queste immunoglobuline sono definite immunoglobuline iperimmuni)

Le immunoglobuline vengono somministrate mediante iniezione intramuscolare o endovenosa. L’immunizzazione fornita dalle immunoglobuline dura solo per pochi giorni o settimane, cioè fino a quando il corpo non elimina gli anticorpi iniettati.

Talvolta, ad esempio nei casi di esposizione alla rabbia o all’epatite B, si somministrano sia le immunoglobuline sia il vaccino, per cercare di impedire lo sviluppo dell’infezione o per ridurne la gravità.

Trattamento delle infezioni virali

  • Trattamento dei sintomi

  • Talvolta, farmaci antivirali

Trattamento dei sintomi

Per molti virus non esistono trattamenti specifici. Tuttavia, molti accorgimenti possono contribuire ad alleviare alcuni sintomi, come:

Non tutti coloro che presentano questi sintomi necessitano di trattamento. Se i sintomi sono lievi, può essere meglio attendere che si risolvano spontaneamente. Alcuni trattamenti possono non essere adeguati per i lattanti e i bambini piccoli.

Farmaci antivirali

I farmaci contro le infezioni virali sono chiamati farmaci antivirali. Per molte infezioni virali non esistono farmaci antivirali efficaci. Tuttavia, esistono diversi farmaci per l’influenza Trattamento L’influenza è un’infezione virale dei polmoni e delle vie aeree causata da uno dei virus influenzali. Provoca febbre, secrezione nasale, mal di gola, tosse, cefalea, dolori muscolari (mialgie)... maggiori informazioni , molti farmaci per l’infezione dovuta a uno o più herpesvirus (vedere la tabella Alcuni farmaci antivirali per le infezioni da herpesvirus Alcuni farmaci antivirali per le infezioni da herpesvirus Alcuni farmaci antivirali per le infezioni da herpesvirus ) e numerosi farmaci antivirali nuovi per il trattamento dell’infezione da HIV Trattamento farmacologico dell’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) I farmaci antiretrovirali utilizzati per trattare l’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) mirano ai seguenti risultati: Ridurre la quantità di RNA dell’HIV (carica virale) nel... maggiori informazioni (vedere la tabella Farmaci per l’infezione da HIV Farmaci per l’infezione da HIV Farmaci per l’infezione da HIV ) e da virus dell’epatite C Trattamento L’epatite cronica è una infiammazione del fegato che si protrae per almeno 6 mesi. Le cause più comuni comprendono i virus dell’epatite B e C e alcuni farmaci. La maggior parte delle persone... maggiori informazioni , virus dell’epatite B Epatite B cronica L’epatite B cronica è l’infiammazione del fegato causata dal virus dell’epatite B che perdura per oltre 6 mesi. La maggior parte dei soggetti affetti da epatite B cronica non ha sintomi... maggiori informazioni e virus Ebola Infezioni da virus Ebola e virus di Marburg Le infezioni da virus Ebola e da virus di Marburg causano emorragia e disfunzioni d’organo. Frequentemente, queste infezioni sono letali. Le infezioni da virus di Marburg e virus Ebola si diffondono... maggiori informazioni .

Molti farmaci antivirali agiscono interferendo con la replicazione dei virus. La maggior parte dei farmaci utilizzati per trattare l’infezione da HIV ha questo tipo di azione. Poiché i virus sono minuscoli e si replicano all’interno delle cellule utilizzando le funzioni metaboliche delle cellule stesse, le funzioni metaboliche contro le quali possono essere indirizzati i farmaci antivirali sono limitate. Al contrario, i batteri sono organismi relativamente più grandi, si riproducono abitualmente al di fuori delle cellule e hanno molte funzioni metaboliche contro le quali i farmaci antibatterici (antibiotici) si possono rivolgere. Questo è il motivo per cui i farmaci antivirali sono molto più difficili da sviluppare rispetto agli antibiotici. Inoltre, a differenza degli antibiotici, che sono solitamente efficaci contro molte specie diverse di batteri, la maggior parte dei farmaci antivirali è generalmente efficace contro un solo (o pochissimi) virus.

I farmaci antivirali possono essere tossici per le cellule umane. I virus possono anche sviluppare resistenza ai farmaci antivirali.

La maggior parte dei farmaci antivirali può essere somministrata per via orale. Alcuni possono anche essere iniettati in vena (per via endovenosa) o nel muscolo (per via intramuscolare). Alcuni farmaci vengono applicati come pomate, creme o colliri oppure inalati sotto forma di polvere.

Gli antibiotici non sono efficaci contro le infezioni virali, ma se un soggetto sviluppa un’infezione batterica oltre a una virale, è spesso necessaria la somministrazione di un antibiotico.

Gli interferoni sono repliche di sostanze presenti in natura che rallentano o arrestano la replicazione virale. Questi farmaci si impiegano nel trattamento di certe infezioni virali come:

Gli interferoni possono provocare effetti collaterali, come febbre, brividi, debolezza e dolori muscolari, che di norma si manifestano da 7 a 12 ore dopo la prima iniezione e durano fino a 12 ore.

Gli anticorpi ottenuti dal sangue di una persona che si è ripresa dall’infezione virale (siero convalescente) e gli anticorpi prodotti in laboratorio da cellule viventi modificate per produrre gli anticorpi desiderati ( anticorpi monoclonali Anticorpi monoclonali L’immunoterapia è l’uso di farmaci che imitano o modificano i componenti del sistema immunitario (come gli antigeni tumorali e i checkpoint immunitari) per combattere una malattia (vedere anche... maggiori informazioni ) vengono utilizzati per trattare alcune infezioni virali, tra cui:

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
PARTE SUPERIORE