Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Immunoterapia

Di

Peter J. Delves

, PhD, University College London, London, UK

Ultima revisione/verifica completa mag 2019| Ultima modifica dei contenuti mag 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

L’immunoterapia è l’uso di farmaci che imitano o modificano i componenti del sistema immunitario (come gli antigeni tumorali e i checkpoint immunitari) per combattere una malattia (vedere anche Panoramica sul sistema immunitario). L’immunoterapia è in rapida evoluzione, specialmente nel campo dei trattamenti antitumorali.

Sono stati sviluppati diversi tipi (classi) di farmaci immunoterapici. Alcune delle classi più comuni sono:

  • Citochine e recettori delle citochine

  • Proteine di fusione

  • Anticorpi monoclonali

Citochine e recettori delle citochine

Le citochine sono i messaggeri chimici del sistema immunitario. I globuli bianchi e altre cellule del sistema immunitario producono citochine quando rilevano una sostanza estranea (antigene). Esempi di citochine comprendono gli interferoni e le interleuchine. Le citochine trasmettono il proprio messaggio legandosi a molecole specifiche, definite recettori, sulla superficie di un’altra cellula. Le citochine funzionano con i rispettivi recettori un po’ come una chiave in una serratura. Citochine diverse hanno recettori diversi.

Le citochine o i loro recettori possono essere prodotti in laboratorio. Quando somministrate a un soggetto, le citochine artificiali o i loro recettori possono servire a modificare la risposta immunitaria naturale e a trattare molte malattie.

Le citochine o i recettori delle citochine si utilizzano per:

Proteine di fusione

Le proteine di fusione sono composti prodotti in laboratorio in cui due diverse proteine aventi specifici tratti immunomodificanti e terapeutici si combinano o “fondono”, dando vita a un unico farmaco. Quando somministrata a un soggetto, la proteina di fusione appena creata può essere utilizzata per modificare la risposta immunitaria naturale e trattare molte malattie. Un esempio di proteina di fusione è rappresentato da etanercept.

Le proteine di fusione vengono utilizzate per:

Anticorpi monoclonali

Gli anticorpi monoclonali (mab) sono anticorpi che vengono prodotti in laboratorio da cellule viventi che sono state modificate al fine di produrre l’anticorpo desiderato. Quando vengono iniettati nel sangue di una persona, si comportano come gli anticorpi prodotti dal corpo umano. Gli anticorpi monoclonali sono generalmente progettati per attaccare le cellule tumorali o le sostanze che causano l’infiammazione in malattie come l’artrite reumatoide.

Gli anticorpi monoclonali vengono utilizzati per:

Dato che gli anticorpi monoclonali vengono spesso utilizzati per sopprimere il sistema immunitario, possono avere importanti effetti collaterali, come un aumento del rischio di infezioni o di tumori e possono anche portare a malattie autoimmuni.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Terapia con cellule staminali allogeniche
Video
Terapia con cellule staminali allogeniche
Le cellule staminali sono cellule uniche nel loro genere che si trovano nel midollo osseo...
Panoramica sul sistema immunitario
Video
Panoramica sul sistema immunitario

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE