Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Infezione da citomegalovirus (CMV)

Di

Kenneth M. Kaye

, MD, Brigham and Women’s Hospital, Harvard Medical School

Ultima revisione/verifica completa mag 2018| Ultima modifica dei contenuti giu 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’infezione da citomegalovirus è una comune infezione da herpesvirus e presenta una vasta sintomatologia; i sintomi possono essere assenti oppure si può sviluppare febbre e affaticamento (come nella mononucleosi infettiva) fino ad arrivare a gravi sintomi che interessano occhi, cervello o altri organi interni.

  • Questo virus si trasmette attraverso il contatto, sessuale o meno, con secrezioni corporee.

  • La maggior parte dei soggetti è asintomatica, ma alcuni provano malessere e sviluppano febbre; invece i soggetti con sistema immunitario compromesso possono sviluppare sintomi gravi, cecità inclusa.

  • Il citomegalovirus può causare una malattia grave nei neonati infettati prima della nascita.

  • I medici possono rilevare l’infezione attraverso la coltura di un campione di un liquido corporeo infetto, come l’urina.

  • Spesso non è necessario alcun trattamento; tuttavia, se l’infezione è grave, si possono somministrare farmaci antivirali.

L’infezione da citomegalovirus (CMV) è molto comune. Il CMV è un tipo di herpesvirus (herpesvirus di tipo 5). Le analisi del sangue mostrano che il 60-90% degli adulti ha contratto l’infezione da CMV.

Il CMV può causare sintomi subito dopo la comparsa dell’infezione. Inoltre, il virus rimane quiescente (inattivo) in diversi tessuti per tutta la vita. Diversi stimoli possono riattivare il CMV quiescente e causare la malattia. Possono essere infettati i polmoni, l’apparato gastrointestinale, il cervello, il midollo spinale o gli occhi.

Di solito, l’infezione da CMV è asintomatica. Le infezioni gravi in genere si sviluppano solo nei lattanti che hanno contratto l’infezione prima della nascita e nei soggetti con sistema immunitario compromesso, per esempio nei malati di AIDS o in chi ha ricevuto un trapianto d’organo. Nelle persone con sistema immunitario compromesso la malattia è frequentemente dovuta alla riattivazione del virus quiescente.

Trasmissione del CMV

I soggetti infetti possono diffondere il citomegalovirus, tramite l’urina o la saliva, per mesi. Il virus è presente anche nel muco cervicale (la cervice è la parte inferiore dell’utero), nello sperma, nelle feci e nel latte materno. Quindi il virus si diffonde tramite contatto sessuale e non sessuale.

Se viene contagiata una donna in gravidanza, il feto può contrarre l’infezione durante la gravidanza o durante il parto.

L’infezione da CMV può svilupparsi nei soggetti che ricevono una trasfusione di sangue infetto o un trapianto d’organo infetto. I soggetti che hanno ricevuto un trapianto d’organo sono particolarmente suscettibili all’infezione da CMV perché assumono farmaci che sopprimono il sistema immunitario (immunosoppressori) per prevenire il rigetto dell’organo trapiantato.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi l’infezione da citomegalovirus è asintomatica.

Alcuni soggetti infetti si ammalano e sviluppano febbre.

L’infezione da CMV, come quella da virus di Epstein-Barr (EBV, herpesvirus di tipo 4), può causare un tipo di mononucleosi infettiva negli adolescenti e nei giovani adulti. Sia la mononucleosi da CMV sia quella da EBV causano febbre e affaticamento. Tuttavia, al contrario del CMV, l’EBV provoca anche un grave mal di gola.

Una persona sana che riceve una trasfusione di sangue contenente il CMV e contrae l’infezione, dopo 2-4 settimane può presentare febbre e talvolta infiammazione del fegato.

In presenza di un sistema immunitario compromesso, il CMV può causare una malattia grave o la morte.

Nei soggetti affetti da AIDS, l’infezione da CMV è una complicanza virale frequente. Il virus può infettare la retina dell’occhio. Questa infezione (retinite da CMV) può causare cecità. Si possono anche sviluppare infezione cerebrale (encefalite), polmonite o ulcere dolorose nell’intestino o nell’esofago.

Se una donna in gravidanza trasmette il CMV al feto, possono conseguirne:

Nei neonati, l’infezione da CMV può causare sanguinamento, anemia o gravi danni a carico del fegato o del cervello. I neonati che sopravvivono possono presentare perdita dell’udito e disabilità intellettive.

Diagnosi

  • Nei neonati, urinocoltura

  • Esami del sangue

  • Nei soggetti con sistema immunitario compromesso, spesso una biopsia

L’infezione da citomegalovirus può non essere riconosciuta immediatamente. Spesso la diagnosi dell’infezione da citomegalovirus non è necessaria negli adulti e nei bambini sani perché il trattamento non è necessario. Tuttavia, i medici considerano la possibilità di un’infezione da CMV nei seguenti casi:

  • Presenza di febbre e affaticamento in persone altrimenti sane

  • Presenza di infezioni oculari, cerebrali o gastrointestinali in persone che hanno un sistema immunitario compromesso

  • Neonati che appaiono malati

Una volta sospettata l’infezione da CMV, il medico richiede gli esami volti a identificare il virus nei liquidi o nei tessuti corporei.

Nei neonati, la diagnosi viene solitamente formulata mediante l’invio di un campione di urina in laboratorio per la coltura e l’identificazione del virus.

Le analisi del sangue che rilevano gli anticorpi anti-CMV possono confermare la prima infezione (gli anticorpi sono prodotti dal sistema immunitario per contribuire a difendere l’organismo dall’attacco di particolari agenti, come il citomegalovirus). Queste analisi tuttavia non sono in grado di confermare la malattia causata dalla riattivazione del virus, cosa che accade frequentemente nelle persone con sistema immunitario compromesso. In questi casi, per confermare la malattia da CMV si rende spesso necessaria una biopsia dei tessuti interessati.

Si possono anche eseguire analisi del sangue per stimare la quantità di virus presente.

La retinite da CMV può essere diagnosticata da un oftalmologo, che esamina con un oftalmoscopio le strutture interne dell’occhio per verificare la presenza delle caratteristiche anomalie.

Trattamento

  • Per la retinite da CMV, farmaci antivirali

  • Per le persone con infezione da HIV/AIDS, farmaci utilizzati per trattare le infezioni da HIV

Le forme lievi di infezione da citomegalovirus di solito non vengono trattate, e scompaiono spontaneamente.

Se l’infezione mette in pericolo la vita o la vista, è possibile ricorrere a un farmaco antivirale (valganciclovir, ganciclovir, cidofovir, foscarnet o una combinazione di questi farmaci). Questi farmaci possono essere somministrati per via orale o per via endovenosa. Quando la retinite da CMV è molto grave, possono anche venire iniettati direttamente nell’occhio. Questi farmaci comportano gravi effetti collaterali ( Alcuni farmaci antivirali per le infezioni da herpesvirus) e possono non risolvere l’infezione. Comunque, il trattamento rallenta la progressione della malattia e può conservare la vista.

I farmaci antivirali vengono impiegati per trattare altri sintomi gravi dovuti a CMV; tuttavia, in questi casi l’efficacia della loro azione può essere inferiore rispetto a quando vengono utilizzati per il trattamento della retinite.

Se l’infezione da CMV si sviluppa in soggetti con sistema immunitario temporaneamente compromesso o soppresso (a causa di una malattia o di un farmaco), l’infezione solitamente scompare quando il sistema immunitario si riprende o il farmaco viene interrotto.

Nelle persone con infezione da HIV/AIDS, il trattamento con i farmaci usati per controllare l’HIV (farmaci antiretrovirali) aiuta a proteggere contro l’infezione da CMV.

Alle persone che hanno ricevuto un trapianto d’organo vengono spesso somministrati farmaci antivirali (come ganciclovir, valganciclovir o valaciclovir) per prevenire l’infezione da CMV.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come lavarsi le mani
Video
Come lavarsi le mani
Modelli 3D
Vedi Tutto
Raffreddore comune
Modello 3D
Raffreddore comune

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE