Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Infezione da virus del Nilo occidentale

Di

Thomas M. Yuill

, PhD, University of Wisconsin-Madison

Ultima revisione/verifica completa ago 2021| Ultima modifica dei contenuti ago 2021
per accedere alla Versione per i professionisti

L’infezione da virus del Nilo occidentale è una malattia virale contatta dalle persone principalmente attraverso le zanzare. Nella maggior parte dei casi i sintomi sono lievi o assenti, ma talvolta si sviluppa una grave infezione che interessa il sistema nervoso centrale.

  • L’infezione da virus del Nilo occidentale è presente negli Stati Uniti continentali, nel Canada meridionale, in Messico, in Sud America e nei Caraibi, nonché in Africa, nel Medio Oriente, nell’Europa meridionale, nell’ex Unione Sovietica, in India e in Indonesia. Un virus strettamente affine, il virus Kunjin, è presente in Australia.

  • I sintomi, se presenti, sono di gravità variabile, ma possono includere febbre, mal di testa, dolori generalizzati, dolori articolari, vomito, diarrea o eruzioni cutanee.

  • In rasi casi, si sviluppa un’infezione grave, talvolta fatale, che interessa il sistema nervoso centrale.

  • Per diagnosticare l’infezione da virus del Nilo occidentale, i medici eseguono una puntura lombare o esami del sangue per ricercare gli anticorpi contro il virus.

  • Non sono disponibili vaccini per prevenire l’infezione da virus del Nilo occidentale nell’uomo, ma è possibile ridurre il rischio di infezione adottando misure per evitare le punture di zanzara.

  • La maggior parte dei soggetti con infezione da virus del Nilo occidentale non necessitano di trattamento, ma quelli che sviluppano infezioni del cervello o del midollo spinale richiedono un attento monitoraggio e terapie di supporto, come la ventilazione meccanica.

Il virus del Nilo occidentale è presente in molte specie di uccelli. Le zanzare acquisiscono il virus del Nilo occidentale quando pungono uccelli infetti, quindi lo trasmettono alle persone e ad altri animali con le loro punture. In un numero molto limitato di casi, il virus del Nilo occidentale è stato trasmesso attraverso trasfusioni di sangue e trapianti d’organo, e dalla madre al neonato durante la gravidanza, il parto o l’allattamento.

Sintomi dell’infezione da virus del Nilo occidentale

La maggior parte delle persone (4 su 5) con infezione da virus del Nilo occidentale è asintomatica. Circa 1 persona su 5 sviluppa febbre associata ad altri sintomi, come mal di testa, dolori generalizzati, dolori articolari, vomito, diarrea o eruzioni cutanee.

In circa 1 paziente su 150 si sviluppa un grave coinvolgimento del sistema nervoso centrale con encefalite Encefalite L’encefalite è un’infiammazione dell’encefalo che si manifesta quando un virus infetta direttamente l’encefalo o quando un virus, un vaccino o qualcos’altro scatena l’infiammazione. Anche... maggiori informazioni (infezione cerebrale), meningite Meningite virale La meningite virale è un’infiammazione degli strati di tessuto che rivestono il cervello e il midollo spinale (meningi) e dello spazio pieno di liquido tra le meningi (spazio subaracnoideo)... maggiori informazioni (infezione dei tessuti che rivestono il cervello e il midollo spinale) o debolezza e paralisi. La sintomatologia dovuta all’infezione del sistema nervoso centrale include febbre alta, mal di testa, rigidità nucale, stupor, disorientamento, coma, tremori, convulsioni, debolezza muscolare, perdita della vista, intorpidimento e paralisi. Gli anziani e i soggetti affetti da certe patologie croniche, come il diabete o l’ipertensione arteriosa, sono più inclini a sviluppare la malattia in forma grave. In circa 1 paziente su 10 con grave coinvolgimento del sistema nervoso centrale si verifica il decesso.

La maggior parte dei soggetti con sintomi tipici guarisce completamente, ma l’affaticamento e la debolezza possono persistere per settimane o mesi. In caso di interessamento del sistema nervoso centrale, spesso gli effetti avversi sul cervello e sui nervi sono persistenti.

Diagnosi dell’infezione da virus del Nilo occidentale

  • Analisi del sangue

  • Puntura lombare

Nelle persone che presentano sintomi di meningite, viene eseguita una puntura lombare Puntura lombare Possono essere necessarie delle procedure diagnostiche per confermare la diagnosi suggerita dall’anamnesi e dall’esame obiettivo. L’elettroencefalografia (EEG) è una procedura semplice e indolore... maggiori informazioni Puntura lombare (rachicentesi) per ottenere un campione del liquido cerebrospinale (il liquido che scorre attraverso i tessuti che rivestono il cervello e il midollo spinale). Il campione di liquido cerebrospinale viene inviato a un laboratorio per essere analizzato alla ricerca degli anticorpi specifici del virus del Nilo occidentale.

I medici possono avvalersi della reazione a catena della polimerasi con trascrittasi inversa (RT-PCR) per produrre molte copie del materiale genetico del virus. Questa tecnica consente ai medici di identificare il virus rapidamente e in modo accurato.

Prevenzione dell’infezione da virus del Nilo occidentale

Non esiste un vaccino per prevenire l’infezione da virus del Nilo occidentale nell’uomo. È disponibile un vaccino per gli equini.

Evitare le punture di zanzara è la chiave per prevenire l’infezione da virus del Nilo occidentale. Per evitare le punture di zanzara, si devono adottare le seguenti precauzioni:

  • Indossare camicie a maniche lunghe e pantaloni lunghi.

  • Alloggiare in luoghi che dispongono di impianti di condizionamento dell’aria o di zanzariere alle porte e alle finestre per impedire l’ingresso delle zanzare.

  • Dormire sotto una zanzariera nei luoghi non adeguatamente protetti con zanzariere o con aria condizionata.

  • Utilizzare forti repellenti per insetti, con ingredienti come la DEET (dietiltoluamide) o altre sostanze attive approvate, sulle superfici cutanee esposte.

  • Trattare gli indumenti e l’equipaggiamento con un insetticida a base di permetrina (non applicarlo direttamente sulla pelle).

Per i bambini sono consigliate le seguenti precauzioni:

  • Non utilizzare un repellente per insetti per neonati di età inferiore ai 2 mesi.

  • Non utilizzare prodotti contenenti olio di eucalipto citrato (para-mentano-diolo, o mentoglicolo) per bambini di età inferiore a 3 anni.

  • Per i bambini più grandi, gli adulti devono spruzzare il repellente sulle proprie mani e in seguito applicarlo sulla pelle dei bambini.

  • Vestire i bambini con abiti che coprano le braccia e le gambe o coprire la culla, il passeggino o il marsupio con zanzariere.

  • Non applicare un repellente per insetti sulle mani, gli occhi, la bocca o una ferita, né sulla cute irritata.

Trattamento dell’infezione da virus del Nilo occidentale

  • Cure di supporto

Non esiste un trattamento specifico per l’infezione da virus del Nilo occidentale. Il trattamento dell’infezione da virus del Nilo occidentale è di supporto e comprende:

  • Riposo

  • Somministrazione di liquidi per prevenire la disidratazione

  • Paracetamolo per alleviare la febbre e il dolore

I professionisti sanitari eseguono un attento monitoraggio dei pazienti con interessamento del sistema nervoso centrale e, ove necessario, li sottopongono a ventilazione meccanica.

Ulteriori informazioni

La seguente risorsa in lingua inglese può essere utile. Si prega di notare che IL MANUALE non è responsabile del contenuto di questa risorsa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE