Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Valutazione del dolore al collo e alla schiena

Di

Peter J. Moley

, MD, Hospital for Special Surgery

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Il dolore al collo o alla schiena è tra le cause più frequenti per le quali un paziente richiede una visita medica. Questa trattazione riguarda il dolore al collo che coinvolge il collo posteriore (non dolore limitato al collo anteriore) e lombalgia, ma non copre la maggior parte delle lesioni traumatiche maggiori (p. es., fratture, lussazioni, sublussazioni).

Fisiopatologia

A seconda della causa, il dolore al collo o alla schiena può essere accompagnato da sintomi neurologici o sistemici.

Se è interessata una radice nervosa, il dolore si può irradiare distalmente lungo la distribuzione di tale radice (dolore radicolare). La forza muscolare, la sensibilità e i riflessi osteo-tendinei dell'area innervata da tale radice possono essere compromessi. ( Come valutare i riflessi.)

Tabella
icon

Sintomi delle comuni radicolopatie in base al livello dermatomerico

Livello

Sintomi

C4

Dolore nella zona inferiore del collo e parestesie del trapezio che coinvolgono la porzione inferiore del collo e la superficie superiore della spalla

C5

Dolore al collo, alla spalla, e all'avambraccio dorsale con parestesie e intorpidimento che coinvolgono il braccio dorsale

Debolezza del deltoide, bicipite, cuffia dei rotatori

Diminuzione del riflesso bicipitale

C6

Dolore al margine del trapezio e all'apice della spalla, spesso irradiata al pollice e all'indice, con parestesie e intorpidimento nelle stesse aree

Debolezza degli estensori del polso

Riduzione dei riflessi brachioradiali

C7

Dolore, parestesie e torpore alla scapola e in sede ascellare, con irradiazione all'indice e all'anulare

Ipostenia del tricipite

Riduzione del riflesso tricipitale

T (qualsiasi)

Disestesie a fascia al torace (p. es., capezzolo T6 e ombelico T10)

L3

Dolore, intorpidimento, e parestesie nella parte anterolaterale della coscia e del ginocchio con debolezza del quadricipite e diminuzione del riflesso rotuleo

L4

Dolore, intorpidimento e parestesie nella coscia postero-laterale e nella gamba anteriore, debolezza del quadricipite e dorsiflessione della caviglia e diminuzione del riflesso rotuleo

L5

Dolore alla natica, alla parte postero-laterale della coscia, al polpaccio e al piede, alla gamba anterolaterale e al piede dorsale

Piede cadente con debolezza dell'estensore dell'alluce longo e tibiale posteriore e peroneo

Riflesso degli hamstring ridotto

Dolore, intorpidimento e parestesie sulla cresta tibiale e sulla superficie dorsale del piede

S1

Dolore lungo la faccia posteriore della gamba e della natica

Debolezza del muscolo gastrocnemio con compromissione della flessione plantare della caviglia

Perdita del riflesso achilleo

Intorpidimento e parestesie sulle facce laterali del polpaccio, della caviglia e del piede

Se è interessato il midollo spinale, sia la forza sia la sensibilità e i riflessi possono essere compromessi al livello midollare interessato e a tutti i livelli inferiori (denominati deficit neurologici segmentali).

Se è interessata la cauda equina, i deficit segmentari si sviluppano nella regione lombosacrale, tipicamente con l'interruzione della funzione intestinale (costipazione o incontinenza fecale) e della funzione vescicale (ritenzione urinaria o incontinenza urinaria), perdita della sensibilità perianale, disfunzione erettile e perdita di tono rettale e di riflessi sfinterici (p. es., riflessi bulbocavernoso e anale).

Qualsiasi disturbo doloroso della colonna vertebrale può anche causare uno spasmo dei muscoli paravertebrali, che può provocare un dolore da intenso a intollerabile.

Eziologia

La maggior parte dei dolori al collo e alla schiena è causata da patologie delle strutture spinali. Il dolore muscolare è un sintomo comune ed è tipicamente causato dall'irritazione dei muscoli più profondi dai rami dorsali del nervo spinale e nei muscoli più superficiali da una reazione locale alla lesione della colonna vertebrale. I ceppi sono molto rari nella colonna cervicale e lombare. La fibromialgia può coesistere con il dolore al collo e alla schiena, ma non è probabile che sia la causa del dolore isolato al collo o alla schiena. Talvolta, il dolore viene associato a disturbi extra-rachidei (in particolare vascolari, gastrointestinali o genitourinari). Anche se non frequenti, le cause extra-rachidee possono essere rappresentate da patologie gravi.

La maggior parte delle cause vertebrali è di origine meccanica

  • Problemi meccanici

Solo pochi coinvolgono problemi non meccanici, come infezioni, infiammazioni, neoplasie o fratture da fragilità dovute all'osteoporosi o cancro.

Cause frequenti

La maggior parte dei dolori causati da disturbi della colonna vertebrale è dovuta a

  • Dolore discale

  • Dolore alla radice nervosa

  • Artrite delle articolazioni

Le seguenti sono le cause più comuni di cervicalgia e lombalgia.

Tutti questi disturbi possono anche essere presenti senza causare dolore.

Diverse anomalie anatomiche (p. es., un disco inter-vertebrale erniato o degenerato, osteofiti, spondilolisi, anomalie congenite delle faccette) sono frequentemente presenti nelle persone senza dolore al collo o alla schiena, e quindi sono discutibili come cause del dolore. Tuttavia, l'eziologia del mal di schiena, in particolare se meccanico, è spesso multifattoriale, con un disturbo sottostante esacerbato dall'affaticamento, decondizionamento fisico, dolore muscolare, postura scorretta, debolezza dei muscoli stabilizzanti, ridotta flessibilità e, a volte, stress psicosociale o anormalità psichiatriche. Pertanto, identificare una causa unica è spesso difficile o addirittura impossibile.

Una sindrome del dolore miofasciale generalizzata, come la fibromialgia, può comprendere dolore al collo e/o mal di schiena.

Cause rare gravi

Le cause gravi di dolore al collo o alla schiena possono richiedere una diagnosi precoce e un trattamento tempestivo per prevenire morbilità, invalidità o mortalità.

Condizioni gravi extra-spinali comprendono:

Condizioni gravi rachidee comprendono:

Le patologie vertebrali meccaniche possono essere gravi se comprimono le radici nervose o, in particolare, il midollo spinale. Le compressioni midollari si verificano solamente nella colonna cervicale, toracica e alto lombare e possono derivare da patologie come tumori e ascessi epidurali spinali o ematomi. Una compressione nervosa si verifica comunemente in caso di un'ernia del disco, sia centralmente con stenosi o nel forame di uscita di un nervo.

Altre cause rare

Il dolore al collo o alla schiena può derivare da molti altri disturbi, come ad esempio

Valutazione

Generale

Poiché la causa del dolore al collo e alla schiena è spesso multifattoriale, in molti pazienti non è possibile stabilire una diagnosi definitiva. Tuttavia, deve essere compiuto ogni sforzo per determinare:

  • Se il dolore ha una causa vertebrale o extra-vertebrale

  • Se la causa è una patologia grave

Se sono state escluse cause gravi, il dolore alla schiena è talvolta classificato come segue:

  • Dolore al collo o lombalgia non specifici

  • Dolore al collo o lombalgia con sintomi radicolari

  • Stenosi spinale lombare con claudicatio (neurogena) o stenosi cervicale con mielopatia

  • Dolore al collo o lombalgia associati a un'altra causa spinale

Anamnesi

L'anamnesi della malattia attuale deve comprendere qualità, esordio, durata, gravità, sede, irradiazione, decorso temporale del dolore, e fattori attenuanti ed esacerbanti come: riposo, attività, cambiamenti dovuti alla posizione, al carico e nei vari momenti della giornata (p. es., durante la notte ovvero al risveglio). Sintomi di accompagnamento da tenere in considerazione comprendono rigidità, intorpidimento, parestesie, ipostenia, incontinenza o ritenzione urinaria, stipsi e incontinenza fecale.

La rassegna dei sistemi deve prendere nota dei sintomi che suggeriscono una causa, fra cui febbre, sudorazione, e brividi (infezione); perdita di peso e scarso appetito (infezione o cancro); peggioramento del dolore al collo durante la deglutizione (disturbi esofagei); anoressia, nausea, vomito, melena o ematochezia, e cambiamenti delle funzioni intestinali o delle feci (disturbi gastrointestinali); sintomi urinari e dolore al fianco (disturbi delle vie urinarie), soprattutto se intermittenti, caratteristici delle coliche, e ricorrenti (nefrolitiasi); tosse, dispnea e peggioramento durante l'inspirazione (disturbi polmonari); sanguinamento o secrezione vaginale e dolore correlato alla fase del ciclo mestruale (disturbi pelvici); affaticamento, sintomi depressivi e mal di testa (dolore al collo meccanico multifattoriale o alla schiena).

L'anamnesi patologica remota comprende disturbi al collo o alla schiena (tra cui: osteoporosi, artrosi, disturbi del disco, e lesioni recenti o pregresse); interventi chirurgici; fattori di rischio per i disturbi alla schiena (p. es., i cancri, compresi quelli del seno, della prostata, del rene, del polmone e del colon, nonché le leucemie e osteoporosi), fattori di rischio per aneurisma (p. es., fumo e ipertensione), fattori di rischio di infezione (p. es., immunosoppressione, uso di farmaci EV, recenti interventi chirurgici, emodialisi, traumi penetranti o infezioni batteriche); e caratteristiche extra-articolari di un disturbo sistemico di base (p. es., diarrea o dolore addominale, uveite, psoriasi).

Esame obiettivo

Si rilevano temperatura e aspetto generale. Quando possibile, i pazienti devono essere osservati nell'atto di muoversi nella stanza, di spogliarsi e di salire sul lettino, per valutare l'andatura e l'equilibrio.

L'esame si focalizza sulla colonna vertebrale e sull'esame neurologico. Se non è evidente alcuna fonte vertebrale meccanica di dolore, i pazienti sono valutati ricercando fonti di dolore riferito o localizzato.

Nella valutazione del rachide, schiena e collo sono esaminati alla ricerca di eventuali deformità visibili, zone di eritema o eruzione vescicolare. La colonna vertebrale e i muscoli paravertebrali vengono palpati per valutare la dolorabilità e i cambiamenti del tono muscolare. Si valuta macroscopicamente l'arco di movimento. Nei pazienti con dolore al collo, vengono esaminate le spalle. Nei pazienti con lombalgia, vengono esaminate le anche.

L'esame neurologico deve valutare la funzionalità dell'intero midollo spinale. Devono essere valutati la forza, sensazione, e i riflessi tendinei profondi. I test dei riflessi sono tra gli esami fisici più affidabili per confermare una funzione midollare normale. La disfunzione del tratto corticospinale è indicata da grandi dita del piede che salgono con la risposta plantare e dal segno di Hoffman, il più delle volte con iperreflessia.

Per valutare il segno di Hoffman, il medico colpisce l'unghia o la superficie volare del 3o dito; se la falange distale del pollice si flette, il test è positivo; in genere indica una disfunzione del tratto corticospinale causata da stenosi del canale cervicale o una lesione cerebrale. I reperti sensoriali sono soggettivi e possono essere non-rilevabili.

Il test di Lasègue (sollevamento della gamba estesa) aiuta a confermare la presenza di interessamento del nervo sciatico. Il paziente è supino con entrambe le ginocchia estese e le caviglie dorsiflesse. Il medico solleva lentamente la gamba interessata, mantenendo teso il ginocchio. Se è presente sciatica, da 10 a 60° di elevazione il paziente avverte il tipico dolore sciatalgico.

Per il segno di Lasègue controlaterale, viene sollevata la gamba non interessata; il test è positivo se compare sciatica nella gamba interessata. Un segno di Lasègue positivo è sensibile ma non specifico per ernia discale; il segno di Lasègue controlaterale è meno sensibile ma risulta specifico al 90%.

Il test del sollevamento della gamba estesa da seduti viene eseguito mentre i pazienti sono seduti con le anche flesse a 90°; la gamba è lentamente sollevata fino a quando il ginocchio è completamente esteso. Se è presente sciatica, il dolore alla colonna (e spesso i sintomi radicolari) compare quando la gamba è tesa. Il test di abbassamento al cono è simile al test di sollevamento della gamba tesa ma viene eseguito con la “caduta" del paziente (con la colonna toracica e lombare flessa) e il collo flesso mentre il paziente è seduto. Il test di tensione forzata è più sensibile, ma meno specifico, per l'ernia del disco rispetto al test di sollevamento della gamba tesa.

In sede di esame generale, è esaminato l'apparato polmonare. L'addome è controllato per ricercare dolorabilità, masse e, particolarmente in pazienti > 55 anni, una massa pulsatile (che suggerisce aneurisma dell'aorta addominale). Con il pugno chiuso, il medico percuote l'angolo costovertebrale alla ricerca di dolorabilità, che suggerisce la presenza di pielonefrite.

Si esegue un'esplorazione rettale, compreso l'esame delle feci per la ricerca del sangue occulto e, negli uomini, l'esame della prostata. Nelle donne con sintomi che suggeriscono una patologia pelvica o con febbre inesplicata, si esegue un'esplorazione vaginale.

Si controllano le pulsatilità agli arti inferiori.

Segni d'allarme

I seguenti reperti destano una particolare preoccupazione:

  • Aorta addominale > 5 cm (in particolar modo se dolente) o deficit della pulsatilità agli arti inferiori

  • Dolore acuto, lancinante dalla parte superiore a metà della schiena

  • Cancro, diagnosticato o sospettato

  • Deficit neurologici

  • Febbre o brividi

  • Reperti gastrointestinali come dolorabilità addominale localizzata, segni peritoneali, melena o ematochezia

  • Fattori di rischio per infezione (p. es., immunosoppressione, uso di farmaci EV, recenti interventi chirurgici, traumi penetranti o infezioni batteriche)

  • Meningismo

  • Dolore notturno grave o invalidante

  • Perdita di peso inspiegabile

Interpretazione dei reperti

Sebbene gravi disturbi extraspinali (p. es., tumori, aneurismi aortici, ascessi epidurali, osteomielite) siano raramente causa di mal di schiena, non sono rari comunque in pazienti ad alto rischio.

La presenza di segni d'allarme deve aumentare il sospetto di una causa grave (vedi tabella Interpretazione dei segni d'allarme in pazienti con mal di schiena).

Tabella
icon

Interpretazione dei segni d'allarme in pazienti con mal di schiena

Reperto

Cause da ipotizzare

Aorta addominale > 5 cm (in particolar modo se dolente) o con deficit pulsatili agli arti inferiori

Dolore acuto, lancinante dalla parte superiore a metà della schiena

Cancro, diagnosticato o sospettato

Metastasi

Durata del dolore > 6 settimane

Carcinoma

Infezione subacuta

Febbre

Carcinoma

Infezione

Reperti gastrointestinali come dolorabilità addominale localizzata, segni peritoneali (ripresa del dolore ovvero segno di Blumberg), melena o ematochezia

Possibili emergenze gastrointestinali (p. es., peritonite, ascesso, emorragia gastrointestinale)

Fattori di rischio per infezione (p. es., immunosoppressione, uso di farmaci EV, recenti interventi chirurgici, traumi penetranti o infezioni batteriche)

Infezione

Meningismo

Deficit neurologici

Dolore notturno grave o invalidante

Carcinoma

Infezione

Perdita di peso inspiegabile

Carcinoma

Infezione subacuta

Anche altri reperti sono utili. Un peggioramento del dolore alla flessione è compatibile con una patologia del disco intervertebrale; il peggioramento all'estensione suggerisce stenosi spinale o artrite che colpisce le faccette articolari. Una dolorabilità su determinati trigger points (punti grilletto) specifici suggerisce dolore muscolare causato da disturbi vertebrali.

Esami

Usualmente, se la durata del dolore è breve < 4-6 settimane, nessun test è necessario, a meno che segni d'allarme siano presenti, i pazienti abbiano avuto un infortunio grave (p. es., incidente veicolare, caduta dall'alto, trauma penetrante) o la valutazione suggerisca una causa specifica non meccanica (p. es., pielonefrite).

La RX standard (diretta) permette di identificare la maggior parte della perdita di altezza del disco, la spondilolistesi anteriore, il disallineamento, le fratture osteoporotiche (o da fragilità), l'osteoartrite, e altre gravi anomalie ossee (p. es., quelle dovute a infezioni o tumori) e può essere utile nel decidere se ulteriori studi di imaging come la RM o la TC siano necessari. Tuttavia, esse non identificano anomalie nei tessuti molli (i dischi) o nei tessuti nervosi (come accade in molti disturbi gravi).

Gli esami sono guidati dai reperti e dalla causa sospetta. Il test è indicato anche nei pazienti che hanno fallito il trattamento iniziale o in quelli i cui sintomi sono cambiati. I test per cause sospette specifiche comprendono quanto segue:

  • Deficit neurologici, particolarmente quelli compatibili con compressione della radice nervosa o compressione del midollo spinale: RM e meno comunemente mielografia CT, eseguite prima possibile

  • Possibile infezione: conta leucocitaria, VES, diagnostica per immagini (generalmente RM o TC), e coltura dei tessuti infetti

  • Possibile cancro: TC o RM, emocromo con formula ed eventualmente biopsia

  • Possibile aneurisma: TC, angiografia, o talvolta ecografia

  • Possibile dissezione aortica: angiografia, TC, o RM

  • Sintomi che sono invalidanti o che persistono > 6 settimane: imaging (solitamente RM o TC) e, se si sospetta un'infezione, conta leucocitaria e velocità di eritrosedimentazione; alcuni medici iniziano con antero-posteriore e radiografie laterali della colonna vertebrale per aiutare a localizzare e a volte a diagnosticare anomalie

  • Altre patologie extravertebrali: test appropriati (p. es., rX torace per patologie polmonari, esame delle urine per patologie del tratto urinario o per dolore alla schiena privo di chiare cause meccaniche)

Trattamento

I disturbi sottostanti vengono trattati.

Il dolore muscoloscheletrico acuto (con o senza radicolopatia) viene trattato con

  • Analgesici

  • Stabilizzazione lombare ed esercizio fisico

  • Caldo e freddo

  • Modifica delle attività e riposo (fino a 48 h) secondo necessità

  • Rassicurazione

Nei pazienti con dolore al collo o lombalgia acuti non specifici (non radicolari), il trattamento può essere iniziato senza una valutazione approfondita per identificare un'eziologia specifica.

Consigli ed errori da evitare

  • Trattare i pazienti con dolore alla schiena non specifico, non radicolare che non hanno segni sintomatici della bandiera rossa, senza prima richiedere un test.

Analgesici

Acetaminofene (paracetamolo) o FANS sono la scelta iniziale per la terapia analgesica. Raramente, può essere necessario l'impiego di oppiacei, l'uso di appropriate precauzioni, per il dolore acuto grave. Un'analgesia adeguata è importante immediatamente dopo una lesione acuta, per aiutare a limitare il ciclo di dolore e spasmo. L'evidenza del beneficio di un uso cronico è debole o assente, pertanto la durata dell'uso di oppioidi deve essere limitata.

Stabilizzazione lombare ed esercizio fisico

Quando il dolore acuto si riduce abbastanza da rendere possibile il movimento, si inizia un programma di stabilizzazione cervicale o vertebrale sotto la supervisione di un fisioterapista. Questo programma deve essere iniziato appena possibile e include il ripristino del movimento, esercizi che rafforzano i muscoli paraspinali, e oltre ad istruzioni sulla postura in generale e nell'ambiente di lavoro; lo scopo è rinforzare le strutture di sostegno del dorso e ridurre la probabilità che la condizione divenga cronica o ricorrente. Nella lombalgia, il rafforzamento muscolare "core" (addominale e lombare) è importante e spesso inizia con un incremento dal lavorare su un tavolo in posizione supina o prona, al lavorare quadruplicando (sulle mani e sulle ginocchia) e infine alle attività in piedi.

Caldo e freddo

Gli spasmi muscolari acuti possono anche essere alleviati dall'applicazione di caldo o freddo. In genere si preferisce il freddo al caldo durante i primi 2 giorni dall'inizio della sintomatologia. Ghiaccio e impacchi freddi non vanno applicati direttamente sulla cute. Essi devono essere chiusi (p. es., in buste di plastica) e posti sopra un asciugamano o un panno. Il ghiaccio viene rimosso dopo 20 min, poi riapplicato per 20 minuti per un periodo da 60 a 90 min. Questo processo può essere ripetuto diverse volte nelle prime 24 h. Il calore, usando un termoforo, può essere applicato per gli stessi periodi di tempo. Poiché la cute della schiena può essere meno sensibile al caldo, i termofori devono essere usati con cautela per prevenire ustioni. Si consiglia ai pazienti di non usare un termoforo al momento di coricarsi per evitare un'esposizione prolungata dovuta al fatto di addormentarsi con il termoforo ancora sulla schiena. La diatermia può aiutare a ridurre lo spasmo muscolare e il dolore dopo la fase acuta.

Corticosteroidi

Nei pazienti con sintomi radicolari gravi e dolore lombare, alcuni medici raccomandano un ciclo di corticosteroidi orali o un approccio precoce guidato da uno specialista per la terapia con iniezioni epidurali. Tuttavia, le prove a sostegno dell'uso di corticosteroidi per via sistemica e epidurale sono controverse. Se è prevista l'iniezione di corticosteroidi epidurali, i medici devono procurarsi una RM prima dell'iniezione in modo tale che la patologia possa essere identificata, localizzata e trattata in modo ottimale.

Miorilassanti

I miorilassanti orali (p. es., ciclobenzaprina, metocarbamolo, metaxalone, benzodiazepine) hanno un'efficacia controversa. I benefici di questi farmaci devono sempre essere soppesati in relazione ai loro potenziali effetti sul sistema nervoso centrale e ad altri effetti avversi, in particolare nei pazienti anziani che possono presentare eventi avversi più gravi. I miorilassanti devono essere limitati ai pazienti con spasmo muscolare visibile e palpabile e utilizzati per non più di 72 h.

Riposo e immobilizzazione

Dopo un breve periodo iniziale (p. es., 1-2 giorni) la riduzione dell'attività necessaria per un maggior comfort, l'allettamento prolungato, le trazioni vertebrali e i corsetti non portano benefici. I pazienti con dolore cervicale possono trarre beneficio da un collare cervicale e da un cuscino modellato fino a quando il dolore non è ridotto, e quindi possono partecipare a un programma di stabilizzazione.

Manipolazione spinale

Le manipolazioni spinali possono aiutare ad alleviare il dolore causato da spasmo muscolare o da una lesione acuta al collo o alla schiena; tuttavia, la manipolazione ad alta velocità può presentare rischi per i pazienti oltre i 55 anni (p. es., lesione dell'arteria vertebrale da manipolazione del collo) e per quelli con patologie discali gravi, artrite cervicale, stenosi cervicale o con osteoporosi grave.

Rassicurazione

I medici devono rassicurare i pazienti con dolore lombare muscoloscheletrico acuto non specifico che la prognosi è buona e che l'attività e l'esercizio sono sicuri anche quando possono causare fastidio. I medici devono essere accurati, gentili, fermi e astenersi dall'esprimere giudizi. Se la depressione persiste per diversi mesi o è sospettato un guadagno secondario, si deve prendere in considerazione una valutazione psicologica.

Elementi di geriatria

La lombalgia colpisce il 50% degli adulti > 60 anni.

Si deve sospettare un aneurisma dell'aorta addominale (eseguire TC o ecografia) in ogni paziente anziano con dolore lombare non-traumatico, specialmente nei pazienti fumatori o ipertesi, anche se non vi sono reperti obiettivi che suggeriscano questa diagnosi.

L'imaging della colonna vertebrale può essere appropriato per i pazienti anziani (p. es., per escludere il cancro), anche quando la causa sembra essere un semplice mal di schiena di origine muscoloscheletrica.

L'uso di miorilassanti orali (p. es., ciclobenzaprina) e di oppiacei ha un'efficacia controversa; gli effetti anticolinergici, sul sistema nervoso centrale e altri effetti avversi possono superare i potenziali benefici nei pazienti anziani.

Punti chiave

  • La lombalgia colpisce il 50% degli adulti > 60 anni.

  • La maggior parte del dolore al collo e alla schiena è causata da disturbi meccanici vertebrali muscoloscheletrici, in genere aspecifici e autolimitanti.

  • La maggior parte dei disturbi meccanici viene trattata con analgesici, mobilizzazione precoce ed esercizi; allettamento e immobilizzazione prolungati sono da evitare.

  • Il mal di schiena è spesso multifattoriale, il che rende la diagnosi difficile.

  • Gravi patologie vertebrali o extravertebrali sono cause rare.

  • Segni d'allarme spesso indicano una patologia grave e la necessità di ulteriori indagini.

  • I pazienti con deficit neurologici segmentari che suggeriscono una compressione midollare richiedono una RM o una mielo-TC eseguite il più presto possibile.

  • Una normale funzionalità del midollo spinale durante l'esame clinico è confermata nel modo migliore con i test della funzionalità del nervo sacrale (p. es., tono rettale, riflesso anale e bulbocavernoso), del riflesso rotuleo e dell'anca, e della resistenza motoria.

  • Si deve sospettare un aneurisma dell'aorta addominale in ogni paziente anziano con dolore lombare che non sia di chiara origine meccanica, anche se non vi sono reperti obiettivi che suggeriscano questa diagnosi.

  • Nei pazienti con dolore alla schiena acuto non radicolare, il trattamento può essere iniziato senza una valutazione approfondita per identificare un'eziologia specifica.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come esaminare il ginocchio
Video
Come esaminare il ginocchio
Modelli 3D
Vedi Tutto
Il piede
Modello 3D
Il piede

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE