Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Sublussazione atlanto-assiale

(Sublussazione C1-C2)

Di

Peter J. Moley

, MD,

  • Hospital for Special Surgery
  • Weill Cornell Medical College

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La sublussazione atlanto-assiale consiste nel disallineamento tra la 1a e la 2a vertebra cervicale, che può verificarsi anche soltanto con la flessione del collo.

La sublussazione atlanto-assiale può insorgere con o senza traumi, in pazienti con artrite reumatoide, artrite reumatoide giovanile o spondilite anchilosante. Questo disturbo è molto raro.

La sublussazione atlanto-assiale è in genere asintomatica, ma può causare un vago dolore al collo, cefalea occipitale o occasionalmente una compressione del midollo spinale cervicale intermittente (potenzialmente letale).

Diagnosi

  • RX standard

  • RM per valutare l'integrità dei legamenti

La sublussazione atlanto-assiale di solito viene diagnosticata con RX cervicali standard; tuttavia, immagini in flessione ed estensione massima possono essere necessarie. L'imaging durante la flessione, tollerata dal paziente, dimostra l'instabilità dinamica dell'intero rachide cervicale. Se le RX sono anomale o se sono normali ma è ancora sospettata una sublussazione, si deve eseguire una RM, che è più sensibile. La RM fornisce anche una valutazione più precisa della compressione del midollo spinale e deve essere realizzata immediatamente quando si sospetta una compressione midollare.

Trattamento

  • Trattamento dei sintomi

  • Immobilizzazione cervicale

  • Chirurgia

Le indicazioni al trattamento della sublussazione atlantoassiale comprendono: dolore, deficit neurologici e potenziale instabilità vertebrale. Il trattamento comprende misure sintomatiche e immobilizzazione cervicale, iniziando solitamente con un collare cervicale rigido. L'urgenza del trattamento è generalmente basata sui sintomi o sulla presenza di anomalie midollari alla RM nei pazienti sensibili. Nei casi in cui i sintomi aumentano o nelle lesioni traumatiche acute, può essere necessario un intervento chirurgico per stabilizzare la colonna vertebrale.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE