Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Cadute negli anziani

Di

Laurence Z. Rubenstein

, MD, MPH, University of Oklahoma College of Medicine

Ultima revisione/verifica completa apr 2019| Ultima modifica dei contenuti apr 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento
  • La maggior parte delle cadute si verifica quando le persone con una condizione fisica che compromette la mobilità o l’equilibrio incontrano un rischio ambientale.

  • Sebbene molti individui non presentino sintomi prima di una caduta, in alcuni casi, manifestano vertigini o altri sintomi.

  • Dopo una caduta, possono riportare fratture ossee o contusioni.

  • I medici spesso eseguono degli esami per valutare se una condizione di base abbia contribuito alla caduta.

  • Le cadute possono essere prevenute adottando precauzioni in tutta la casa.

  • Dopo il trattamento delle lesioni, i pazienti lavorano con i fisioterapisti per contribuire a ridurre il rischio di cadute in futuro.

infatti le cadute in età avanzata sono comuni. Circa un terzo degli anziani che vive a casa riporta una caduta almeno una volta all’anno e circa la metà di quelli che vive in case di cura incorre in cadute. Negli Stati Uniti, le cadute sono la principale causa di morte accidentale e la settima causa di morte nelle persone di età pari o superiore a 65 anni. Una volta che un individuo riporta una caduta, ha maggiori probabilità di cadere nuovamente.

Le cadute spesso causano lesioni. Alcune delle lesioni, come la frattura dell’anca, possono essere gravi. Gli anziani hanno maggiori probabilità di incorrere in fratture ossee a seguito di cadute, in quanto molti di loro soffrono di porosità e fragilità ossea (osteoporosi). Alcune lesioni causate da una caduta sono fatali.

Molti anziani temono di cadere La paura di cadere può comportare dei problemi. Le persone possono preoccuparsi di compiere le normali attività e quindi perdere fiducia in sé stesse, nonché la loro indipendenza. Gli anziani possono fare molte cose per cercare di superare le loro paure e per ridurre il rischio di cadere. Conoscere ciò che provoca le cadute può aiutare.

Did You Know...

  • Sebbene molti anziani riportino delle cadute, queste non fanno parte del processo di invecchiamento.

Cause

Le cadute possono essere causate da condizioni fisiche che compromettono la mobilità o l’equilibrio, da pericoli ambientali o da situazioni potenzialmente pericolose. La maggior parte delle cadute si verifica quando interagiscono diverse cause. Ad esempio, le persone affette da morbo di Parkinson e disturbi della vista (condizioni fisiche) possono inciampare su un cavo di prolunga (un rischio ambientale) mentre si affrettano per rispondere al telefono (una situazione potenzialmente pericolosa).

La condizione fisica di una persona è influenzata dai cambiamenti dovuti all’invecchiamento in sé, dalla forma fisica, dai disturbi presenti e dai farmaci utilizzati. La condizione fisica ha probabilmente un effetto maggiore sul rischio di caduta rispetto ai pericoli ambientali e alle situazioni pericolose. Non solo una condizione fisica scarsa o insufficiente aumenta il rischio di cadute, ma influisce anche sul modo in cui le persone rispondono ai pericoli e alle situazioni pericolose.

Le menomazioni fisiche che aumentano il rischio di cadere sono quelle che coinvolgono:

  • Equilibrio o deambulazione

  • Visione

  • Sensibilità, soprattutto sui piedi

  • Forza muscolare

  • Capacità cognitive

  • Pressione arteriosa o battito cardiaco

Anche l’utilizzo di farmaci che influiscono sull’attenzione (ad esempio, analgesici oppioidi, ansiolitici e alcuni farmaci antidepressivi) o che riducono la pressione arteriosa (ad esempio, farmaci antipertensivi, diuretici e alcuni farmaci cardiaci) può aumentare il rischio di cadere.

I pericoli ambientali interessano molte cadute. Queste possono verificarsi quando le persone non si accorgono di un rischio o non rispondono abbastanza rapidamente dopo averne notato uno.

I pericoli ambientali che aumentano il rischio di cadere sono quelli che coinvolgono:

  • Illuminazione inadeguata

  • Tappeti a terra

  • Pavimenti scivolosi

  • Cavi elettrici, prolunghe oppure oggetti sulla superficie calpestabile

  • Marciapiedi irregolari e cordoli rotti

  • Scarsa conoscenza dell’ambiente circostante

La maggior parte delle cadute si verifica in ambienti chiusi. Alcune accadono stando fermi. Tuttavia, la maggior parte si verifica mentre le persone si muovono, si coricano o scendono dal letto, si siedono o si alzano da una sedia o dal sedile del water, camminano, salgono o scendono le scale. Durante il movimento, è possibile inciampare, impigliarsi o perdere l’equilibrio. Ogni movimento può essere pericoloso. Tuttavia, se le persone si stanno affrettando o se non prestano attenzione, il movimento diventa ancora più pericoloso. Ad esempio, precipitarsi in bagno (soprattutto di notte quando non si è completamente svegli o l’illuminazione è scarsa) o a rispondere al telefono o parlare con un telefono portatile può rendere la camminata più pericolosa.

Sintomi

Spesso, prima di cadere, le persone non avvertono alcun sintomo. Quando un pericolo ambientale o una situazione di pericolo si traduce in una caduta, l’allarme è scarso o addirittura nullo. Tuttavia, se la caduta è in parte o del tutto dovuta alle condizioni fisiche di una persona, è possibile avvertire dei sintomi prima di cadere. I sintomi possono includere

  • Vertigini

  • Stordimento

  • Battiti cardiaci martellanti irregolari o rapidi (palpitazioni)

Dopo una caduta, le lesioni sono comuni e tendono ad essere più gravi con l’avanzare dell’età. Oltre la metà di tutte le cadute provoca almeno un leggero infortunio, come un livido, una slogatura o uno strappo muscolare. Le lesioni più gravi includono fratture ossee, slogature, tagli profondi e danni ad organi, come reni o fegato. Circa il 2% delle cadute comporta una frattura dell’anca. Altre ossa (nella parte superiore del braccio, del polso e del bacino) si fratturano in circa il 5% delle cadute. Alcune cadute provocano perdita di coscienza o un trauma cranico.

Le cadute possono causare ancora più problemi se le persone non possono rialzarsi subito o chiamare aiuto. Una tale situazione può generare spavento e una sensazione di impotenza. Rimanere sul pavimento, anche per poche ore, può portare problemi quali:

Gli effetti di una caduta possono durare a lungo. Circa la metà delle persone che era in grado di camminare prima di cadere e riportare una frattura dell’anca, in seguito, non è in grado di camminare bene, anche dopo il trattamento e la riabilitazione. Le persone che hanno riportato una caduta possono sviluppare una paura di cadere che le priva della fiducia in sé stesse. Di conseguenza, possono rimanere a casa e rinunciare ad attività come fare shopping, far visita agli amici e fare le pulizie. Quando le persone diventano meno attive, le articolazioni possono irrigidirsi e i muscoli possono indebolirsi. La rigidità delle articolazioni e l’indebolimento dei muscoli possono aumentare ulteriormente il rischio di cadere e rendere più difficoltoso il mantenersi attivi e indipendenti. Per molte persone, le cadute sembrano essere un fattore importante nella decisione di trasferirsi in una casa di cura o in una residenza sanitaria assistenziale. Per tutti questi motivi, le cadute possono ridurre notevolmente la qualità della vita.

Alcune cadute possono essere gravi e risultare fatali. La morte può avvenire immediatamente, ad esempio, quando si batte la testa su una superficie dura che provoca un’emorragia incontrollata all’interno del cervello o attorno ad esso. Molto più comunemente, la morte si verifica in un secondo momento, in seguito a complicanze di gravi lesioni causate dalla caduta.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Talvolta esami di laboratorio

È di vitale importanza raccontare al proprio medico di essere caduti, anche se non richiesti, in modo che il medico possa scoprire i motivi curabili che hanno provocato la caduta. Le persone che sono state vittime di una caduta possono essere riluttanti a informare il medico, perché ritengono che cadere faccia inevitabilmente parte dell’invecchiare, specialmente se non si sono fatti male. Anche coloro che sono rimasti gravemente feriti durante una caduta e che sono stati trattati al pronto soccorso possono essere riluttanti ad ammettere di essere caduti. Possono non voler dare l’impressione di essere impotenti e di dover lasciare la propria casa per trasferirsi in un ambiente più sorvegliato, come una casa di cura.

Per identificare la causa della caduta, i medici rivolgono domande in merito alle circostanze della stessa, compresi eventuali sintomi sperimentati poco prima di cadere (come dolore toracico, vertigini e respiro affannoso) e tutte le attività che possono avere contribuito alla caduta. Chiedono se vi sono stati eventuali testimoni della caduta che possano descrivere ciò che hanno visto. Rivolgono inoltre domande circa l’uso di farmaci su ricetta e da banco o di bevande alcoliche che possono avere contribuito alla caduta. I medici chiedono agli interessati se hanno perso conoscenza e se sono stati in grado di rialzarsi senza aiuto.

Conducono un esame obiettivo innanzitutto per verificare la presenza di lesioni e per ottenere informazioni sulle possibili cause della caduta. Parte dell’esame include quanto segue:

  • Misurazione della pressione arteriosa: se la pressione arteriosa scende mentre si è in posizione eretta, la caduta potrebbe essere causata dall’ipotensione ortostatica.

  • Suoni cardiaci: con uno stetoscopio, i medici auscultano il cuore per avere il riscontro di un ritmo cardiaco eccessivamente lento, aritmie, problemi alle valvole cardiache e insufficienza cardiaca.

  • Valutazione della forza muscolare e della gamma di movimento: i medici valutano la schiena e le gambe e controllano l’eventuale presenza di problemi ai piedi.

  • Valutazione della vista e del sistema nervoso: i medici controllano le funzioni del sistema nervoso, come la forza muscolare, la coordinazione, il senso di orientamento e l’equilibrio.

A volte chiedono alle persone di compiere alcune attività abituali, come sedersi su una sedia e poi alzarsi in piedi e camminare o salire un gradino. L’osservazione di tali attività può aiutarli a identificare le condizioni che hanno contribuito alla caduta.

Se la caduta è stata causata da un pericolo ambientale, senza avere provocato una lesione importante, è probabile che non venga eseguito alcun esame. Tuttavia, quando la condizione fisica delle persone potrebbe avere contribuito alla caduta, l’esecuzione degli esami potrebbe rendersi necessaria. Ad esempio, quando l’esame obiettivo rileva l’evidenza di un problema al cuore, la frequenza e il ritmo cardiaci possono essere registrati eseguendo un elettrocardiogramma (ECG). Questo esame può richiedere alcuni minuti ed essere condotto nell’ambulatorio medico oppure chiedendo ai pazienti di indossare un dispositivo ECG portatile (monitoraggio Holter) per 1 o 2 giorni. Le analisi del sangue, come un esame emocromocitometrico completo e le misurazioni dei livelli elettrolitici, possono essere utili per le persone che hanno manifestato vertigini o giramenti di testa. In presenza di sospetto malfunzionamento del sistema nervoso, una tomografia computerizzata (TC) o una risonanza magnetica (RMI) della testa potrebbero essere di aiuto.

Prevenzione

Gli anziani possono fare varie cose semplici e pratiche per contribuire a ridurre il rischio di cadere.

  • Svolgere attività fisica regolare: praticare attività fisica utilizzando i pesi o con programmi di resistenza può contribuire a rafforzare le gambe deboli, migliorando pertanto la stabilità durante la deambulazione. Il Tai Chi e gli esercizi di bilanciamento, come stare in piedi su una gamba sola, possono aiutare a migliorare l’equilibrio. I programmi di allenamento dovrebbero essere adattati alle esigenze del singolo individuo. Molti centri per cittadini anziani, gli YMCA (Young Men’s Christian Association, associazione giovanile maschile cristiana) o altri centri benessere offrono corsi di ginnastica di gruppo gratuiti o a basso costo appositamente pensati per gli anziani.

  • Indossare scarpe adeguate: scarpe che hanno la suola con presa elevata e antiscivolo, supporti della caviglia e tacco piatto sono le migliori.

  • Alzarsi in piedi lentamente dopo essere stati seduti o sdraiati e attendere un attimo prima di iniziare a muoversi: questa strategia può aiutare a prevenire le vertigini perché dà al corpo il tempo di adattarsi al cambiamento di posizione.

  • Apprendere una semplice manovra della testa: una semplice manovra della testa chiamata manovra di Epley può aiutare alcuni anziani che avvertono capogiri quando si muovono. Comporta girare la testa in modi specifici. I medici di solito eseguono la manovra per la prima volta, ma i pazienti possono imparare a farla da soli, se occorre ripeterla.

  • Revisionare i farmaci che si stanno assumendo: i pazienti possono chiedere a un medico o un altro operatore sanitario di revisionare tutti i farmaci su ricetta e da banco che stanno assumendo per verificare se uno qualsiasi di questi potrebbe aumentare il rischio di cadere. Se si utilizzano tali farmaci, i medici potrebbero ridurre la dose o i pazienti potrebbero interrompere l’assunzione del farmaco.

  • Controllare la vista regolarmente: trovare gli occhiali corretti e indossarli può aiutare a prevenire le cadute. Può inoltre aiutare il trattamento del glaucoma o della cataratta, che limitano la vista.

  • Consulenza con un fisioterapista sui modi per ridurre il rischio di cadere: alcuni anziani necessitano di rivolgersi a un fisioterapista che insegni loro a camminare, soprattutto se hanno bisogno di utilizzare un ausilio, come il deambulatore o il bastone (vedere la figura Altezza giusta del bastone). I fisioterapisti possono aiutare le persone ad adattare o adeguare altri dispositivi di ausilio (ad esempio, pedane estraibili sulla sedia a rotelle) e insegnare loro come usarli.

Just the Right Height

I soggetti sottoposti a riabilitazione, in seguito a un trauma o a un intervento a un arto inferiore, devono utilizzare un bastone dell’altezza giusta. Un bastone troppo lungo o troppo corto può causare lombalgia, postura scorretta e instabilità. Il bastone deve essere tenuto sul lato opposto a quello dell’arto leso.

Just the Right Height

I pericoli ambientali a volte possono essere rimossi o corretti.

  • L’illuminazione può essere migliorata aumentando il numero di luci o modificandone la tipologia.

  • Gli interruttori della luce possono essere posizionati in modo che siano facilmente raggiungibili. È possibile utilizzare luci sensibili al movimento o luci che si accendono quando sono toccate.

  • Un’illuminazione adeguata per le scale (interne ed esterne) e per le aree esterne utilizzate di notte è particolarmente importante. Le scale devono avere gradini antiscivolo e corrimano resistenti e sicuri. È possibile applicare delle strisce adesive fosforescenti per contrassegnare chiaramente i gradini.

  • I cavi elettrici o le prolunghe sulla superficie calpestabile possono essere eliminate con l’aggiunta di altre prese elettriche o possono essere fatte passare attorno alle porte o sotto i rivestimenti per pavimenti.

  • Gli oggetti fuori posto su pavimenti e scale possono essere spostati al di fuori della superficie calpestabile.

  • È possibile installare barre o maniglie di supporto accanto al water, alla vasca e in altri luoghi per coloro che hanno bisogno di aggrapparsi a qualcosa quando si alzano. Le barre o maniglie di supporto devono essere installate correttamente, in modo che non vengano scardinate dalla parete.

  • L’utilizzo di copriwater con sedile rialzato può costituire un aiuto.

  • I tappeti mobili possono essere rimossi o attaccati con nastro adesivo o chiodi direttamente al pavimento, oppure è possibile utilizzare tappetini antiscivolo.

  • I tappetini antiscivolo dovrebbero essere utilizzati in bagno e in cucina.

  • Gli articoli casalinghi usati con maggiore frequenza possono essere riposti in armadi, dispense o altri spazi ad un’altezza compresa tra la vita e gli occhi, in modo che possano essere raggiunti senza stiramenti o flessioni.

Imparare a gestire in sicurezza situazioni potenzialmente pericolose può essere più importante di rimuovere un pericolo ambientale. A volte, le persone hanno bisogno di prestare maggiore attenzione ai pericoli potenziali e di pensare a come eseguire le attività quotidiane in modo più sicuro. Ad esempio, è possibile installare telefoni senza fili in tutta la casa, in modo che non ci sia bisogno di correre per rispondere alle telefonate.

Le cadute non possono essere sempre evitate. Pertanto, coloro che rischiano la frattura dell’anca, come chi soffre di osteoporosi, dovrebbero massimizzare la forza delle ossa con un adeguato apporto di calcio e vitamina D e l’assunzione di altri farmaci prescrivibili per rallentare la perdita ossea. Alcuni soggetti in strutture con assistenza residenziale o di cura possono considerare di indossare una protezione per le anche, un indumento intimo con un cuscinetto in plastica e gommapiuma posto sopra l’anca, che può prevenire le fratture dell’anca se indossato regolarmente. Questo dispositivo, tuttavia, non hanno dimostrato di essere altrettanto efficace per i soggetti che vivono in modo indipendente a casa.

Sapere cosa fare in caso di una caduta può aiutare gli anziani ad avere meno paura di cadere. Se cadono e non riescono ad alzarsi, possono girarsi a pancia sotto, strisciare verso un mobile (oppure qualsiasi altra struttura che possa sostenere il loro peso) e tirarsi su.

Gli anziani devono anche escogitare una strategia per chiedere aiuto. Coloro che sono caduti più volte possono tenere un telefono in un luogo che sia raggiungibile dal pavimento. Un’altra opzione è l’installazione di un sistema di risposta alle emergenze personali (dispositivo di allarme medico) che segnali a qualcuno di andare a controllare. La maggior parte di questi sistemi include un pulsante di avviso indossato su una collana. Per chiedere aiuto è sufficiente premerlo.

Tabella
icon

Checklist for Preventing Falls in the Home

Tutte le camere

Interruttore della luce raggiungibile

Niente cavi elettrici o prolunghe sulla superficie calpestabile

Niente tappeti a terra

Telefoni senza fili

Mobili robusti (senza gambe o ruote allentate o girevoli)

Niente disordine lungo i corridoi

Superfici calpestabili libere

Cucina

Armadi raggiungibili (in modo da evitare inutili flessioni e stiramenti)

Tappetini antiscivolo

Camera da letto

Luce a lato del letto raggiungibile

Luce di cortesia per la notte

Tappeti fissati al pavimento o antiscivolo o tappeto lungo da parete a parete.

Bagno

Copriwater con sedile rialzato

Barre o maniglie di supporto

Tappetini antiscivolo

Luce di cortesia per la notte

Strisce antiscivolo o tappetino di gomma sul piatto della doccia o all’interno della vasca da bagno

Utilizzo di ciabatte antiscivolo da doccia o di un sedile per la vasca da bagno (una sedia impermeabile che consente alle persone con disturbi dell’equilibrio di sedersi mentre si lavano)

Rimozione di serrature o utilizzo di modelli che possano essere aperti da entrambi i lati della porta

Soggiorno

Tappeti fissati al pavimento o antiscivolo o tappeto lungo da parete a parete.

Sedie con braccioli

Scale (interne ed esterne)

Illuminazione ottimale

Ringhiere robuste

Strisce antiscivolo

Altezza dei gradini inferiore a 15 centimetri

Trattamento

  • Trattare le lesioni da cadute

  • Trattare i disturbi e insegnare a prevenire le cadute

La priorità principale è il trattamento di lesioni, come ferite alla testa, fratture, slogature di legamenti e strappi muscolari.

La priorità secondaria è prevenire le cadute successive ricorrendo al trattamento dei disturbi che possono avere contribuito alla caduta. Per esempio, le persone che hanno una frequenza cardiaca molto bassa accompagnata da giramenti di testa potrebbero ricorrere all’impianto di un pacemaker cardiaco. Se possibile, occorre sospendere i farmaci potenzialmente pericolosi, ridurne il dosaggio o sostituirli con altri farmaci.

I fisioterapisti e i terapisti occupazionali possono contribuire a migliorare la deambulazione e l’equilibrio dei pazienti e a infondere loro nuova fiducia in sé stessi dopo una caduta. Possono fornire suggerimenti su come evitare di cadere. I terapisti possono inoltre incoraggiare i pazienti a rimanere attivi. L’allenamento e lo stretching supervisionati e la fisioterapia possono aiutare a ridurre il rischio di cadute.

Per ulteriori informazioni

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE