Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Intorpidimento

Di

Michael C. Levin

, MD, College of Medicine, University of Saskatchewan

Ultima revisione/verifica completa feb 2019| Ultima modifica dei contenuti feb 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

L’intorpidimento fa riferimento alla perdita parziale o completa di sensibilità. Può essere un sintomo di disfunzione del sistema nervoso.

Le persone che soffrono di intorpidimento possono non essere in grado di percepire i tocchi leggeri, il dolore, la temperatura o le vibrazioni o di sapere dove sono le parti del loro corpo (senso della posizione). Quando le persone non sanno dove si trovano le parti del loro corpo, hanno problemi di equilibrio e di coordinazione.

Molte persone usano erroneamente il termine intorpidimento quando hanno sensazioni anomale, come formicolio, sensazioni di pizzicamento o di puntura di aghi e spilli, oppure quando hanno un arto debole o paralizzato, forse in parte perché coloro che soffrono di intorpidimento hanno spesso questi sintomi e sensazioni anormali. La presenza di altri sintomi dipende dalla causa dell’intorpidimento.

Se l’intorpidimento è presente da molto tempo, in particolare nei piedi, può portare ad altri problemi. L’intorpidimento può portare a difficoltà nella deambulazione e nella guida e a maggiori probabilità di cadere. Possono non notare infezioni, piaghe (ulcere) del piede e lesioni perché non possono sentire il dolore. In questi casi, il trattamento può essere ritardato.

Via sensoriale

Perché una persona abbia sensazioni normali, i recettori sensoriali (estremità specializzate delle fibre nervose sensoriali nella pelle) devono rilevare le informazioni all’interno e intorno al corpo. Questi recettori devono poi inviare un segnale lungo il seguente percorso:

  • Attraverso i nervi sensoriali (i nervi dalla pelle al midollo spinale)

  • Attraverso le radici nervose spinali, formate da nervi sensoriali riuniti in fasci brevi e spessi che passano attraverso la colonna vertebrale (vertebre) per comunicare con il midollo spinale (vedere Struttura del rachide)

  • Lungo il midollo spinale

  • Attraverso il tronco cerebrale

  • Alla parte dell’encefalo che percepisce e interpreta questi segnali (nel cervello)

Per alcune parti del corpo, il percorso include un plesso o la cauda equina.

I plessi sono reti di fibre nervose sensoriali e di fibre nervose motorie (che trasportano i segnali dal cervello e dal midollo spinale verso i muscoli e altre parti del corpo). Nei plessi, queste fibre nervose sono combinate e ordinate per servire un’area particolare dell’organismo. Le fibre si diramano dal plesso per diventare nervi periferici. Ci sono quattro plessi nel tronco.

La cauda equina è un fascio di fibre di radice nervosa spinale nella parte inferiore del midollo spinale. Questa struttura assomiglia alla coda di un cavallo, che è ciò che significa il suo nome in latino. Fornisce sensazioni alle cosce, ai glutei, agli organi genitali e all’area fra questi, chiamata area della sella perché si tratta della parte del corpo che toccherebbe una sella.

Cause

L’intorpidimento si manifesta quando una parte della via sensoriale non funziona correttamente, solitamente a causa di un disturbo o di un farmaco.

Molte condizioni possono causare intorpidimento in vari modi. Ad esempio, possono

La pressione su diverse parti del percorso ha diverse cause, a seconda della parte del percorso è interessata (vedere la tabella Alcune cause e caratteristiche dell'intorpidimento), come nei seguenti casi:

Valutazione

Dal momento che molti disturbi possono causare intorpidimento, i medici pongono sistematicamente delle domande, concentrandosi su cause più probabili.

Segnali d’allarme

Nelle persone con intorpidimento, i seguenti sintomi sono fonte di preoccupazione:

  • Intorpidimento che inizia improvvisamente (in pochi minuti oppure ore)

  • Debolezza che si manifesta improvvisamente o rapidamente (in poche ore o giorni)

  • Intorpidimento o debolezza che si diffonde rapidamente nel corpo, implicando un numero crescente di parti del corpo

  • Difficoltà respiratoria

  • Intorpidimento di cosce, glutei, genitali e dell’area fra questi (area della sella) e perdita di controllo di vescica e intestino (incontinenza)

  • Intorpidimento da entrambi i lati sotto un livello specifico del corpo (come sotto al petto)

  • Intorpidimento di tutta una gamba o un braccio

  • Perdita di sensibilità al viso o al tronco

Quando rivolgersi a un medico

Le persone che mostrano questi segnali d’allarme devono recarsi immediatamente in ospedale. Le persone che presentano segnali di allarme devono consultare un medico. Il medico può decidere con quale rapidità è necessario un consulto, sulla base dei sintomi.

Come si comporta il medico

I medici iniziano chiedendo quale parte del corpo è colpita. I modelli di parti del corpo colpiti da intorpidimento indicano spesso quale parte del percorso nervoso non funziona correttamente:

  • Parte di un arto: cattivo funzionamento del nervo periferico o a volte della radice nervosa spinale

  • Braccio e gamba da uno stesso lato del corpo: problema cerebrale

  • Entrambi i lati del corpo sotto a un livello specifico: Disfunzione del midollo spinale, come si verifica nella mielite trasversa (che causa infiammazione sull’intera larghezza del midollo spinale)

  • Entrambi i lati, essenzialmente le mani e i piedi: problema simultaneo di molti nervi periferici nel corpo (una polineuropatia)

In seguito i medici pongono al paziente domande sugli altri sintomi e sull’anamnesi. I medici eseguono inoltre un esame obiettivo. I risultati dell’anamnesi e dell’esame obiettivo spesso indicano al medico una causa e gli eventuali esami da effettuare (tabella Alcune cause e caratteristiche dell’intorpidimento).

I medici chiedono alla persona di descrivere l’intorpidimento. Poi possono porre domande specifiche:

  • Quando è iniziato l’intorpidimento

  • Con quale rapidità si è manifestato

  • Se la persona ha manifestato anche altri sintomi, come sensazioni anormali, debolezza o paralisi, perdita di controllo di vescica o intestino, ritenzione di urina, problemi di vista, difficoltà a deglutire oppure deterioramento della funzione mentale

  • Se un evento, come la pressione su un arto, una ferita, il fatto di dormire in una posizione strana oppure un’infezione ha attivato i sintomi

Il fatto di sapere la rapidità con la quale sono iniziati l’intorpidimento e altri sintomi può aiutare i medici a determinare il tipo di disturbo.

Vengono chieste informazioni sui sintomi che possono suggerire una causa. Ad esempio, un dolore alla schiena e/o al collo suggerisce un’osteoartrite, una rottura di un disco o un altro problema che esercita una pressione sul midollo spinale.

I medici chiedono anche se la persona ha avuto un disturbo che ha causato l’intorpidimento, in particolare diabete, malattia renale cronica, infezioni (come infezione da HIV o malattia di Lyme), ictus o artrite. Possono inoltre chiedere se altri membri della famiglia hanno avuto sintomi simili o se hanno disturbi ereditari che colpiscono il sistema nervoso. Si informano sull’uso di droghe, incluse quelle ricreative e sull’esposizione possibile alle tossine.

L’esame obiettivo include una valutazione completa del sistema nervoso (esame neurologico), concentrandosi sul testare la sensibilità (se la persona può sentire normalmente gli stimoli, come il tocco e la temperatura), i riflessi e la funzione muscolare.

Tabella
icon

Alcune cause e caratteristiche dell’intorpidimento

Causa

Caratteristiche comuni*

Esami

Intorpidimento in entrambi gli arti (braccia e gambe) da un lato del corpo

Disturbi che interessano lo strato esterno del cervello (l’area più estesa dell’encefalo), come

Perdita di sensibilità dallo stesso lato del viso e del corpo colpito dal disturbo e perdita della capacità di riconoscere gli elementi al tatto

Solitamente debolezza, perdita di coordinazione e altri sintomi che indicano problemi del sistema nervoso

RMI o TC dell’encefalo

Disturbi che colpiscono la parte superiore del tronco cerebrale come

  • Ictus

  • Tumori

  • Ascessi (sacche di pus)

Perdita di sensibilità sullo stesso lato del viso e del corpo colpito dal disturbo

Spesso visione doppia

RMI o TC dell’encefalo

Disturbi che colpiscono la parte inferiore del tronco cerebrale come

  • Ictus

  • Tumori

  • Disturbi degenerativi cerebrali

Perdita di sensibilità su un lato del viso e sul lato opposto del corpo colpito dal disturbo

Spesso problemi di vista e disturbi nella masticazione, nella deglutizione e nel parlare

RMI dell’encefalo

Intorpidimento degli arti o del tronco da entrambi i lati

Disturbi che colpiscono la larghezza del midollo spinale, come

Perdita di sensibilità e solitamente debolezza sotto a un determinato livello del corpo

Nessuna perdita di sensibilità al viso

Solitamente ritenzione di urina, perdita di controllo di vescica e intestino (incontinenza) e/o risposta sessuale ridotta, inclusa la disfunzione erettile negli uomini

RMI del midollo spinale

Sindrome della cauda equina, causata dalla pressione, come può risultare da

  • Una rottura o un’ernia di un disco

  • Diffusione del cancro alla colonna vertebrale

Intorpidimento essenzialmente di cosce, glutei, vescica, genitali e dell’area fra questi (area della sella)

Solitamente dolore nella regione lombare

Solitamente ritenzione di urina, perdita di controllo di vescica e intestino e/o risposta sessuale ridotta, inclusa la disfunzione erettile negli uomini

RMI del midollo spinale

Polineuropatie (problema simultaneo di molti nervi periferici nel corpo), che possono derivare da

Intorpidimento e sensazioni anomale nelle stesse aree in entrambi i lati del corpo, essenzialmente nei piedi e nelle mani

A volte debolezza e perdita di riflessi

Studi della conduzione nervosa (misurazione della velocità di trasmissione dei segnali nervosi) ed elettromiografia (stimolazione dei muscoli e registrazione della loro attività elettrica)

Altri esami dipendono dal disturbo sospettato

Disturbi demielinizzanti (disturbi che provocano l’infiammazione dei nervi e la perdita dello strato esterno chiamato guaina mielinica), come la

  • Sclerosi multipla

Spesso debolezza o goffaggine e sensazioni anomale (come formicolio o intorpidimento)

A volte cambiamenti nella vista e nel linguaggio

RMI del cervello e del midollo spinale

La diagnosi richiede una puntura lombare (rachicentesi) per ottenere un campione di liquido cerebrospinale (il liquido che circonda il cervello e il midollo spinale)

Intorpidimento in una parte di un arto

Disturbi che colpiscono una radice nervosa spinale, come

Dolore che

  • A volte scende lungo un braccio o una gamba

  • Può essere sentito come una scossa elettrica

  • Può peggiorare quando si sposta la colonna, tossendo o facendo la manovra di Valsalva (cercare di espirare con forza senza lasciar fuoriuscire l’aria dal naso o dalla bocca)

Spesso debolezza e/o riflessi ridotti o assenti nell’area interessata dalla radice nervosa

Visita medica

A volte RMI o TC del midollo spinale

A volte, studi della conduzione nervosa ed elettromiografia

Disturbi che colpiscono un plesso (una rete di fibre nervose), come

  • Una ferita come una coltellata

  • Cancro che si diffonde agli organi vicino a un plesso

  • Neurite brachiale (disfunzione improvvisa del plesso nel collo e nelle spalle)

Intorpidimento, dolore e/o debolezza in un’area relativamente vasta di un arto

Studi della conduzione nervosa ed elettromiografia

RMI

Mononeuropatia (disfunzione di un nervo periferico), come avviene nella

Intorpidimento con o senza dolore

Spesso debolezza e riflessi ridotti o assenti in un’area interessata da un nervo

Visita medica

A volte, studi della conduzione nervosa ed elettromiografia

*Le caratteristiche includono sintomi ed esiti della visita medica. Le caratteristiche citate sono tipiche, ma non sempre presenti.

TC = Tomografia computerizzata; RMI = Risonanza magnetica per immagini.

Esami

Non sono necessari esami se la diagnosi è ovvia e il trattamento prevede solo misure generali (come riposo o un tutore), per esempio in alcuni casi di sindrome da tunnel carpale.

In altri casi vengono effettuati degli esami a seconda del problema sospettato dal medico:

  • Per i nervi sensoriali, plessi o radici nervose spinali: Studi della conduzione nervosa ed elettromiografia

  • Per i plessi: a volte risonanza magnetica per immagini (RMI) dopo aver iniettato un agente di contrasto in vena

  • Per il cervello o il midollo spinale: RMI, o se la RMI non è disponibile, una TC.

Vengono spesso effettuati contemporaneamente studi della conduzione nervosa ed elettromiografia. Gli studi della conduzione nervosa utilizzano elettrodi o piccoli aghi per stimolare un nervo. In seguito i medici misurano la velocità alla quale il nervo trasmette i segnali. Nell’elettromiografia, un piccolo ago viene inserito in un muscolo per registrarne l’attività elettrica in condizioni di riposo e durante la contrazione.

Vengono effettuati altri esami per identificare il disturbo specifico. Ad esempio, se i risultati suggeriscono una polineuropatia, i medici effettuano esami del sangue per controllare le varie cause (come diabete, malattie renali o carenze di vitamine).

Trattamento

La condizione che causa l’intorpidimento viene risolta o trattata non appena possibile.

Misure generali possono aiutare ad alleviare i sintomi e a prevenire problemi supplementari. Sono necessarie precauzioni per prevenire le ferite, perché le persone che soffrono di intorpidimento non riescono a sentire il fastidio. Se hanno i piedi intorpiditi, in particolare in presenza di disturbi di circolazione, devono indossare calze e scarpe adatte e devono controllare che non ci siano sassolini o altri materiali estranei prima di indossare le scarpe. Devono controllare regolarmente i piedi per verificare la presenza di ulcere o segni di infezione, come rossore. Se le mani o le dita sono intorpidite, devono fare attenzione quando manipolano oggetti che possono essere caldi o affilati.

Se hanno difficoltà a camminare o hanno perso il senso della posizione (dove si trovano le parti del corpo), la fisioterapia può aiutarle a imparare a camminare in modo più sicuro e a evitare le cadute.

Devono essere consapevoli che possono avere problemi durante la guida e, in questo caso, devono parlarne con il medico.

Punti principali

  • Con intorpidimento s’intende una perdita parziale o completa di sensibilità ed è spesso accompagnato da sensazioni anomale, come il formicolio.

  • L’intorpidimento, che ha molte cause, avviene quando una parte del percorso dai recettori sensoriali nella pelle al cervello non funziona correttamente.

  • In presenza di uno qualsiasi di questi segnali d’allarme, è necessario rivolgersi immediatamente al medico.

  • Spiegando al medico quali parti del corpo sono colpite e la velocità alla quale si sviluppano i sintomi, questi potrà identificare il punto e la causa del problema di funzionamento.

  • L’esame inizia solitamente con studi della conduzione nervosa e un’elettromiografia se si pensa che siano colpiti i nervi sensoriali, i plessi o le radici nervose spinali, oppure con una RMI se si pensa che siano colpiti il cervello o il midollo spinale.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul sistema nervoso
Video
Panoramica sul sistema nervoso
Modelli 3D
Vedi Tutto
Cervello
Modello 3D
Cervello

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE