Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Agenti biologici come armi

Di

James Madsen

, MD, MPH, Uniformed Services University of the Health Sciences

Ultima modifica dei contenuti mag 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

Per guerra biologica si intende l'utilizzo di agenti microbiologici per scopi ostili. Tale uso è vietato dalle leggi internazionali e infatti raramente ha avuto luogo durante le guerre convenzionali della storia moderna, malgrado l'estesa preparazione e lo stoccaggio di agenti biologici portato avanti nel XX secolo dalle maggiori potenze (compreso lo sviluppo di ceppi resistenti a più farmaci). La principale preoccupazione è l'utilizzo di agenti biologici come armi da parte di gruppi terroristici. Si ritiene che gli agenti di guerra biologica siano l'arma ideale per i terroristi. Questi agenti possono essere liberati clandestinamente e hanno effetti ritardati, permettendo al terrorista di passare inosservato.

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno creato una lista di priorità per gli agenti biologici e le tossine (vedi tabella Agenti e tossine biologici ad alta priorità secondo il CDC). Gli agenti con la massima priorità appartengono alla categoria A.

L'uso deliberato di agenti di guerra biologica per causare incidenti di massa probabilmente comporterebbe la diffusione di aerosol per infettare attraverso l'inalazione, e quindi il carbonchio e la peste polmonare sono le 2 malattie che potrebbero verificarsi con maggiore probabilità in queste circostanze.

Tabella
icon

Agenti e tossine biologici ad alta priorità secondo il CDC*

Categoria

Sostanza

A: priorità massima

Bacillus anthracis, che causa l'antrace

La tossina botulinica di Clostridium botulinum, agente patogeno del botulismo

Yersinia pestis, agente patogeno della peste

Francisella tularensis, agente patogeno della tularemia

Variola Virus, agente patogeno della variola vera (vaiolo classico)

Virus delle febbri emorragiche virali

  • Arenavirus, agenti patogeni della febbre di Lassa e delle febbri emorragiche virali del Nuovo Mondo (febbri emorragiche causate dai virus Machupo, Junin, Guanarito, e Sabia)

  • Bunyaviridae, agenti patogeni della febbre emorragica di Crimea-Congo e della febbre della Rift Valley

  • Filoviridae, agenti patogeni della malattia da virus Ebola e della malattia da virus Marburg

  • Flaviviridae, agenti patogeni della febbre gialla, della febbre emorragica di Omsk e della malattia della foresta Kyasanur

B: 2a priorità più alta

Brucella spp, causa della brucellosi

Tossina epsilon di Clostridium perfringens che causa intossicazione alimentare

Salmonella che causa intossicazione alimentare, Escherichia coli 0157:H7 e Shigella, che provoca shigellosi

Burkholderia mallei, agente patogeno della morva

Burkholderia pseudomallei, agente patogeno della melioidosi

Chlamydia psittaci, agente patogeno della psittacosi

Coxiella burnetii, agente patogeno della febbre Q

Tossina ricina da Ricinus communis

Enterotossina stafilococcica causante intossicazione alimentare da stafilococco

Rickettsia prowazekii, agente patogeno della febbre tifoide

Alfavirus, agenti patogeni di encefaliti virali (p. es., l'encefalite equina venezuelana, orientale e occidentale)

Vibrio cholerae, Cryptosporidium parvum, e altri agenti, che provocano malattie trasmesse attraverso l'acqua (p. es., colera, criptosporidiosi)

C: 3a priorità più alta

Virus Nipah, hantavirus, coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave, e virus influenzali in grado di provocare una pandemia influenzale

Altri agenti associati a malattie infettive emergenti

CDC = Centers for Disease Control and Prevention; SARS = severe acute respiratory syndrome.

*Un elenco alfabetico degli agentie delle malattie del bioterrorismo è disponibile presso il Centers for Disease Control and Prevention: Emergency Preparedness and Response.

Riconoscimento

Può essere difficile distinguere l'uso di un agente per guerra biologica da un focolaio naturale della malattia. Tra gli indizi dell'origine intenzionale piuttosto che naturale di un focolaio di malattia vi sono i seguenti:

  • Casi di malattie non osservate di frequente in una data area geografica

  • Distribuzione inusuale di casi tra i segmenti della popolazione

  • Tassi di incidenza significativamente diversi tra coloro che sono all'interno o all'esterno degli edifici

  • Focolai separati in aree geograficamente non contigue

  • Focolai multipli simultanei o in serie di malattie diverse nella stessa popolazione

  • Vie di esposizione insolite (p. es., per inalazione)

  • Zoonosi che si manifestano negli esseri umani piuttosto che negli animali

  • Zoonosi che si manifestano prima negli esseri umani e poi nei loro vettori tipici

  • Zoonosi che si manifestano in una zona con una bassa prevalenza del tipico vettore per la malattia

  • Gravità insolita della malattia

  • Ceppi non comuni di agenti infettivi

  • Assenza di risposta alla terapia standard

Un'indagine epidemiologica dei casi e la cooperazione con le forze dell'ordine sono fondamentali, così come la comunicazione del rischio al pubblico.

La presentazione clinica, la diagnosi e il trattamento dei pazienti con malattie provocate da agenti di guerra biologica ad alto rischio sono discussi altrove nel Manuale: antrace, peste, vaiolo, tularemia, e febbri emorragiche virali. La gestione delle epidemie provocate da agenti di guerra biologica non differisce da quella di focolai naturali, salvo che i medici devono essere preparati a insolite manifestazioni di resistenza agli antibiotici.

Possono essere necessari l'isolamento (dei pazienti) e la quarantena (di coloro che sono venuti in contatto con i pazienti). Le malattie deliberatamente disseminate più contagiose sono il vaiolo (per il quale sono necessarie precauzioni respiratorie) e la peste polmonare (che necessita di precauzioni contro gli aerosol).

Risposta

A causa dei periodi di incubazione relativamente lunghi delle malattie causate dagli agenti di guerra biologica, la maggior parte delle vite sarà salvata o persa in ambito ospedaliero. Sono necessarie sufficienti scorte di vaccini, antibiotici e antivirali per i pazienti ricoverati in ospedale e per coloro che sono entrati in contatto con essi, e sono cruciali dei sistemi per la distribuzione di tali contromisure mediche agli individui nella popolazione generale ad alto rischio di esposizione.

Le opinioni espresse in questo articolo sono quelle dell'autore e non riflettono la politica ufficiale del Department of Army, Department of Defense, o del governo degli Stati Uniti.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come esaminare il polso
Video
Come esaminare il polso
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema muscolo-scheletrico completo
Modello 3D
Sistema muscolo-scheletrico completo

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE