Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Criptosporidiosi

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La criptosporidiosi è l'infezione da protozoo Cryptosporidium. Il sintomo principale è la diarrea acquosa, spesso con altri segni di disfunzione gastrointestinale. La malattia è tipicamente autolimitante nei pazienti immunocompetenti, ma può essere persistente e grave nei malati di AIDS. La diagnosi si basa sull'identificazione del microrganismo o degli antigeni nelle feci. Il trattamento dei soggetti immunocompetenti, quando necessario, si basa sulla nitazoxanide. Nei pazienti con AIDS sono utilizzate una terapia antiretrovirale altamente attiva e la terapia di supporto; il nitazoxanide può migliorare i sintomi, ma non cura l'infezione nelle persone con AIDS non trattato.

Fisiopatologia della criptosporidiosi

I criptosporidi sono protozoi intracellulari obbligati del gruppo dei coccidi che si replicano nelle cellule epiteliali dell'intestino tenue dei vertebrati.

Dopo che le oocisti di Cryptosporidium sono state ingerite, vengono liberate nel tratto gastro-intestinale e rilasciano sporozoiti, che parassitizzano le cellule epiteliali gastro-intestinali. In queste cellule, gli sporozoiti si trasformano in trofozoiti, si replicano e producono oocisti.

Vengono prodotti due tipi di oocisti:

  • Oocisti a pareti spesse, che sono comunemente escrete dall'ospite

  • Oocisti a parete sottile, che sono principalmente coinvolte nell'autoinfezione

Le oocisti infettive a parete spessa vengono versate nel lume ed eliminate nelle feci dall'ospite infetto; sono immediatamente infettive e possono essere trasmesse direttamente da persona a persona per via oro-fecale. Pochissime oocisti (p. es., < 100) sono necessarie per causare la malattia, aumentando così il rischio di trasmissione da persona a persona.

Quando le oocisti infettive vengono ingerite dagli umani o da un altro ospite vertebrato, il ciclo ricomincia.

Le oocisti sono resistenti agli ambienti ostili, compresi quelli contenenti cloro ai livelli raccomandati di solito utilizzati nei sistemi di trattamento delle acque pubbliche e delle piscine nonostante l'aderenza ai livelli di cloro residuo raccomandati.

Epidemiologia della criptosporidiosi

Le specie di Cryptosporidium infettano una vasta gamma di animali. Cryptosporidium parvum e C. hominis (precedentemente C. parvum genotype 1) sono responsabili della maggior parte dei casi umani di criptosporidiosi. L'ingestione anche di un numero relativamente piccolo di ovociti può provocare la malattia. Le infezioni sono dovute a ciò che segue:

  • Ingestione di cibo o acqua contaminate da feci (spesso acqua di piscine pubbliche e residenziali, vasche idromassaggio, parchi acquatici, laghi o corsi d'acqua)

  • Contatto diretto da persona a persona

  • Diffusione zoonotica

La malattia è presente in tutto il mondo. La criptosporidiosi è responsabile dello 0,6-7,3% delle forme di malattia diarroica nei paesi industrializzati e di una percentuale anche più alta nelle zone con scarsa igiene. Negli Stati Uniti dal 2009 al 2017, sono stati segnalati 444 focolai di criptosporidiosi che hanno portato a 7465 casi in 40 stati e in Porto Rico. Il numero di epidemie segnalate è aumentato in media del 13% all'anno. Le cause principali comprendono la deglutizione di acqua contaminata nelle piscine o nei campi da gioco, il contatto con bovini infetti e il contatto con persone infette in strutture di assistenza all'infanzia (1 Riferimento epidemiologico La criptosporidiosi è l'infezione da protozoo Cryptosporidium. Il sintomo principale è la diarrea acquosa, spesso con altri segni di disfunzione gastrointestinale. La malattia è tipicamente... maggiori informazioni  Riferimento epidemiologico ). A Milwaukee, Wisconsin, > 400 000 persone sono state colpite durante un'epidemia nel 1993, quando l'approvvigionamento idrico della città è stato contaminato da scarichi durante le piogge primaverili quando il sistema di filtraggio non aveva funzionato correttamente.

I bambini, i viaggiatori, i pazienti immunocompromessi e il personale sanitario che assiste i soggetti affetti da criptosporidiosi sono esposti a un rischio più alto. Epidemie si sono verificate negli asili nido. L'esiguo numero di oocisti necessarie per causare l'infezione, l'escrezione prolungata di oocisti, la resistenza delle oocisti alla clorazione, e le loro piccole dimensioni sono fonte di preoccupazione per quanto riguarda le piscine frequentate da infanti che utilizzano il pannolino.

Riferimento epidemiologico

Sintomatologia della criptosporidiosi

Il periodo di incubazione per la criptosporidiosi è di circa 1 settimana e la malattia clinica si verifica in > 80% delle persone infette. L'esordio è in genere brusco, con profusa diarrea acquosa, crampi addominali e, meno comunemente, nausea, anoressia, febbre e malessere. I sintomi generalmente persistono per 2-3 settimane, raramente 1 mese, per poi attenuarsi. L'eliminazione fecale delle oocisti può continuare per diverse settimane dalla fine dei sintomi clinici. L'eliminazione asintomatica delle oocisti è frequente tra i bambini dei paesi in via di sviluppo. La criptosporidiosi è anche associata a malnutrizione nei bambini che vivono in aree con scarsa igiene.

Nell'ospite immunocompromesso, l'esordio può essere più graduale, ma la diarrea può essere più grave. Se non si corregge il sottostante difetto immunitario, l'infezione può persistere, causando una profusa diarrea intrattabile per tutta la vita. In alcuni pazienti con AIDS sono state descritte perdite di liquidi > 5-10 L/die. L'intestino è la sede più frequente di infezione nei pazienti immunocompromessi; tuttavia, altri organi (p. es., vie biliari, pancreas, vie respiratorie) possono essere coinvolti.

Diagnosi della criptosporidiosi

  • Test immunoenzimatico per la ricerca dell'antigene fecale o sonde molecolari per il DNA del parassita

  • Esame microscopico delle feci (richieste tecniche speciali)

L'identificazione delle oocisti acidoresistenti nelle feci conferma la diagnosi di criptosporidiosi, ma i metodi convenzionali di valutazione delle feci (ossia, l'esame di routine "feci per uova e parassiti") non sono attendibili. L'escrezione di oocisti è intermittente, e possono essere necessari più campioni di feci. Diverse tecniche di concentrazione aumentano la sensibilità. Le oocisti di Cryptosporidium possono essere identificate mediante microscopia a contrasto di fase o mediante colorazione modificata di Ziehl-Neelsen o con la tecnica di Kinyoun. La microscopia a immunofluorescenza con anticorpi monoclonali marcati con fluoresceina garantisce maggiore sensibilità e specificità.

I test immunoenzimatici fecali per il Cryptosporidium sono più sensibili della ricerca microscopica delle oocisti.

Test sensibili e specifici basati sul DNA per identificare e classificare C. parvum e C. hominis sono disponibili.

La biopsia intestinale è in grado di dimostrare il Cryptosporidium all'interno delle cellule epiteliali.

Trattamento della criptosporidiosi

  • Nitazoxanide nei pazienti non affetti da AIDS e con un'infezione persistente

  • Terapia antiretrovirale nei pazienti con AIDS; la nitazoxanide può migliorare i sintomi, ma non guarisce l'infezione nei pazienti con AIDS

Nei soggetti immunocompetenti, la criptosporidiosi è autolimitante. Per le infezioni gravi o persistenti, viene utilizzata la nitazoxanide orale; le dosi consigliate, somministrate per 3 giorni, sono le seguenti:

  • Età da 1 a 3 anni: 100 mg 2 volte/die

  • Età da 4 a 11 anni: 200 mg 2 volte/die

  • Età ≥ 12 anni: 500 mg 2 volte/die

Nei pazienti con AIDS, la chiave terapica è la ricostituzione delle difese immunitarie con la terapia antiretrovirale Terapia antiretrovirale: principi generali L'infezione da virus dell'immunodeficienza umana (HIV) è causata da 1 di 2 retrovirus simili (HIV-1 e HIV-2) che distruggono i linfociti T CD4+ e inibiscono la risposta immunitaria cellulo-mediata... maggiori informazioni  Terapia antiretrovirale: principi generali . Il nitazoxanide (da 500 a 1000 mg 2 volte/die) per 14 giorni o più si è rivelato efficace nel ridurre i sintomi nei soggetti adulti con una conta dei CD4 > 50/mcL. I sintomi si riducono anche con l'avvio di un'appropriata terapia antiretrovirale e con l'immunoricostituzione.

Misure di supporto, quali la reidratazione orale o parenterale, e l'iperalimentazione possono essere necessarie nei pazienti immunocompromessi con malattia grave.

Prevenzione della criptosporidiosi

La prevenzione della criptosporidiosi necessita di

  • Trattamento efficace delle acque pubbliche

  • Preparazione igienica degli alimenti

  • Precauzioni speciali durante i viaggi internazionali

  • Igiene oro-fecale appropriata

  • Lavaggio accurato delle mani dopo il contatto con feci umane e animali

  • Non ingoiare l'acqua quando si nuota in laghi, fiumi, corsi d'acqua, mare, piscine e vasche idromassaggio

  • Pratiche di sesso più sicuro

  • Prestare particolare attenzione quando si viaggia in aree con scarse condizioni igieniche

Raccomandazioni specifiche per la comunità e per le persone con immunità compromessa da AIDS o altre cause sono disponibili presso il Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Le feci dei pazienti con criptosporidiosi sono altamente infettive; si devono osservare strette precauzioni per evitarne la diffusione. Per la manipolazione dei campioni clinici sono state sviluppate speciali linee guida di biosicurezza. La bollitura dell'acqua potenzialmente contaminata per 1 minuto (3 minuti ad altitudini > 2000 m) è il metodo di decontaminazione più affidabile; solo filtri con pori di grandezza 1 micrometro (di cui è garantita una dimensione "1 micron" o certificati secondo lo standard NSF/ANSI Standard No. 53 o No. 58) rimuovono le cisti di Cryptosporidium.

Punti chiave sulla criptosporidiosi

  • La criptosporidiosi si diffonde facilmente in quanto l'escrezione fecale di oocisti persiste per settimane dopo che i sintomi si risolvono, inoltre un numero molto piccolo di oocisti è in grado di dare l'infezione; quest'ultime, resistenti alla clorazione, sono difficili da rimuovere con la comune filtrazione dell'acqua.

  • La diarrea profusa, acquosa, accompagnata da crampi è di solito autolimitante, ma nei pazienti con AIDS la diarrea può essere grave ed accompagnarli per tutta la vita.

  • Diagnosticare usando i test immunoenzimatici per l'antigene di Cryptosporidium fecale e l'esame microscopico delle feci; quest'ultimo è meno sensibile e richiede tecniche specialistiche (p. es., microscopia a contrasto di fase, colorazione acidoresistente).

  • I pazienti immunocompetenti non affetti da AIDS vanno trattati con nitazoxanide se i sintomi persistono.

  • Trattare i pazienti con AIDS con un'appropriata terapia antiretrovirale; i sintomi possono ridursi al miglioramento del sistema immunitario dopo un'adeguata terapia.

  • Il nitazoxanide può migliorare i sintomi, ma non guarisce l'infezione nelle persone affette da AIDS.

Per ulteriori informazioni sulla criptosporidiosi

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Verruche genitali
Circa il 70% di tutti i tumori della cervice è causato da quale dei seguenti tipi di papilloma virus umano (HPV)?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE