Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Descrizioni di segni, neoformazioni e cambiamenti di colore della pelle

Di

Julia Benedetti

, MD, Harvard Medical School

Ultima revisione/verifica completa apr 2019| Ultima modifica dei contenuti apr 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

I medici usano termini specifici per descrivere vari tipi di segni e neoformazioni sulla pelle. Alcune malattie e infezioni della pelle possono causare cambiamenti di colore.

Tipi di segni cutanei e neoformazioni

L’atrofia è un assottigliamento della pelle che può talvolta causare un avvallamento e spesso conferisce alla cute un aspetto secco e raggrinzito, a “carta per sigarette”.

Le bolle sono vesciche trasparenti ripiene di liquido di dimensioni superiori a 10 millimetri di diametro (più grandi delle vescicole).

Le croste derivano da sangue secco, pus o liquidi cutanei sulla superficie della pelle. Una crosta si può formare ovunque la cute sia stata danneggiata.

Le cisti sono cavità con pareti sottili piene di materiale liquido o semiliquido. Spesso hanno l’aspetto e la consistenza di un nodulo cutaneo.

Le erosioni sono aree cutanee esposte dovute alla perdita di parte o di tutti gli strati superiori (epidermide) della pelle. Le erosioni si verificano in caso di infezione, pressione, irritazione o temperatura che ha danneggiato la pelle. Solitamente guariscono senza cicatrizzazione.

Le escoriazioni sono erosioni causate dal grattamento, dallo sfregamento o dallo strappamento della pelle. Spesso le escoriazioni sono ricoperte da una crosta.

Lesione è un termine generale che indica qualsiasi segno o neoformazione anomali sulla pelle.

La lichenificazione è l’ispessimento della cute, con accentuazione delle pliche o dei solchi, che appaiono come scanalature e rughe profonde. La lichenificazione è causata dal ripetuto grattamento o strofinamento.

Le macule sono chiazze piatte e discromiche di qualsiasi forma inferiori a 10 millimetri di diametro. Sono maculari le lentiggini, i nei piatti e le macchie vino-porto (angiomi piani), nonché molti tipi di eruzioni cutanee.

I noduli sono aree solide rialzate solitamente rotonde. Sono più profondi e di più facile palpazione rispetto alle papule. A volte, un nodulo compare, si forma sotto la superficie della pelle e spinge verso l’alto.

Le papule sono escrescenze solide rilevate di diametro inferiore a 10 millimetri. Le verruche, le punture di insetti, il lichen planus e alcuni tumori cutanei possono crescere come papule.

Le chiazze sono macchie piane di maggiori dimensioni (superiori a 10 millimetri).

Le placche sono aree piane o rilevate, oppure gruppi di piccoli rigonfiamenti (papule), solitamente di diametro superiore a 10 millimetri.

Le pustole sono macchie ripiene di liquido (vescicole) che contengono pus.

Le desquamazioni sono aree di cellule epidermiche necrotiche e ammassate dall’aspetto di chiazza secca e squamosa. Le desquamazioni si formano nella psoriasi, nella dermatite seborroica e in molti altri disturbi.

Le cicatrici sono aree in cui la cute normale viene sostituita da tessuto fibroso (formazione di cicatrice). Le cicatrici si formano a seguito di danni al derma.

Le teleangectasie sono vasi sanguigni dilatati, in prossimità della superficie della pelle, che spesso presentano un aspetto tortuoso e che diventano bianche (si schiariscono) quando viene applicata pressione.

Le ulcere sono simili alle erosioni, solo più profonde, e interessano almeno una parte del derma. Le cause sono le stesse delle erosioni, ma sono coinvolte anche cause che compromettono la guarigione, come la stasi venosa, il diabete, l’arteriopatia periferica e la vasculite. Di solito, le ulcere guariscono lasciando cicatrici.

Le vescicole sono piccole vesciche trasparenti piene di liquido di diametro inferiore a 10 millimetri. Le bolle sono vescicole di diametro superiore a 10 millimetri. L’herpes zoster (fuoco di Sant’Antonio), la varicella, le ustioni, le reazioni allergiche e le irritazioni formano vescicole e bolle.

I pomfi (orticaria) sono aree rilevate, pruriginose e arrossate causate da edema (gonfiore) cutaneo. I pomfi appaiono improvvisamente e quindi scompaiono quasi sempre entro 24 ore. I pomfi sono le più comuni reazioni allergiche ai farmaci, alle punture d’insetto o a qualsiasi corpo estraneo che entri in contatto con la pelle. La presenza di pomfi multipli viene definita orticaria.

Esempi di macchie, neoformazioni e variazioni della pigmentazione della pelle

Cambiamenti di colore nella pelle

La pelle arrossata (eritema) può essere dovuta a molti disturbi diversi che causano infiammazione o che sono provocati da infezione. I tumori cutanei hanno spesso un colore rosa o rosso. Le patologie che colpiscono i vasi sanguigni in prossimità della superficie della pelle, come le macchie vino-porto, possono presentare un colore rosso.

La pelle arancione è più spesso il risultato di una ipercarotenemia. L’ipercarotenemia è una condizione che deriva da un’eccessiva quantità del pigmento carotene nel sangue. Le persone che mangiano eccessivamente alimenti ricchi di beta-carotene, come le carote, possono sviluppare ipercarotenemia.

La cute giallastra potrebbe svilupparsi in persone affette daittero. Le cause di aree giallastre isolate includono gli xantelasmi e gli xantomi (piccoli depositi di grasso di colore giallo nella pelle o nei tendini) e lo pseudoxantoma elastico.

Le unghie delle dita verdi sono solitamente causate da infezioni dovute al batterio Pseudomonas aeruginosa.

La pelle violacea può essere provocata da sanguinamento sotto la pelle (emorragia cutanea) o da vasculite. Le neoformazioni anomale di vasi sanguigni, come ilsarcoma di Kaposi e gli emangiomi, possono presentare una colorazione viola. L’infiammazione della cute dovuta alladermatomiosite può causare un colorazione porpora-rossastra o violacea intorno agli occhi e sul viso (chiamata eruzione a eliotropio.

Sfumature di blu, argento e grigio possono presentarsi quando nella pelle si depositano farmaci o metalli, tra cui la minociclina, l’amiodarone e l’argento (argirosi). Qualora l’apporto di sangue sia bloccato o scadente, la pelle potrebbe presentare un colore dal viola al grigio. Alcune voglie e nei (nevi) presenti in profondità nella pelle potrebbero avere un colore blu.

Le lesioni che fanno apparire la pelle nera potrebbero contenere cellule specializzate che producono il pigmento bruno melanina (melanociti). Esempi di questi tipi di lesione includono i nei (nevi) e il melanoma. Le croste spesse e nere (chiamate escare) sono raccolte di pelle morta e possono essere dovute alla morte del tessuto (infarto).

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Cancro della cute
Video
Cancro della cute
La cute è l’organo più esteso del corpo. Svolge numerose funzioni importanti, tra cui proteggere...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Stria linfangitica
Modello 3D
Stria linfangitica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE