Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Carenza di vitamina D

(Rachitismo; osteomalacia)

Di

Larry E. Johnson

, MD, PhD, University of Arkansas for Medical Sciences

Ultima revisione/verifica completa ott 2019| Ultima modifica dei contenuti ott 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Generalmente, la carenza di vitamina D è causata dalla mancanza di esposizione alla luce solare. Anche alcuni disturbi possono causare la carenza.

  • La causa più comune è la mancanza di esposizione alla luce solare, in genere quando la dieta è carente di vitamina D, ma la carenza può essere causata anche da certe malattie.

  • In assenza di una quantità sufficiente di vitamina D, si manifestano dolori osteo-muscolari, debolezza muscolare e fragilità ossea.

  • I neonati sviluppano il rachitismo: il cranio è molle, le ossa crescono in modo anomalo e hanno difficoltà a sedersi e a gattonare.

  • Per confermare la diagnosi vengono eseguiti esami del sangue e, a volte, radiografie.

  • Fin dalla nascita, è necessario somministrare integratori di vitamina D ai neonati allattati al seno in quanto il latte materno ne contiene poca.

  • Gli integratori di vitamina D assunti per via orale o somministrati mediante iniezione, di solito, portano alla guarigione completa.

Esistono due forme di vitamina D importanti per l’alimentazione:

  • Vitamina D2 (ergocalciferolo): questa forma viene sintetizzata dalle piante e dai precursori del lievito, ed è anche la forma generalmente usata negli integratori ad alto dosaggio.

  • Vitamina D3 (colecalciferolo): si tratta della forma più attiva di vitamina D e si forma nella pelle quando questa viene esposta alla luce diretta del sole. Le fonti alimentari più comuni di questa vitamina sono gli alimenti arricchiti, soprattutto cereali e latticini. La vitamina D è inoltre presente nell’olio di fegato di pesce e nel pesce grasso.

(Vedere anche Panoramica sulle vitamine).

Il latte materno umano contiene solo piccole quantità di vitamina D.

La vitamina D viene immagazzinata principalmente nel fegato. Le vitamine D2 e D3 non sono attive nell’organismo. Entrambe le forme devono essere elaborate (metabolizzate) nel fegato e nei reni in una forma attiva chiamata vitamina D attiva o calcitriolo. Questa forma attiva stimola l’assorbimento di calcio e fosforo nell’intestino. Il calcio e il fosforo, due minerali, vengono assorbiti nelle ossa per renderle resistenti e dense (un processo chiamato mineralizzazione). Perciò, il calcitriolo è necessario per la formazione, la crescita e la riparazione delle ossa.

Il fabbisogno di vitamina D aumenta con l’avanzare dell’età.

La vitamina D, analogamente alle vitamine A, E e K, è una vitamina liposolubile che si scioglie nel grasso ed è assorbita in modo ottimale se consumata con i grassi.

La carenza di vitamina D è comune a livello globale. Si verifica più frequentemente quando la pelle non viene esposta a una quantità sufficiente di luce solare. Gli alimenti naturali (non arricchiti) raramente forniscono una quantità di vitamina D sufficiente per prevenire la carenza. Gli alimenti arricchiti con vitamina D e i relativi integratori consentono di prevenire la carenza in caso di inadeguata esposizione alla luce solare.

Nella carenza di vitamina D, l’organismo assorbe una quantità inferiore di calcio e fosfato. Poiché calcio e fosfato non sono disponibili in quantità sufficienti per mantenere le ossa sane, la carenza di vitamina D può causare un disturbo osseo detto rachitismo nei bambini o osteomalacia negli adulti. Nell’osteomalacia, l’organismo non incorpora sufficiente calcio e altri minerali nelle ossa, causando debolezza ossea.

La carenza di vitamina D in una donna in gravidanza causa la carenza nel feto e il neonato presenta un rischio elevato di sviluppare rachitismo. A volte, la carenza è tanto grave da causare osteomalacia nella donna. La carenza di vitamina D peggiora l’osteoporosi.

La carenza di vitamina D si traduce in un basso livello di calcio nel sangue. Per tentare di aumentare i livelli di calcio, l’organismo può produrre una maggiore quantità di ormone paratiroideo. Tuttavia, quando i livelli di ormone paratiroideo diventano alti (una condizione chiamata iperparatiroidismo), l’ormone induce la mobilizzazione del calcio dalle ossa per aumentare i livelli ematici di calcio. L’ormone paratiroideo causa anche l’eliminazione di più fosfato nelle urine. Sia il calcio sia il fosfato sono necessari per mantenere ossa sane. Di conseguenza, le ossa s’indeboliscono.

Sapevate che...

  • La mancanza di esposizione alla luce solare può causare carenza di vitamina D.

Cause

Esposizione inadeguata alla luce del sole

La causa più comune della carenza di vitamina D è

  • Esposizione inadeguata alla luce del sole

Perciò la carenza di vitamina D colpisce soprattutto i soggetti che non trascorrono molto tempo all’aria aperta: gli anziani e coloro che vivono in un istituto, come una casa di riposo. La carenza può verificarsi anche d’inverno alle latitudini settentrionali e meridionali oppure nelle persone che tengono il corpo coperto, come ad esempio le donne musulmane.

Poiché il latte materno contiene solo piccole quantità di vitamina D, i neonati allattati al seno che non sono sufficientemente esposti alla luce solare sono a rischio di carenza e rachitismo.

Alcuni specialisti raccomandano l’esposizione di braccia e gambe oppure di viso, braccia e mani alla luce diretta del sole per 5-15 minuti almeno 3 volte a settimana, ma alcuni soggetti, come quelli di carnagione scura o di età avanzata, possono richiedere una maggiore esposizione alla luce solare. Tuttavia, molti dermatologi sconsigliano l’eccessiva esposizione al sole, in quanto aumenta il rischio di cancro della cute.

La carenza di vitamina D in genere si manifesta in soggetti che non si espongono al sole e che non consumano dosi sufficienti di vitamina D con la dieta.

Altre cause

Quando la pelle viene esposta a una quantità sufficiente di luce solare, l’organismo di solito produce una quantità adeguata di vitamina D. Tuttavia, alcune circostanze aumentano il rischio di carenza di vitamina D anche con un’adeguata esposizione alla luce solare.

  • In determinati gruppi di persone, la pelle produce meno vitamina D in risposta alla luce solare. Tra queste vi sono le persone con carnagione scura (in particolare quelle di razza nera), gli anziani e le persone che usano protezioni solari.

  • L’organismo potrebbe non essere in grado di assorbire una quantità sufficiente di vitamina D dal cibo. Nelle malattie da malassorbimento, i soggetti non sono in grado assorbire normalmente i grassi. né di assorbire la vitamina D, in quanto si tratta di una vitamina liposolubile che normalmente viene assorbita con i grassi nell’intestino tenue. Con l’avanzare dell’età, è possibile che nell’intestino venga assorbita una quantità inferiore di vitamina D.

  • L’organismo potrebbe non essere in grado di convertire la vitamina D in una forma attiva. Alcuni disturbi renali ed epatici e diverse malattie ereditarie rare (come il rachitismo ipofosfatemico) interferiscono con questa conversione, al pari di certi farmaci, quali alcuni anticonvulsivanti e la rifampicina.

In primo piano: l’invecchiamento Carenza di vitamina D

Gli anziani hanno maggiori probabilità di sviluppare una carenza di vitamina D per diversi motivi:

  • il loro fabbisogno è maggiore rispetto a quello dei soggetti più giovani e

  • tendono a trascorrere meno tempo all’aperto, quindi non sono esposti a una quantità sufficiente di luce solare.

  • Gli anziani potrebbero non essere sufficientemente esposti alla luce solare se costretti a casa, in strutture di lungodegenza o se ospedalizzati per un lungo periodo di tempo.

  • Quando esposti alla luce solare, la loro pelle non produce una quantità adeguata di vitamina D.

  • Nella loro dieta vi potrebbero essere quantità talmente ridotte di vitamina D che anche l’assunzione di integratori a basse dosi (come ad esempio 400 unità al giorno) non consente di prevenire la carenza.

  • Gli anziani potrebbero essere affetti da malattie o assumere farmaci che interferiscono con l’elaborazione della vitamina D.

Gli anziani dovrebbero assumere 800 unità di vitamina D ogni giorno per il benessere delle ossa.

Non è stato dimostrato che la vitamina D previene i tumori o altre malattie, né che previene le cadute negli anziani. Sono in corso ricerche su ulteriori benefici delle vitamina D.

Gli anziani che assumono dosi elevate di integratori di vitamina D devono sottoporsi periodicamente a esami del sangue per controllare i livelli di calcio, vitamina D e ormone paratiroideo.

Sintomi

La carenza di vitamina D può causare dolori muscolari, debolezza e dolori ossei a qualsiasi età.

Gli spasmi muscolari (tetania) possono essere il primo segno di rachitismo nei neonati. Sono causati da un basso livello ematico di calcio nei soggetti con grave carenza di vitamina D. Se le donne in gravidanza hanno carenza di vitamina D, nei neonati possono manifestarsi gli spasmi. Gli spasmi influiscono sul viso, sulle mani e sui piedi. Se gli spasmi sono gravi, possono causare crisi convulsive.

Nei bambini più piccoli con rachitismo, l’intero cranio può essere molle.

I bambini più grandi possono avere difficoltà a sedersi e a gattonare, e la chiusura degli spazi tra le ossa craniche (fontanelle) può richiedere più tempo.

Nei bambini di età compresa tra 1 e 4 anni, la crescita ossea può essere alterata, determinando una curvatura anomala della colonna vertebrale (scoliosi) e varismo o valgismo delle ginocchia. Per questi bambini può essere necessario più tempo per imparare a camminare.

Nei fanciulli e negli adolescenti camminare è doloroso. Una grave carenza di vitamina D può causare varismo o valgismo delle ginocchia. L’osso pelvico può appiattirsi, restringendo il canale del parto nelle ragazze adolescenti.

Negli adulti, le ossa, soprattutto quelle della colonna, del bacino e delle gambe, diventano fragili. Le aree interessate possono essere dolenti al tatto e si possono verificare fratture.

Negli anziani, le fratture ossee, in particolare la frattura dell’anca, possono verificarsi semplicemente con un leggero sobbalzo o una caduta insignificante.

Diagnosi

  • Esami del sangue

  • Talvolta radiografie

Il medico sospetta la carenza di vitamina D nei seguenti soggetti:

  • Soggetti che riferiscono una dieta inadeguata o un’inadeguata esposizione al sole

  • Neonati con tetania

  • Bambini con segni di rachitismo

  • Anziani, soprattutto in quelli con ridotta densità ossea (ad esempio, con osteoporosi) oppure con fratture ossee

Gli esami del sangue per misurare la vitamina D possono confermare la carenza. Vengono misurati i livelli di calcio e di fosfato. Potrebbero essere misurati i livelli di altre sostanze per escludere altre cause della riduzione della densità ossea.

Potrebbero essere necessari esami radiografici. Le caratteristiche alterazioni delle ossa possono comparire in radiografia prima che si manifestino i sintomi.

La diagnosi di rachitismo o di osteomalacia dovuta a carenza di vitamina D si basa sui sintomi, sul caratteristico aspetto radiografico delle ossa e sul basso livello ematico di vitamina D.

Prevenzione

Molti soggetti devono assumere integratori di vitamina D. Può essere difficile avere un’adeguata esposizione alla luce solare, in particolare perché la pelle deve anche essere protetta dai danni solari. Gli alimenti naturali raramente contengono una quantità di vitamina D sufficiente a compensare la mancanza di luce solare.

Gli integratori di vitamina D sono particolarmente importanti per i soggetti a rischio (come i soggetti anziani, costretti a casa o che vivono in strutture di lungodegenza). Per prevenire la carenza, gli anziani generalmente devono assumere ogni giorno 800 unità di vitamina D sotto forma di integratori. Raramente sono necessarie dosi più elevate.

Negli Stati Uniti e in Canada, il latte liquido (ma non i formaggi o lo yogurt) in commercio è arricchito con vitamina D. In molti altri Paesi, il latte non è arricchito con vitamina D. Anche i cereali per la colazione possono essere arricchiti.

Nei neonati allattati al seno, è particolarmente importante iniziare ad assumere integratori di vitamina D fin dalla nascita, in quanto il latte materno contiene poca vitamina D. Gli integratori vengono somministrati fino al compimento dei 6 mesi di età, quando i bambini iniziano ad avere una dieta più variata. Per i neonati che assumono latte artificiale, i vari tipi di latte artificiale in commercio contengono una quantità sufficiente di vitamina D.

Trattamento

  • Integratori di vitamina D

  • Talvolta, integratori di calcio e fosfato

Il trattamento della carenza di vitamina D comporta l’assunzione di vitamina D a dosi elevate, di solito quotidianamente per via orale, per circa 1 mese. Dopo 1 mese, la dose viene gradualmente ridotta fino a raggiungere la dose generalmente raccomandata.

Se sono presenti spasmi muscolari o si sospetta una carenza di calcio, vengono somministrati anche integratori di calcio. In caso di carenza di fosfato, vengono somministrati integratori di fosfato. Di solito, questo trattamento porta alla guarigione completa.

I soggetti con malattie epatiche o renali croniche potrebbero aver bisogno di apposite formulazioni di integratori di vitamina D.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica su vitamine e minerali
Video
Panoramica su vitamine e minerali
Per la sua salute il corpo umano ha bisogno di varie vitamine e minerali. Molte di queste...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE