Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Problemi del liquido amniotico

(polidramnios; idramnios; oligoidramnios)

Di

Antonette T. Dulay

, MD, Main Line Health System

Ultima revisione/verifica completa ago 2019| Ultima modifica dei contenuti ago 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il liquido amniotico è il liquido che circonda il feto nella cavità uterina e insieme al feto è contenuto nelle membrane chiamate sacco amniotico. I problemi del liquido amniotico includono eccesso o insufficienza del liquido e infezione del liquido, del sacco amniotico e/o della placenta (chiamate infezioni intra-amniotiche).

Le complicanze della gravidanza, come troppo o troppo poco liquido amniotico, sono problemi che si presentano unicamente durante la gravidanza. Possono interessare la donna, il feto o entrambi e possono insorgere in diversi momenti nel corso della gravidanza. Tuttavia, la maggior parte delle complicanze della gravidanza può essere trattata in maniera efficace.

Troppo liquido amniotico

Un eccesso di liquido amniotico (polidramnios o idramnios) dilata l’utero e aumenta la pressione sul diaframma delle donne in stato di gravidanza.

Possibili cause dell’accumulo di liquido:

Tuttavia, in circa la metà dei casi, la causa è sconosciuta.

Un eccesso di liquido amniotico può determinare vari problemi:

Il liquido amniotico è insufficiente

Le situazioni in cui si manifesta la tendenza a una scarsità di liquido amniotico sono:

In molti casi, la causa è sconosciuta.

L’assunzione di certi farmaci, come gli inibitori di conversione dell’angiotensina (ACE) (fra cui enalapril o captopril) nel 2° e 3° trimestre può comportare una quantità insufficiente di liquido amniotico. Di solito questi farmaci vanno evitati durante la gravidanza. Tuttavia, raramente, sono utilizzati per situazioni di insufficienza cardiaca grave. Anche l’assunzione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS, come l’ibuprofene) nelle ultime fasi della gravidanza può causare una riduzione della quantità di liquido amniotico.

Anche una quantità insufficiente di liquido amniotico (oligoidramnios) può causare problemi, come i seguenti:

  • Se la quantità di liquido amniotico è notevolmente ridotta, il feto può essere compresso, sviluppando conseguentemente deformità degli arti, naso piatto, mento retratto e altri problemi.

  • I polmoni del feto possono non maturare normalmente (la combinazione dei polmoni immaturi e delle deformità costituisce la cosiddetta sindrome di Potter).

  • Il feto potrebbe non essere in grado di tollerare il travaglio, rendendo necessario il parto cesareo.

  • Il feto può morire.

  • Il feto può non crescere come previsto.

Le donne possono notare che il feto non si muove tanto quanto nelle fasi precedenti della gravidanza.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Ecografia

  • Analisi per identificare la causa

I medici sospettano la presenza di quantità anomale di liquido amniotico quando l’utero è troppo grande o troppo piccolo rispetto al tempo gestazionale.

Talvolta il problema viene rivelato casualmente dall’ecografia. Se viene individuato un problema, i medici possono utilizzare l’ecografia per determinare quanto liquido amniotico è presente.

Se è troppo o troppo poco, possono cercare la possibile causa. Per esempio, possono esaminare la vagina e la cervice per determinare se le membrane attorno al feto si siano rotte troppo presto.

Possono essere effettuati esami del sangue per evidenziare disturbi che possono influenzare il liquido amniotico (come infezioni o diabete). Possono essere condotti un’ecografia e altri esami (possibilmente l’amniocentesi) che consentono di controllare la presenza di difetti congeniti del feto.

Trattamento

  • Ecografia per monitorare la crescita del feto e misurare i livelli del liquido amniotico

  • Monitoraggio della frequenza cardiaca del feto

  • Trattamento delle eventuali patologie sottostanti

  • Talvolta rimozione di liquido amniotico

  • Parto

Viene eseguita regolarmente un’ecografia per monitorare quanto stia crescendo il feto e per misurare i livelli di liquido amniotico. Viene anche monitorata regolarmente la frequenza cardiaca del feto quando è immobile e quando si muove. Questo esame serve a controllare il benessere fetale (chiamato ”non stress test”; vedere la barra laterale Montoraggio del feto).

Eventuali disturbi sottostanti, come diabete e ipertensione, vengono trattati.

In presenza di troppo liquido amniotico, i medici raramente ne rimuovono l’eccesso. Tuttavia, il liquido amniotico può essere rimosso con un ago inserito attraverso l'addome della donna:

  • Il travaglio inizia troppo presto.

  • Si verificano gravi problemi.

Quando è presente troppo liquido amniotico, i medici programmano il parto del bambino dopo 39 settimane di gestazione in alcuni casi.

Se la quantità di liquido amniotico è troppo bassa, la maggior parte degli esperti raccomanda generalmente il parto tra 36 e 37 settimane di gestazione, a seconda delle condizioni del feto.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Endometriosi
Video
Endometriosi
L’endometriosi è un disturbo del sistema riproduttivo femminile. L’utero è formato da 3 strati...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Contenuto della pelvi femminile
Modello 3D
Contenuto della pelvi femminile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE