Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Pemfigoide gravidico

(Herpes gestationis)

Di

Antonette T. Dulay

, MD, Main Line Health System

Ultima revisione/verifica completa ott 2020| Ultima modifica dei contenuti ott 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

Il pemfigoide gravidico è un’eruzione cutanea estremamente pruriginosa che si verifica solo durante la gravidanza.

  • Solitamente l’eruzione cutanea inizia attorno all’ombelico, compare durante il 2º o 3º trimestre e scompare entro alcune settimane o mesi dal parto.

  • Normalmente il feto non è interessato, sebbene alcuni sviluppino un’eruzione simile che scompare senza trattamento entro alcune settimane.

  • La diagnosi di pemfigoide gravidico si basa sull’aspetto dell’eruzione cutanea,

  • che viene trattata con una crema corticosteroidea o, se grave, con un corticosteroide orale.

Le complicanze della gravidanza, come il pemfigoide gravidico, sono problemi che si presentano unicamente durante la gravidanza stessa. Le complicanze della gravidanza possono interessare la donna, il feto o entrambi e possono insorgere in diversi momenti nel corso della gravidanza. Tuttavia, la maggior parte delle complicanze della gravidanza può essere trattata in maniera efficace.

Sintomi del pemfigoide gravidico

L’eruzione cutanea del pemfigoide gravidico si presenta sotto forma di puntini rossi piatti o sollevati che spesso si formano inizialmente nella zona dell’addome intorno all’ombelico, successivamente si formano vesciche che si diffondono. Possono essere piccole o grandi, di forma irregolare e piene di liquido. Si tratta di eruzioni estremamente pruriginose. L’eruzione cutanea può diffondersi al resto del corpo, compresi tronco, braccia, gambe, palmi delle mani e piante dei piedi. Viso e bocca non sono di solito colpiti.

Solitamente si manifestano nel 2° o 3° trimestre, ma non è escluso che insorgano prima o immediatamente dopo il parto. Generalmente, peggiorano subito dopo il parto e scompaiono entro alcune settimane o mesi. Spesso si ripresenta in una gravidanza successiva e talvolta anche se la donna assume contraccettivi orali. Può anche ripresentarsi mentre le donne hanno il ciclo mestruale o quando le ovaie rilasciano un ovulo (all’ovulazione).

Di solito il bambino non è interessato, ma occasionalmente può nascere con un’eruzione cutanea analoga, che in genere scompare senza trattamento entro poche settimane. La presenza di pemfigoide gravidico aumenta anche il rischio di problemi quali morte del neonato in caso di parto prematuro o crescita inferiore al previsto (restrizione della crescita intrauterina Neonato piccolo per l’età gestazionale (SGA) Un neonato con peso inferiore rispetto al 90% dei bambini della stessa età gestazionale alla nascita (al di sotto del 10° percentile) si definisce piccolo per l’età gestazionale... maggiori informazioni ).

Diagnosi del pemfigoide gravidico

  • Valutazione medica

  • Talvolta una biopsia cutanea

Il pemfigoide gravidico viene diagnosticato in base all’aspetto dell’eruzione cutanea. Talvolta viene prelevato un campione di pelle dalla zona colpita (biopsia cutanea) che viene analizzato per la presenza di anticorpi anomali.

Trattamento del pemfigoide gravidico

  • Corticosteroidi

  • Antistaminici

Spesso applicare una crema cortisonica (come il triamcinolone) direttamente sulla cute aiuta ad alleviare il prurito.

Nelle eruzioni cutanee più diffuse, si somministra un corticosteroide (come il prednisone) per via orale.

Per alleviare il prurito possono essere utilizzati antistaminici che non provocano sonnolenza, assunti per via orale.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE