Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Placenta previa

Di

Antonette T. Dulay

, MD, Main Line Health System

Ultima revisione/verifica completa ago 2019| Ultima modifica dei contenuti ago 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La placenta previa si verifica quando la placenta si insedia (impianta) in prossimità della cervice, quindi nella parte inferiore dell’utero piuttosto che nella parte superiore.

  • I sintomi sono un abbondante sanguinamento indolore nella fase avanzata della gravidanza.

  • Di solito la diagnosi è confermata dall’ecografia.

  • Potrebbe bastare solo modificare l’attività, ma se il sanguinamento continua o se il feto o la gestante sviluppano problemi, si ricorre al parto cesareo.

Le complicanze della gravidanza, come la placenta previa, sono problemi che si presentano unicamente durante la gravidanza stessa. Possono interessare la donna, il feto o entrambi e possono insorgere in diversi momenti nel corso della gravidanza. Tuttavia, la maggior parte delle complicanze della gravidanza può essere trattata in maniera efficace.

Normalmente la placenta è situata nella parte superiore dell’utero. Nella placenta previa la placenta è situata nella parte inferiore dell’utero e copre parte o tutta l’apertura della cervice, l’ingresso al canale del parto. Talvolta la placenta è situata accanto all’apertura della cervice, non sopra di essa (la cosiddetta placenta bassa).

La placenta previa si verifica in 1 su 250 parti. Fino al 2% delle gestanti evidenzia una placenta previa nel 2° trimestre, che viene rivelata dall’ecografia. Tuttavia il problema si risolve da solo in oltre il 90% dei casi prima del parto. In caso contrario, la placenta può staccarsi dall’utero privando il feto dell’apporto di sangue. Inoltre il passaggio del bambino attraverso il canale del parto può lacerare la placenta provocando un’emorragia.

I fattori di rischio (condizioni che aumentano il rischio di un disturbo) di placenta previa includono i seguenti:

  • Precedenti gravidanze

  • Avere già avuto un parto cesareo

  • Gravidanza di gemelli, triplette o feti multipli (parti plurimi)

  • Presenza di anomalie strutturali dell’utero, come i fibromi

  • Avere subito un intervento che ha coinvolto anche l'utero, come l'asportazione di fibromi uterini (miomectomia) o dilatazione con raschiamento (D e R) effettuata diverse volte

  • Fumo

  • Età più avanzata

Sintomi

La placenta previa può causare sanguinamento non doloroso dalla vagina che inizia improvvisamente nel corso delle ultime fasi della gravidanza. Il sangue può essere di colore rosso vivo. Il sanguinamento può diventare profuso e mettere a repentaglio la vita sia della donna che del feto.

La placenta previa può causare problemi al feto, come i seguenti:

Se le donne hanno avuto un parto cesareo, la placenta previa aumenta il rischio che la placenta sia attaccata all'utero troppo saldamente (placenta accreta). La placenta accreta appartiene a un gruppo di disturbi detti spettro della placenta accreta. Questi disturbi differiscono in quanto saldamente la placenta è attaccata all'utero.

Diagnosi

  • Ecografia

Il sospetto di placenta previa sorge se la gestante ha sanguinamenti vaginali a partire dalle 20 settimane di gravidanza. L’ecografia aiuta i medici a identificare la placenta previa, distinguendola da una placenta che si è staccata prematuramente (distacco di placenta).

Se la placenta previa causa sintomi, il medico tiene sotto osservazione la frequenza cardiaca del feto per stabilire se ha problemi, come insufficiente apporto di ossigeno.

Problemi legati alla placenta

In genere la placenta è localizzata nella parte superiore dell’utero e attaccata saldamente alla parete uterina fino al momento del parto. La placenta trasporta l’ossigeno e le sostanze nutritive dalla madre al feto.

Nel distacco della placenta (abruptio placentae), la placenta si stacca prematuramente dalla parete uterina, facendo sanguinare l’utero e riducendo l’apporto di ossigeno e di sostanze nutritive al feto. Le donne con tale complicanza devono essere ricoverate e potrebbe essere necessario anticipare il parto.

La placenta previa si verifica quando la placenta si impianta in prossimità della cervice, nella parte inferiore dell’utero. La placenta previa può causare sanguinamento non doloroso ma improvviso nel corso delle ultime fasi della gravidanza. L’emorragia può diventare profusa. Si ricorre al parto cesareo.

Problemi legati alla placenta

Trattamento

  • Ricovero e modifica dell’attività

  • Parto dopo 36-37 settimane di gestazione se il sanguinamento si è interrotto

  • Parto immediato se la gestante o il feto presentano problemi

Se il sanguinamento è minimo e si verifica prima di circa 36 settimane di gravidanza il medico di norma consiglia alla donna il ricovero in ospedale e di limitare le attività fino all’interruzione del sanguinamento. Limitare le attività (chiamato modifica dell’attività o riposo a letto modificato) significa che la donna deve riposare per la maggior parte della giornata. Se il sanguinamento si interrompe, la donna potrà riprendere gradualmente le attività leggere. Se l’emorragia non si ripresenta, viene dimessa, sempre che possa facilmente tornare in ospedale in caso di necessità. I rapporti sessuali sono sconsigliati, in quanto possono stimolare il sanguinamento.

Se il sanguinamento si ripresenta, la donna viene di solito nuovamente ricoverata e può dover rimanere in ospedale fino al parto.

Alcuni esperti raccomandano l’uso di corticosteroidi per favorire la maturazione dei polmoni del feto se dovesse rendersi necessario un parto prematuro (prima di circa 34 settimane di gestazione).

Se la donna non ha contrazioni e il sanguinamento si è interrotto, il feto può essere partorito dopo 36-37 settimane di gestazione.

Il parto viene eseguito di norma immediatamente in una delle seguenti situazioni:

  • Sanguinamento abbondante o inarrestabile.

  • Frequenza cardiaca fetale anomala, che indica mancanza di ossigeno.

  • Pressione sanguigna della madre troppo bassa.

Nelle donne con placenta previa il parto è cesareo ed è effettuato prima dell’inizio del travaglio.

Le pazienti con emorragie pesanti possono necessitare di trasfusioni di sangue.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sull’apparato riproduttivo femminile
Video
Panoramica sull’apparato riproduttivo femminile
Modelli 3D
Vedi Tutto
Contenuto della pelvi femminile
Modello 3D
Contenuto della pelvi femminile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE