Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sul ruolo del sodio nell’organismo

Di

James L. Lewis, III

, MD, Brookwood Baptist Health and Saint Vincent’s Ascension Health, Birmingham

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il sodio è uno degli elettroliti dell’organismo, minerali di cui l’organismo ha bisogno in quantità relativamente consistenti. Gli elettroliti sono dotati di una carica elettrica quando vengono disciolti in liquidi corporei come il sangue. (Vedere anche Panoramica sugli elettroliti)

La maggior parte del sodio dell’organismo è localizzato nel sangue e nei liquidi presenti intorno alle cellule. Il sodio consente all’organismo di mantenere l’equilibrio dei liquidi nella norma (vedere I liquidi corporei). Riveste un ruolo chiave per la normale funzionalità di nervi e muscoli.

Il sodio viene assunto attraverso gli alimenti e le bevande e viene perso principalmente con il sudore e con le urine. I reni sani mantengono un livello costante di sodio nell’organismo variando la quantità di sodio escreta con le urine. Quando l’assunzione e la perdita di sodio non sono in equilibrio, si crea un’alterazione della quantità di sodio totale nell’organismo. La concentrazione di sodio nel sangue può essere:

Controllo della volemia

La quantità di sodio totale nell’organismo influisce sulla quantità di liquido presente nel sangue (volemia) e intorno alle cellule (liquido extracellulare). L’organismo controlla continuamente la volemia e la concentrazione di sodio. Quando una delle due diventa troppo alta, alcuni recettori, presenti a livello del cuore, dei vasi sanguigni e dei reni, avvertono l’aumento e stimolano i reni ad aumentare l’escrezione di sodio, riportando la volemia nella norma.

Quando la volemia o la concentrazione di sodio diventa troppo bassa, i recettori attivano dei meccanismi che aumentano la volemia. Tali meccanismi comprendono quanto segue:

  • I reni stimolano le ghiandole surrenali a secernere l’ormone aldosterone. L’aldosterone stimola i reni a trattenere sodio e a eliminare potassio. Quando il sodio viene trattenuto, diminuisce la produzione di urine con conseguente aumento della volemia.

  • L’ipofisi secerne la vasopressina (anche detta ormone antidiuretico). La vasopressina aiuta i reni a trattenere acqua.

Mantenimento dell’equilibrio dei liquidi e del sodio negli anziani

Con l’avanzare dell’età, l’organismo perde la capacità di mantenere l’equilibrio dei liquidi e del sodio per diversi motivi:

  • Calo della sete: con l’avanzare dell’età, lo stimolo della sete viene avvertito con una rapidità e un’intensità minori, di conseguenza si ha la tendenza a bere una quantità insufficiente di liquidi.

  • Alterazioni renali: con l’invecchiamento, i reni possono perdere la capacità di trattenere l’acqua e gli elettroliti dalle urine (concentrazione delle urine) e, di conseguenza, viene eliminata una quantità maggiore di acqua nelle urine.

  • Meno liquidi nell’organismo: negli anziani, l’organismo contiene meno liquidi. Negli anziani, solo il 45% del peso corporeo è costituito da liquidi, rispetto al 60% dei giovani. Tale variazione implica che una leggera perdita di liquidi e sodio, come ad esempio nel caso di febbre oppure alimentazione e idratazione inadeguate (talvolta anche solo per uno o due giorni), può avere conseguenze più gravi negli anziani.

  • Incapacità di ottenere acqua: alcuni anziani hanno problemi fisici che impediscono loro di bere quando hanno sete. Altri possono essere affetti da demenza e ciò impedisce loro di avvertire o esprimere la sensazione di sete. È possibile che tali persone debbano dipendere da altre per ottenere acqua.

  • Farmaci: molti anziani assumono farmaci per l’ipertensione arteriosa, il diabete mellito o malattie cardiache che consentono all’organismo di eliminare i liquidi in eccesso o possono aggravare gli effetti negativi della perdita di liquidi.

Tali situazioni possono determinare la perdita o il consumo insufficiente di liquidi, con conseguenti livelli elevati di sodio nel sangue (ipernatriemia) e/o disidratazione. Poiché queste situazioni sono più frequenti nei soggetti anziani, anche la frequenza dell’ipernatriemia aumenta in questa fascia di età. L’ipernatriemia è scarsamente tollerata dagli anziani e, nelle forme gravi, può portare a confusione, coma e morte.

Anche l’eccesso di liquidi e sodio si verifica più frequentemente negli anziani in quanto anche disturbi che di solito provocano un eccesso di liquidi (sovraccarico idrico), come ad esempio l’insufficienza cardiaca, i disturbi del fegato e l’insufficienza renale, sono più comuni nei soggetti in età avanzata.

Un basso livello di sodio nel sangue (iponatriemia) si verifica più frequentemente negli anziani. Generalmente, si verifica iponatriemia quando l’organismo trattiene una quantità eccessiva di liquidi, come nel caso dell’insufficienza cardiaca o delle malattie del fegato. L’iponatriemia colpisce anche gli anziani che assumono determinati tipi di diuretici (diuretici tiazidici, come l’idroclorotiazide), in particolare in caso di alterata funzionalità renale. Anche l’uso degli integratori alimentari in forma liquida o la somministrazione di liquidi per via endovenosa a basso contenuto di sodio durante il ricovero in ospedale possono causare iponatriemia negli anziani.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Malattia tiroidea
Video
Malattia tiroidea
La tiroide è una delle ghiandole del sistema endocrino. È una ghiandola a forma di farfalla...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema endocrino maschile
Modello 3D
Sistema endocrino maschile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE