Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Ipofosfatemia (bassi livelli di fosfato nel sangue)

Di

James L. Lewis, III

, MD, Brookwood Baptist Health and Saint Vincent’s Ascension Health, Birmingham

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Nell’ipofosfatemia, i livelli di fosfato nel sangue sono troppo bassi.

Il fosfato è uno degli elettroliti dell’organismo, minerali dotati di una carica elettrica quando disciolti in liquidi corporei come il sangue, anche se la maggior parte del fosfato presente nell’organismo è priva di carica.

L’ipofosfatemia può essere:

  • Acuta

  • Cronica

Ipofosfatemia acuta

Nell’ipofosfatemia acuta i livelli di fosfato nel sangue raggiungono repentinamente valori pericolosamente bassi. Dal momento che l’organismo utilizza grandi quantità di fosfato durante il recupero da determinate patologie, l’ipofosfatemia acuta può insorgere in soggetti affetti dai seguenti disturbi:

Il calo improvviso dei livelli di fosfato può causare alterazioni del ritmo cardiaco e persino la morte.

Ipofosfatemia cronica

Nell’ipofosfatemia cronica i livelli di fosfato nel sangue si abbassano nel corso del tempo. L’ipofosfatemia cronica in genere è causata da un’eccessiva escrezione di fosfato. Le cause possono essere le seguenti:

  • Diarrea cronica

  • Uso protratto di diuretici

  • Assunzione per un lungo periodo di tempo di grandi quantità di antiacidi contenenti alluminio

  • Uso di grandi quantità di teofillina (per il trattamento dell’asma)

Sapevate che...

  • Alcuni dei sopravvissuti ai campi di concentramento sono morti perché i livelli di fosfato, già bassi, sono improvvisamente diminuiti quando hanno iniziato a mangiare normalmente, un fenomeno chiamato sindrome da rialimentazione.

Sintomi

I sintomi di ipofosfatemia compaiono solo quando i livelli di fosfato nel sangue diventano molto bassi. La debolezza muscolare evolve verso lo stupor, il coma e la morte.

In caso di ipofosfatemia cronica lieve, le ossa possono diventare più fragili con conseguenti dolore osseo e fratture. Può manifestarsi debolezza e perdita di appetito.

Diagnosi

  • Misurazione dei livelli di fosfato nel sangue

L’ipofosfatemia è diagnosticata quando dagli esami del sangue risulta che il livello di fosfato è troppo basso. Il medico esegue altri esami per identificare la causa, se questa non è immediatamente chiara.

Trattamento

  • Incremento dell’assunzione di fosfato

Si interrompe l’assunzione di eventuali farmaci che riducono i livelli di fosfato.

Se l’ipofosfatemia è lieve e asintomatica, può essere d’aiuto l’assunzione di latte a basso contenuto di grassi o scremato, che contiene una grande quantità di fosfato. In alternativa, è possibile assumere fosfato per via orale, anche se spesso compare diarrea.

Se l’ipofosfatemia è molto grave o se i fosfati non possono essere assunti per via orale, è necessario ricorrere alla somministrazione endovenosa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Retinopatia diabetica
Video
Retinopatia diabetica
Durante la normale visione, la luce passa attraverso la cornea sulla superficie esterna dell’occhio...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema endocrino femminile
Modello 3D
Sistema endocrino femminile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE