honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Sindrome da inappropriata secrezione di ormone antidiuretico (SIADH)

Di

James L. Lewis, III

, MD, Brookwood Baptist Health and Saint Vincent’s Ascension Health, Birmingham

Ultima revisione/verifica completa apr 2020| Ultima modifica dei contenuti apr 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La sindrome da inappropriata secrezione di ormone antidiuretico si sviluppa quando in determinate condizioni l’ipofisi rilascia una quantità eccessiva di ormone antidiuretico (vasopressina), causando la ritenzione di liquidi e l’abbassamento del livello di sodio per diluizione.

La vasopressina (detta anche ormone antidiuretico) regola la quantità di acqua nell’organismo controllando la quantità di acqua eliminata dai reni. La vasopressina riduce l’escrezione di acqua dai reni. Di conseguenza l’organismo trattiene più acqua, che diluisce il livello di sodio al suo interno. Un basso livello di sodio è detto iponatriemia.

L’ipofisi produce e rilascia correttamente la vasopressina quando diminuisce la volemia (quantità di liquido nei vasi sanguigni) o la pressione arteriosa oppure quando i livelli degli elettroliti (come il sodio) diventano troppo alti.

La secrezione di vasopressina è considerata inappropriata se insorge quando:

Quando in queste situazioni viene rilasciata la vasopressina, l’organismo trattiene una quantità eccessiva di liquidi e il livello di sodio nel sangue diminuisce.

Cause

Molte condizioni aumentano il rischio di sviluppare la SIADH. La SIADH può essere causata dalla produzione di vasopressina al di fuori dell’ipofisi, come nel caso di alcuni tumori, specialmente del polmone. La SIADH è frequente negli anziani ed è piuttosto comune fra i pazienti ricoverati.

La SIADH ha un lungo elenco di possibili cause, che in genere richiedono ulteriori esami.

Tabella
icon

What Causes SIADH?

Tipo di disturbo

Esempi

Cervello o sistema nervoso

Sanguinamento (emorragia) negli strati di tessuto che rivestono il cervello

Encefalite (infiammazione del cervello)

Trauma cranico

Malattie dell’ipotalamo, compresi i tumori (rari)

Tumori

Polmone

Insufficienza respiratoria acuta

Tumori

Altri

Intervento chirurgico

SIADH = sindrome da inappropriata secrezione di ormone antidiuretico.

Sintomi

I sintomi della SIADH tendono a essere quelli correlati a bassi livelli di sodio nel sangue (iponatriemia), una condizione associata alla sindrome. I sintomi includono letargia e confusione.

Diagnosi

  • Esami del sangue e delle urine

Il medico deve sospettare questa condizione sulla base delle circostanze e dei sintomi riferiti dal soggetto.

Vengono effettuati esami del sangue e delle urine per misurare i livelli di sodio e potassio e stabilire il grado di concentrazione del sangue e delle urine (osmolalità). Il medico esclude anche altre possibili cause di eccesso di vasopressina (come ad esempio, dolore, stress, farmaci o cancro).

Dopo la diagnosi di SIADH, il medico cerca di identificare la causa e di trattarla in modo che il livello di sodio torni lentamente nella norma.

Trattamento

  • Limitazione dell’assunzione di liquidi

Si limita l’assunzione di liquidi e si cura la causa, se possibile. I soggetti affetti da SIADH necessitano di un trattamento dell’iponatriemia a lungo termine.

A volte vengono somministrati liquidi per via endovenosa, compresi quelli contenenti concentrazioni molto alte di sodio (soluzione salina ipertonica). Tali trattamenti devono essere somministrati con cautela per evitare il rapido aumento dei livelli di sodio.

Se il livello di sodio nel sangue continua a diminuire oppure non aumenta nonostante la limitazione dell’assunzione di liquidi, il medico può prescrivere farmaci come la demeclociclina e il litio, che riducono l’effetto della vasopressina sui reni, oppure farmaci come il conivaptan e il tolvaptan, che bloccano i recettori della vasopressina e inibiscono la risposta dei reni alla vasopressina.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE