Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Macrolidi

Di

Brian J. Werth

, PharmD, University of Washington School of Pharmacy

Ultima modifica dei contenuti ago 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

I macrolidi (vedi tabella Macrolidi) sono antibiotici principalmente batteriostatici; legandosi alla subunità 50S dei ribosomi, inibiscono la sintesi proteica dei batteri.

Tabella
icon

Macrolidi

Farmaco

Via di somministrazione

Azitromicina

Orale o parenterale

Claritromicina

Orale

Eritromicina

Orale o parenterale

Fidaxomicina

Orale

Telitromicina

Orale

Farmacocinetica

I macrolidi sono assorbiti relativamente poco per via orale. La fidaxomicina è minimamente assorbita e attiva solo localmente nel tratto gastrointestinale. Il cibo ha i seguenti effetti sull'assorbimento dei macrolidi:

  • Per la claritromicina a rilascio prolungato, assorbimento aumentato

  • Per la claritromicina a rilascio immediato in compresse o sospensione, nessun effetto

  • Per le capsule di azitromicina ed eritromicina (comprese le formulazioni base e stearato), assorbimento diminuito

  • Per la fidaxomicina, effetti minimi

Una volta assorbiti, tutti i macrolidi diffondono bene nei liquidi corporei, eccetto il liquido cerebrospinale, e sono concentrati nei fagociti. L'escrezione avviene prevalentemente con la bile.

Indicazioni

I macrolidi sono attivi contro

Il Bacteroides fragilis è resistente. La claritromicina e l'azitromicina mostrano una migliore attività contro Haemophilus influenzae e sono attivi su Mycobacterium avium complex.

I macrolidi sono stati considerati il farmaco di scelta nelle infezioni da streptococchi di gruppo A e da pneumococchi quando la penicillina non può essere utilizzata. Tuttavia, i pneumococchi con ridotta sensibilità alla penicillina sono spesso resistenti ai macrolidi, e in alcune comunità, fino al 20% degli S. pyogenes è resistente ai macrolidi. Data la loro attività contro i patogeni respiratori atipici, sono spesso utilizzati empiricamente per le infezioni delle basse vie respiratorie, ma è spesso necessario associare un altro farmaco come copertura nei confronti degli pneumococchi resistenti ai macrolidi. I macrolidi hanno altri usi clinici (vedi tabella Alcuni usi clinici dei macrolidi). I macrolidi non vengono utilizzati nel trattamento della meningite.

La fidaxomicina ha un'attività minima o nulla contro i batteri Gram-negativi, ma è battericida contro Clostridioides difficile (precedentemente Clostridium difficile).

Tabella
icon

Alcuni usi clinici dei macrolidi

Farmaco

Indicazione

Commenti

Macrolidi

Eradicazione del Corynebacterium diphtheriae nei portatori

Farmaci di scelta

Malattia da graffio di gatto (Bartonella henselae) sintomatica

Angiomatosi bacillare e peliosi epatica nei pazienti con AIDS (con presenza di B. henselae e B. quintana)

Azitromicina

Utilizzato con altri farmaci

Utilizzato con altri farmaci

Uretrite e cervicite da Chlamydia trachomatis

Claritromicina e azitromicina

Mycobacterium avium complex e altri micobatteri atipici

Parte di un regime terapeutico di più farmaci

Eritromicina

Infezioni cutanee non complicate

Uso topico

Preparazione intestinale prima di interventi chirurgici del tratto gastrointestinale

Assunto per via orale e utilizzato con un aminoglicoside orale

Fidaxomicina

Clostridioides difficile (in precedenza Clostridium difficile)

Controindicazioni

I macrolidi sono controindicati nei pazienti che hanno avuto una reazione allergica a essi.

È controindicata la somministrazione concomitante di macrolidi con astemizolo, cisapride, pimozide, o terfenadina perché possono verificarsi aritmie cardiache potenzialmente fatali (prolungamento dell'intervallo QT, tachicardia ventricolare, fibrillazione ventricolare, torsione di punta), quando la claritromicina o l'eritromicina vengono co-somministrate con questi farmaci. Questo effetto è molto probabilmente dovuto all'inibizione del metabolismo di questi farmaci da parte dell'eritromicina e della claritromicina.

Uso in gravidanza e allattamento

Studi sulla riproduzione animale con eritromicina o azitromicina non hanno mostrato rischi per il feto. Dopo l'esposizione all'eritromicina durante l'inizio della gravidanza è stata osservata una più alta percentuale di anomalie cardiovascolari rispetto all'esposizione alla penicillina; tuttavia, in altri studi questo aumento del rischio non è stato osservato. L'eritromicina è considerata più sicura dell'azitromicina perché l'uso clinico è stato molto più ampio.

Studi sulla riproduzione animale con claritromicina mostrano alcuni rischi. La claritromicina non deve essere usata nelle donne in gravidanza tranne quando non esiste una terapia alternativa.

L'eritromicina è considerata compatibile con l'allattamento. Non è nota la sicurezza degli altri macrolidi nell'allattamento.

Effetti avversi

Le preoccupazioni principali con i macrolidi includono

  • Disturbi gastrointestinali (soprattutto con eritromicina)

  • Prolungamento dell'intervallo QT da eritromicina

  • Inibizione del metabolismo epatico, che porta a numerose interazioni farmacologiche

L'eritromicina provoca di solito disturbi dose-dipendenti del tratto gastrointestinale, tra cui nausea, vomito, crampi addominali e diarrea; i disturbi sono meno frequenti con claritromicina e azitromicina. L'assunzione del farmaco con il cibo può aiutare a ridurre i disturbi gastrointestinali. L'eritromicina può causare acufeni dose-correlati, vertigini, e ipoacusia reversibile. L'ittero colestatico si verifica più comunemente con l'eritromicina estolato. L'ittero compare di solito dopo 10 giorni di trattamento, principalmente negli adulti, ma può manifestarsi prima se il farmaco è stato già somministrato in precedenza. L'eritromicina non si somministra IM in quanto causa dolore intenso; quando somministrato EV, può causare flebite o dolore. Le reazioni di ipersensibilità sono rare.

L'eritromicina causa un allungamento dell'intervallo QT e predispone alla tachiaritmia ventricolare, specie nelle donne e nei pazienti che hanno un QT lungo o alterazioni elettrolitiche, e nei pazienti che assumono un altro farmaco che può prolungare l'intervallo QT.

Considerazioni sul dosaggio

Per l'azitromicina non è necessario nessun adattamento di dose nell'insufficienza renale.

L'eritromicina e, in una certa misura, la claritromicina interagiscono con numerosi farmaci in quanto inibiscono la metabolizzazione epatica attraverso il citocromo P-450 (CYP450). L'azitromicina è il farmaco che meno probabilmente interagisce con altri farmaci.

Le interazioni possono verificarsi quando l'eritromicina o la claritromicina sono assunte con i seguenti:

  • Warfarin: ulteriore aumento del tempo di protrombina/rapporto internazionale normalizzato (INR)

  • Lovastatina e simvastatina: rabdomiolisi

  • Midazolam e triazolam: sonnolenza

  • Teofillina: nausea, vomito e convulsioni

  • Tacrolimus, ciclosporina, e alcaloidi della segale cornuta: elevati livelli sierici di questi farmaci

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come lavarsi le mani
Video
Come lavarsi le mani
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE