Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

La tosse nei bambini

Di

Deborah M. Consolini

, MD, Sidney Kimmel Medical College of Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

La tosse contribuisce a espellere materiali dalle vie aeree, prevenendone l’ingresso nei polmoni. I materiali possono essere composti da particelle inalate o sostanze secrete dai polmoni e/o dalle vie aeree. Per la maggior parte dei casi, il materiale espulso con la tosse dai polmoni e le vie aeree è l’espettorato (chiamato anche flemma, una miscela di muco, sporco e cellule espulse dai polmoni). Tuttavia, talvolta tramite la tosse compare sangue. Una tosse che comporta l’espulsione è considerata produttiva. I bambini più grandi (e gli adulti) in genere espellono il materiale tramite la tosse, mentre i bambini più piccoli di solito lo ingoiano. Alcune tossi non comportano alcuna espulsione, sono considerate secche o non produttive.

La tosse è uno dei più frequenti motivi per cui i genitori portano i propri bambini da un medico.

Cause della tosse nei bambini

Le probabili cause della tosse dipendono dal fatto che la sua durata sia inferiore a 4 settimane (acuta) o maggiore o uguale a tale periodo (cronica).

Cause comuni

Cause meno comuni

La tosse cronica può inoltre essere scatenata dall’aspirazione di un corpo estraneo, da disturbi ereditari quali la fibrosi cistica Fibrosi cistica (FC) La fibrosi cistica è una patologia ereditaria che determina l’alterazione della secrezione di alcune ghiandole, con conseguente danno a organi e tessuti, soprattutto ai polmoni e al tratto digerente... maggiori informazioni o la discinesia ciliare primaria, un difetto congenito delle vie aeree o dei polmoni, disturbi infiammatori a carico delle vie aeree o dei polmoni oppure essere correlata allo stress (la cosiddetta tosse psicogena).

Valutazione della tosse nei bambini

Non tutte le tossi richiedono una visita medica immediata. Conoscere i sintomi che possono indicare una causa grave può aiutare i genitori a decidere se sia opportuno rivolgersi al medico.

Segnali d’allarme

Quando rivolgersi a un medico

I bambini che presentano segni allarmanti vanno immediatamente portati dal medico, come quelli i cui genitori sospettano l’inalazione di un corpo estraneo. Se i bambini non manifestano segni allarmanti, ma hanno una tosse stridula e non controllabile frequente, i genitori devono rivolgersi al medico. I medici solitamente desiderano vedere tali bambini entro un giorno, più o meno, in base all’età, agli altri sintomi (ad esempio febbre) e all’anamnesi medica (in particolare un’anamnesi di disturbi polmonari, come asma o fibrosi cistica). Altrimenti i bambini sani che manifestano occasionalmente la tosse e hanno i sintomi tipici del raffreddore (ad esempio rinorrea) non richiedono la consulenza medica.

I bambini affetti da tosse cronica e assenza di segnali d’allarme devono essere visitati da un medico, tuttavia rimandare di qualche giorno o di una settimana in genere non è dannoso.

Come si comporta il medico

Per prima cosa, il medico pone delle domande sui sintomi e sull’anamnesi del bambino, Esegue quindi un esame obiettivo. Le informazioni che emergono dall’esame obiettivo e dall’anamnesi suggeriscono spesso la causa della tosse e le analisi da eseguire.

Le informazioni sulla tosse aiutano il medico a determinarne la causa. Pertanto, il medico può chiedere

  • In quali momenti del giorno si manifesta la tosse?

  • Quali fattori, ad esempio aria fredda, posizione del corpo, parlare, mangiare, bere o allenarsi, scatenano o alleviano la tosse?

  • Qual è il suono della tosse?

  • I sintomi iniziano improvvisamente o gradualmente?

  • Quali sono gli altri sintomi manifestati dal bambino?

  • La tosse produce espettorato o sangue?

Una tosse notturna può essere causata da asma o perdita retronasale. La tosse al momento di addormentarsi e al mattino al risveglio di solito è dovuta a infiammazione dei seni paranasali (sinusite Sinusite La sinusite è un’infiammazione dei seni paranasali, principalmente causata da un’allergia o un’infezione virale o batterica. Alcuni dei sintomi più comuni di sinusite sono dolore, dolorabilità... maggiori informazioni ). Tossire nel mezzo della notte è più propriamente un sintomo di asma Asma nei bambini L’asma è un disturbo infiammatorio ricorrente dei polmoni in cui alcuni stimoli (cause scatenanti) infiammano le vie aeree, le restringono temporaneamente e provocano difficoltà respiratoria... maggiori informazioni Asma nei bambini . Una tosse secca suggerisce crup Crup Il crup è un’infiammazione della trachea e delle corde vocali (laringe) tipicamente causata da un’infezione virale contagiosa che si manifesta con tosse, emissione di un suono alto e stridente... maggiori informazioni o spesso è il residuo di un’infezione virale delle vie aeree superiori. Una tosse scatenata improvvisamente in un bambino che non manifesta altri sintomi suggerisce la possibile inalazione di un corpo estraneo. Contrariamente a quanto molti possano pensare, l’espettorato giallo o verde, denso o fluido non consente di distinguere un’infezione batterica da cause di altro tipo.

Quando i bambini hanno un’età compresa tra 6 mesi e 4 anni, ai genitori viene chiesto se è stata possibile l’ingestione di un corpo estraneo (ad esempio un piccolo giocattolo) o un alimento piccolo liscio e solido (come arachidi o acini d’uva). I medici domandano inoltre se il bambino è stato recentemente affetto da infezioni respiratorie, frequenti attacchi di polmonite, allergia o asma, oppure se è stato esposto a tubercolosi o a infezioni di altro tipo, come può accadere durante i viaggi in alcuni paesi.

Viene eseguito un esame obiettivo. Per indagare sui problemi respiratori, i medici osservano il torace del bambino, lo auscultano con lo stetoscopio e praticano movimenti di percussione, controllano inoltre la presenza di sintomi del raffreddore, gonfiore dei linfonodi e dolore addominale.

Esami

Gli esami possono essere necessari solo in base ai sintomi e alle cause sospettate dal medico. Nei bambini che manifestano segni allarmanti, di solito i medici misurano la concentrazione di ossigeno nel sangue mediante un sensore applicato al dito (pulsossimetria Pulsossimetria L’emogasanalisi arteriosa permette di misurare i livelli di ossigeno e anidride carbonica presenti nel sangue arterioso e determinare l’acidità (pH) del sangue. Il prelievo ematico da un’arteria... maggiori informazioni ) e procedono a una radiografia del torace Diagnostica per immagini del torace Gli esami di diagnostica per immagini del torace comprendono Radiografia Tomografia computerizzata (TC) Risonanza magnetica per immagini (RMI) Scintigrafia nucleare maggiori informazioni . Tali esami sono condotti inoltre in caso di tosse cronica o peggioramento della tosse. I medici possono inoltre condurre altri esami, in base a quanto riscontrato durante l’esame obiettivo e l’anamnesi.

Per i bambini senza segni allarmanti, gli esami sono condotti di rado se la tosse dura da non più di 4 settimane e sono presenti i sintomi del raffreddore. In casi del genere la causa è solitamente da imputarsi a un’infezione virale.

Se i sintomi suggeriscono senza dubbio una causa, gli esami possono non essere necessari. In casi del genere, i medici possono semplicemente avviare il trattamento per la causa presunta. Tuttavia, se i sintomi persistono nonostante il trattamento, si procede spesso con esami.

Trattamento della tosse nei bambini

Il trattamento della tosse si concentra sul trattamento della causa (ad esempio si somministrano antibiotici per la polmonite batterica o antistaminici per la perdita retronasale allergica).

Per alleviare i sintomi della tosse, spesso ai genitori si consiglia di utilizzare rimedi casalinghi, come i suffumigi (ad esempio con un vaporizzatore o in una doccia calda) e aumentare il consumo di liquidi. Sebbene tali rimedi non siano nocivi, le prove scientifiche dell’efficacia sulle condizioni del bambino sono poche.

I farmaci sedativi della tosse (ad esempio destrometorfano e codeina) sono consigliati raramente per i bambini. La tosse è un mezzo importante messo in atto dal corpo per espellere le secrezioni dalle vie aeree. Inoltre tali farmaci possono avere effetti collaterali, quali confusione e sedazione, e le prove della loro efficacia nell’alleviare i sintomi o accelerare la guarigione sono molto esigue. Anche l’uso di espettoranti, che fluidificano il muco (agevolandone l’espulsione) è scoraggiato nei bambini.

Punti principali sulla tosse nei bambini

  • Di solito, è possibile individuare la causa della tosse in base ai risultati dell’esame condotto dal medico.

  • Nei bambini di età compresa tra 6 mesi e 4 anni è necessario considerare la presenza di un corpo estraneo nelle vie aeree.

  • Si eseguono spesso radiografie del torace nel caso in cui i bambini manifestino segni allarmanti o la tosse duri da oltre 4 settimane.

  • Di solito i sedativi della tosse e gli espettoranti non sono consigliati.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Panoramica sui problemi comportamentali dei bambini
I problemi comportamentali e dello sviluppo possono divenire talmente gravi da minare i rapporti normali fra il bambino e gli altri o interferire con lo sviluppo emotivo, sociale e intellettivo. Quale delle seguenti opzioni descrive l’obiettivo del trattamento dei problemi comportamentali nei bambini?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE