Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Raffreddore comune

Di

Brenda L. Tesini

, MD, University of Rochester School of Medicine and Dentistry

Ultima revisione/verifica completa mar 2021| Ultima modifica dei contenuti mar 2021
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

Il raffreddore comune è un’infezione virale delle mucose del naso, dei seni paranasali e della gola.

  • Il raffreddore è dovuto a molti virus diversi.

  • Di solito, il raffreddore si trasmette quando le mani di un soggetto entrano in contatto con le secrezioni nasali di un altro soggetto infetto.

  • I raffreddori di solito iniziano con mal di gola o gola irritata o con sensazione di disagio nel naso, seguita da starnuti, secrezione nasale, tosse e sensazione generale di malessere.

  • Il medico formula la diagnosi in base ai sintomi.

  • Una buona igiene, compreso il lavaggio frequente delle mani, rappresenta il modo migliore di prevenire i raffreddori.

  • Riposo, decongestionanti, paracetamolo e farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS, come l’ibuprofene) possono contribuire ad alleviare i sintomi.

Il raffreddore comune è tra le malattie più frequenti. È provocato da molti virus diversi (rinovirus, adenovirus, coronavirus e metapneumovirus umano), ma nella maggior parte dei casi è dovuto ai rinovirus (dei quali esistono più di 100 sottotipi). I raffreddori causati dai rinovirus insorgono più frequentemente in primavera e in autunno. Altri virus causano malattie simili al raffreddore comune in altri periodi dell’anno.

Il raffreddore si diffonde in particolare quando le mani di un soggetto entrano in contatto con le secrezioni nasali di un altro soggetto infetto. Tali secrezioni contengono i virus del raffreddore. Quando il soggetto si tocca la bocca, il naso o gli occhi, i virus entrano nell’organismo causando raffreddore. Meno frequentemente, il raffreddore si diffonde quando i soggetti respirano l’aria contenente goccioline provenienti dalla tosse o dagli starnuti di un individuo infetto. Il raffreddore è più contagioso nei primi uno-due giorni successivi allo sviluppo dei sintomi.

La predisposizione a contrarre un raffreddore non aumenta in presenza di una o più delle seguenti condizioni:

  • Prendere freddo

  • Stato di salute generale e abitudini alimentari

  • Presenza di un’anomalia del naso o della gola (come tonsille ingrossate o adenoidi)

Sapevate che...

  • Prendere freddo non causa il raffreddore né aumenta le probabilità di contrarne uno.

Sintomi del raffreddore comune

I sintomi del raffreddore esordiscono da uno a tre giorni dopo l’infezione. Spesso, il primo sintomo è il mal di gola o la gola irritata oppure una sensazione di disagio nel naso. Successivamente, il soggetto comincia a starnutire, si verifica gocciolamento nasale e un lieve malessere generale. La febbre non è un sintomo comune, ma una temperatura lievemente elevata può comparire all’inizio del raffreddore. In una prima fase, le secrezioni dal naso sono acquose e chiare e possono essere fastidiosamente abbondanti; successivamente diventano più consistenti, opache, di colore verdastro e meno copiose. Molti soggetti sviluppano anche una leggera tosse. Solitamente i sintomi scompaiono in quattro-dieci giorni, sebbene spesso la tosse perduri nella seconda settimana.

Le complicanze possono prolungare la malattia. L’infezione da rinovirus spesso scatena attacchi di asma nei soggetti che ne sono affetti. Alcuni soggetti sviluppano infezioni batteriche dell’orecchio medio (otite media) o dei seni paranasali (sinusite). Queste infezioni si sviluppano poiché la congestione nasale ostruisce il normale drenaggio di queste aree, permettendo ai batteri di crescere nelle raccolte di secrezioni non drenate.

Sapevate che…

  • È inutile trattare i raffreddori con gli antibiotici.

Diagnosi del raffreddore comune

  • Valutazione medica

Il medico in genere effettua la diagnosi di raffreddore in base ai sintomi tipici. Febbre alta, grave cefalea, eruzione cutanea, difficoltà respiratorie e dolore toracico suggeriscono che non si tratta di un raffreddore comune.

Generalmente, per la diagnosi non è necessario ricorrere agli esami di laboratorio. Nel sospetto di complicanze, il medico può richiedere analisi del sangue e radiografie.

Prevenzione del raffreddore comune

Poiché molti virus diversi possono provocare raffreddore e ogni virus si modifica leggermente nel tempo, ancora non è stato possibile sviluppare un vaccino efficace.

La misura preventiva migliore consiste nell’osservare una buona pratica igienica. Poiché molti virus del raffreddore si diffondono tramite il contatto con le secrezioni di un soggetto infetto, possono essere utili le seguenti misure:

  • I soggetti con sintomi del raffreddore e coloro che vivono e lavorano con loro devono lavarsi frequentemente le mani.

  • Si deve tossire e starnutire in fazzoletti che devono essere accuratamente smaltiti subito dopo l’utilizzo.

  • Se possibile, i soggetti che presentano sintomi dovrebbero dormire in una stanza a parte.

  • I soggetti che tossiscono o starnutiscono a causa del raffreddore devono evitare di andare a scuola o al lavoro, ove potrebbero infettare altri soggetti.

  • Anche pulire con un disinfettante gli oggetti e le superfici condivisi può essere d’aiuto per ridurre la diffusione dei virus del raffreddore comune.

Nonostante la loro popolarità, l’echinacea e la vitamina C ad alte dosi (fino a 2.000 milligrammi al giorno) non prevengono il raffreddore, così come non lo previene il consumo di agrumi.

Trattamento del raffreddore comune

  • Riposo a casa per evitare la trasmissione ad altre persone

  • Molti liquidi e suffumigi

  • Ove necessario, farmaci da banco per alleviare i sintomi

Le persone affette da un raffreddore devono stare al caldo e a proprio agio, riposare e cercare di evitare la trasmissione dell’infezione ad altri restando in casa. Tradizionalmente, il consumo di liquidi e la pratica dei suffumigi, anche tramite un vaporizzatore, sono indicati come metodi che aiutano a fluidificare le secrezioni e ad agevolarne l’espulsione; tuttavia, il loro contributo è probabilmente minimo.

I farmaci antivirali attualmente disponibili non sono efficaci contro il raffreddore. Gli antibiotici non sono efficaci nei soggetti affetti da raffreddore comune, perfino in caso di muco colorato o consistente proveniente dal naso o espulso con la tosse.

L’echinacea, i preparati allo zinco e la vitamina C sono stati suggeriti come trattamento. Alcuni piccoli studi hanno dimostrato l’efficacia di queste sostanze, altri hanno dimostrato la loro inefficacia. Ma nessun grande studio clinico ben progettato ne ha confermato l’efficacia. Persino quando gli studi hanno dimostrato un beneficio, questo è stato minimo. Ad esempio, quando lo zinco ha abbreviato la durata dei sintomi del raffreddore, l’ha ridotta di meno di 1 giorno. Quindi, la maggior parte degli esperti non consiglia questi integratori come terapia.

Vari prodotti da banco ben conosciuti aiutano ad alleviare i sintomi del raffreddore. Poiché tali metodi non guariscono l’infezione, che solitamente si risolve dopo una settimana a prescindere dal trattamento provato, i medici ritengono che il loro impiego sia a discrezione del soggetto, in base alla gravità della sintomatologia. Vengono utilizzati diversi tipi di farmaci:

  • Decongestionanti, che aiutano ad aprire le vie nasali ostruite

  • Antistaminici, che aiutano a ridurre la secrezione nasale

  • Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) o paracetamolo, che possono alleviare i dolori e abbassare la febbre

  • Sciroppi per la tosse, che possono facilitare l’atto del tossire fluidificando le secrezioni e promuovendone l’eliminazione (espettoranti) o che possono sopprimere la tosse (sedativi della tosse)

Questi farmaci sono spesso disponibili in commercio in associazione ad altri, ma possono anche essere acquistati in formulazioni separate.

Per alleviare la congestione nasale, i decongestionanti per inalazione sono preferibili a quelli da assumere per via orale. Comunque, utilizzando sostanze da inalare per più di 3-5 giorni, quindi interrompendole, la congestione potrebbe manifestarsi in forme peggiori di quelle iniziali. L’ipratropio, uno spray nasale disponibile soltanto su ricetta, aiuta a ridurre la secrezione nasale.

Antistaminici meno recenti, come la clorfeniramina, possono causare sonnolenza. Gli antistaminici più recenti, come la loratadina, provocano sonnolenza con minore facilità, ma non sono efficaci per il trattamento del raffreddore comune.

I decongestionanti e gli antistaminici non devono essere somministrati a bambini di età inferiore ai 4 anni.

I FANS come l’aspirina, l’ibuprofene e il naprossene possono alleviare i dolori e abbassare la febbre, così come il paracetamolo. Generalmente, l’aspirina non è consigliata per i bambini, in quanto aumenta il rischio di sindrome di Reye, una malattia rara ma potenzialmente fatale.

I sedativi della tosse di norma non sono consigliati poiché nel corso di un’infezione virale lo stimolo della tosse è utile per liberare le vie aeree dalle secrezioni e dalle impurità. Tuttavia, se la tosse è talmente grave da disturbare il sonno o causare intenso malessere la si può trattare con un sedativo.

Tabella
icon

Farmaci non soggetti a prescrizione per il raffreddore comune

Azione

Farmaco

Alcuni effetti collaterali comuni

Analgesici/antipiretici

Alleviano malessere e dolore e riducono la febbre

Paracetamolo

Minimi

Aspirina

Irritazione gastrica

Rischio di sindrome di Reye nei bambini

Ibuprofene

Irritazione gastrica

Naprossene

Irritazione gastrica

Antistaminici*

Aprono le vie nasali e aiutano a ridurre gli starnuti

Difenidramina

Clorfeniramina

Sonnolenza, bocca secca e, nei soggetti anziani, vista offuscata, minzione difficile, stipsi, vertigini in posizione eretta e stato confusionale

Sedativi della tosse

Possono aiutare a ridurre la tosse

Benzonatato

Stato confusionale e disturbi gastrici

Codeina

Stipsi, sonnolenza, minzione difficile e disturbi gastrici

Destrometorfano

Minimi, ma ad alte dosi, stato confusionale, nervosismo e irritabilità

Decongestionanti, spray nasali*

Aprono le vie nasali ostruite

Nafazolina

Ossimetazolina

Fenilefrina

Xilometazolina

Congestione di rimbalzo (congestione peggiore quando l’effetto del farmaco svanisce) se il farmaco viene utilizzato più di qualche giorno

Decongestionanti, orali*

Asciugano la secrezione nasale

Pseudoefedrina

Palpitazioni, ipertensione arteriosa, nervosismo e insonnia

Fenilefrina

Ansia, vertigini, nervosismo e insonnia

Espettorante

Può aiutare a fluidificare il muco

Guaifenesina

Minimi, ma ad alte dosi cefalea e disturbi gastrici

*I decongestionanti e gli antistaminici (sia da soli che in combinazione) non devono essere somministrati a bambini di età inferiore ai 4 anni.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Verruche genitali - infezione da HPV
Negli Stati Uniti, quale percentuale di donne è stata infettata dal papillomavirus umano (HPV) almeno una volta all’età di 50 anni?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE