Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Carcinoma renale

(Adenocarcinoma of the Kidney; Renal Cell Carcinoma)

Di

J. Ryan Mark

, MD, Sidney Kimmel Cancer Center at Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa ago 2019| Ultima modifica dei contenuti ago 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento
  • Il tumore renale può indurre la presenza di sangue nelle urine, dolore al fianco o febbre.

  • Questo tumore viene per la maggior parte rilevato accidentalmente, eseguendo esami di diagnostica per immagini per altri motivi.

  • La diagnosi viene effettuata mediante tomografia computerizzata o risonanza magnetica per immagini.

  • L’asportazione del rene prolunga la sopravvivenza e può essere risolutiva se il cancro non si è diffuso.

Il tumore renale è responsabile del 2%-3% dei tumori negli adulti ed è il 50% circa più frequente negli uomini che nelle donne. Ogni anno, circa 73.820 persone sviluppano tumore renale mentre sono circa 14.770 coloro che muoiono a causa di esso (stime del 2019). I fumatori hanno una probabilità doppia di sviluppare un tumore renale rispetto ai non fumatori. Altri fattori di rischio includono esposizione a sostanze chimiche tossiche (ad esempio amianto, cadmio, prodotti per la concia delle pelli e prodotti del petrolio) e obesità. Anche i soggetti sottoposti a dialisi che sviluppano malattia renale policistica e i soggetti con alcuni disturbi ereditari presentano un rischio maggiore di carcinoma renale. I soggetti colpiti hanno solitamente un’età compresa tra 50 e 70 anni.

La maggior parte dei tumori solidi renali è maligna, ma le neoformazioni piene di liquido (cisti) in genere non lo sono. Quasi tutti i tumori renali sono carcinomi. Un altro tipo di cancro renale, il tumore di Wilms, si manifesta con maggiore frequenza nei bambini.

Sintomi

I sintomi potrebbero non presentarsi fino alla diffusione del tumore (metastasi) o a un suo significativo ingrossamento. Il sintomo più comune è la comparsa di sangue nelle urine, a volte talmente modesta da poter essere rilevata solo al microscopio. In altri casi, l’urina può essere visibilmente rossa. Gli altri sintomi più frequenti sono il dolore al fianco (nell’area compresa tra le costole e l’anca), la febbre e la perdita di peso. Raramente il tumore del rene viene rilevato alla palpazione, durante la quale il medico sente una massa o un ingrossamento a livello dell’addome.

Ci può essere un aumento eccessivo della conta dei globuli rossi (policitemia), dovuto a livelli elevati di eritropoietina (l’ormone prodotto dal rene interessato o dal tumore stesso) che stimola il midollo osseo a incrementare la produzione di globuli rossi. L’aumento della conta di globuli rossi può essere asintomatico o può indurre cefalea, astenia, vertigini e disturbi della vista. Al contrario, il tumore renale può portare a un netto calo della conta eritrocitaria (anemia) a causa del lento sanguinamento nelle urine. L’anemia può causare facilità di affaticamento o vertigine. Alcune persone presentano elevati livelli di calcio nel sangue (ipercalcemia), che possono provocare debolezza, affaticamento, rallentamento dei tempi di reazione e stipsi. Può esservi aumento della pressione arteriosa, che però potrebbe essere asintomatica.

Diagnosi

  • TC o RMI

  • Talvolta intervento chirurgico

La maggior parte dei tumori del rene viene scoperta per caso eseguendo una tomografia computerizzata (TC) o un’ecografia per indagare un altro problema, come l’ipertensione arteriosa. Se il medico sospetta la presenza di un tumore del rene in base ai sintomi riferiti dal soggetto, vengono effettuate TC o risonanza magnetica per immagini (RMI) per confermare la diagnosi. Inizialmente, è possibile che vengano impiegate anche ecografia o urografia con mezzo di contrasto endovenoso, ma la verifica della diagnosi deve essere fatta mediante TC o RMI.

Dopo la diagnosi di cancro verranno effettuati altri esami di diagnostica per immagini (ad esempio radiografia del torace, scintigrafia ossea o TC della testa, del torace o di entrambi) assieme a esami del sangue per stabilire se e dove si è diffuso il cancro. Talvolta, tuttavia, il cancro di recente diffusione non può essere rilevato. Occasionalmente può essere necessario un intervento chirurgico per confermare la diagnosi.

Prognosi

Sono molti i fattori che influiscono sulla prognosi, ma il tasso di sopravvivenza a 5 anni nelle persone affette da tumori di piccole dimensioni confinati al rene è superiore al 90%. I tumori che si sono diffusi hanno una prognosi molto più infausta. In questi soggetti, spesso l’obiettivo del trattamento è la riduzione del dolore e il miglioramento delle condizioni (vedere Sintomi durante una malattia terminale). Come in tutte le malattie terminali, la pianificazione delle questioni legate alla fase terminale (vedere Questioni etiche e legali), compresa la creazione di dichiarazioni anticipate di trattamento, risulta essenziale.

Trattamento

  • Intervento chirurgico

Quando il tumore non si è diffuso oltre il rene, l’asportazione del rene interessato comporta una ragionevole possibilità di guarigione. Il chirurgo può asportare solo il tumore e una parte del tessuto sano adiacente, risparmiando il resto del rene. Sebbene siano in corso di studio alcuni mezzi non chirurgici di eliminazione delle cellule tumorali, di norma si preferisce intervenire chirurgicamente.

Se il tumore si è diffuso alla vena renale o perfino alla grande vena che porta il sangue al cuore (vena cava), ma non si è propagato verso i linfonodi o sedi distanti, l’intervento chirurgico può ancora fornire una possibilità di guarigione. Tuttavia, il tumore renale tende a diffondersi precocemente, specialmente ai polmoni, talvolta prima della comparsa dei sintomi. Poiché il tumore dei reni diffusosi in sedi distanti può sfuggire alla diagnosi precoce, le metastasi talvolta vengono rilevate solo dopo che il medico ha asportato tutto il tumore che è stato in grado di rilevare.

Se non sembra possibile intervenire chirurgicamente, è possibile utilizzare altri trattamenti, che però solo raramente sono definitivi. Il trattamento mediante potenziamento della capacità del sistema immunitario di distruggere il tumore, determina in alcuni casi la riduzione del tumore e può prolungare la sopravvivenza (vedere Immunoterapia). Tali trattamenti, talvolta usati per il tumore del rene, includono interleuchina-2 e interferone alfa-2b. Altri farmaci talvolta utilizzati comprendono sunitinib, sorafenib, cabozantinib, axitinib, bevacizumab, pazopanib, lenvatinib, temsirolimus ed everolimus. Tali farmaci alterano le vie molecolari tumorali, venendo quindi denominati terapie mirate.

Nuove immunoterapie dette inibitori del checkpoint bloccano una molecola sulle cellule tumorali chiamata PD-L1, impedendole di legarsi a PD-1 sui linfociti T e consentendo al sistema immunitario di attaccare il cancro. Pembrolizumab + axitinib e nivolumab + ipilimumab sono inibitori del checkpoint approvati per l’uso di prima linea in pazienti a rischio buono e intermedio/scarso con malattia metastatica. Altre combinazioni di terapie comprendenti gli inibitori del checkpoint sono attualmente oggetto di ricerca.

Sono in corso di studio anche diverse combinazioni di interleuchine, talidomide e perfino vaccini sviluppati a partire dalle cellule prelevate dal tumore renale. Questi trattamenti possono rivelarsi utili nel tumore metastatico, sebbene i benefici a essi associati siano di norma limitati. Raramente (in meno dell’1% dei soggetti), l’asportazione del rene interessato causa la remissione del tumore in qualsiasi parte dell’organismo. La flebile possibilità di una remissione del tumore, tuttavia, non è considerata un motivo sufficiente per asportare il rene affetto quando sia già avvenuta una diffusione, a meno che tale asportazione non faccia parte di un piano più ampio che comprende altri trattamenti mirati a limitare la diffusione del cancro. Nel 2017, sunitinib è stato approvato al fine di aiutare a prevenire recidive tumorali dopo l’intervento chirurgico.

Tumori metastatici del rene

Talvolta i tumori presenti in altre parti del corpo (metastasi) arrivano ai reni. Esempi di tali tumori includono il melanoma, i carcinomi polmonari, mammari, dello stomaco, degli organi riproduttivi femminili, dell’intestino e del pancreas, oltre a leucemia e linfoma.

Tale diffusione generalmente è asintomatica. La diffusione viene diagnosticata di norma dopo aver effettuato esami per stabilire quanto si sia allontanato il tumore dalla sede originale. Il trattamento è generalmente diretto al tumore originale. Occasionalmente, se il tumore originario viene trattato e il cancro del rene cresce, il tumore renale viene asportato.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Cistite interstiziale
La cistite interstiziale è un’infiammazione non infettiva della vescica. Che percentuale delle persone con questa malattia è costituta da donne?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE