Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Panoramica sulla riabilitazione

Di

Alex Moroz

, MD, New York University School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa giu 2017| Ultima modifica dei contenuti lug 2017
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La riabilitazione si rivolge ai soggetti che hanno perso la normale funzionalità, spesso a causa di un trauma, un ictus, un’infezione, un tumore, un intervento chirurgico o una patologia progressiva (come l’artrite).

Un programma di riabilitazione polmonare è comunemente indicato per i pazienti con broncopneumopatia cronica ostruttiva. Anche i soggetti particolarmente deboli dopo un prolungato allettamento (ad esempio, a causa di grave trauma o di un intervento chirurgico) necessitano di riabilitazione. La fisioterapia, la terapia occupazionale, il trattamento del dolore e delle infiammazioni uniti a un approccio riabilitativo finalizzato alla compensazione di specifiche funzioni perse sono gli obiettivi classici della riabilitazione. Il trattamento prevede generalmente sedute personali regolari per diverse settimane.

La terapia riabilitativa serve a soggetti di ogni età, sebbene il tipo, il livello e gli obiettivi spesso differiscano in funzione della fascia di appartenenza. I soggetti con patologie croniche, spesso anziani, hanno obiettivi diversi e necessitano di un programma meno intenso e un più lungo periodo riabilitativo rispetto ai giovani che presentano una disabilità temporanea (ad esempio, dovuta a frattura o ustione). Nel caso di un anziano con grave insufficienza cardiaca e pregresso ictus, l’obiettivo è quello di recuperare il maggior livello possibile di autosufficienza (soprattutto per svolgere attività come mangiare, vestirsi, lavarsi, spostarsi dal letto alla sedia, andare in bagno, controllare la funzione della vescica e dell’intestino). L’obiettivo del paziente giovane con frattura è spesso riacquistare tutte le funzionalità il più rapidamente possibile. Ciononostante, l’intensità della riabilitazione o i suoi obiettivi non sono condizionati soltanto dall’età, ma anche dalla presenza di altre patologie o limitazioni.

Sapevate che...

  • Dopo un grave evento, trauma o procedura chirurgica, il programma di riabilitazione raccomandato deve essere seguito rigorosamente per ottenere il recupero massimo possibile.

  • La riabilitazione può essere svolta presso uno studio medico, a casa oppure nei centri specializzati.

Per iniziare un programma di riabilitazione formale, il medico invia il paziente (sotto prescrizione) da un fisiatra (medico specializzato in medicina riabilitativa), da un fisioterapista, da un terapista occupazionale o in un centro di riabilitazione. La prescrizione stabilisce gli obiettivi della terapia, fornendo una descrizione del tipo di malattia o lesione e la data di insorgenza. Inoltre, precisa il tipo di terapia richiesta, ad esempio, un programma volto al recupero della deambulazione (aiuto per camminare) o al ripristino delle attività quotidiane.

Dove si svolge

Il luogo in cui sarà eseguito il programma dipende dalle esigenze del soggetto. Molti pazienti in convalescenza dopo traumi possono essere trattati in regime ambulatoriale presso lo studio del terapista. Per i soggetti con gravi invalidità, può essere necessaria l’assistenza ospedaliera o in un centro di rieducazione, dove un’équipe di fisioterapisti si occuperà dei trattamenti necessari. Insieme al medico o al terapista, questa équipe può essere composta da infermieri, psicologi, assistenti sociali, logopedisti (che valutano l’eloquio, il linguaggio e la voce), audiologi (che valutano l’udito), altri operatori sanitari e familiari. L’approccio di squadra è ideale perché una perdita significativa della funzionalità può provocare altri disturbi, come:

Le cure a casa sono indicate per i soggetti che non riescono a uscire di casa facilmente, ma richiedono meno cure, riuscendo a spostarsi dal letto alla sedia o dalla sedia al water. In tali casi, tuttavia, i familiari o gli amici devono essere disposti a partecipare al programma di terapia riabilitativa. La riabilitazione domiciliare con l’assistenza dei familiari è molto richiesta, ma può essere fisicamente ed emotivamente pesante per tutti gli individui interessati. Talvolta, un fisioterapista o un terapista occupazionale può fornire al paziente un’assistenza domiciliare.

Molte case di cura prevedono programmi di riabilitazione meno intensi rispetto ai centri specializzati. Questo tipo di terapie è più indicato per i soggetti meno in grado di tollerare la terapia, come i soggetti fragili o anziani.

Obiettivi

L’équipe responsabile della riabilitazione o i terapisti stabiliscono, per ogni caso, obiettivi a breve termine e obiettivi a lungo termine. Ad esempio, un soggetto con trauma alla mano potrebbe presentare una mobilità limitata e debolezza. Gli obiettivi a breve termine potrebbero essere un aumento della mobilità di un certo grado e l’aumento della forza di presa di una certa percentuale. L’obiettivo a lungo termine può essere quello di riprendere a suonare il pianoforte. Gli obiettivi a breve termine servono a offrire uno scopo immediato, raggiungibile. Il fatto di porsi fin dall’inizio un obiettivo generale a lungo termine permette ai pazienti di comprendere gli eventuali progressi del trattamento riabilitativo in alcuni mesi. Il paziente viene incoraggiato a raggiungere ciascun obiettivo a breve termine, mentre l’équipe controlla attentamente i progressi. Gli obiettivi possono essere modificati se il soggetto mostra una mancanza di volontà o incapacità (finanziaria o di altra natura) di continuare o in presenza di progresso più lento o rapido del previsto.

In molti casi, gli obiettivi possono aiutare il paziente a tornare a camminare e consentirgli di svolgere le attività quotidiane necessarie (come vestirsi, prendersi cura del proprio aspetto, lavarsi, mangiare autonomamente, cucinare e fare la spesa).

Indipendentemente dalla gravità dell’invalidità o dall’abilità dell’équipe di riabilitazione, l’esito del processo di riabilitazione dipende dalla motivazione del soggetto. Alcuni pazienti ritardano la ripresa per il desiderio di attirare l’attenzione dei familiari o degli amici.

icon

Popolazione anziana

Le patologie che richiedono un programma di riabilitazione (come ictus, attacchi cardiaci, frattura dell’anca e amputazione di un arto) sono comuni fra i soggetti anziani. Tuttavia, questa popolazione può presentare caratteristiche che complicano la terapia riabilitativa:

  • Potrebbero essere fisicamente inattivi.

  • Potrebbero presentare debolezza muscolare (anche del muscolo cardiaco).

  • Potrebbero mancare di resistenza.

  • Potrebbero presentare depressione o demenza.

  • Potrebbero presentare disturbi di equilibrio, coordinazione o agilità.

  • Potrebbero presentare rigidità articolare.

Tuttavia, la sola età non basta a rinviare o rifiutare un programma riabilitativo.

Gli anziani potrebbero avere un recupero più lento. Di conseguenza, è preferibile, per questo gruppo di pazienti, mettere a punto programmi specifici. I pazienti anziani hanno spesso obiettivi diversi, richiedono un programma riabilitativo meno intenso e tipi di cure diversi rispetto ai soggetti più giovani. Quando il paziente anziano partecipa a programmi ideati su misura per le sue esigenze, è meno probabile che confronti i suoi progressi con quelli di un paziente giovane e si scoraggi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Terapia occupazionale
La terapia occupazionale è un tipo di terapia con lo scopo specifico di migliorare la capacità di un soggetto di essere autosufficiente, di svolgere lavoro utile e attività ricreative. Quale delle seguenti affermazioni sui terapisti o sulla terapia occupazionale NON è corretta?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE