Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Nefrite tubulointerstiziale

Di

Frank O'Brien

, MD, Washington University in St. Louis

Ultima revisione/verifica completa mar 2020| Ultima modifica dei contenuti mar 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La nefrite tubulointerstiziale è un’infiammazione che interessa i tubuli dei reni e i tessuti che li circondano (tessuto interstiziale).

  • Può essere provocata da varie condizioni, farmaci e tossine che danneggiano i reni.

  • I soggetti possono presentare un eccesso di minzione, minzione notturna o febbre alta e/o eritema.

  • Gli esami di laboratorio su sangue e urine vengono effettuati assieme agli esami di diagnostica per immagini e, talvolta, la biopsia renale.

  • L’interruzione dell’esposizione a farmaci e tossine pericolosi e il trattamento dei disturbi di base migliorano la funzionalità renale.

La nefrite tubulointerstiziale può essere

  • Acuta (improvvisa)

  • Cronica (graduale)

La nefrite tubulointerstiziale spesso causa insufficienza renale (perdita della maggior parte della funzionalità renale). Può essere provocata da varie condizioni, farmaci, tossine o radiazioni che danneggiano il rene. Il danno tubulare comporta alterazioni della quantità di elettroliti (ad esempio sodio e potassio) nel sangue o la compromissione della capacità dei reni di concentrare l’urina, che di conseguenza rimane troppo diluita. Quest’ultima condizione comporta un aumento del volume giornaliero di urina (poliuria) e difficoltà a mantenere il corretto equilibrio di acqua ed elettroliti nel sangue.

icon

Cause secondarie di nefrite tubulointerstiziale

Cause

La principale causa di nefrite tubulointerstiziale acuta è una reazione allergica a un farmaco. Gli antibiotici come la penicillina e i sulfamidici, i diuretici e i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), inclusa l’aspirina, possono innescare una reazione allergica. L’intervallo tra l’esposizione all’allergene che ha causato la reazione e lo sviluppo di una nefrite tubulointerstiziale acuta varia dai 3 giorni alle 5 settimane.

I farmaci possono causare nefrite tubulointerstiziale anche attraverso meccanismi non allergenici. Ad esempio, i FANS possono danneggiare direttamente il rene, impiegando fino a 18 mesi per scatenare la nefrite tubulointerstiziale.

Anche le infezioni del rene (pielonefriti) possono causare una nefrite tubulointerstiziale acuta o cronica. L’insufficienza renale è improbabile a meno che l’infiammazione non causi un’ostruzione delle vie urinarie o pielonefrite di entrambi i reni.

La nefrite tubulointerstiziale può essere causata da disturbi immunologici che colpiscono principalmente il rene, come la nefrite interstiziale da anticorpi anti-membrana basale glomerulare (anti-TBM).

Sintomi

Molti soggetti presentano una sintomatologia scarsa o assente. Quando i sintomi si sviluppano, presentano un’ampia variabilità e possono manifestarsi improvvisamente o gradualmente.

Nefrite tubulointerstiziale acuta

Quando la nefrite tubulointerstiziale si sviluppa improvvisamente, la quantità di urina prodotta può essere normale o inferiore al normale. Talvolta la quantità di urina prodotta è eccessiva e le persone hanno necessità di urinarie più frequentemente e si svegliano di notte per urinare (nicturia). Se la causa è la pielonefrite, i sintomi possono includere febbre, minzione dolorosa e dolore alla parte lombare o al fianco. Se la causa è una reazione allergica, i sintomi possono includere febbre ed eruzione cutanea.

Nefrite tubulointerstiziale cronica

Quando la nefrite tubulointerstiziale si sviluppa gradualmente, i primi sintomi sono quelli dell’insufficienza renale, come prurito, affaticamento, diminuzione dell’appetito, nausea, vomito e difficoltà respiratoria. Nelle fasi iniziali della malattia, la pressione arteriosa è normale o solo di poco superiore alla norma. La quantità di urina prodotta può essere maggiore del normale.

Diagnosi

  • Esami di laboratorio

  • A volte esami di diagnostica per immagini

Dagli esami di laboratorio (test di funzionalità renale) generalmente è possibile identificare segni di insufficienza renale, come un aumento del livello di prodotti di scarto nel sangue oppure altre caratteristiche anomale, come acidosi metabolica e bassi livelli di potassio, acido urico o fosfato. L’unico metodo diagnostico decisivo è la biopsia renale, che tuttavia viene raramente eseguita, fatta eccezione per i casi in cui la causa non viene individuata o si prende in considerazione il trattamento con corticosteroidi.

Quando la nefrite tubulointerstiziale si sviluppa improvvisamente, le urine appaiono normali, con solo una traccia di proteine o pus, ma spesso le anomalie sono più evidenti. Le urine possono contenere un numero elevato di globuli bianchi, inclusi gli eosinofili. Di rado si repertano gli eosinofili nelle urine ma, quando sono presenti, il soggetto potrebbe essere affetto da una nefrite tubulointerstiziale acuta causata da una reazione allergica. In tali casi, gli esami del sangue potrebbero mostrare un numero aumentato di eosinofili nel sangue.

Il medico può richiedere l’ecografia, la scintigrafia o entrambe. Se la causa è una reazione allergica, i reni risultano aumentati di volume per l’infiammazione dovuta a tale reazione. Questo ingrossamento si può evidenziare con una scintigrafia o un’ecografia, che sono esami di diagnostica per immagini eseguiti per differenziare la nefrite tubulointerstiziale acuta da altri disturbi improvvisi dei reni.

Prognosi

La funzionalità renale generalmente migliora se il farmaco responsabile viene interrotto o se viene trattata efficacemente la malattia di base, sebbene sia frequente la presenza di sclerosi cicatriziale nel rene. La prognosi tende a peggiorare se il farmaco responsabile è un farmaco antinfiammatorio non steroideo (FANS).

Quando l’infiammazione si verifica gradualmente, il danno renale evolve in diversi gradi e segmenti del rene. Il soggetto può mostrare anomalie caratteristiche del danno in segmenti diversi del rene in momenti diversi. Il danno renale, tuttavia, progredisce di norma a interessare la maggior parte o completamente entrambi i reni, diventando irreversibile.

Trattamento

  • Trattamento della causa

  • Corticosteroidi

  • Dialisi o trapianto di rene

Nefrite tubulointerstiziale acuta

Il primo passo nel trattare la nefrite tubulointerstiziale acuta consiste nella sospensione di qualsiasi farmaco responsabile del danno renale e nel trattamento del disturbo sottostante. Il trattamento con un corticosteroide può accelerare il recupero della funzionalità renale se la nefrite tubulointerstiziale è causata da alcuni disturbi (come il lupus eritematoso sistemico e la sindrome di Sjögren) o da una reazione allergica. La dialisi diventa necessaria in caso di grave compromissione della funzionalità renale con insufficienza renale. In alcuni casi, il danno è irreversibile e l’insufficienza renale diventa cronica.

Nefrite tubulointerstiziale cronica

La terapia della nefrite tubulointerstiziale cronica si basa sulla sospensione del farmaco responsabile o sul trattamento del disturbo sottostante. Spesso si ricorre alla cure di supporto, ad esempio tenendo sotto controllo la pressione arteriosa. Per cercare di rallentare la progressione della malattia renale è possibile utilizzare dei farmaci. Il danno renale grave irreversibile, qualunque ne sia la causa, ha come conseguenza la necessità di sottoporsi a dialisi o trapianto di rene.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Reni
Quale delle seguenti è la funzione principale dei reni?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE