Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Dolore articolare: articolazione singola

(Monoarticular Joint Pain)

Di

Alexandra Villa-Forte

, MD, MPH, Cleveland Clinic

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

Il dolore isolato a una sola articolazione viene chiamato dolore monoarticolare. Un’articolazione può essere semplicemente dolorosa (artralgia) o può anche essere infiammata (artrite). L’artrite causa solitamente calore, gonfiore e raramente arrossamento della cute in corrispondenza dell’articolazione. Il dolore può manifestarsi solo quando viene mossa l’articolazione, oppure può essere presente anche a riposo. È possibile che all’interno dell’articolazione si formi del liquido (effusione).

Il dolore che sembra derivare da un’articolazione a volte ha origine in una struttura al suo esterno, come un legamento, un tendine o un muscolo (vedere Introduzione alla biologia del sistema muscoloscheletrico). Esempi di questi disturbi sono borsite, tendinite, distorsioni e strappi. I dolori causati da questi disturbi solitamente non sono considerati veri dolori articolari.

Cause

Le cause comuni dell’artrite in una singola articolazione comprendono artrite infettiva, gotta e disturbi correlati e osteoartrite. Il dolore articolare può essere il primo sintomo di un disturbo che colpisce altri organi, come una malattia autoimmune o un’infezione generalizzata. I sintomi di alcune malattie autoimmuni possono includere febbre, ulcere della bocca ed eruzione cutanea. Il dolore che si sviluppa in un’articolazione può anche essere il primo sintomo di un disturbo che in seguito colpirà molte articolazioni ( Dolore articolare: molte articolazioni).

Cause comuni

A tutte le età, le cause più comuni di dolore monoarticolare improvviso sono trauma, infezione e presenza di cristalli nell’articolazione (spesso detta artrite indotta da cristalli).

Nei giovani, le cause più comuni sono

  • Trauma (la più comune)

  • Infezione (spesso causata da gonorrea diffusa in tutto il corpo o nel flusso sanguigno [infezione gonococcica disseminata], in particolare se l’articolazione è calda e gonfia)

  • Infiammazione (causata, per esempio, dalla gotta)

Negli adulti più anziani che non abbiano subito traumi, le cause più comuni sono:

La causa più pericolosa, a qualsiasi età, è l’artrite infettiva acuta. L’artrite infettiva può danneggiare le strutture all’interno dell’articolazione in poche ore, portando così a un’artrite permanente. Un trattamento rapido può ridurre al minimo il danno permanente ed evitare sepsi e decesso.

Le cause comuni di dolore monoarticolare sono elencate nella tabella Alcune cause e caratteristiche del dolore monoarticolare.

Cause meno comuni

Le cause meno comuni di dolore monoarticolare sono la distruzione di una parte dell’osso adiacente, causata da insufficiente afflusso di sangue (osteonecrosi), tumore articolare (come sinovite villonodulare pigmentata), presenza di sangue nell’articolazione (emartrosi) e disturbi che in genere causano dolore in più di un’articolazione, come l’artrite reattiva.

Valutazione

Le seguenti informazioni possono aiutare le persone a decidere se è richiesta una valutazione del medico e cosa può comportare.

Segnali d’allarme

Nei soggetti che soffrono di dolore a una singola articolazione, alcuni sintomi e caratteristiche sono fonte di preoccupazione e possono richiedere un trattamento immediato. Tra questi troviamo:

  • Dolore improvviso o grave

  • Arrossamento, calore o gonfiore articolare, oppure limitazione del movimento

  • Febbre

  • Cute lacerata, arrossata, calda o dolorante vicino all’articolazione

  • Presenza di un disturbo emorragico, uso di anticoagulanti (“fluidificanti del sangue”, come ad esempio il warfarin) o valori anomali dell’emoglobina (ad esempio anemia falciforme)

  • Segni di malattia improvvisa diversa dal dolore articolare

  • Possibilità di una malattia a trasmissione sessuale (ad esempio, dovuta a relazioni sessuali non protette con un nuovo partner)

Quando rivolgersi a un medico

Le persone che presentano segnali d’allarme devono consultare immediatamente un medico. Il medico può trattare i sintomi in modo più rapido e completo se il trattamento interviene tempestivamente in certi disturbi, quali l’artrite indotta da cristalli, l’emartrosi e l’artrite infettiva. I soggetti che non presentano segnali d’allarme, in particolare se la causa del dolore è nota (ad esempio se un dolore tipico è ricorrente in un’articolazione colpita da osteoartrite o se il dolore si manifesta dopo un trauma minore) e se i sintomi sono lievi, possono attendere alcuni giorni per verificare se i sintomi si risolvono da soli, prima di consultare un medico.

Come si comporta il medico

Il medico inizia ponendo al paziente domande sui sintomi e sull’anamnesi. Esegue quindi un esame obiettivo. In base ai risultati dell’esame obiettivo e dell’anamnesi, il medico sarà in grado di suggerire una causa del dolore e gli esami da effettuare (vedere tabella Alcune cause e caratteristiche del dolore monoarticolare).

Durante l’anamnesi, il medico chiede:

  • Quando è iniziato il dolore, come si è sviluppato, dove è localizzato e di che intensità è

  • Cosa migliora o aggrava il dolore (ad esempio, il movimento, gli esercizi sotto carico o il riposo)

  • Traumi precedenti o dolore articolare passato

  • Sintomi in altre articolazioni (come gonfiore)

  • Fattori di rischio per le malattie a trasmissione sessuale e la malattia di Lyme

  • Disturbi noti, in particolare quelli che possono causare o contribuire al dolore articolare (come l’osteoartrite, la gotta o l’anemia falciforme)

L’esame obiettivo si concentra sulle articolazioni per cercare segni di infiammazione (fra cui gonfiore, calore e, raramente, arrossamento), dolorabilità, limitazione del movimento e rumori quando si muovono le articolazioni (cosiddetto crepitio). Il medico confronta l’articolazione colpita con quella corrispondente non colpita dal lato opposto del corpo, per individuare eventuali alterazioni meno evidenti. Il medico cerca anche segni di infezione altrove nel corpo, in particolare sulla cute e sugli organi genitali.

Diversi elementi dell’anamnesi e risultati dell’esame obiettivo suggeriscono la causa del dolore articolare:

  • Sulla base dell’esame obiettivo, il medico può determinare se la sorgente del dolore si trovi nell’articolazione o nelle strutture circostanti. Ad esempio, se un solo lato dell’articolazione sembra anormale, la sorgente del dolore è probabilmente all’esterno dell’articolazione.

  • Sulla base dell’esame obiettivo, il medico può capire se sia presente del liquido nell’articolazione.

  • Un’infiammazione che si sviluppa in poche ore è solitamente causata dall’artrite indotta da cristalli, in particolare se sintomi simili si sono già manifestati in precedenza. L’artrite infettiva è un’altra causa importante di artrite acuta.

  • Il più delle volte a febbre è causata dall’artrite infettiva o dall’artrite indotta da cristalli.

Tabella
icon

Alcune cause e caratteristiche del dolore a una singola articolazione

Causa

Caratteristiche comuni*

Esami

Artrite indotta da cristalli (gotta e disturbi correlati come artrite da pirofosfato di calcio (nota un tempo come pseudogotta)

Dolore improvviso e acuto, gonfiore, calore e diminuzione della mobilità articolare, in particolare nell’alluce, nella caviglia, nel polso o nel ginocchio

A volte con arrossamento della cute

Spesso episodi di dolore simili che si sono manifestati in precedenza e che sono guariti con o senza trattamento

Prelievo e analisi del liquido sinoviale (artrocentesi) per verificare la presenza di cristalli

Emartrosi (sangue nell’articolazione)†

I sintomi possono essere spontanei o manifestarsi subito dopo un trauma

Solitamente in un soggetto con un trauma recente o un problema di sanguinamento

Prelievo e analisi del liquido sinoviale (artrocentesi)

Talvolta TC o RMI

Artrite infettiva (ad esempio dovuta a un batterio, un fungo, un’infezione virale o alla tubercolosi)‡

Dolore improvviso e acuto, gonfiore, calore e diminuzione dell’ampiezza di movimento

A volte dolore graduale e gonfiore

Prelievo e analisi del liquido sinoviale (artrocentesi)

Traumi, come una frattura o un’anomalia all’interno dell’articolazione che interferisce con la mobilità articolare (ad esempio, cartilagine anomala dovuta a un menisco consumato)

I sintomi iniziano immediatamente dopo il trauma

Spesso gonfiore

Radiografie

A volte RMI

A volte inserimento nell’articolazione di una sonda di visualizzazione (artroscopia)

Inizio improvviso del dolore in un’articolazione, che può spostarsi da un’articolazione all’altra

Solitamente si presentano dolori in tutto il corpo, febbre e astenia grave

Solitamente inizia diversi giorni o alcune settimane dopo che la persona ha avuto un’eruzione cutanea con una o più macchie rosse e con un centro più chiaro

Spesso dopo la puntura di una zecca (la puntura di una zecca può passare inosservata)

Esame del sangue per anticorpi anti-Borrelia burgdorferi, il batterio che causa la malattia di Lyme

Dolore che progredisce lentamente nei soggetti più anziani o nei soggetti più giovani che sollecitano troppo spesso l’articolazione colpita (ad esempio, facendo lavori manuali o attività sportive di forte impatto)

Radiografie

Dolore articolare in soggetti che hanno assunto o che stanno assumendo corticosteroidi o che soffrono di anemia falciforme

Radiografie più RMI

Può causare dolore a una singola articolazione, solitamente con gonfiore (più spesso causa dolore a varie articolazioni)

Solitamente nei soggetti affetti da psoriasi nota

Prelievo e analisi del liquido articolare la prima volta che si manifesta il disturbo

Talvolta radiografie

Dolore articolare che progredisce lentamente, solitamente con gonfiore

Spesso dolore di notte

Radiografie e RMI

* Le caratteristiche includono i sintomi e gli esiti della visita medica. Le caratteristiche citate sono tipiche, ma non sempre presenti.

† Queste cause sono rare.

‡ L’artrite infettiva si manifesta con maggiore frequenza nei soggetti con un sistema immunitario indebolito (a causa di una patologia o di farmaci), in coloro che fanno uso di droghe e farmaci per via endovenosa, nei diabetici e nelle persone a rischio di malattie a trasmissione sessuale.

TC = Tomografia computerizzata; RMI = Risonanza magnetica per immagini.

Esami

La necessità di effettuare esami dipende da cosa rileva il medico dall’anamnesi e nel corso dell’esame obiettivo, in particolare in presenza di segnali d’allarme.

I possibili esami includono

  • Analisi del liquido articolare

  • Radiografie e altri esami di diagnostica per immagini

  • A volte esami del sangue

Di solito, il medico esamina il liquido articolare se l’articolazione è gonfia. Il medico estrae il liquido dall’articolazione sterilizzando la zona con una soluzione antisettica, quindi addormentando la cute con un anestetico. Successivamente, si inserisce un ago nell’articolazione per prelevare liquido articolare (una procedura chiamata aspirazione articolare o artrocentesi). Questa procedura non è dolorosa o causa solo un dolore lieve. Solitamente il liquido viene analizzato per cercare, fra le altre cose, i batteri che possono causare l’infezione e viene esaminato al microscopio per cercare i cristalli che causano la gotta e i relativi disturbi. A volte il medico non esamina il liquido se la causa del dolore articolare è ovvia, ad esempio, se il dolore si manifesta dopo un trauma o se il liquido si accumula ripetutamente in un’articolazione con patologie articolari croniche, come l’osteoartrite.

Si può fare una radiografia, ma spesso non è necessaria nei soggetti che soffrono di artrite acuta. La radiografia non mostra anomalie dei tessuti molli o della cartilagine. Le radiografie sono più utili per diagnosticare fratture e a volte tumori ossei o osteonecrosi.

La risonanza magnetica per immagini (RMI) o la tomografia computerizzata (TC) possono mostrare anomalie di ossa, articolazioni, tendini e muscoli più in dettaglio rispetto alla radiografia. La RMI o la TC vengono utilizzate per diagnosticare le anomalie ossee o articolari che potrebbero non essere evidenti alle radiografie (ad esempio, fratture dell’anca troppo piccole per essere visibili ai raggi X). La RMI viene utilizzata per diagnosticare alcune anomalie dei tessuti molli, come le anomalie della cuffia dei rotatori nella spalla e le anomalie della cartilagine dei legamenti e del menisco nel ginocchio.

A volte sono necessari esami del sangue, ad esempio per facilitare la diagnosi o escludere la malattia di Lyme.

Trattamento

Il modo più efficace per alleviare il dolore articolare è quello di trattare il disturbo che causa il dolore. Ad esempio, si possono prescrivere antibiotici per curare l’artrite infettiva. Le ossa con fratture possono richiedere un’immobilizzazione (ad esempio con un gesso).

I farmaci possono essere utilizzati anche per alleviare l’infiammazione articolare, indipendentemente dalla causa. Fra questi vi sono i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) oppure, per le infiammazioni molto gravi, talvolta i corticosteroidi. Il dolore articolare senza infiammazione, indipendentemente dalla causa, può essere alleviato con i FANS, anche se di solito il paracetamolo risulta efficace e più sicuro per la maggior parte delle persone.

L’immobilizzazione dell’articolazione con una stecca o una benda è utile, temporaneamente, per alleviare il dolore. Gli impacchi freddi (ad esempio con ghiaccio) sono il trattamento migliore subito dopo un trauma e possono essere utilizzati per alleviare il dolore causato da un’infiammazione articolare. Gli impacchi caldi (ad esempio con cuscinetti caldi) possono diminuire il dolore calmando gli spasmi dei muscoli intorno alle articolazioni. Tuttavia, si deve proteggere la cute dal caldo e dal freddo estremi. Ad esempio, il ghiaccio si può mettere in una borsa in gomma o un sacchetto di plastica avvolto in un asciugamano, ma non va applicato direttamente sulla cute. Inoltre, il materiale caldo e freddo deve essere applicato almeno 15 minuti alla volta, affinché possa penetrare in profondità e arrivare ai tessuti più dolorosi o infiammati.

Quando il dolore intenso si è attenuato, il medico può consigliare la fisioterapia per recuperare o conservare l’ampiezza di movimento e rafforzare i muscoli circostanti.

Punti principali

  • Il dolore monoarticolare negli adulti più anziani è causato, il più delle volte, dall’osteoartrite o dalla gotta.

  • Il dolore monoarticolare nei giovani o negli adolescenti può essere causato da una malattia a trasmissione sessuale, come la gonorrea.

  • I soggetti che lamentano un dolore articolare improvviso con gonfiore devono consultare un medico al più presto possibile, in modo da poter trattare l’artrite infettiva, se presente.

  • Dall’articolazione gonfia viene solitamente prelevato del liquido, che viene analizzato per controllare se sia presente un’infezione o si siano formati cristalli.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Metti alla prova la tua conoscenza

Dolore articolare: articolazione singola
Gli esami del sangue vengono eseguiti per aiutare a formulare una diagnosi o per escludere quale delle seguenti cause di dolore a una singola articolazione?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE