Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Nausea e vomito nei lattanti e nei bambini

Di

Deborah M. Consolini

, MD, Sidney Kimmel Medical College of Thomas Jefferson University

Ultima modifica dei contenuti lug 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La nausea è la sensazione di vomito imminente ed è spesso accompagnata da alterazioni autonomiche, come aumento della frequenza cardiaca e della salivazione. Nausea e vomito tipicamente si verificano in sequenza; tuttavia, possono verificarsi separatamente (p. es., il vomito può comparire senza essere preceduto da nausea, in conseguenza di un aumento della pressione endocranica).

Il vomito è fastidioso e può causare disidratazione perché i liquidi si perdono e la capacità di reidratarsi bevendo è limitata.

Fisiopatologia

Il vomito è la parte finale di una sequenza di eventi coordinata dal centro emetico localizzato nel bulbo. Il centro emetico può essere attivato da vie neurali afferenti dagli organi digestivi (p. es., faringe, stomaco, dell'intestino tenue) e non digestive (p. es., cuore, testicoli), dalla zona di innesco del chemocettore situata nell'area postrema sul pavimento del 4o ventricolo (contenente recettori della dopamina e della serotonina), e in altri centri del sistema nervoso centrale (p. es., tronco encefalico, sistema vestibolare).

Eziologia

Le cause di vomito variano con l'età e vanno da relativamente benigne a potenzialmente letali ( Alcune cause di vomito in lattanti, bambini e adolescenti). Il vomito è un meccanismo protettivo che fornisce un mezzo per espellere potenziali tossine; tuttavia, può anche indicare malattie gravi (p. es., occlusione intestinale). Il vomito biliare indica un'occlusione intestinale alta e, particolarmente nel lattante, richiede una valutazione immediata.

Lattanti

I neonati in genere rigurgitano piccole quantità (di solito < 5-10 mL) durante o subito dopo il pasto, spesso durante il ruttino. Mangiare in fretta, deglutire aria e mangiare eccessivamente possono essere cause, benché il rigurgito si verifichi anche senza questi fattori. Un vomito occasionale può anche essere normale, ma un vomito ripetuto è anormale.

Le cause più frequenti di vomito nei lattanti e neonati comprendono:

Altre cause importanti in lattanti e neonati comprendono:

Cause meno frequenti di vomito ricorrente comprendono sepsi e intolleranza alimentare. Disturbi metabolici (p. es., disturbi del ciclo dell'urea, acidemie organiche) sono infrequenti, ma possono manifestarsi con vomito.

Bambini più grandi

La causa più frequente è

Le infezioni non gastrointestinali possono causare alcuni episodi di vomito. Altre cause da prendere in considerazione comprendono infezioni gravi (p. es., la meningite, la pielonefrite), addome acuto (p. es., l'appendicite), aumento della pressione endocranica secondaria a una lesione occupante spazio (p. es., causata da un trauma o da un tumore), e vomito ciclico.

Negli adolescenti, le cause di vomito comprendono anche gravidanza, alterazioni alimentari, e ingestioni tossiche (p. es., acetaminofene [paracetamolo], ferro, etanolo).

Tabella
icon

Alcune cause di vomito in lattanti, bambini e adolescenti

Causa*

Reperti suggestivi

Approccio diagnostico

Vomito nei lattanti

In genere con diarrea

A volte febbre e/o contatto con una persona che ha sintomi simili

Valutazione clinica

A volte saggi immunologici rapidi per antigeni virali (p. es., rotavirus, adenovirus)

Agitazione ricorrente durante o dopo le poppate

Possibilmente scarso aumento di peso, inarcare la schiena, sintomi respiratori ricorrenti (p. es., tosse, stridore, dispnea)

Prova empirica di soppressione acida

A volte studio del tratto gastrointestinale superiore con contrasto, una scintigrafia con il latte, un monitoraggio del pH esofageo e/o studio dell'impedenza o un'endoscopia

Enteriti batteriche o coliti

Di solito con diarrea (spesso sanguinolenta), febbre, dolori addominali crampiformi, gonfiore

Spesso contatto con una persona che ha sintomi simili

Valutazione clinica

Talvolta esame delle feci per ricerca di globuli bianchi ed esame colturale

Vomito a getto ricorrente immediatamente dopo i pasti in neonati dell'età di 2-12 settimane, evacuazioni infrequenti

Può essere emaciato e disidratato

A volte è palpabile un'"oliva pilorica" nel quadrante superiore destro

Ecografia del piloro

Studio del tratto gastrointestinale superiore con mezzo di contrasto se l'ecografia è indisponibile o incerta

Atresie o stenosi congenite

Distensione addominale

Vomito biliare nelle prime 24-48 h di vita (con minor grado di stenosi, il vomito può essere ritardato)

A volte polidramnios durante la gravidanza, sindrome di Down, ittero

RX addominale

Serie per tratto gastrointestinale superiore o clisma opaco, a seconda dei referti

Dolore addominale colico, pianto inconsolabile, letargia, flessione delle ginocchia al petto

Più tardi, feci ematiche ("gelatina di ribes")

In genere età di 3-36 mesi, ma può essere al di fuori di questo range

Ecografia addominale

Se l'ecografia è positiva o non diagnostica, un clistere con aria o con contrasto (a meno che il paziente abbia segni di peritonite o di perforazione)

Nei neonati, emissione ritardata di meconio, distensione addominale, vomito biliare

RX addominale

Clisma opaco

Biopsia rettale

Malrotazione con volvolo

Nei neonati, vomito biliare, distensione e dolore addominale

Feci ematiche

RX addominale

Clisma opaco o una radiografia seriata del tratto gastrointestinale superiore

Febbre, letargia, tachicardia, tachipnea

Aumento della pressione differenziale, ipotensione

Conta delle cellule e colture (sangue, urina, liquido cerebrospinale)

RX torace se sono presenti sintomi polmonari

Dolore addominale, diarrea

Possibili eruzioni cutanee eczematose o orticaria

Dieta di eliminazione

A volte test cutanei e/o test di radioallergoassorbimento

Scarsa alimentazione, ritardo di crescita, letargia, epato-splenomegalia, ittero

Talvolta odore insolito, cataratta

Elettroliti, ammoniaca, prove di funzionalità epatica, azotemia, creatininemia, glicemia, bilirubinemia totale e diretta, emocromo, tempo di protrombina/tempo di tromboplastina parziale

Screening metabolico neonatale

Ulteriori esami specifici in base ai referti

Vomito in bambini ed adolescenti

In genere con diarrea

A volte febbre, contatto con una persona che ha sintomi simili o anamnesi di viaggi

Valutazione clinica

A volte saggi immunologici rapidi per antigeni virali (p. es., rotavirus, adenovirus)

Enteriti batteriche o coliti

Di solito con diarrea (spesso sanguinolenta), febbre, dolori addominali crampiformi, gonfiore, urgenza fecale

Spesso contatto con una persona che ha sintomi simili, o anamnesi di viaggio

Valutazione clinica

Talvolta esame delle feci per ricerca di globuli bianchi, esame colturale

Infezione non gastrointestinali

Febbre

Spesso segni di localizzazione (p. es., mal di testa, dolore alle orecchie, mal di gola, adenopatia cervicale, disuria, dolore al fianco, scolo nasale) a seconda della causa

Valutazione clinica

Esami necessari in base alla causa sospetta

Malessere generale e fastidio periombelicale iniziale, seguito da dolore localizzato al quadrante inferiore destro, vomito dopo la comparsa del dolore, anoressia, febbre, dolorabilità sul punto di McBurney, diminuzione dei rumori intestinali

Ecografia (preferita alla TC per limitare esposizione a radiazioni)

Infezione grave

Febbre, aspetto tossico, dolore alla schiena, disuria (pielonefrite)

Rigidità nucale, fotofobia (meningite)

Svogliatezza, ipotensione, tachicardia (sepsi)

Conta delle cellule e colture (sangue, urina, liquido cerebrospinale) come indicato dai riscontri

≥ 3 episodi di nausea acuta intensa e vomito incoercibile e tal volta dolore addominale o mal di testa della durata di ore o giorni

Interrotti da intervalli liberi da sintomi durevoli da settimane a mesi

Esclusione di malattie metaboliche, gastrointestinali (p. es., malrotazione) o del sistema nervoso centrale (p. es., tumore cerebrale)

Ipertensione endocranica (causata da tumore o trauma)

Cefalea cronica, progressiva; risvegli notturni; vomito mattutino; cefalea aggravata dalla tosse o dalla manovra di Valsalva; cambiamenti del visus

TC cerebrale (senza contrasto)

Cicli di alimentazione compulsiva ed uso di purganti, erosione dello smalto dei denti, perdita o mancato guadagno di peso

Talvolta lesioni cutanee sulla mano causate mentre si induce il vomito (segno di Russell)

Valutazione clinica

Amenorrea, malessere mattutino, meteorismo, dolorabilità mammaria

Storia di attività sessuale non protetta

Test urinario di gravidanza

Ingestioni tossiche (p. es., acetaminofene [paracetamolo], ferro, etanolo)

Spesso anamnesi di ingestione

Riscontri vari dipendono dalla sostanza ingerita

Livelli qualitativi e a volte quantitativi di farmaci sierici (secondo la sostanza)

Reazione avversa al farmaco (p. es., ai farmaci chemioterapici)

Esposizione a un farmaco specifico

Valutazione clinica

*Le cause sono elencate in ordine di frequenza.

Molti adolescenti non ammettono di essere sessualmente attivi.

Valutazione

La valutazione comprende quella della gravità (p. es., presenza di disidratazione, di un disturbo chirurgico o che mette in pericolo la vita), e la diagnosi eziologica.

Anamnesi

L'anamnesi della malattia attuale deve determinare quando sono iniziati gli episodi di vomito, la frequenza e il carattere degli episodi (in particolare se il vomito è proiettile, bilioso, o di piccole quantità e più compatibile con lo sputare). Qualsiasi tipo di vomito (p. es., dopo i pasti, solo con certi cibi, principalmente al mattino o in episodi ciclici ricorrenti) deve essere stabilito. Importanti sintomi associati comprendono diarrea (con o senza sangue), febbre, anoressia e dolori addominali, gonfiore, o entrambi. Si devono rilevare la frequenza e la consistenza delle feci e la diuresi.

La rassegna dei sistemi deve cercare sintomi di disturbi causali, tra cui debolezza, suzione scarsa e difetto di crescita (disturbi metabolici); ritardata emissione di meconio, distensione addominale e letargia (ostruzione intestinale); cefalea, rigidità nucale e modifiche del visus (disturbi intracranici); abbuffate di cibo o segni di una distorsione dell'immagine corporea (disturbi del comportamento alimentare); mancati cicli mestruali e gonfiore del seno (gravidanza); eruzioni cutanee (eczema o orticaria nelle allergie alimentari, petecchie nella sepsi o meningite); dolore alle orecchie o mal di gola (infezione focale non gastrointestinali); e febbre con mal di testa, del collo o mal di schiena o dolore addominale (meningite, pielonefrite o appendicite).

L'anamnesi patologica remota pone l'attenzione alla storia del viaggio (possibile gastroenterite infettiva), a ogni trauma cranico recente, e ai rapporti sessuali non protetti (gravidanza).

Esame obiettivo

I segni vitali sono rivisti per gli indicatori di infezione (p. es., febbre) e ipovolemia (p. es., tachicardia, ipotensione).

Durante l'esame generale vengono registrati segni di sofferenza (p. es., letargia, irritabilità, pianto inconsolabile) e segni di perdita di peso (cachessia) o aumento di peso.

Poiché l'esame addominale può causare fastidio, l'esame obiettivo deve iniziare dalla testa. L'esame della testa e del collo deve concentrarsi su segni di infezione (p. es., membrana timpanica arrossata, rigonfia; rigonfiamento della fontanella anteriore; tonsille eritematose) e disidratazione (p. es., secchezza delle mucose, mancanza di lacrime). Il collo deve essere flesso passivamente per rilevare resistenza o fastidio, che suggeriscono irritazione meningea.

L'esame cardiaco deve notare la presenza di tachicardia (p. es., disidratazione, febbre, angoscia). L'esame addominale deve valutare la distensione; la presenza e la qualità dei rumori intestinali (p. es., acuto, normale, assente); dolorabilità ed eventuale difesa, rigidità o rimbalzo associati (segni peritoneali); e la presenza di organomegalia o masse.

La cute e le estremità vengono esaminate per petecchie o porpora (infezione grave) o altre eruzioni cutanee (possibile infezione virale o segni di atopia), ittero (possibile disturbo metabolico), e segni di disidratazione (p. es., turgore della pelle poveri, in ritardo di riempimento capillare).

Si devono notare i parametri di crescita e i segni di progresso dello sviluppo.

Segni d'allarme

I seguenti reperti destano una particolare preoccupazione:

  • Emesi biliare

  • Letargia o apatia

  • Inconsolabilità e protrusione delle fontanelle nel lattante

  • Rigidità nucale, fotofobia e febbre nei bambini più grandi

  • Segni peritoneali o distensione addominale (addome chirurgico)

  • Vomito persistente con scarso accrescimento o sviluppo

Interpretazione dei reperti

I referti iniziali aiutano a determinare la gravità della diagnosi e la necessità di un intervento immediato.

  • Qualsiasi neonato o lattante con vomito ricorrente o bilioso (giallo o verde) a getto ha con ogni probabilità un'occlusione gastrointestinale e probabilmente richiede un intervento chirurgico.

  • Un lattante o bambino piccolo con dolore addominale colico, segni di dolore intermittente o apatia, e feci assenti o ematiche deve essere valutato per un'invaginazione.

  • Un bambino o adolescente con febbre, rigidità nucale e fotofobia deve essere valutato per meningite.

  • Un bambino o adolescente con febbre e dolore addominale seguiti da vomito, anoressia e riduzione dei rumori intestinali deve essere valutato per appendicite.

  • Un'anamnesi positiva per trauma cranico recente o cefalea cronica progressiva con vomito mattutino, alterazioni del visus indicano ipertensione endocranica.

Altri reperti possono essere interpretati fondamentalmente a seconda dell'età ( Alcune cause di vomito in lattanti, bambini e adolescenti).

Nei neonati, l'irritabilità, il soffocamento, e i segni respiratori (p. es., lo stridore) possono essere manifestazioni di reflusso gastroesofageo. Un'anamnesi di scarso sviluppo o manifestazioni neurologiche suggeriscono una patologia del sistema nervoso centrale o una patologia metabolica. La ritardata eliminazione del meconio, un esordio più tardivo del vomito o entrambi possono indicare malattia di Hirschsprung o stenosi intestinale.

In bambini e adolescenti, la febbre suggerisce infezione; l'associazione di vomito e diarrea suggerisce una gastroenterite acuta. Lesioni sulle dita ed erosione dello smalto dentario o un adolescente non preoccupato dalla perdita di peso o con un'immagine corporea distorta fanno supporre un disturbo dell'alimentazione. Nausea e vomito mattutini, amenorrea e possibilmente aumento di peso suggeriscono una gravidanza. Un vomito che si è verificato in passato ed è episodico, di breve durata e non presenta altri sintomi suggerisce un vomito ciclico.

Esami

Gli esami devono essere decisi in base alla patologia causale sospettata ( Alcune cause di vomito in lattanti, bambini e adolescenti). Gli studi di diagnostica per immagini sono tipicamente eseguiti per valutare una patologia addominale o del sistema nervoso centrale. Vari esami specifici del sangue o colture sono eseguiti per diagnosticare disturbi metabolici ereditari o infezioni gravi.

Se si sospetta disidratazione, si devono misurare gli elettroliti.

Trattamento

La terapia di nausea e vomito è indirizzata alla patologia causale. La reidratazione è importante.

I farmaci usati spesso negli adulti per ridurre nausea e vomito sono usati meno spesso nei bambini, perché l'utilità del trattamento non è stata provata e perché questi farmaci a causa dei rischi potenziali di effetti avversi e della possibilità di mascherare una sottostante patologia. Tuttavia, se nausea o vomito sono gravi o incessanti, farmaci antiemetici possono essere usati con cautela nei bambini > 2 anni. I farmaci utili comprendono

  • Prometazina: per i bambini > 2 anni, da 0,25 a 1 mg/kg (massimo 25 mg) per via orale, IM, EV o per via rettale ogni 4-6 h

  • Proclorperazina: per i bambini > 2 anni e di peso da 9 a 13 kg, 2,5 mg per via orale ogni 12-24 h; per quelli da 13 a 18 kg, 2,5 mg per via orale ogni 8-12 h; per quelli da 18 a 39 kg, 2,5 mg per via orale ogni 8 h; per quelli > 39 kg, da 5 a 10 mg per via orale ogni 6-8 h

  • Metoclopramide: 0,1 mg/kg o EV per via orale ogni 6 h (massimo 10 mg/dose)

  • Ondansetron: 0,15 mg/kg (massimo 8 mg) EV ogni 8 h o, se si utilizza la forma orale, per i bambini dai 2 ai 4 anni, 2 mg ogni 8 h; per quelli da 4 a 11 anni, 4 mg ogni 8 h; per quelli ≥ 12 anni, 8 mg ogni 8 h

La prometazina è un bloccante del recettore H1 (antistaminico) che inibisce la risposta del centro del vomito agli stimolanti periferici. Gli effetti avversi più comuni sono la depressione respiratoria e la sedazione; il farmaco è controindicato nei bambini < 2 anni. Dosi terapeutiche di prometazina possono causare effetti avversi extrapiramidali, tra cui torcicollo.

Proclorperazina è un debole antagonista del recettore della dopamina che deprime la zona trigger del chemorecettore. Acatisia e distonia sono gli effetti avversi più comuni, che si verificano in fino al 44% dei pazienti.

Metoclopramide è un antagonista del recettore della dopamina che agisce sia a livello centrale che periferico, aumentando la motilità gastrica e diminuendo gli impulsi afferenti alla zona trigger del chemorecettore. L'acatisia e la distonia si verificano fino nel 25% dei bambini.

Ondansetron è un bloccante del recettore della serotonina (5-HT3) che inibisce l'avvio del riflesso del vomito a livello periferico. Una singola dose di ondansetron è sicura ed efficace nei bambini che hanno una gastroenterite acuta e non rispondono alla terapia di reidratazione orale. Facilitando la terapia di reidratazione orale, questo farmaco può prevenire la necessità di liquidi EV o, nei bambini a cui sono somministrati liquidi EV, può aiutare a prevenire il ricovero in ospedale. In genere, solo una dose singola viene utilizzata perché dosi ripetute possono causare diarrea persistente.

Punti chiave

  • In linea generale, la causa più frequente di vomito è la gastroenterite virale acuta.

  • Una diarrea associata suggerisce una causa gastrointestinale infettiva.

  • Emesi biliare, feci ematiche o assenza di defecazioni suggeriscono una causa occlusiva.

  • Vomito persistente (specialmente in un neonato) richiede una valutazione immediata.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come effettuare la rianimazione neonatale
Video
Come effettuare la rianimazione neonatale
Modelli 3D
Vedi Tutto
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro
Modello 3D
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE