Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Dislipidemia

(iperlipidemia)

Di

Anne Carol Goldberg

, MD, Washington University School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

La dislipidemia è un livello elevato di lipidi (colesterolo e/o trigliceridi) o un basso livello di colesterolo HDL (lipoproteine ad alta densità).

  • Stile di vita, genetica, disturbi (come bassi livelli di ormoni tiroidei o malattie renali), farmaci o una combinazione di questi fattori possono contribuire allo sviluppo di questa condizione.

  • Ne può derivare aterosclerosi, con conseguente angina, infarti, ictus e arteriopatia periferica.

  • I medici misurano i livelli di trigliceridi e dei diversi tipi di colesterolo nel sangue.

  • Possono essere efficaci l’attività fisica, una corretta alimentazione e i farmaci.

Le lipoproteine sono particelle di proteine e altre sostanze la cui funzione è quella di trasportare i grassi, come colesterolo e trigliceridi, che non riescono a circolare liberamente nel sangue da soli.

Esistono diversi tipi di lipoproteine (vedere la tabella Lipoproteine: trasportatori dei lipidi) come:

  • Chilomicroni

  • Lipoproteine a densità molto bassa (very low density lipoprotein, VLDL)

  • Lipoproteine a bassa densità (low-density lipoproteins, LDL)

  • Lipoproteine ad alta densità (high-density lipoprotein, HDL)

I livelli delle lipoproteine e pertanto dei lipidi, soprattutto del colesterolo LDL, aumentano lievemente con l’età. Generalmente, gli uomini presentano livelli leggermente più elevati rispetto alle donne, ma in queste l’aumento di tali livelli si manifesta dopo la menopausa. L’aumento dei livelli delle lipoproteine associato all’età può indurre dislipidemia.

Il rischio di sviluppare aterosclerosi aumenta parallelamente all’aumento dei livelli di colesterolo, anche quando quest’ultimo non è sufficientemente elevato da essere considerato dislipidemia. L’aterosclerosi può interessare le arterie che apportano sangue al cuore (causando coronaropatia), quelle che apportano sangue al cervello (causando ictus) e quelle che apportano sangue al resto dell’organismo (causando arteriopatia periferica). Pertanto, livelli elevati di colesterolo totale aumentano anche il rischio di infarto o ictus.

Avere bassi livelli di colesterolo totale è generalmente meglio che avere livelli alti. Tuttavia, anche livelli molto bassi di colesterolo non sono salutari (ipolipidemia).

Sebbene non vi sia alcuna soglia naturale tra i livelli di colesterolo nella norma o anomali, per gli adulti è auspicabile un livello di colesterolo totale inferiore a 200 milligrammi per decilitro di sangue (mg/dl). Inoltre, molti soggetti traggono giovamento da un mantenimento dei livelli lipidici ancora più bassi. In alcune parti del mondo (come in Cina e in Giappone), dove si riscontrano livelli medi di colesterolo pari a 150 mg/dl, le coronaropatie sono meno frequenti rispetto a quanto avviene in Paesi come gli Stati Uniti. Il rischio di infarto aumenta più del doppio quando i livelli di colesterolo totale raggiungono un valore pari a 300 mg/dl.

I livelli di colesterolo totale sono solo un indice generale del rischio di aterosclerosi. Sono più importanti i livelli dei componenti del colesterolo totale, soprattutto il colesterolo LDL e HDL. Livelli elevati di colesterolo LDL (cattivo) aumentano il rischio di aterosclerosi. Livelli elevati di colesterolo HDL (buono) di solito non sono considerati patologici, in quanto riducono il rischio di aterosclerosi. Tuttavia, bassi livelli di colesterolo HDL (con valori inferiori a 40 mg/dl) sono associati a un aumento del rischio. Gli specialisti ritengono che i livelli auspicabili di colesterolo LDL debbano essere inferiori a 100 mg/dl.

Non è stato ancora stabilito se livelli di trigliceridi elevati aumentino il rischio di infarto o ictus. Livelli di trigliceridi superiori a 150 mg/dl sono considerati patologici, ma livelli elevati non sembrano indurre un aumento del rischio in tutti i soggetti. I soggetti con livelli di trigliceridi elevati sono maggiormente predisposti al rischio di infarto o ictus nel caso in cui presentino anche bassi livelli di colesterolo HDL, diabete, malattia renale cronica o abbiano molti parenti prossimi con aterosclerosi (anamnesi familiare).

Livelli elevati di HDL, ossia del colesterolo buono, possono essere benefici e non sono considerati un evento patologico. Un livello troppo basso aumenta il rischio di aterosclerosi.

La lipoproteina (a) è una combinazione di LDL legate a un’altra proteina. Livelli superiori a circa 30 mg/dl (o 75 nmol/l) sono associati a un maggior rischio di aterosclerosi. I livelli elevati sono ereditari. La lipoproteina (a) non viene influenzata dalla dieta o dalla maggior parte dei farmaci ipolipemizzanti. Di solito ha bisogno di essere misurata solo una volta.

Tabella
icon

Livelli ottimali di lipidi negli adulti*

Lipidi

Livello auspicabile (mg/dl)

Colesterolo totale

Meno di 200 mg/dl

Colesterolo delle lipoproteine a bassa densità (LDL)

Meno di 100 mg/dl

Colesterolo delle lipoproteine ad alta densità (HDL)

Più di 40 mg/dl

Trigliceridi

Meno di 150 mg/dl

*Questi livelli rappresentano linee guida indicative. Alcuni soggetti possono aver bisogno di un trattamento anche a questi livelli se presentano fattori di rischio o malattie come coronaropatia o ictus.

mg/dl = milligrammi per decilitro di sangue.

Cause

In base ai fattori che la causano, la dislipidemia viene classificata come:

  • Primaria: cause genetiche (ereditarie)

  • Secondaria: stile di vita e altre cause

Alla dislipidemia contribuiscono in entità variabile sia cause primarie che secondarie. Ad esempio, un soggetto con un’iperlipidemia ereditaria può avere livelli di lipidi anche più elevati in presenza di cause secondarie di iperlipidemia.

Dislipidemia primaria (ereditaria)

Le cause coinvolgono mutazioni genetiche che fanno sì che l’organismo produca una quantità eccessiva di colesterolo LDL o trigliceridi o non riesca a eliminare queste sostanze. Alcune cause coinvolgono il deficit o l’eliminazione eccessiva di colesterolo HDL. Le cause della dislipidemia primaria tendono ad essere ereditarie e quindi ad avere carattere familiare. Alcune delle cause genetiche di dislipidemia sono indicate in questa sede e in altre sezioni del Manuale.

I livelli di colesterolo e di trigliceridi raggiungono valori molto elevati nei soggetti con dislipidemie primarie, le quali interferiscono con il metabolismo e l’eliminazione dei lipidi da parte dell’organismo. I soggetti possono ereditare anche una tendenza a livelli insolitamente bassi di colesterolo HDL.

Le conseguenze delle dislipidemie primarie possono comprendere aterosclerosi prematura, che può portare ad angina o infarti. Un’altra conseguenza è l’arteriopatia periferica, che spesso causa una riduzione dell’apporto di sangue alle gambe, con dolori mentre si cammina (claudicazione). Un’altra possibile conseguenza è l’ictus. Livelli di trigliceridi molto elevati possono causare pancreatite.

Nelle persone che presentano una patologia genetica che causa livelli elevati di trigliceridi (come ad esempio l’ipertrigliceridemia familiare o l’iperlipidemia combinata familiare), determinate patologie e sostanze possono aumentare i trigliceridi a livelli estremamente alti. Esempi di patologie comprendono un diabete mal controllato e l’insufficienza renale. Esempi di sostanze comprendono il consumo eccessivo di alcol e l’uso di determinati farmaci, come gli estrogeni (assunti per via orale), che aumentano i livelli di trigliceridi. I sintomi includono vari depositi di grasso (xantomi eruttivi) nella pelle della regione anteriore delle gambe e posteriore delle braccia, ingrossamento di fegato e milza, dolore addominale e ridotta sensibilità al tatto dovuta alle lesioni nervose. Queste patologie possono causare pancreatite, che può talvolta essere letale. Un ridotto apporto di lipidi (un valore inferiore a 50 grammi al giorno) può contribuire a prevenire le lesioni nervose e la pancreatite. Può anche essere utile perdere peso ed evitare il consumo di alcol. Possono essere efficaci i farmaci in grado di ridurre i livelli lipidici.

Deficit di lipasi lipoproteica e deficit di apolipoproteina CII

Il deficit di lipasi lipoproteica e il deficit di apolipoproteina CII sono malattie rare causate dalla mancanza di determinate proteine necessarie per l’eliminazione di particelle contenenti trigliceridi. In queste patologie, l’organismo non è in grado di eliminare i chilomicroni dal sangue circolante, con conseguenti livelli di trigliceridi molto elevati. In assenza di trattamento, i livelli raggiungono spesso valori superiori a 1000 mg/dl. I sintomi insorgono nell’infanzia e nell’adolescenza. Questi comprendono episodi ricorrenti di dolore addominale, ingrossamento del fegato e della milza e tumefazioni di colore giallo rosaceo su gomiti, ginocchia, natiche, schiena, sulle superfici anteriori delle gambe e posteriori delle braccia. Queste tumefazioni, definiti xantomi eruttivi, sono depositi di grasso. I sintomi peggiorano se l’alimentazione è ricca di grassi. Sebbene tale patologia non causi aterosclerosi, può causare pancreatite, talvolta letale. I soggetti affetti da questa patologia devono rigorosamente limitare la quantità di tutti i tipi di grassi, siano essi saturi, insaturi e polinsaturi, nella dieta. I soggetti possono avere bisogno di assumere integratori vitaminici per compensare i nutrienti assenti dalla propria dieta. Vi sono alcune terapie in via di sviluppo per il trattamento del deficit di lipasi lipoproteica e del deficit di apolipoproteina CII.

Ipercolesterolemia familiare

Nell’ipercolesterolemia familiare, aumentano i livelli di colesterolo totale. I soggetti possono presentare un gene anomalo ereditato oppure possono avere ereditato due geni anomali, uno da ciascun genitore. Le persone che presentano due geni anomali (omozigoti) sono colpite più gravemente rispetto alle persone che presentano un solo gene anomalo (eterozigoti). Circa 1 persona su 200 è eterozigote, mentre la percentuale di omozigoti varia da 1 persona su 250.000 a 1 persona su 1 milione. I soggetti affetti possono presentare depositi di grasso (xantomi) nei tendini dei talloni, delle ginocchia, dei gomiti e delle dita. Raramente, gli xantomi compaiono entro i 10 anni. L’ipercolesterolemia familiare può causare un’aterosclerosi rapidamente progressiva e morte precoce dovuta a coronaropatia. I bambini con due geni anomali possono andare incontro a infarto o angina entro i 20 anni di età e gli uomini con un solo gene anomalo spesso sviluppano coronaropatia tra i 30 e i 50 anni di età. Le donne con un solo gene anomalo presentano anch’esse un aumento del rischio, ma di solito 10 anni più tardi rispetto agli uomini. I fumatori o coloro che soffrono di ipertensione arteriosa, diabete o obesità possono sviluppare l’aterosclerosi anche prima.

Il trattamento dell’ipercolesterolemia familiare inizia con una dieta a basso contenuto di grassi saturi e di colesterolo. Quando è possibile bisogna perdere peso, smettere di fumare e aumentare l’attività fisica. Spesso sono necessari uno o più farmaci in grado di ridurre i livelli lipidici. Alcuni soggetti necessitano di aferesi, un metodo di filtrazione del sangue per abbassare i livelli di LDL. Alcuni soggetti con ipercolesterolemia familiare omozigote possono trarre beneficio dal trapianto di fegato. La diagnosi e il trattamento precoci possono ridurre l’aumentato rischio di infarto e ictus.

Iperlipidemia familiare combinata

Nell’iperlipidemia familiare combinata i livelli di colesterolo e/o di trigliceridi possono essere elevati. Tale patologia interessa circa l’1-2% dei soggetti. I livelli lipidici divengono generalmente patologici dopo i 30 anni ma talvolta ciò avviene anche prima, soprattutto nei soggetti in sovrappeso, in coloro che seguono una dieta molto ricca di grassi o che sono affetti da sindrome metabolica.

La terapia dell’iperlipidemia familiare combinata implica una limitazione nell’assunzione di grassi saturi, colesterolo e zuccheri, nonché attività fisica e, se opportuno, perdita di peso. Molti soggetti con questa patologia richiedono farmaci in grado di ridurre i livelli lipidici.

Disbetalipoproteinemia familiare

Nella disbetalipoproteinemia familiare, aumentano i livelli di lipoproteine a densità molto bassa (VLDL), di colesterolo totale e di trigliceridi. Questi livelli sono elevati a causa di una rara forma di VLDL che si accumula nel sangue. I depositi di grasso (xantomi) possono formarsi sui gomiti, sulle ginocchia e sui palmi delle mani, dove possono causare desquamazioni gialle. Questa rara patologia induce lo sviluppo precoce di una grave forma di aterosclerosi. Già nella mezza età, l’aterosclerosi determina spesso l’ostruzione delle arterie coronarie e periferiche.

La terapia della disbetalipoproteinemia familiare comporta il raggiungimento e il mantenimento di un peso corporeo adeguato e un ridotto apporto di colesterolo, grassi saturi e carboidrati. Spesso sono necessari farmaci in grado di ridurre i livelli lipidici. Con la terapia, i livelli di grassi possono divenire normali, si può rallentare la progressione dell’aterosclerosi e ridurre o far scomparire i depositi di grasso cutaneo.

Ipertrigliceridemia familiare

Nell’ipertrigliceridemia familiare, i livelli di trigliceridi sono elevati. Tale patologia interessa circa l’1% dei soggetti. In alcune famiglie affette da tale patologia, l’aterosclerosi tende a svilupparsi in giovane età, mentre in altre questo non avviene. Quando opportuno, la perdita di peso e un ridotto consumo di alcol e carboidrati spesso riportano i trigliceridi a valori normali. Se tali misure sono inefficaci, può essere utile assumere farmaci in grado di ridurre i livelli lipidici. Nei soggetti che sono affetti anche da diabete, è importante tenere il diabete sotto controllo.

Ipoalfalipoproteinemia

Nell’ipoalfalipoproteinemia, i livelli di colesterolo HDL sono bassi. Spesso i livelli di colesterolo HDL bassi sono ereditari. Molte anomalie genetiche diverse possono causare livelli bassi delle HDL. Dal momento che i farmaci che aumentano il colesterolo HDL non riducono il rischio di aterosclerosi, l’ipoalfalipoproteinemia viene trattata riducendo i livelli di colesterolo LDL.

Dislipidemia secondaria

Le cause secondarie contribuiscono a molti casi di dislipidemia.

La causa secondaria più importante di dislipidemia è:

  • Uno stile di vita sedentario con eccessivo apporto dietetico di grassi saturi, colesterolo e grassi idrogenati (vedere riquadro Tipi di grasso)

Altre cause comuni secondarie includono:

Alcuni soggetti sono maggiormente predisposti di altri agli effetti della dieta, mentre la maggior parte dei soggetti ne è poco influenzata. Un soggetto può ingerire un’enorme quantità di grassi animali senza che i livelli di colesterolo totale superino i livelli desiderabili. Un altro soggetto può seguire una dieta ferrea a basso contenuto di grassi con livelli di colesterolo totale che non scendono al di sotto dei livelli considerati elevati. Queste differenze sembrano essere determinate soprattutto dalla genetica. L’assetto genetico di un soggetto influisce sulla velocità di produzione, uso ed eliminazione dei grassi da parte dell’organismo. Inoltre, la costituzione fisica non è sempre indice dei livelli di colesterolo. Alcune persone sovrappeso presentano livelli di colesterolo bassi, mentre alcune persone magre presentano livelli elevati. L’assunzione di calorie in eccesso può indurre un aumento dei livelli di trigliceridi, come nel caso del consumo di grandi quantità di alcol.

Sapevate che...

  • La costituzione fisica non predice i livelli di colesterolo. Alcune persone sovrappeso presentano livelli di colesterolo bassi, mentre alcune persone magre presentano livelli di colesterolo elevati.

Alcuni disturbi causano l’aumento dei livelli lipidici. Un diabete mal controllato o una malattia renale cronica possono indurre un aumento dei livelli di colesterolo totale o di trigliceridi. Alcune patologie del fegato (in particolare la cirrosi biliare primitiva) e una tiroide ipoattiva (ipotiroidismo) possono determinare l’aumento dei livelli di colesterolo totale.

L’uso di farmaci come estrogeni (per via orale), contraccettivi orali, corticosteroidi, retinoidi, diuretici tiazidici (in una certa misura), ciclosporina, tacrolimus e gli antivirali usati per il trattamento dell’infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e dell’AIDS possono causare un aumento dei livelli di colesterolo e/o di trigliceridi.

Il fumo di sigaretta, l’infezione da HIV, un diabete mal controllato o patologie renali (come la sindrome nefrosica) possono contribuire alla diminuzione dei livelli di colesterolo HDL. Anche alcuni farmaci come i beta-bloccanti e gli steroidi anabolizzanti possono diminuire i livelli di colesterolo HDL.

Sintomi

Solitamente, valori elevati di lipidi nel sangue non inducono alcuna sintomatologia. Talvolta, se i livelli sono particolarmente alti, i grassi si depositano nella pelle e nei tendini, formando delle protuberanze dette xantomi. Talvolta, i soggetti sviluppano anelli bianco opaco o grigiastri lungo il margine della cornea. Livelli molto elevati di trigliceridi possono indurre ingrossamento del fegato o della milza, formicolio o sensazione di bruciore a mani e piedi, difficoltà respiratorie e confusione e possono aumentare il rischio di pancreatite. La pancreatite può causare gravi dolori addominali e talvolta è letale.

Diagnosi

  • Esami del sangue per misurare i livelli di colesterolo

I livelli di colesterolo totale, colesterolo LDL, colesterolo HDL e trigliceridi, che costituiscono il profilo lipidico, vengono misurati con un prelievo di sangue. Dato che il consumo di alimenti o bevande può indurre aumenti temporanei dei livelli di trigliceridi, il prelievo deve essere effettuato dopo un digiuno di almeno 12 ore.

Se vengono riscontrati livelli elevati di lipidi nel sangue, si eseguono altri esami del sangue per individuare le specifiche patologie sottostanti. Queste ultime comprendono diverse malattie ereditarie (dislipidemie primarie), che determinano anomalie lipidiche differenti e presentano rischi diversi.

Sapevate che...

  • Le margarine costituite principalmente da olio liquido (in tubetto o in barattolo) e quelle che contengono stanoli o steroli vegetali, diversamente dalle margarine in panetto, sono sostituti più salutari del burro.

Screening

Il profilo lipidico a digiuno comprende i livelli di colesterolo totale, trigliceridi, colesterolo LDL e colesterolo HDL misurati dopo che un soggetto è rimasto a digiuno per 12 ore. Il medico di solito effettua questo test ogni 5 anni a partire dai 20 anni d’età nell’ambito della valutazione del rischio di coronaropatia di un soggetto.

Oltre a misurare i livelli lipidici, il medico esamina anche altri fattori di rischio di malattie cardiovascolari, come ipertensione arteriosa, diabete o familiarità di elevati livelli lipidici.

Nei bambini e negli adolescenti, lo screening con un profilo lipidico a digiuno è raccomandato tra i 2 e gli 8 anni se il bambino presenta fattori di rischio, come un familiare con grave dislipidemia o che ha sviluppato una coronaropatia in giovane età. Nei ragazzi senza fattori di rischio, lo screening con un profilo lipidico non a digiuno di solito viene eseguito una volta prima della pubertà (di solito tra i 9 e gli 11 anni) e un’altra volta tra i 17 e i 21 anni.

Trattamento

  • Perdere peso

  • Attività fisica

  • Riduzione dei grassi saturi nella dieta

  • Spesso farmaci ipolipemizzanti

In genere, la migliore terapia consiste nel perdere peso, se si è sovrappeso, smettere di fumare, se si è fumatori, ridurre la quantità totale di grassi saturi e colesterolo nella dieta, aumentare l’attività fisica e assumere, se necessario, farmaci che riducono i livelli lipidici (ipolipemizzanti).

Una regolare attività fisica può favorire la riduzione dei livelli di trigliceridi e l’aumento del colesterolo HDL. Ad esempio, si può camminare a passo sostenuto per almeno 30 minuti al giorno.

Il trattamento dei bambini può essere difficile. L’American Academy of Pediatrics e il National Health, Lung, and Blood Institute raccomandano il trattamento per alcuni bambini con livelli lipidici elevati. Si raccomanda di apportare dei cambiamenti alla dieta. È possibile somministrare farmaci ipolipemizzanti ad alcuni bambini con livelli lipidici molto elevati che non rispondono ai cambiamenti della dieta, in particolare bambini con ipercolesterolemia familiare.

Dieta ipolipemizzante

Una dieta a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo consente di diminuire i livelli di colesterolo LDL. Tuttavia, anche i soggetti con livelli elevati di trigliceridi devono evitare di consumare grandi quantità di zucchero (contenuti sia in cibi sia in bevande), farine raffinate (come quelle utilizzate nella maggior parte dei prodotti da forno in commercio) e cibi ricchi di amido (come patate e riso).

Il tipo di grassi consumati è importante ( Tipi di grasso). I grassi possono essere saturi, polinsaturi o monoinsaturi. I grassi saturi aumentano maggiormente i livelli di colesterolo rispetto agli altri tipi di grassi. I grassi saturi devono fornire non più del 5-7% delle calorie totali assunte ogni giorno. I grassi polinsaturi (che comprendono i grassi omega-3 e omega-6) possono contribuire a ridurre i livelli di trigliceridi e di colesterolo LDL nel sangue. Il contenuto di grassi della maggior parte degli alimenti è riportato sull’etichetta posta sulla confezione.

Enormi quantità di grassi saturi sono contenute nelle carni, nel tuorlo d’uovo, in alcuni latticini ricchi di grassi, in alcune noci (come le noci macadamia) e nelle noci di cocco. Gli oli vegetali contengono minori quantità di grassi saturi, ma solo alcuni oli vegetali presentano davvero un basso contenuto di tali grassi.

La margarina, prodotta da oli vegetali polinsaturi, è solitamente un alimento più sano del burro, ricco di grassi saturi (circa il 60%). Tuttavia, alcuni tipi di margarina (e alcuni alimenti preparati) contengono grassi idrogenati, che possono aumentare i livelli di colesterolo LDL (cattivo) e ridurre quelli di colesterolo HDL (buono). Le margarine costituite principalmente da olio liquido (in tubetto o barattolo) contengono meno grassi saturi rispetto al burro, non contengono colesterolo e contengono meno grassi idrogenati rispetto alle margarine in panetto. Le margarine (e altri alimenti) che contengono stanoli o steroli vegetali consentono di ridurre lievemente i livelli di colesterolo totale e LDL.

Sapevate che...

  • Crusca d’avena, farina d’avena, fagioli, piselli, crusca di riso, orzo, agrumi, fragole e polpa di mela consentono di ridurre il colesterolo.

Si consiglia di assumere molta frutta, ortaggi e cereali integrali, alimenti per loro natura poveri di grassi e privi di colesterolo. Inoltre, si raccomanda l’assunzione di alimenti ricchi di fibre solubili, che legano i grassi nell’intestino e favoriscono la riduzione dei livelli di colesterolo. Tali alimenti comprendono: crusca d’avena, farina d’avena, fagioli, piselli, crusca di riso, orzo, agrumi, fragole e polpa di mela. Anche lo psillio, di solito assunto per alleviare la stipsi, consente di ridurre il colesterolo.

Tabella
icon

Limitazione di grassi e colesterolo nella dieta

Tipo di grasso

Quantità raccomandate

Fonti alimentari

Saturi

Non più del 5-7% delle calorie totali

Carni fresche e carni trattate

Latticini non scremati, come ad esempio latte intero, formaggi e burro

Oli vegetali idrogenati artificialmente

Olio di cocco

Polinsaturi

Sostituire i grassi saturi con grassi polinsaturi e monoinsaturi

Alcuni oli vegetali, come l’olio di soia e l’olio di mais

Pesci grassi, come salmone, sgombro, aringa e trota

Alcuni semi e frutta a guscio, come noci e semi di girasole

Monoinsaturi

Sostituire i grassi saturi con grassi polinsaturi e monoinsaturi

Olio di canola

Olio di cartamo

Olio d’oliva

Frutta a guscio

Avocado

Colesterolo

Ridurre l’assunzione di cibi ricchi di grassi saturi e colesterolo

Tuorlo d’uovo

Frattaglie, come ad esempio il fegato

Carne

Pollame

Latticini non scremati

Tabella
icon

Approccio pratico a una dieta a basso contenuto di grassi saturi e colesterolo

Alimenti da ridurre

Alimenti da scegliere

Carni e derivati

Tagli grassi di manzo, agnello e maiale

Costolette di maiale

Frattaglie, come ad esempio il fegato

Affettati

Salsiccia

Hot dog

Pesce

Pollo e tacchino (senza pelle)

Tagli magri di manzo, agnello, maiale e vitello

Latticini e uova

Latte intero

Latte intero evaporato o condensato

Panna

Panna liquida

La maggior parte dei sostituti del latte

Latte scremato

Latte con l’1% di grassi

Siero del latte

Decorazioni per dolci a base di panna montata

Decorazioni per dolci a base di panna montata a basso contenuto o prive di grassi

Yogurt intero

Fiocchi di latte con latte intero

Formaggi (ad esempio erborinati, Roquefort, Camembert, cheddar, Emmental)

Formaggio cremoso

Panna acida

Gelato

Yogurt senza grassi o magro

Fiocchi di latte a basso contenuto di grassi

Formaggi a basso contenuto di grassi

Panna acida senza grassi o a basso contenuto di grassi

Sorbetti, sharbat e yogurt gelato magro (limitare cibi che contengono zucchero se i livelli di trigliceridi sono elevati)

Burro e miscele di burro e margarina

Forme meno solide di margarina costituita da oli vegetali liquidi (in vaschetta o tubetto)

Prodotti a base di margarina contenente steroli o stanoli vegetali

Miscele di burro e olio

Tuorlo d’uovo (meno di 3 alla settimana)

Sostituti delle uova senza colesterolo

Albumi (è possibile utilizzare 2 albumi per sostituire 1 uovo nelle ricette)

Prodotti da forno

Crostate

Torte

Ciambelle

Cornetti

Pasticcini

Muffin

Biscotti

Cracker ricchi di grassi

Biscotti ricchi di grassi

Pasta all’uovo

Pane a base di uova

Prodotti da forno fatti in casa con oli insaturi

Torta degli angeli

Biscotti e cracker a basso contenuto di grassi (limitare cibi che contengono zucchero se i livelli di trigliceridi sono elevati)

Pani e cereali integrali* (farina d’avena, crusca, segale e multicereali)

Grassi e oli saturi

Cioccolato

Cacao in polvere

Carruba

Sciroppo al cioccolato senza grassi

Olio di cocco

Olio di palma

Lardo

Pancetta

Oli vegetali insaturi: di soia, mais, canola, oliva, sesamo, cartamo e girasole

Condimenti

Condimenti a base di tuorlo d’uovo

Maionese a basso contenuto di grassi e condimenti per insalata a base di oli liquidi

Frutta e verdura

Frutta e verdura con burro, grassi saturi, panna o salse a base di grassi saturi

Frutta o verdura fresca, surgelata, in scatola o secca*

Cocco

Semi e frutta a guscio*

*Frutta, ortaggi, cereali, semi e frutta a guscio non contengono colesterolo e la maggior parte di essi non contiene grassi saturi o ne contiene in piccole quantità.

Farmaci in grado di ridurre i livelli lipidici (ipolipemizzanti)

L’indicazione alla terapia con farmaci ipolipemizzanti dipende non solo dai livelli dei lipidi, ma anche dalle eventuali patologie che interessano il soggetto, come ad esempio coronaropatia, diabete o altri importanti fattori di rischio per coronaropatia. Nei soggetti affetti da coronaropatia o diabete, il rischio di infarto o ictus può essere ridotto dall’uso di farmaci ipolipemizzanti chiamati statine. Anche soggetti con livelli molto alti di colesterolo o che presentano altri elevati fattori di rischio di infarto o ictus possono trarre giovamento dall’assunzione dei farmaci ipolipemizzanti.

Vi sono diversi tipi di farmaci ipolipemizzanti:

  • Statine

  • Inibitori dell’assorbimento del colesterolo

  • Leganti degli acidi biliari

  • Inibitori di PCSK9

  • Derivati dell’acido fibrico

  • Integratori di grassi omega-3

  • Niacina

Ognuno di questi farmaci riduce i livelli lipidici con un meccanismo diverso. Di conseguenza, i vari tipi di farmaci presentano effetti collaterali diversi e possono influenzare i livelli lipidici in modo diverso. Quando si assumono questi farmaci, si consiglia di seguire una dieta a basso contenuto di grassi saturi.

I farmaci in grado di ridurre i livelli lipidici non agiscono solo in tal senso, ma consentono anche di prevenire la coronaropatia. Inoltre, è stato dimostrato che le statine riducono il rischio di morte precoce.

I soggetti con livelli molto elevati di trigliceridi e a rischio di pancreatite possono aver bisogno sia dei cambiamenti della dieta che dei farmaci per ridurre i trigliceridi, di solito un fibrato o la prescrizione di acidi grassi omega-3.

Tabella
icon

Farmaci in grado di ridurre i livelli lipidici (ipolipemizzanti)

Tipo

Meccanismo di azione

Indicazioni

Alcuni effetti collaterali

Leganti degli acidi biliari

Colestiramina

Colesevelam

Colestipolo

Lega gli acidi biliari nell’intestino, in modo che gli acidi vengano eliminati invece di essere usati per produrre la bile e in modo che il fegato rimuova una maggiore quantità di colesterolo LDL dal flusso sanguigno per produrre la bile

Colesterolo LDL alto

Dolore addominale

Legame di alcuni altri farmaci (che ne riduce l’efficacia)

Gonfiore

Stipsi

Nausea

Aumento dei livelli di trigliceridi (in particolare nei soggetti con livelli elevati di trigliceridi)

Inibitore dell’assorbimento del colesterolo

Ezetimibe

Riduce l’assorbimento del colesterolo nell’intestino tenue

Colesterolo LDL alto

Pochi effetti collaterali gravi

Gonfiore di viso e labbra (molto raro)

Feci molli

Dolori muscolari (molto rari)

Derivati dell’acido fibrico

Bezafibrato*

Ciprofibrato*

Fenofibrato

Gemfibrozil

Aumentano la scomposizione dei lipidi e della velocità di rimozione delle VLDL dal flusso sanguigno

Possono diminuire la produzione di VLDL da parte del fegato

Trigliceridi elevati

Disbetalipoproteinemia

Possibilità di colesterolo VLDL elevato

Dolore addominale

Gonfiore

Diarrea

Calcoli biliari

Livelli elevati degli enzimi del fegato

Dolori muscolari dovuti a infiammazione (miosite)

Nausea

Eruzione cutanea

Inibitore della proteina microsomiale di trasporto dei trigliceridi

Lomitapide

Inibisce la secrezione dei trigliceridi

Ipercolesterolemia familiare in soggetti con 2 geni anomali (sono omozigoti)

Diarrea

Danno epatico

Niacina

Niacina

Rallenta la rimozione delle HDL

Riduce i livelli di trigliceridi

A dosi elevate, diminuisce la velocità di produzione delle VLDL, che vengono utilizzate per sintetizzare le LDL

Trigliceridi elevati

Colesterolo LDL e VLDL elevato

Disbetalipoproteinemia

Disturbi digestivi

Rossore

Gotta

Livello elevato di zuccheri nel sangue (iperglicemia)

Livelli elevati degli enzimi del fegato

Prurito

Ulcere

Oligonucleotide inibitore dell’apolipoproteina B

Mipomersen

Riduce i livelli di LDL

Riduce i livelli di apolipoproteina B

Ipercolesterolemia familiare (omozigote)

Sintomi simili all’influenza

Danno epatico

Reazioni cutanee nei siti di iniezione

Acidi grassi omega-3

Acidi grassi omega-3

Abbassano i livelli di trigliceridi

Possono diminuire la produzione delle VLDL

Trigliceridi elevati

Eruttazione

Diarrea

Inibitori di PCSK9

Alirocumab

Riduce i livelli di LDL

Ipercolesterolemia familiare e per altri soggetti ad alto rischio di coronaropatia

Sintomi simili all’influenza

Raramente, livelli elevati degli enzimi del fegato

Reazioni cutanee nei siti di iniezione

Evolocumab

Riduce i livelli di LDL

Ipercolesterolemia familiare e per altri soggetti ad alto rischio di coronaropatia

Sintomi simili all’influenza

Orticaria

Reazioni cutanee nei siti di iniezione

Statine (inibitori della HMG-CoA reduttasi)

Atorvastatina

Fluvastatina

Lovastatina

Pitavastatina

Pravastatina

Rosuvastatina

Simvastatina

Bloccano la sintesi del colesterolo, con aumento della rimozione delle LDL dal flusso sanguigno

Livelli elevati di colesterolo LDL, di trigliceridi o di entrambi

Gonfiore

Stipsi (lieve)

Affaticamento

Cefalea

Feci molli

Raramente, livelli elevati degli enzimi del fegato

Raramente, dolori muscolari dovuti a infiammazione (miosite) o degenerazione (rabdomiolisi)

HDL (high density lipoprotein) = lipoproteine ad alta densità; HMG-CoA (3-hydroxy-3-methylglutaryl coenzyme A) = 3-idrossi-3-metilglutaril-coenzima A; LDL (low density lipoprotein) = lipoproteine a bassa densità; VLDL (very low density lipoprotein) = lipoproteine a densità molto bassa.

*Non disponibile negli Stati Uniti.

Procedure per ridurre il colesterolo

Le procedure mediche che riducono i livelli di colesterolo sono riservate ai soggetti con livelli molto elevati di colesterolo LDL che non rispondono alla dieta né ai farmaci ipolipemizzanti. Tra questi soggetti sono compresi quelli con ipercolesterolemia familiare. La LDL-aferesi è la procedura eseguita più comunemente. La LDL-aferesi è una procedura non chirurgica in cui il sangue viene prelevato dal soggetto e la componente LDL viene separata dal resto del sangue in un’apparecchiatura speciale. Il sangue (meno la componente LDL) viene poi reimmesso nel soggetto.

Trattamento delle cause dei livelli di colesterolo elevati

Anche eventuali condizioni che causano o sono fattori di rischio per l’aumento dei livelli di colesterolo devono essere trattate. Pertanto, i soggetti con diabete devono controllare attentamente i livelli di glucosio nel sangue. Vengono trattate anche le malattie renali, le malattie epatiche e l’ipotiroidismo. Se la causa dell’aumento dei livelli di colesterolo è un farmaco, il medico può prescrivere al soggetto una dose inferiore o un farmaco sostitutivo.

Monitoraggio del trattamento

Generalmente, vengono effettuati esami del sangue da 2 a 3 mesi dopo l’inizio del trattamento per stabilire se i livelli lipidici stanno diminuendo. Quando i livelli lipidici si saranno ridotti in modo sufficiente, gli esami del sangue verranno effettuati una o due volte all’anno. I medici non adoperano più target specifici per i livelli lipidici, tentano piuttosto di ridurre i livelli lipidici di una certa percentuale, in genere del 30-50%.

Dal momento che alcuni farmaci ipolipemizzanti possono talvolta causare problemi muscolari ed epatici, in genere gli esami del sangue vengono eseguiti quando il soggetto inizia la terapia farmacologica. Quindi, se il soggetto sviluppa effetti collaterali, sono disponibili le misurazioni iniziali (basali) per un confronto.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul sistema endocrino e gli ormoni
Video
Panoramica sul sistema endocrino e gli ormoni
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema endocrino maschile
Modello 3D
Sistema endocrino maschile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE