Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sul colesterolo e sui disturbi lipidici

Di

Anne Carol Goldberg

, MD, Washington University School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa set 2018| Ultima modifica dei contenuti set 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

I grassi (lipidi) importanti nel sangue sono:

  • Colesterolo

  • Trigliceridi

Il colesterolo è un componente essenziale delle membrane cellulari, delle cellule cerebrali e nervose e della bile (che contribuisce all’assorbimento dei grassi e delle vitamine liposolubili da parte dell’organismo). L’organismo utilizza il colesterolo per produrre la vitamina D e vari ormoni, come gli estrogeni, il testosterone e il cortisolo. L’organismo è in grado di produrre tutto il colesterolo di cui necessita, ma può anche assumerlo dagli alimenti.

I trigliceridi, contenuti nelle cellule adipose, possono essere scomposti e successivamente utilizzati come fonte energetica per i processi metabolici dell’organismo, compreso l’accrescimento. I trigliceridi vengono prodotti nell’intestino e nel fegato a partire da grassi più semplici, definiti acidi grassi. Alcuni tipi di acidi grassi sono prodotti dall’organismo stesso, altri devono essere assunti con gli alimenti.

I grassi, come colesterolo e trigliceridi, non possono circolare liberamente nel sangue, poiché il sangue è costituito principalmente da acqua. Per essere in grado di circolare nel sangue, il colesterolo e i trigliceridi si legano alle proteine e ad altre sostanze, per formare delle particelle definite lipoproteine.

Esistono diversi tipi di lipoproteine. Ciascun tipo ha una sua finalità e viene scomposto ed eliminato in modo leggermente diverso. Le lipoproteine comprendono:

  • Chilomicroni

  • Lipoproteine a densità molto bassa (very low density lipoprotein, VLDL)

  • Lipoproteine a bassa densità (low-density lipoproteins, LDL)

  • Lipoproteine ad alta densità (high-density lipoproteins, HDL)

Il colesterolo trasportato dalle LDL è definito colesterolo LDL, mentre il colesterolo trasportato dalle HDL è detto colesterolo HDL.

L’organismo può regolare i livelli delle lipoproteine (quindi anche i livelli lipidici) aumentandone o diminuendone la produzione; può inoltre regolare la velocità con cui le proteine vengono rilasciate e rimosse dal flusso sanguigno.

I livelli di colesterolo e trigliceridi variano considerevolmente da un giorno all’altro. Il colesterolo può variare anche di circa il 10% da una misurazione all’altra, mentre i livelli di trigliceridi possono variare anche del 25%.

I livelli lipidici possono essere:

L’alterazione dei livelli lipidici può essere legata all’invecchiamento, a diverse patologie (comprese alcune malattie ereditarie), all’uso di alcuni farmaci o allo stile di vita (dieta ricca di grassi saturi, sedentarietà o sovrappeso).

Tabella
icon

Lipoproteine: trasportatori dei lipidi

Tipo

Origine

Contenuto di lipidi

Funzione

Chilomicroni

Formati dai grassi presenti negli alimenti elaborati dall’intestino

Principalmente trigliceridi

Trasportano i grassi digeriti (come i trigliceridi) alle cellule muscolari e adipose

Lipoproteine a densità molto bassa (very low density lipoprotein, VLDL)

Si formano nel fegato

Trigliceridi per più del 50%

Colesterolo per circa 1/4

Trasportano i trigliceridi dal fegato alle cellule adipose

Lipoproteine a bassa densità (low-density lipoprotein, LDL)

Si formano dalle VLDL dopo avere fornito i trigliceridi alle cellule adipose

Colesterolo per più del 50%

Trigliceridi per meno di 1/10

Trasportano il colesterolo alle varie cellule

Lipoproteine ad alta densità (high-density lipoprotein, HDL)

Si formano nel fegato e nell’intestino tenue

Colesterolo per circa ¼

Trigliceridi per circa 1/20

Rimuovono il colesterolo dai tessuti dell’organismo e lo trasportano alle cellule che necessitano di colesterolo e al fegato per l’eliminazione

Complicanze delle alterazioni dei livelli lipidici

Le alterazioni dei livelli lipidici (soprattutto del colesterolo) possono causare problemi a lungo termine, come l’aterosclerosi. Generalmente, livelli elevati di colesterolo totale (che comprende colesterolo LDL, HDL e VLDL) o livelli elevati di colesterolo LDL (il colesterolo “cattivo”) aumentano il rischio di aterosclerosi e, quindi, di infarto e ictus. Tuttavia, non tutti i tipi di colesterolo aumentano tale rischio. Livelli elevati di colesterolo HDL (“buono”) possono ridurre il rischio; viceversa, bassi livelli di colesterolo HDL possono aumentare il rischio.

L’effetto dei livelli di trigliceridi sul rischio di infarto è meno definito. Tuttavia, livelli molto elevati di trigliceridi (superiori a 500 milligrammi per decilitro di sangue o mg/dl) possono aumentare il rischio di pancreatite.

Misurazione dei livelli lipidici

Il profilo lipidico a digiuno comprende i livelli di colesterolo totale, trigliceridi, colesterolo LDL e colesterolo HDL misurati dopo che un soggetto è rimasto a digiuno per 12 ore. Il medico di solito effettua questo test ogni 5 anni a partire dai 20 anni d’età nell’ambito della valutazione del rischio di coronaropatia di un soggetto.

Nei bambini e negli adolescenti, lo screening con un profilo lipidico a digiuno è raccomandato tra i 2 e gli 8 anni se il bambino presenta fattori di rischio, come un familiare con grave dislipidemia o che ha sviluppato una coronaropatia in giovane età. Nei ragazzi senza fattori di rischio, lo screening con un profilo lipidico non a digiuno di solito viene eseguito una volta prima della pubertà (di solito tra i 9 e gli 11 anni) e un’altra volta tra i 17 e i 21 anni.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Retinopatia diabetica
Video
Retinopatia diabetica
Durante la normale visione, la luce passa attraverso la cornea sulla superficie esterna dell’occhio...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Come agisce l’insulina
Modello 3D
Come agisce l’insulina

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE