Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Minzione, eccessiva o frequente

Di

Anuja P. Shah

, MD, David Geffen School of Medicine at UCLA

Ultima revisione/verifica completa set 2019| Ultima modifica dei contenuti set 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La maggior parte delle persone urina circa 4-6 volte al giorno e per lo più durante le ore diurne. Di norma, gli adulti producono da 700 millilitri a 3 litri di urina al giorno. Un’eccessiva minzione può dipendere da

  • Un aumento del volume dell’urina (poliuria)

  • Un volume normale di urina con una maggiore impellenza (frequenza urinaria)

  • Entrambe queste cause

La frequenza urinaria può accompagnarsi a una sensazione di bisogno urgente di urinare (urgenza urinaria). Molte persone spesso si accorgono di soffrire di poliuria perché devono alzarsi per urinare durante la notte (nicturia). La nicturia si verifica anche quando si consumano troppi liquidi in prossimità dell’ora di coricarsi, anche se la quantità bevuta non è superiore complessivamente alla norma.

Cause

Alcune delle cause che determinano un aumento del volume urinario sono diverse da quelle caratteristiche dell’aumento della frequenza. Spesso i due sintomi vengono associati, tuttavia, poiché molte delle persone che producono una quantità eccessiva di urina hanno anche bisogno di urinare frequentemente.

Le cause più comuni della frequenza urinaria sono

Le cause più comuni di poliuria negli adulti e nei bambini sono

  • Diabete mellito non controllato (più comune)

  • Consumo eccessivo di liquidi (polidipsia)

  • Diabete insipido

  • Assunzione di farmaci o sostanze diuretiche (che aumentano l’escrezione di urina), come alcol o caffeina

La poliuria che caratterizza il diabete insipido è causata da disfunzioni dell’ormone antidiuretico (o vasopressina). L’ormone antidiuretico aiuta i reni a riassorbire i liquidi. Se il corpo produce una quantità minima di ormone antidiuretico (una condizione chiamata diabete insipido centrale) o se i reni non sono in grado di reagire in maniera adeguata (diabete insipido nefrogeno), la minzione aumenta in modo eccessivo.

I soggetti affetti da determinati disturbi renali (come la nefrite interstiziale o il danno renale secondario ad anemia falciforme) urinano eccessivamente anche perché tali disturbi riducono la quantità di liquidi riassorbiti dai reni.

Valutazione

Poiché alcuni disturbi che provocano un eccesso di minzione sono piuttosto gravi e sebbene molte persone provino imbarazzo a discutere di problemi associati alla minzione, questi dovrebbero essere discussi con il medico. Le seguenti informazioni possono aiutare a decidere se sia il caso di consultare un medico e cosa aspettarsi nel corso della valutazione.

Segnali d’allarme

Nei soggetti con minzione eccessiva, determinati sintomi e caratteristiche possono essere fonte di preoccupazione. Tra questi troviamo:

  • Debolezza delle gambe

  • Febbre e mal di schiena

  • Insorgenza improvvisa nei primi anni di vita

  • Sudorazione notturna, tosse e perdita di peso, in particolare in persone con un’anamnesi di fumo prolungato

  • Disturbo mentale

Quando rivolgersi a un medico

I soggetti che soffrono di debolezza delle gambe devono recarsi subito in ospedale poiché questa condizione potrebbe essere causata da una malattia del midollo spinale. In presenza di febbre e mal di schiena consultare il medico entro un giorno, perché questa condizione potrebbe indicare infezione renale. I soggetti nei quali si presentino altri segnali di allarme devono consultare un medico entro un paio di giorni al massimo. In assenza di segnali di allarme è bene fissare un appuntamento il prima possibile, al massimo entro una settimana, tenendo presente che si può aspettare anche di più se i sintomi si sono presentati nel giro di settimane o più e se sono di entità lieve.

Come si comporta il medico

Innanzitutto, il medico porrà domande relative ai sintomi e all’anamnesi medica del soggetto, quindi condurrà un esame obiettivo. I risultati dell’anamnesi e dell’esame obiettivo spesso indicano al medico una causa dell’eccesso di minzione e gli eventuali esami da effettuare (tabella Alcune cause e caratteristiche dell’eccesso di minzione).

Il medico chiede informazioni su

  • Quantità di liquidi consumata ed espulsa con la minzione per stabilire se il problema è determinato dalla frequenza urinaria o dalla poliuria

  • Durata dei sintomi

  • Presenza di altri eventuali problemi della minzione

  • Eventuale assunzione di diuretici (farmaci e altre sostanze che aumentano la produzione di urina), incluse bevande contenenti caffeina

Alcuni risultati possono fornire indicazioni evidenti sulla causa della frequenza della minzione. Presenza di dolore o bruciore durante la minzione, febbre e mal di schiena o al fianco potrebbero indicare un’infezione. La sostanza diuretica è una causa probabile nelle persone che consumano molte bevande a base di caffeina o che abbiano appena iniziato un trattamento con un diuretico. Un uomo che riscontri problemi durante la minzione, come difficoltà a iniziare l’urinazione, flusso di urina debole e gocciolamento al termine della minzione potrebbe essere affetto da un disturbo della prostata.

Alcuni risultati possono fornire indicazioni evidenti sulla causa della poliuria. Ad esempio, la poliuria che inizia durante i primi anni di vita è probabilmente causata da un disturbo ereditario, come diabete insipido centrale o nefrogeno o diabete mellito di tipo 1.

Nelle donne, l’esame obiettivo prevede di norma un esame della pelvi e il prelievo di campioni di liquido cervicale e vaginale alla ricerca di malattie a trasmissione sessuale. Negli uomini, il pene viene esaminato alla ricerca di secrezioni e il medico esegue un’esplorazione digito-rettale per esaminare la prostata.

Tabella
icon

Alcune cause e caratteristiche della minzione eccessiva

Causa

Caratteristiche comuni*

Esami

Principali disturbi che causano minzione frequente

Cistite (infezione della vescica)

Generalmente nelle donne e nelle ragazze

Un bisogno frequente e urgente di urinare

Bruciore o dolore alla minzione

Talvolta febbre e dolore nella parte inferiore della schiena o al fianco

Talvolta sangue nelle urine o urina maleodorante

Gravidanza

Generalmente durante gli ultimi mesi di gravidanza

Visita medica

Talvolta, analisi delle urine (per verificare la presenza di un’infezione delle vie urinarie)

Ingrossamento della prostata (benigno o maligno)

Principalmente uomini di età superiore a 50 anni

Sintomi urinari che peggiorano lentamente, con difficoltà ad avviare la minzione, flusso debole, gocciolamento al termine della minzione e sensazione di minzione incompleta

Spesso rilevato durante l’esplorazione digito-rettale

Esami del sangue per misurare il livello del PSA

Se il livello del PSA è elevato, biopsia prostatica

Talvolta, ecografia

Prostatite (infezione della prostata)

Dolorabilità della prostata rilevata all’esplorazione digito-rettale

Spesso febbre, difficoltà ad avviare la minzione e bruciore o dolore alla minzione

Talvolta sangue nelle urine

In alcuni casi presenza di sintomi associati a ostruzione delle vie urinarie di lunga durata (compreso flusso di urina debole, passaggio difficoltoso dell’urina o gocciolamento al termine della minzione)

Analisi ed esame colturale delle urine ed esplorazione digito-rettale

Cistite indotta da radiazioni (danno vescicale causato dalla radioterapia)

Nei soggetti sottoposti a radioterapia dell’addome inferiore, della prostata o del perineo (la zona tra i genitali e l’ano) come terapia antitumorale

Visita medica

Talvolta, inserimento di una sonda flessibile a fibre ottiche all’interno della vescica (cistoscopia) e biopsia

Debolezza e indolenzimento delle gambe

Ritenzione urinaria o perdita incontrollabile di urina o feci (incontinenza fecale o urinaria)

Talvolta trauma evidente

RMI della colonna vertebrale

Calcoli delle vie urinarie (che non ostruiscono il flusso di urina)

Episodi occasionali di dolore intermittente da compressione nella parte inferiore dell’addome, al fianco o all’inguine

In base alla posizione del calcolo, eventuale minzione frequente o improvvisa, grave necessità di urinare

Analisi delle urine

Ecografia o TC dei reni, degli ureteri e della vescica

Sostanze che aumentano l’escrezione di urina, come alcol, caffeina o diuretici

In soggetti sani, subito dopo avere consumato bevande contenenti caffeina o alcolici o in soggetti che hanno appena iniziato ad assumere diuretici

Soltanto una visita medica

Fuoriuscita involontaria di urina, specialmente piegandosi, tossendo, starnutendo o sollevando pesi (incontinenza da stress)

Dopo avere inserito acqua nella vescica vengono rilevati i cambiamenti della pressione e la quantità di urina presente in vescica (cistometria)

Disturbi principali che aumentano il volume di urina

Diabete mellito, se non controllato

Sete eccessiva

Spesso nei bambini piccoli

Talvolta negli adulti obesi con diagnosi di diabete di tipo 2

Rilevazione del livello di zucchero (glucosio) nel sangue

Eccessiva sete che può insorgere improvvisamente o gradualmente

Talvolta nei soggetti con trauma cerebrale o sottoposti a interventi chirurgici al cervello

Esami del sangue e delle urine, eseguiti prima e dopo avere privato il soggetto di acqua e somministrato l’ormone antidiuretico (test di privazione dell’acqua)

Talvolta esami del sangue per misurare il livello dell’ormone antidiuretico

Sete eccessiva che si sviluppa gradualmente

In soggetti affetti da un disturbo che può compromettere i reni (come anemia falciforme, sindrome di Sjögren, tumore, iperparatiroidismo, amiloidosi, sarcoidosi o alcuni disturbi ereditari) o che assumono farmaci che possono compromettere i reni (normalmente litio, cidofovir, foscarnet o ifosfamide)

Esami del sangue e delle urine

Talvolta un test di privazione dell’acqua

Uso di diuretici

In soggetti altrimenti sani che hanno iniziato di recente ad assumere diuretici

Talvolta in soggetti che assumono diuretici di nascosto (ad esempio atleti agonisti o persone che stiano cercando di perdere peso)

Generalmente, soltanto una visita medica

Consumo eccessivo di liquidi (polidipsia) spesso dovuto a un disturbo mentale

Talvolta in soggetti a cui sia stato diagnosticato un disturbo mentale

Simili agli esami effettuati per il diabete insipido centrale

*Le caratteristiche includono i sintomi e gli esiti della visita medica. Le caratteristiche citate sono tipiche, ma non sempre presenti.

TC = tomografia computerizzata; RMI = risonanza magnetica per immagini; PSA = antigene prostatico specifico.

Esami

Il medico esegue un’analisi delle urine e spesso urinocoltura nella maggior parte dei soggetti. La necessità di effettuare esami dipende da cosa rileva il medico nel corso dell’esame obiettivo e dall’anamnesi (vedere la tabella Alcune cause e caratteristiche dell’eccesso di minzione). Qualora non vi sia certezza da parte del medico di un’eccessiva produzione di urina, questa verrà raccolta e misurata nell’arco di 24 ore. In presenza di poliuria accertata, il medico misura il livello di glucosio nel sangue. Se la poliuria non è causata da diabete mellito e non vi sono altre cause evidenti, come un’infusione eccessiva di liquidi per via endovenosa, è necessario eseguire altri esami. Si misurano i livelli degli elettroliti e la concentrazione di determinati sali (osmolarità) nel sangue, nelle urine o in entrambi, spesso dopo che il soggetto è stato privato di acqua per un certo periodo e ha ricevuto l’ormone antidiuretico.

Trattamento

Il modo migliore per trattare l’eccesso di minzione è occuparsi del disturbo preesistente. Ad esempio, il diabete mellito viene trattato modificando l’alimentazione e con l’esercizio fisico, in associazione a iniezioni di insulina e/o farmaci orali. In alcuni casi è possibile ridurre la minzione riducendo il consumo di caffè o alcolici. Nei soggetti che soffrono di vari risvegli notturni per urinare (nicturia) potrebbero essere utile ridurre l’assunzione di liquidi prima di coricarsi.

I bambini con minzione notturna (enuresi notturna) possono anche essere sottoposti a terapia motivazionale, in cui vengono premiati per i comportamenti che riducono l’enuresi notturna (ad esempio, con degli adesivi da attaccare su un calendario se vanno in bagno prima di andare a letto). Se la terapia motivazionale non funziona, si può tentare di mettere delle sveglie per andare in bagno in momenti prestabiliti. Se le altre misure non sono efficaci, il medico può prescrivere desmopressina orale per controllare l’eccessiva sete e diuresi

Il medico potrebbe regolare anche il dosaggio di diuretici che potrebbero contribuire all’aumento della minzione. Gli adulti con nicturia possono essere trattati con farmaci anticolinergici e antispastici. I casi resistenti possono essere trattati anche con desmopressina.

Indicazioni di base per gli anziani

Spesso gli anziani urinano di frequente perché la prostata si ingrossa con l’età (una condizione nota come iperplasia prostatica benigna). Anche nelle donne anziane, la minzione frequente è più comune per diversi fattori, come l’indebolimento dei tessuti connettivi pelvici dopo il parto e la perdita di estrogeni in menopausa. Sia gli uomini sia le donne di età avanzata presentano una probabilità maggiore di assumere diuretici, che potrebbero contribuire ad aumentare la minzione. Gli anziani che urinano frequentemente hanno spesso necessità di farlo durante la notte (nicturia). La nicturia può peggiorare i problemi di sonno e può aumentare il rischio di cadute, in particolare se la persona corre in bagno o se la zona non è ben illuminata. I trattamenti per l’iperplasia prostatica benigna comprendono farmaci orali e, in alcuni casi, l’intervento chirurgico.

Punti principali

  • Le infezioni delle vie urinarie sono la causa più comune di frequenza urinaria nei bambini e nelle donne.

  • Il diabete mellito non controllato è la causa più frequente di poliuria.

  • L’iperplasia prostatica benigna è una causa comune negli uomini oltre i 50 anni.

  • Un consumo eccessivo di caffeina può causare frequenza urinaria in qualsiasi persona.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Nefropatia da reflusso
Nei pazienti con reflusso vescicoureterale (RVU), il flusso retrogrado di urina aumenta la probabilità di sviluppare quale delle seguenti patologie?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE