Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Disturbi da uso di sostanze

per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

I disturbi da uso di sostanze in genere comprendono una serie di comportamenti in cui le persone continuano a utilizzare una sostanza nonostante abbiano dei problemi causati dal suo uso.

Le sostanze tendono ad appartenere a una delle 10 classi di sostanze psicotrope che causano tipicamente disturbi correlati a sostanze:

Tutte queste sostanze attivano direttamente le vie cerebrali del piacere e producono sensazioni di benessere. L’attivazione può essere così intensa da creare un intenso desiderio della sostanza nelle persone, che potrebbero trascurare le normali attività pur di ottenere e usare la sostanza psicotropa.

I disturbi da uso di sostanze possono manifestarsi a prescindere dal fatto che una sostanza psicotropa sia legale, socialmente accettabile o che abbia o meno un uso medico accettato (con o senza prescrizione). I dettagli sulle sostanze psicotrope specifiche e i relativi effetti vengono illustrati in altre sezioni del MANUALE.

I termini “assuefazione”, “abuso” e “dipendenza” vengono tradizionalmente usati in riferimento alle persone con disturbi da uso di sostanze. Questi termini, tuttavia, hanno definizioni troppo ampie e variabili per poter essere utili e, inoltre, vengono spesso usati con un’accezione di pregiudizio. I medici, pertanto, preferiscono utilizzare il termine più generale e meno negativo “disturbo da uso di sostanze”.

Uso di sostanze illecite a scopo ricreativo

Nonostante ponga dei problemi di natura legale, l’uso di sostanze illecite non è necessariamente sempre collegato a un disturbo da uso di sostanze. D’altra parte, le sostanze legali come l’alcol o i farmaci con obbligo di prescrizione (e la marijuana in un numero crescente di stati degli Stati Uniti) possono essere collegate a un disturbo da uso di sostanze. I problemi causati dall’uso di farmaci con obbligo di prescrizione e di sostanze illecite riguardano tutte le fasce socioeconomiche.

Il consumo di sostanze psicotrope a scopo ricreativo, in varie forme, esiste ormai da secoli. Le persone hanno sempre fatto uso di sostanze psicotrope per svariati motivi, tra cui

  • Per alterare o migliorare l’umore

  • Nell’ambito di cerimonie religiose

  • Per raggiungere l’illuminazione spirituale

  • Per migliorare le prestazioni

Le persone che fanno uso di sostanze psicotrope a scopo ricreativo possono farlo solo occasionalmente e a dosi relativamente piccole, spesso senza effetti nocivi. In questo caso, i consumatori non sviluppano sintomi da astinenza dalla sostanza e la sostanza psicotropa non provoca danni a livello fisico (quantomeno nel breve termine). Le sostanze generalmente considerate ricreative sono oppio, alcol, nicotina, marijuana, caffeina, funghi allucinogeni (vedere anche Avvelenamento da funghi [funghi velenosi]) e cocaina. Numerose sostanze psicotrope ricreative vengono considerate “naturali” perché sono molto simili alla pianta da cui sono ricavate. Esse contengono una miscela di ingredienti psicoattivi a bassa concentrazione piuttosto che un singolo composto psicoattivo più concentrato.

Generalmente vengono assunte per via orale o inalate.

Cause

In genere le persone passano da un uso sperimentale a un uso occasionale, e quindi a un uso intensivo sviluppando, talvolta, un disturbo da uso di sostanze. Si tratta di una progressione complessa e solo parzialmente compresa. Il processo dipende dalle interazioni tra le interazioni tra la sostanza, il consumatore e il contesto.

Farmaco

La probabilità che le sostanze psicotrope delle 10 classi causino un disturbo da uso di sostanze varia. Essa è denominata potenziale di dipendenza e dipende da una combinazione di fattori, tra cui

  • La modalità d’uso della sostanza psicotropa

  • L’intensità della stimolazione delle vie cerebrali del piacere

  • La velocità d’azione della sostanza psicotropa

  • La capacità della sostanza psicotropa di indurre tolleranza e/o sintomi da astinenza

Inoltre le sostanze legalmente e/o facilmente reperibili, quali l’alcol e il tabacco, hanno maggiori probabilità di essere usate per prime. L’uso continuo e crescente di una sostanza fa sì che, spesso, i consumatori le ritengano sempre meno rischiose e che ne aumentino l’uso e/o che sperimentino altre sostanze. La percezione del rischio può anche essere influenzata dalle conseguenze sociali e legali dell’uso di una sostanza.

Per il trattamento di varie patologie mediche o in seguito a procedure chirurgiche o dentali, gli oppiacei vengono prescritti di routine. Se il paziente non assume l’intera quantità prescritta, a volte i farmaci finiscono nelle mani di persone che desiderano usarli a scopo ricreativo. Dato che l’uso di questi farmaci per scopi non medici è un problema che ha assunto grandi proporzioni, numerosi medici hanno reagito

  • Prescrivendo minori quantità di farmaci oppiacei

  • Incoraggiando le persone a conservare in modo sicuro o a smaltire i farmaci rimasti

  • Espandendo i programmi di restituzione dei farmaci da prescrizione

Consumatore

I fattori che potrebbero predisporre un consumatore a manifestare un disturbo da uso di sostanze sono

  • Caratteristiche fisiche

  • Caratteristiche personali

  • Circostanze e disturbi

Le caratteristiche includono probabilmente dei fattori genetici, nonostante i ricercatori abbiano finora rilevato solo poche differenze biochimiche e/o metaboliche tra le persone che manifestano un disturbo da uso di sostanze e quelle che non ne manifestano.

Le persone con un basso autocontrollo (impulsività) o molto inclini a correre rischi e sempre alla ricerca di novità sono a maggior rischio di sviluppare un disturbo da uso di sostanze. Tuttavia esistono poche evidenze scientifiche a supporto del concetto di “personalità predisposta alla dipendenza” descritta da alcuni scienziati comportamentali.

Sembra che una serie di circostanze e disturbi concomitanti aumenti il rischio di un disturbo da uso di sostanze. Per esempio:

  • le persone tristi, emotivamente provate o socialmente alienate potrebbero trovare un sollievo temporaneo nell’uso di droghe, che potrebbero portare a un maggior uso delle stesse e a volte da disturbi di uso di sostanze.

  • Le persone con altri disturbi mentali non correlati, quali ansia o depressione, sono a maggior rischio di sviluppare un disturbo da uso di sostanze. (I medici usano il termine “doppia diagnosi” in riferimento alle persone affette sia da un disturbo mentale sia da un disturbo da uso di sostanze).

  • Le persone con dolore cronico spesso devono ricorrere ai farmaci oppiacei per trovare sollievo. Alcune di queste persone finiscono per sviluppare, in seguito, un disturbo da uso di sostanze.

In numerose di queste persone, tuttavia, i farmaci non oppiacei e altri trattamenti non danno adeguato sollievo a dolore e sofferenza.

Ambiente

I fattori culturali e sociali sono molto importanti per l’avvio e la continuazione (o la recidiva) dell’uso di sostanze. Se i membri della famiglia (ad es. genitori o fratelli maggiori) e i compagni fanno uso di sostanze, aumenta il rischio che un soggetto inizi a farne uso. I compagni rappresentano un’influenza particolarmente forte tra gli adolescenti (vedere Uso e abuso di sostanze negli adolescenti). Le persone che stanno cercando di smettere di far uso di una sostanza hanno maggiori difficoltà a farlo se sono circondati da altre persone che ne fanno uso.

I medici potrebbero involontariamente contribuire all’uso nocivo di farmaci psicoattivi prescrivendoli con troppa facilità per alleviare lo stress. Numerosi fattori sociali, compresi i mass media, contribuiscono a nutrire le aspettative nei confronti dei farmaci, visti come una panacea.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Talvolta un’auto-segnalazione del soggetto

Talvolta, un disturbo da uso di sostanze viene diagnosticato quando i soggetti si rivolgono a un operatore sanitario in cerca di aiuto per smettere di usarle. Altre persone cercano di nascondere il fatto che fanno uso di sostanze psicotrope e il medico potrebbe sospettare la presenza di questo problema solo quando nota delle variazioni dell’umore o del comportamento di una persona. A volte il medico nota segni di uso di sostanze nel corso di un esame obiettivo. Per esempio, potrebbe scoprire dei segni sulla cute causati dalle ripetute iniezioni di sostanze per via endovenosa, costituiti da linee di minuscoli punti scuri (punture) circondate da un’area di pelle scurita o schiarita. L’iniezione sottocutanea di sostanze provoca cicatrici o ulcere circolari. Le persone possono addurre altre motivazioni per giustificare tali segni, come frequenti donazioni di sangue, punture di insetto o altre lesioni.

I medici utilizzano anche altri metodi (come ad esempio questionari) per identificare un disturbo da uso di sostanze. Per rilevare la presenza di sostanze psicotrope possono essere eseguiti esami delle urine e talvolta del sangue.

Criteri di diagnosi

I criteri di diagnosi di un disturbo da uso di sostanze rientrano in quattro categorie:

  • Le persone non sono in grado di controllare l’uso della sostanza.

  • La capacità della persona di soddisfare gli obblighi sociali è compromessa dall’uso della sostanza.

  • La persona fa uso della sostanza in situazioni fisicamente pericolose.

  • La persona mostra segni fisici di uso e/o di dipendenza.

Incapacità di controllare l’uso

  • La persona assume grandi quantità di sostanza oppure la assume molto più a lungo di quanto programmato originariamente.

  • La persona desidera interrompere o diminuire l’uso della sostanza.

  • La persona trascorre molto tempo cercando di ottenere, usare o riprendersi dagli effetti della sostanza.

  • La persona desidera intensamente la sostanza.

Compromissione sociale

  • La persona non si attiene ai suoi principali obblighi al lavoro, a scuola o a casa.

  • La persona continua a utilizzare la sostanza anche se causa (o peggiora) problemi sociali o interpersonali.

  • La persona rinuncia a, o riduce, importanti attività sociali, occupazionali o ricreative a causa dell’uso di sostanze.

Uso rischioso

  • La persona usa la sostanza in situazioni fisicamente pericolose (ad esempio alla guida di un veicolo o in circostanze sociali pericolose).

  • La persona continua a usare la sostanza nonostante sappia che sta peggiorando un problema medico o psicologico.

Sintomi fisici*

  • Tolleranza: la persona deve usare quantità crescenti della sostanza per provare l’effetto desiderato.

  • Astinenza: quando l’assunzione della sostanza viene interrotta o contrastata da un’altra sostanza, si verificano effetti fisici spiacevoli.

* Notare che alcuni farmaci con obbligo di prescrizione, in particolare oppiacei, sedativi/ipnotici e stimolanti, possono causare la comparsa di tolleranza e/o sintomi da astinenza anche quando assunti in base alla prescrizioni per motivi medici legittimi e per periodi relativamente brevi (meno di 1 settimana per gli oppiacei). I sintomi da astinenza che si sviluppano in seguito a un uso medico appropriato non giustificano la diagnosi di disturbo da uso di sostanze. Ad esempio, quando i soggetti con dolori intensi causati da cancro in fase avanzata sviluppano una dipendenza (psicologica e fisica) da un oppiaceo come la morfina, i sintomi da astinenza non vengono considerati un’evidenza di disturbo da uso di sostanze.

Le persone che soddisfano 2 o più di questi criteri in un periodo di 12 mesi sono classificate come affette da un disturbo da uso di sostanze. La gravità del disturbo da uso di sostanze è determinata dal numero di criteri soddisfatti:

  • Lieve: 2 o 3 criteri

  • Moderata: 4 o 5 criteri

  • Grave:  6 criteri

Trattamento

  • Varia a seconda della sostanza e delle circostanze

Il trattamento dipende dalla sostanza assunta, ma in genere prevede consulenza psicologica e, talvolta, l’impiego di altre sostanze. Il sostegno familiare e i gruppi di supporto aiutano i soggetti a mantenere il proprio impegno a interrompere l’uso di sostanze psicotrope.

Poiché la condivisione di aghi è una causa comune di infezione da HIV, è stato avviato un movimento per la riduzione del danno. Il suo scopo è ridurre il danno da consumo di sostanze stupefacenti nei consumatori che non riescono a smettere. Pertanto, ai consumatori vengono forniti aghi e siringhe sterili in modo che non riutilizzino gli aghi di altri. Questa strategia consente di ridurre la diffusione (e il costo per la società) dell’infezione da HIV e dell’epatite.

Ulteriori informazioni

Le seguenti sono alcune risorse in lingua inglese che possono essere utili. Si prega di notare che IL MANUALE non è responsabile del contenuto di tali risorse.

  • Al-Anon Family Groups: servizi di supporto per adulti che abusano dell’alcol, adulti che sono cresciuti con un alcolista e adolescenti interessati dal problematico uso dell’alcol di altre persone.

  • Alcolisti anonimi: Associazione internazionale di persone con problemi di alcolismo che ha introdotto l’approccio a 12 fasi per aiutare i propri membri a superare la dipendenza dall’alcol e aiuta altre persone a raggiungere tale obiettivo. 

  • Dual Diagnosis.org: Accesso a risorse per persone con malattie mentali e problemi di abuso di sostanze, comprendenti un elenco di strutture di trattamento che offrono assistenza integrata, informazioni sulla ricerca e pubblicazioni.

  • Hazelden Betty Ford Foundation: Organizzazione non profit per il trattamento delle dipendenze da alcol e farmaci, con informazioni sulle opzioni di trattamento, i programmi di sostegno per la guarigione e le opportunità educative nel counseling per le dipendenze.

  • LifeRing: Supporto per le persone con problemi di uso di alcol e sostanze che agevola la condivisione di esperienze pratiche e offre sostegno per l’astinenza come alternativa ai programmi tradizionali a 12 fasi.

  • National Alliance on Mental Illness (NAMI): Organizzazione nazionale per la salute mentale che offre programmi e servizi di sostegno, istruzione, supporto e sensibilizzazione del pubblico.

  • Narcotics Anonymous World Services: Aiuta le persone a combattere la dipendenza, a prescindere dalla sostanza che l’ha provocata, attraverso un programma a 12 fasi simile a quello utilizzato da Alcolisti Anonimi.

  • National Institute on Drug Abuse (NIDA): Ente governativo che sostiene la ricerca scientifica sull’uso di farmaci e le sue conseguenze, e fornisce informazioni sui farmaci comunemente usati, le priorità e i progressi della ricerca, le risorse cliniche e le opportunità di donazioni e sovvenzioni. 

  • Substance Abuse and Mental Health Services Administration (SAMHSA): Ente del Ministero della salute statunitense che spinge l’impegno per la salute pubblica a migliorare la salute comportamentale e offre risorse, tra cui servizi di localizzazione per il trattamento, numeri verdi di assistenza, strumenti di formazione per i medici, statistiche e pubblicazioni su una vasta gamma di argomenti correlati alle sostanze.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE