Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Panoramica sulla milza

Di

Harry S. Jacob

, MD, DHC, University of Minnesota Medical School

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La milza, un organo spugnoso, molle, grande all’incirca come un pugno, si trova nel quadrante superiore sinistro dell’addome, subito sotto la gabbia toracica. L’arteria splenica trasporta il sangue dal cuore alla milza. Il sangue lascia la milza attraverso la vena splenica, che confluisce in una vena più grande (vena porta) che trasporta il sangue al fegato. La milza è rivestita da tessuto fibroso (capsula splenica) che sostiene i vasi sanguigni e linfatici.

La milza è costituita da due tipi di tessuto, ciascuno con diverse funzioni:

  • polpa bianca

  • polpa rossa

La polpa bianca fa parte del sistema che combatte le infezioni (sistema immunitario). Produce globuli bianchi, detti linfociti, che a loro volta producono anticorpi (proteine specializzate che proteggono contro l’invasione di sostanze estranee).

La polpa rossa filtra il sangue, rimuovendo i materiali di scarto, e contiene altri tipi di globuli bianchi, detti fagociti, che ingeriscono microrganismi come batteri, funghi e virus. Essa svolge anche una funzione di controllo nei confronti dei globuli rossi, distruggendo quelli alterati, vecchi o malfunzionanti. Inoltre, la polpa rossa funge da riserva per diverse componenti del sangue, soprattutto globuli bianchi e piastrine (particelle simili a cellule coinvolte nella coagulazione). Tuttavia, il loro rilascio in circolo costituisce una delle funzioni secondarie della polpa rossa.

Anatomia della milza

Anatomia della milza

Asplenia

È possibile vivere senza la milza (una condizione chiamata asplenia).

L’asplenia è la perdita della funzione splenica a causa di

  • Assenza congenita della milza

  • Rimozione chirurgica della milza (splenectomia)

  • Malattia che colpisce la milza

L’assenza congenita della milza è una patologia rara. I bambini con questo disturbo spesso presentano anche un difetto cardiaco.

La splenectomia è l’asportazione chirurgica della milza. Può essere eseguita in soggetti altrimenti sani per i quali si rende necessaria in seguito a una lesione della milza (ad esempio dopo un incidente stradale) o in soggetti affetti da patologie che causano un ingrossamento della milza per cui è indicata l’asportazione della milza.

Nei soggetti con asplenia funzionale la milza non funziona correttamente. L’asplenia funzionale può essere causata da varie patologie. Le cause comuni sono anemia falciforme, celiachia ed epatopatia alcolica. L’asplenia funzionale può derivare anche da una lesione delle arterie o delle vene della milza.

In caso di asportazione della milza o di milza non funzionante, l’organismo perde in parte la capacità di produrre anticorpi protettivi e di rimuovere dal sangue i microrganismi indesiderati. Di conseguenza, si riduce la capacità dell’organismo di combattere le infezioni. Tuttavia, altri organi (soprattutto il fegato) ne compensano la perdita mediante l’aumento della capacità anti-infettiva, nonché monitorando e rimuovendo i globuli rossi anomali, troppo vecchi o danneggiati.

I soggetti che non hanno la milza sono a rischio particolarmente elevato di infezioni poiché la milza svolge un ruolo di difesa fondamentale contro alcuni tipi di batteri, quali ad esempio lo Streptococcus pneumoniae, la Neisseria meningitidis e l’Haemophilus influenzae. A causa di questo rischio, si somministrano vaccini che contribuiscono a proteggere il soggetto da infezioni derivanti dal contatto con questi organismi. È anche necessario assumere il vaccino antinfluenzale ogni anno, come attualmente raccomandato per tutti. In alcuni casi si raccomanda l’assunzione quotidiana di antibiotici per prevenire le infezioni, in particolare quando il soggetto presenta un’altra patologia (come l’anemia falciforme o un tumore) che aumenta il rischio di sviluppare infezioni potenzialmente letali.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

ALTRI ARGOMENTI IN QUESTO CAPITOLO

Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Anemia aplastica
L’anemia aplastica è un disturbo caratterizzato dal danneggiamento delle cellule del midollo osseo che maturano in cellule ematiche mature. Le cellule del midollo osseo danneggiate possono portare a una riduzione dei numeri di globuli rossi, globuli bianchi e/o piastrine. Quando non può essere identificata la causa dell’anemia aplastica, qual è la possibile causa?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE