Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Anemia perinatale

Di

Andrew W. Walter

, MS, MD, Sidney Kimmel Medical College at Thomas Jefferson University

Ultima modifica dei contenuti apr 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

L'anemia è una riduzione dei globuli rossi o dell'emoglobina ed è in genere definita da valori di emoglobina o dell'ematocrito > 2 deviazioni standard sotto la media per l'età. Alcuni esperti considerano anche che esiste un'anemia quando l'emoglobina o l'ematocrito sono sopra una soglia insufficiente a soddisfare i bisogni dei tessuti in ossigeno. L'anemia e la policitemia sono le patologie ematologiche più frequentemente diagnosticate alla nascita. ( Valutazione dell'anemia. Le alterazioni pre- e perinatali dell'eritropoiesi sono discusse in Fisiologia perinatale.)

Sia l'emoglobina che l'ematocrito variano rapidamente con la crescita del neonato, e si modifica anche il valore del limite inferiore ( Valori di emoglobina ed ematocrito per l'età). Variabili quali l'età gestazionale, la sede del prelievo (capillare o venoso), la posizione del neonato rispetto alla placenta prima del clampaggio del cordone ombelicale (una posizione più bassa della placenta fa sì che il sangue placentare si trasferisca al neonato; una posizione più alta causa deflusso di sangue dal neonato alla placenta), e la tempistica del clampaggio del cordone (un ritardo maggiore trasferisce più sangue al neonato) influiscono anche sui risultati.

Tabella
icon

Valori di emoglobina ed ematocrito per l'età

Età

Emoglobina, g/dL (g/L)

Ematocrito (%)

28 settimane di gestazione

14,5 (145)

45

32 settimane di gestazione

15 (150)

47

Termine

16,5 (165)

51

1-3 giorni

18,5 (185)

56

2 settimane

16,6 (166)

53

Eziologia

Le cause di anemia nei neonati comprendono

  • Processi fisiologici

  • Perdita di sangue

  • Riduzione della produzione eritrocitaria

  • Aumento della distruzione dei globuli rossi (emolisi)

Anemia fisiologica

L'anemia fisiologica è la causa più frequente di anemia durante il periodo neonatale. I normali processi fisiologici spesso causano anemia normocitica-normocromica in bambini nati a termine e pretermine. L'anemia fisiologica non richiede in genere particolari valutazione o trattamenti.

Nei neonati a termine, l'aumento dell'ossigenazione che si verifica con i fisiologici atti del respiro dopo la nascita causa un brusco aumento del livello di ossigeno tissutale, determinando un feedback negativo sulla produzione di eritropoietina e sull'eritropoiesi. Questa diminuzione nell'eritropoiesi, così come la vita più breve (90 giorni contro i 120 giorni negli adulti) dei globuli rossi neonatali, causa una riduzione della concentrazione di emoglobina durante i primi 2-3 mesi di vita (tipico nadir dell'emoglobina 9-11 g/dL [90 a 110 g/L]). L'Hb rimane stabile nell'arco delle settimane successive, e quindi lentamente risale nel 4o-6o mese in seguito alla rinnovata stimolazione dell'eritropoietina.

L'anemia fisiologica è più pronunciata nei neonati pretermine, verificandosi prima e con un nadir inferiore rispetto ai bambini nati a termine. Questa condizione è denominata anche anemia della prematurità. Un meccanismo simile a quello che causa l'anemia nei neonati a termine provoca l'anemia nei neonati pretermine durante le prime 4-12 settimane. Una minore produzione di eritropoietina, una vita media dei globuli rossi più breve (da 35 a 50 giorni), crescita rapida, e flebotomie più frequenti contribuiscono a livelli di Hb ancora più bassi (ta 8 e 10 g/dL [da 80 a 100 g/L]) nei neonati pretermine. L'anemia della prematurità colpisce più frequentemente i bambini di < 32 settimane di gestazione. Quasi tutti i bambini gravemente ammalati ed estremamente pretermine (< 28 settimane di gestazione) svilupperanno l'anemia che è abbastanza grave da richiedere trasfusioni di eritrociti durante il ricovero iniziale.

Perdita di sangue

L'anemia può svilupparsi a causa di un'emorragia prenatale, perinatale (al momento del parto) o un'emorragia post-partum. Nei neonati la volemia è bassa (p. es., neonato pretermine da 90 a 105 mL/kg; neonato a termine da 78 a 86 mL/kg); così, la perdita acuta di quantità anche piccole di sangue, intorno ai 15-20 mL, può determinare un'anemia. Un neonato con perdita ematica cronica può compensare fisiologicamente ed è tipicamente più stabile clinicamente rispetto a un neonato con emorragia acuta.

L'emorragia prenatale può essere causata da

  • Emorragia materno-fetale

  • Trasfusione tra gemelli

  • Malformazioni cordonali

  • Anomalie placentari

  • Procedure diagnostiche

L'emorragia feto-materna si verifica in genere spontaneamente oppure può derivare da trauma materno, amniocentesi, torsione cefalica esterna o neoplasia placentare. Colpisce circa il 50% delle gravidanze, sebbene nella maggior parte dei casi il volume di sangue perso sia estremamente basso (circa 2 mL); "massicce" perdite ematiche, definite come > 30 mL, si verificano in 3/1000 gravidanze.

La trasfusione tra gemelli è rappresentata dall'ineguale condivisione dell'apporto ematico tra i feti e colpisce dal 13 al 33% delle gravidanze gemellari monozigotiche e monocoriali. Quando si verifica un notevole trasferimento di sangue, il gemello donatore può diventare particolarmente anemico e sviluppare scompenso cardiaco, mentre il ricevente può essere policitemico e sviluppare una sindrome da iperviscosità.

Le alterazioni del cordone comprendono inserzione velamentosa del cordone ombelicale, vasa previa, inserzione addominale o placentare; il meccanismo dell'emorragia, che spesso può essere massiva, rapida e pericolosa per la vita, è dovuto alla lacerazione o alla rottura dei vasi funicolari.

Le 2 più importanti anomalie placentari che causano le emorragie sono la placenta previa e l'abruptio placentae.

Le procedure diagnostiche che causano emorragia comprendono amniocentesi, prelievo dei villi coriali e prelievo di sangue dal cordone ombelicale.

L'emorragia perinatale può essere causato da

  • Parto precipitoso (ossia, parto rapido e spontaneo, che provoca emorragie a causa della lacerazione del cordone ombelicale)

  • Errori ostetrici (p. es., l'incisione della placenta durante il parto cesareo, trauma alla nascita)

  • Coagulopatie

I cefaloematomi derivanti da procedure come l'uso di ventosa o forcipe durante il parto di solito sono relativamente innocui, tuttavia i sanguinamenti sottomucosi possono rapidamente estendersi ai tessuti molli, sequestrando volumi di sangue sufficienti a provocare anemia, ipotensione, shock e decesso. I neonati con emorragia intracranica possono perdere nella loro volta intracranica sangue in quantità sufficiente a causare anemia e talvolta una compromissione emodinamica (a differenza dei bambini più grandi, che hanno un rapporto testa-corpo inferiore e nei quali l'emorragia intracranica è limitata in termini di volume, poiché le suture craniche fuse non consentono al cranio di espandersi; invece, la pressione intracranica aumenta e l'emorragia si ferma). Molto meno frequentemente, la rottura del fegato, della milza o del surrene durante il parto possono determinare emorragie interne. L'emorragia intraventricolare, più comune nei neonati pretermine, così come l'emorragia subaracnoidea e l'emorragia sottodurale possono esitare in una significativa diminuzione dell'ematocrito.

La patologia emorragica del neonato ( Deficit di vitamina K) è determinata da un'emorragia che insorge nell'arco di pochi giorni da un parto normale, causata da un deficit fisiologico transitorio dei fattori della coagulazione vitamina K-dipendenti (fattori II, VII, IX, w X). Questi fattori sono mal trasferiti attraverso la placenta, e, poiché la vitamina K è sintetizzata dai batteri intestinali, molto poco viene prodotto nell'intestino inizialmente sterile del neonato. Il sanguinamento da deficit di vitamina K presenta tre forme:

  • Precoce (prime 24 h)

  • Classica (1a settimana di vita)

  • Tardiva (da 2 a 12 settimane di età)

La prima forma è causata da un uso materno di un farmaco che inibisce la vitamina K (p. es., alcuni anticonvulsivanti; isoniazide; rifampicina; warfarin; uso materno prolungato di antibiotici ad ampio spettro, che sopprime la colonizzazione batterica dell'intestino).

La forma classica si verifica nei neonati che non ricevono la supplementazione di vitamina K dopo la nascita.

La forma tardiva si verifica in neonati allattati esclusivamente al seno che non ricevono la supplementazione di vitamina K dopo la nascita. Somministrare vitamina K 0,5-1 mg IM dopo la nascita attiva rapidamente i fattori della coagulazione e previene la malattia emorragica del neonato.

Altre possibili cause di emorragia durante i primi giorni di vita sono rappresentate dalle coagulopatie (p. es., emofilia), dalla coagulazione intravascolare disseminata insorta per sepsi, o dalle malformazioni vascolari.

Riduzione della produzione eritrocitaria

Difetti nella produzione dei globuli rossi possono essere

  • Congeniti

  • Acquisiti

I difetti congeniti sono estremamente rari, ma i più frequenti sono

  • Anemia di Diamond-Blackfan

  • Anemia di Fanconi

L'anemia di Diamond-Blackfan è caratterizzata dalla mancanza dei precursori degli eritrociti nel midollo osseo, da globuli rossi macrocitici, dall'assenza di reticolociti nel sangue periferico e dal mancato coinvolgimento di altre linee cellulari ematiche. Frequentemente (sebbene non sempre) l'anemia di Diamond-Blackfan si presenta come sindrome associata ad altre anomalie congenite come microcefalia, palatoschisi, anomalie oculari, malformazione del pollice e collo a tenda. Fino al 25% dei neonati affetti è anemico al momento della nascita, e un basso peso alla nascita si verifica in circa nel 10% dei casi. Si ritiene dovuta a difetti nella differenziazione delle cellule staminali.

L'anemia di Fanconi è una malattia autosomica recessiva che coinvolge le cellule progenitori del midollo osseo, causa macrocitosi e reticolocitopenia con progressiva insufficienza di tutte le linee cellulari ematopoietiche. Di solito viene diagnosticata dopo il periodo neonatale. La causa è un difetto genetico che impedisce alle cellule di riparare un danno al DNA o di rimuovere radicali liberi tossici che danneggiano le cellule.

Altre anemie congenite sono la sindrome di Pearson, rara malattia multisistemica dovuta a difetti mitocondriali che causano anemia refrattaria sideroblastica, pancitopenia e insufficienza epatica variabile, insufficienza renale e pancreatica; e l'anemia diseritropoietica congenita, in cui un'anemia cronica (tipicamente macrocitica) deriva da un'inefficace o anomala produzione di globuli rossi, e da un'emolisi causata da anomalie dei globuli rossi.

I difetti acquisiti sono quelli che si manifestano dopo la nascita. Le cause più frequenti sono

  • Infezioni

  • Deficit nutrizionali

Le infezioni (p. es., malaria, rosolia, sifilide, HIV, cytomegalovirus, adenovirus, sepsi batterica) possono compromettere la produzione dei globuli rossi a livello midollare. Le infezioni congenite da parvovirus B19 e da herpes virus 6 umano possono provocare la mancata produzione di globuli rossi.

I deficit nutrizionali di ferro, rame, folati (acido folico), della vitamina E e della vitamina B12 possono causare anemia nei primi mesi di vita, ma in genere non alla nascita. L'incidenza di anemia da carenza di ferro, il deficit nutrizionale più diffuso, è più elevata nei paesi in via di sviluppo dove è causata da insufficienza dietetica e dall'allattamento al seno esclusivo e prolungato. Una carenza di ferro è frequente nei neonati le cui madri presentino a loro volta un deficit di ferro e nei neonati prematuri che non sono stati trasfusi, allattati artificialmente senza integrazione con ferro; i neonati prematuri consumano le riserve di ferro entro le 10-14 settimane se esse non vengono reintegrate.

Emolisi

L'emolisi può essere provocata da

  • Patologie immunomediate

  • Malattie della membrana eritrocitaria

  • Deficit enzimatici

  • Emoglobinopatie

  • Infezioni

Tutte queste patologie possono causare iperbilirubinemia, che può causare ittero e ittero nucleare.

L'emolisi immuno-mediata si verifica quando gli eritrociti fetali espongono antigeni di superficie (per lo più gli antigeni Rh e ABO, Ag dei gruppi sanguini, ma anche Kell, Duffy e altri gruppi minori) che differiscono dagli antigeni dei globuli rossi materni, ed entrano nella circolazione materna stimolando la produzione di anticorpi IgG diretti contro gli eritrociti fetali. La condizione più grave è che una madre Rh (antigene D)-negativa, sviluppi una sensibilizzazione all'antigene D durante la gravidanza precedente con un feto Rh-positivo derivante dal passaggio del sangue dal feto alla madre; una gravidanza successiva di un feto Rh-positivo può in tal caso provocare una risposta IgG materna, quando la madre viene nuovamente esposta al sangue fetale durante questa gravidanza successiva, che può esitare in emolisi fetale e neonatale ( Eritroblastosi fetale). Meno spesso, la trasfusione materno-fetale all'inizio di una gravidanza può stimolare una risposta IgG che influisce su quella gestazione. L'emolisi intrauterina può essere abbastanza grave da causare idrope o morte fetale. Dopo il parto, si possono riscontrare anemia e iperbilirubinemia significative con un'emolisi secondaria alla persistenza delle IgG materne (emivita di circa 28 die). Con la diffusione dell'uso profilattico delle immunoglobuline anti-Rh D per prevenire la sensibilizzazione, l'emolisi si verifica in < 0,11% delle gravidanze nelle donne Rh-negative.

L'incompatibilità ABO può causare emolisi con un meccanismo simile. Le madri sono sensibilizzate dagli antigeni presenti nel loro cibo o nella flora intestinale, che sono omologhi agli antigeni A e B (quindi, non è necessaria una precedente gravidanza per la sensibilizzazione). Questi antigeni esogeni innescano una risposta delle IgM materne a seconda del gruppo sanguigno della madre. La risposta è anti-A se la madre è di tipo B, anti-B se la madre è di tipo A, o entrambe se la madre è di tipo O. Questi anticorpi IgM non attraversano la placenta. Tuttavia, quando del sangue fetale incompatibile entra nella circolazione materna, si verifica una risposta anamnestica delle IgG, e questi anticorpi anti-A o anti-B IgG sono in grado di attraversare la placenta e di causare emolisi nel feto. L'incompatibilità ABO è, di solito, meno grave dell'incompatibilità Rh, perché gli anticorpi IgM iniziali eliminano alcune delle cellule ematiche fetali dalla circolazione materna prima che possa verificarsi la produzione degli anticorpi IgG.

Le alterazioni della membrana dei globuli rossi alterano la morfologia e la deformabilità degli eritrociti e provocano una maggiore fragilità, determinando una distruzione prematura e/o rimozione dei globuli rossi dalla circolazione. Le malattie più frequenti sono costituite dalla sferocitosi ereditaria e dall'ellissocitosi ereditaria.

I deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD) e della piruvato-chinasi sono i più frequenti difetti enzimatici in grado di indurre emolisi. Il deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi (G6PD) è un disturbo legato al sesso frequente tra persone di origine mediterranea, mediorientale, africana, ed asiatica e colpisce > 400 milioni di persone nel mondo. Si è pensato di aiutare a proteggere contro la malaria e ha una frequenza allelica stimata dell'8% nelle regioni malariche. Il deficit di piruvato chinasi è una malattia autosomica recessiva che è più diffusa tra le popolazioni europee e, negli Stati Uniti, la Pennsylvania Olandese. Il deficit di piruvato chinasi è raro e si verifica in circa 1 su 20 000 bianchi.

Le emoglobinopatie sono causate da deficit e anomalie strutturali delle catene della globina. Alla nascita, l'emoglobina neonatale è composta per una quota compresa tra il 55 e il 90% dall'emoglobina fetale (emoglobina fetale o emoglobina F), la quale è formata da 2 catene globiniche j e 2 catene gamma (Hb F [alfa2gamma2]). Dopo la nascita, la produzione delle catene gamma diminuisce (< 2% da 2 a 4 anni di età) e aumenta la sintesi delle catene beta, fino a che l'emoglobina di tipo adulto (Hb A [alfa2beta2]) diventa predominante. L'alfa-talassemia è una malattia ereditaria dovuta a una diminuita produzione della catena alfa globinica e rappresenta la più frequente emoglobinopatia in grado di causare anemia nel periodo neonatale. La beta-talassemia è caratterizzata dalla diminuzione ereditaria della produzione di catene beta. Poiché la beta-globina è fisiologicamente bassa alla nascita, la beta-talassemia e le anomalie strutturali della catena beta-globinica (p. es., emoglobina S [drepanocitosi], Hb C) non sono clinicamente evidenti alla nascita e i sintomi non compaiono finché i livelli di emoglobina fetale non scendono a livelli sufficientemente bassi, intorno ai 3-4 mesi di età.

Anche le infezioni intrauterine provocate da alcuni batteri, virus, funghi, e protozoi (principalmente malaria) possono provocare un'anemia emolitica. Nella malaria il Plasmodium invade e successivamente distrugge i globuli rossi. Si verifica una distruzione immuno-mediata dei globuli rossi parassitati e un'aumentata rimozione degli eritrociti non parassitati. La diseritropoiesi determina un'inadeguata eritropoiesi compensatoria a livello del midollo osseo. L'emolisi intravascolare, la fagocitosi extravascolare, e la diseritropoiesi possono provocare anemia.

Sintomatologia

I segni e i sintomi dell'anemia perinatale sono simili indipendentemente dalla causa, ma variano a seconda della gravità e del valore assoluto al momento dell'insorgenza dell'anemia. I neonati sono di solito pallidi e, se l'anemia è grave, possono presentare tachipnea, tachicardia e, talvolta, un soffio cardiaco; l'ipotensione si manifesta a seguito di perdite ematiche acute. L'ittero può essere presente con l'emolisi.

Valutazione

Anamnesi

L'anamnesi deve concentrarsi sui fattori materni (p. es., diatesi emorragica, disturbi ereditari degli eritrociti, carenze nutrizionali, farmaci), sulla storia familiare di malattie ereditarie che possono causare anemia neonatale (p. es., alfa-talassemia, deficit enzimatici, malattie della membrana cellulare dei globuli rossi, aplasia), e sui fattori ostetrici (p. es., le infezioni, il sanguinamento vaginale, gli interventi ostetrici, la modalità di parto, l'emorragia, il trattamento e l'aspetto del cordone ombelicale, le patologie placentari, la sofferenza fetale, il numero dei feti).

Fattori materni aspecifici possono fornire ulteriori informazioni. Si deve ricercare un'anamnesi positiva per anemia nei genitori. La splenectomia indicherebbe una possibile anamnesi di emolisi, di malattie della membrana del globuli rossi, o di anemia autoimmune; la colecistectomia potrebbe indicare un'anamnesi positiva per emolisi indotta da calcoli biliari. Importanti fattori di rischio neonatali comprendono l'età gestazionale al momento del parto, l'età materna, il sesso, la razza e l'etnia.

Esame obiettivo

La tachicardia e l'ipotensione suggeriscono una perdita ematica acuta e significativa. L'ittero suggerisce emolisi, sia sistemica (causata da incompatibilità Rh o ABO o deficit di glucosio-6-fosfato deidrogenasi [G6PD]) o localizzata (causata da sequestro di sangue in un cefaloematoma). L'epatosplenomegalia è suggestiva di emolisi, infezioni congenite o insufficienza cardiaca. Ematomi, ecchimosi o petecchie suggeriscono una diatesi emorragica. Le anomalie congenite possono suggerire una sindrome associata ad insufficienza midollare.

Esami

L'anemia può essere sospettata in epoca prenatale se l'ecografia mostra un picco della velocità sistolica dell'arteria cerebrale media aumentata o idrope fetale, che consiste nell'anormale ed eccessiva presenza di liquidi in ≥ 2 compartimenti corporei (p. es., pleura, peritoneo, pericardio); può essere presente cardiomegalia, epatomegalia e splenomegalia.

Dopo la nascita, in caso di sospetta anemia, vengono misurati i livelli di emoglobina e l'ematocrito. Se sono bassi, gli accertamenti iniziali sono costituiti da

  • Conta dei reticolociti

  • Esame dello striscio di sangue periferico

Se la conta dei reticolociti è bassa (normalmente è elevata quando l'emoglobina e l'ematocrito sono bassi), l'anemia è causata da una disfunzione del midollo osseo acquisita o congenita, e il bambino deve essere valutato per cause di soppressione midollare con

  • Titolazione o studi tramite reazione a catena della polimerasi per le infezioni congenite (rosolia, sifilide, HIV, cytomegalovirus, adenovirus, parvovirus, herpes virus 6 umano)

  • Livelli di folati e vitamina B12

  • Livelli di ferro e rame

Se questi studi non permettono di identificare la causa di anemia, può essere necessario effettuare una biopsia del midollo osseo, o test genetici per patologie diseritropoietiche, o entrambi gli esami.

Nel caso in cui la conta dei reticolociti sia elevata o normale (condizione che riflette una funzionalità adeguata del midollo osseo), l'anemia è causata da perdita di sangue o da emolisi. Se non vi è visibile perdita di sangue o se i segni di emolisi vengono evidenziati sullo striscio di sangue periferico o il livello sierico di bilirubina è elevato (che può verificarsi con l'emolisi), è necessario effettuare un test dell'antiglobulina diretto (test di Coombs).

Qualora il test diretto dell'antiglobulina (test di Coombs) risulti positivo, l'anemia è probabilmente secondaria ad incompatibilità Rh, ABO, o di un altro gruppo sanguigno. Il test diretto dell'antiglobulina (test di Coombs) è sempre positivo in caso di incompatibilità Rh, ma a volte negativo in caso di incompatibilità ABO. I neonati possono avere emolisi attiva causata da incompatibilità ABO e hanno un test dell'antiglobulina diretto (test di Coombs) negativo; tuttavia, in questi bambini, lo striscio di sangue periferico deve rivelare microsferociti, e il test dell'antiglobulina indiretta (Coombs) solitamente è positivo quando eseguito.

Se il test diretto dell'antiglobulina (test di Coombs) è negativo, può rivelarsi utile la valutazione del volume corpuscolare medio dei globuli rossi. Un volume corpuscolare medio significativamente basso suggerisce un'alfa-talassemia o, meno frequentemente, una carenza di ferro da perdita di sangue intrauterina cronica; questi possono essere distinti dall'ampiezza della distribuzione di globuli rossi, che spesso è normale nella talassemia ma elevata nella carenza di ferro. In caso di volume corpuscolare medio normale o elevato, lo striscio di sangue periferico può evidenziare anomalie della morfologia dei globuli rossi compatibili con malattie della membrana, microangiopatia, coagulazione intravascolare disseminata, deficit di vitamina E o emoglobinopatia. I bambini con sferocitosi ereditaria spesso hanno un'elevata concentrazione media di emoglobina. Se lo striscio è normale, devono essere presi in considerazione una perdita ematica, deficit enzimatici o infezioni, e bisogna seguire l'iter diagnostico appropriato, incluso il test diagnostico per un'eventuale emorragia materno-fetale.

L'emorragia materno-fetale può essere diagnosticata mediante la ricerca di globuli rossi fetali nel sangue materno. La tecnica a eluizione acida di Kleihauer-Betke è la procedura di esame più utilizzata, ma altri test comprendono tecniche con anticorpi fluorescenti e test di agglutinazione differenziale o mista. Nella tecnica di Kleihauer-Betke, un tampone acido citrico-fosfato a pH 3,5 degrada l'Hb derivata dai globuli rossi adulti ma non da quelli fetali; in tal modo i globuli rossi fetali si colorano con eosina e sono visibili al microscopio, mentre i globuli rossi adulti appaiono come "fantasmi" cellulari. La tecnica di Kleihauer-Betke non è diagnostica se la madre è affetta da emoglobinopatia.

Trattamento

La necessità di trattamento dell'anemia perinatale varia con il grado dell'anemia e la sintomatologia associata. L'anemia lieve nei neonati a termine e pretermine sani, in genere, non richiede una terapia specifica; il trattamento è diretto a comprendere la diagnosi. Alcuni pazienti necessitano di trasfusioni di concentrati di globuli rossi o exanguinotrasfusione.

Trasfusione

La trasfusione di sangue è indicata nel trattamento di un'anemia grave. La trasfusione deve essere presa in considerazione nei neonati quando l'anemia è sintomatica o in caso si sospetti una diminuzione dell'ossigenazione nei tessuti. La decisione di trasfondere deve essere basata sui sintomi, sull'età del paziente e sulle condizioni cliniche. Il solo valore dell'ematocrito non deve essere il fattore decisivo per una trasfusione, dal momento che alcuni neonati possono essere asintomatici con livelli di ematocrito bassi mentre altri possono essere sintomatici con livelli più alti.

Esistono diverse linee guida su quando è necessario effettuare la trasfusione, ma uno schema accettato è descritto nella tabella Linee guida trasfusionali per neonati < 4 mesi.

Tabella
icon

Linee guida trasfusionali per neonati < 4="">

Ematocrito

Criteri per la trasfusione di globuli rossi*

< 45%

Cardiopatia congenita cianogena

Uso di ossigenazione extracorporea a membrana

< 35%

Uso di O tramite tenda a FIo2 2> 35%

Uso di pressione continua positiva delle vie aeree o ventilazione meccanica a pressione media > 6-8 cm H2O

< 30%

Somministrazione di ossigeno supplementare

Uso di qualsiasi ventilazione meccanica o pressione continua positiva delle vie aeree

Alterazioni significative del ritmo cardiaco o della frequenza respiratoria

< 20%

Bassa conta dei reticolociti e sintomi di anemia (p. es., tachicardia, tachipnea, scarsa alimentazione)

*Deve essere presente almeno 1 di questi criteri.

Le anomalie comprendono: episodi di apnea > 6 in 12 h, 2 episodi di apnea in 24 h che richiedono manovre di emergenza e ventilazione con maschera (e contemporanea somministrazione di dosi terapeutiche di metilxantine), frequenza cardiaca > 180/min per 24 h, bradicardia clinicamente significativa, e frequenza respiratoria > 80/min per 24 h.

CPAP = ventilazione continua a pressione positiva; ECMO = ossigenazione extracorporea a membrana; FIo2= concentrazione frazionale di ossigeno inspirata.

Adattato da Roseff SD, Luban NLC, Manno CS: Guidelines for assessing appropriateness of pediatric transfusion. Transfusion 42(11):1398–1413, 2002. doi: 10.1046/j.1537-2995.2002.00208.x.

Prima della prima trasfusione, se non è stato effettuato in precedenza, devono essere effettuati test sul sangue materno e su quello fetale per la determinazione dei gruppi ABO e Rh e per la presenza di anticorpi atipici sui globuli rossi; inoltre deve essere effettuato un test diretto dell'antiglobulina (test di Coombs) sui globuli rossi del neonato.

Il sangue per la trasfusione deve essere identico o compatibile con i gruppi ABO e Rh del neonato e con qualunque anticorpo, ABO o del globuli rossi, presente nel siero materno o neonatale. I neonati producono soltanto di rado anticorpi contro i globuli rossi, pertanto nei casi in cui persista una necessità trasfusionale, non è di solito necessario ripetere lo screening anticorpi fino ai 4 mesi di età.

I concentrati di globuli rossi usati per le trasfusioni devono essere filtrati (privati dei leucociti), irradiati, e somministrati in aliquote di 10-20 mL/kg provenienti da una singola donazione; trasfusioni sequenziali dalla stessa unità di sangue riducono al minimo l'esposizione del ricevente e le complicanze della trasfusione. Per i neonati estremamente prematuri deve essere utilizzato sangue di donatori cytomegalovirus-negativi.

Exanguinotrasfusione

L'exanguinotrasfusione, in cui vengono rimosse in sequenza aliquote di sangue dal neonato con contemporanea trasfusione di globuli rossi concentrati, è indicata in alcuni casi di anemia emolitica con aumento della bilirubina sierica, alcuni casi di anemia grave con insufficienza cardiaca e casi in cui i bambini con perdita del sangue cronica sono euvolemici. Questa procedura diminuisce i titoli anticorpi plasmatici e i livelli della bilirubina sierica e minimizza il sovraccarico di liquidi.

Gli effetti avversi gravi (p. es., trombocitopenia; enterocolite necrotizzante; ipoglicemia; ipocalcemia; shock, edema polmonare acuto, oppure entrambi, dovuti ad alterazioni nell'equilibrio idrico) sono frequenti, pertanto la procedura deve essere eseguita da personale esperto. Le linee guida per quando iniziare l'exanguinotrasfusione non sono univoche e non sono basate sull'evidenza.

Altri trattamenti

Non è generalmente raccomandato l'uso dell'eritropoietina umana ricombinante, anche perché non si è dimostrata in grado di ridurre il fabbisogno trasfusionale nelle prime 2 settimane di vita.

La terapia con il ferro viene somministrata ai lattanti che presentano sanguinamenti (p. es., a causa di diatesi emorragica, emorragie gastrointestinali, salassi frequenti). Si preferiscono gli integratori orali di ferro. Il ferro per via parenterale può raramente causare anafilassi. L'American Academy of Pediatrics (AAP) raccomanda di somministrare ai neonati allattati al seno 1 mg/kg/die di un integratore di ferro liquido a partire dai 4 mesi di età fino a quando i cibi solidi contenenti ferro non vengono introdotti a circa 6 mesi di età (1).

Il trattamento di cause più rare di anemia è specifico per la malattia (p. es., corticosteroidi nell'anemia di Diamond-Blackfan e vitamina B12 nei deficit di vitamina B12).

Riferimento relativo al trattamento

Punti chiave

  • L'anemia è una riduzione dei globuli rossi o dell'emoglobina e nei neonati è in genere definita da valori di emoglobina o dell'ematocrito > 2 deviazioni standard sotto la media per l'età.

  • Le cause di anemia nei neonati comprendono processi fisiologici, perdita di sangue, diminuzione della produzione di globuli rossi, e una maggiore distruzione di globuli rossi.

  • L'anemia fisiologica è la causa più frequente di anemia nel periodo neonatale e non richiede in genere particolari valutazione o trattamento.

  • I neonati con anemia di solito sono pallidi e, se l'anemia è grave, possono presentare tachipnea, tachicardia e, talvolta, un soffio cardiaco.

  • La necessità di trattamento varia con il grado dell'anemia e la sintomatologia associata.

  • L'anemia lieve nei neonati a termine e pretermine sani, in genere, non richiede una terapia specifica; il trattamento è diretto a comprendere la diagnosi.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come effettuare la rianimazione neonatale
Video
Come effettuare la rianimazione neonatale
Modelli 3D
Vedi Tutto
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro
Modello 3D
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE