Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Una giornata in ospedale

Di

Oren Traub

, MD, PhD, Pacific Medical Centers

Ultima revisione/verifica completa mar 2018| Ultima modifica dei contenuti mar 2018
per accedere alla Versione per i professionisti

Cosa avviene solitamente in una giornata

Spesso la giornata inizia con un infermiere o un tecnico che effettua un prelievo di sangue, solitamente fra le 5 e le 8 del mattino. Il sangue viene prelevato presto in modo che i membri del team ospedaliero possano esaminarne i risultati relativamente all’inizio della giornata.

Le visite dei medici vengono effettuate almeno una volta al giorno. Durante queste visite, un medico svolge le attività seguenti:

  • si informa dei sintomi avvertiti dai pazienti

  • effettua un esame obiettivo

  • avvisa i pazienti di eventuali esami programmati e variazioni del piano di cura

  • li aggiorna sui loro progressi complessivi

Queste visite in genere avvengono al mattino. Il medico può visitare alcuni pazienti più volte al giorno, se la loro condizione è grave o sta peggiorando.

Per prepararsi a queste visite, i pazienti (o chi li rappresenta) possono fare quanto segue:

  • scrivere durante la giornata eventuali domande da porre al medico durante la visita

  • prendere appunti durante la visita perché le informazioni ricevute possono essere troppe da ricordare

  • richiedere la presenza di parenti e amici durante la visita (specialmente quando una persona non è in grado di comunicare o comprendere la situazione a causa di demenza o un altro disturbo grave)

  • affidare a un parente il ruolo di tenere informati gli altri parenti e gli amici di ciò che avviene, in modo che il medico o gli altri membri del team ospedaliero non debbano ripetere le stesse informazioni

Dato che possono verificarsi emergenze in ospedale, la tempistica delle visite dei medici può essere impossibile da prevedere. I pazienti possono chiedere al medico una stima dell’intervallo di 1-2 ore in cui aspettarsi la visita. Avere una qualche idea del momento in cui il medico passerà può essere utile se parenti o amici desiderano essere presenti. I chirurghi potrebbero fare le visite al mattino molto presto (fra le 6 e le 9) se hanno in programma interventi chirurgici al mattino.

Gli altri membri del personale generalmente entrano in camera più volte al giorno e forniscono la maggior parte dell’assistenza ospedaliera quotidiana. Tra questi:

  • gli infermieri, che in genere somministrano i farmaci ai pazienti

  • i fisioterapisti e i terapisti occupazionali, che possono fare visita regolarmente per aiutare a svolgere l’attività fisica

  • i tecnici della cura al paziente, che aiutano i pazienti che ne hanno bisogno a mangiare, ad andare al bagno e a svolgere altri compiti di cura personale

I parenti possono essere di aiuto nell’assistenza in ospedale.

Gli infermieri e gli altri membri del personale incoraggiano tutti i ricoverati a scendere dal letto, salvo diversa indicazione del medico a causa della specifica patologia. Rimanere a letto a lungo può provocare molti problemi, fra cui debolezza muscolare ( Problemi dovuti al confinamento a letto). Per prevenire questi problemi, i pazienti possono camminare nei corridoi più volte al giorno e mangiare su una sedia accanto al letto piuttosto che a letto. È bene chiedere al proprio infermiere se queste attività possono essere svolte da soli o se occorre la supervisione o l’aiuto di un membro del personale.

I pasti vengono consegnati nella stanza. Dopo che è stata prescritta una dieta che soddisfi le sue esigenze mediche, il paziente può ordinare i pasti anticipatamente dal menu dell’ospedale. Se un paziente ha problemi di comunicazione, un membro del personale può aiutarli a ordinare i pasti. Se il paziente non ordina i pasti, sarà inviato un pasto che soddisfi le sue esigenze mediche. Se è stata prescritta una dieta specifica (ad esempio povera di zuccheri per una persona che soffre di diabete), non sarà possibile ordinare alcuni alimenti presenti sul menu. Poiché alcune patologie richiedono diete specializzate, i soggetti e i parenti in genere non devono portare al paziente ricoverato alimenti provenienti da casa o da un ristorante, salvo se approvati dall’infermiere o dal dietologo.

Cosa può avvenire durante un ricovero ospedaliero

Se è in programma un esame o un intervento chirurgico, ai pazienti può non essere consentito mangiare o bere per un periodo di tempo (spesso a partire dalla mezzanotte del giorno precedente). Durante questo tempo, vengono somministrati liquidi al paziente attraverso una linea endovenosa (EV), che solitamente viene posizionata all’inizio del ricovero in ospedale. La programmazione di esami e interventi può cambiare improvvisamente in caso di emergenze. In tali casi, i pazienti possono provare frustrazione per la limitazione di cibi e bevande.

Vari motivi possono richiedere trasferimenti da una stanza all’altra (a volte a un piano diverso). Per esempio, i pazienti possono essere trasferiti in un’area dell’ospedale dotata di meno apparecchiature di monitoraggio se le loro condizioni migliorano. Oppure se peggiorano, possono essere trasferiti in un’unità di terapia intensiva, che è dotata di apparecchiature di supporto specializzate.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Panoramica sugli esami di diagnostica per immagini
Quale dei seguenti esami di diagnostica per immagini NON utilizza radiazioni?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE