Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sul sistema nervoso autonomo

Di

Phillip Low

, MD, College of Medicine, Mayo Clinic

Ultima revisione/verifica completa dic 2018| Ultima modifica dei contenuti dic 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il sistema nervoso autonomo regola alcuni processi corporei, come la pressione arteriosa e la frequenza respiratoria. Questo sistema funziona automaticamente (in modo autonomo), senza uno sforzo cosciente della persona.

I disturbi del sistema nervoso autonomo possono interessare qualsiasi parte del corpo o processo. Possono inoltre essere reversibili o progressivi.

Anatomia del sistema nervoso autonomo

Il sistema nervoso autonomo è la parte del sistema nervoso che interessa gli organi interni, inclusi vasi sanguigni, stomaco, intestino, fegato, reni, vescica, organi genitali, polmoni, pupille, cuore, sudorazione, salivazione e ghiandole digestive.

Il sistema nervoso autonomo consiste in due sistemi principali:

  • Simpatico

  • Parasimpatico

Quando il sistema nervoso autonomo riceve le informazioni sul corpo e sull’ambiente esterno, risponde stimolando i processi corporei, solitamente attraverso il sistema simpatico, oppure inibendoli, solitamente attraverso il sistema parasimpatico.

Un percorso nervoso autonomo implica due cellule nervose. Una è situata nel tronco cerebrale o nel midollo spinale ed è collegata da fibre nervose all’altra cellula, che si trova in un gruppo di cellule nervose (chiamato ganglio autonomo). Le fibre nervose che partono da questo ganglio si collegano agli organi interni. La maggior parte dei gangli per il sistema simpatico sono situati appena fuori dal midollo spinale su entrambi i lati. I gangli per il sistema parasimpatico sono situati vicino o all’interno degli organi ai quali sono connessi.

Funzionamento del sistema nervoso autonomo

Il sistema nervoso autonomo controlla i processi interni dell’organismo, come:

  • Pressione arteriosa

  • Frequenza cardiaca e respiratoria

  • Temperatura corporea

  • Digestione

  • Metabolismo (influenzando quindi il peso corporeo)

  • Produzione di liquidi corporei (saliva, sudore e lacrime)

  • Minzione

  • Defecazione

  • Risposta sessuale

Molti organi sono principalmente controllati dal sistema simpatico o parasimpatico. A volte i due sistemi hanno effetti opposti sullo stesso organo. Ad esempio, il sistema simpatico aumenta la pressione arteriosa, mentre quello parasimpatico la diminuisce. Complessivamente, le due divisioni lavorano insieme per garantire che il corpo risponda in modo adatto alle varie situazioni.

Sistema nervoso autonomo

Sistema nervoso autonomo

In linea generale, il sistema simpatico svolge la seguente funzione:

  • Prepara l’organismo a reagire a situazioni stressanti o di emergenza, con una risposta di “lotta o fuga”.

Aumenta quindi la velocità del battito cardiaco e la forza delle contrazioni cardiache e amplia (dilata) le vie aeree per facilitare la respirazione. Costringe il corpo a rilasciare l’energia immagazzinata. Aumenta la forza muscolare. Questa divisione causa anche la sudorazione dei palmi, la dilatazione delle pupille e l’impulso che fa drizzare i peli. Rallenta i processi corporei che sono meno importanti in casi di emergenza, come digestione e minzione.

Il sistema parasimpatico svolge la seguente funzione:

  • Controlla i processi corporei durante le situazioni ordinarie.

Generalmente, il sistema parasimpatico si occupa di conservare e ripristinare. Rallenta il battito cardiaco e diminuisce la pressione arteriosa. Stimola il tratto digestivo a elaborare gli alimenti e a eliminare i rifiuti. L’energia proveniente dagli alimenti elaborati viene utilizzata per ripristinare e creare i tessuti.

Entrambi i sistemi, simpatico e parasimpatico, sono implicati nell’attività sessuale, poiché fanno parte del sistema nervoso che controlla le azioni volontarie e trasmette le sensazioni dalla pelle (sistema nervoso somatico).

Tabella
icon

Suddivisione del sistema nervoso autonomo

Sistema

Effetti

Simpatico

Fa aumentare:

  • Battito cardiaco e forza delle contrazioni cardiache

  • Rilascio di energia immagazzinata nel fegato

  • La velocità alla quale l’energia viene utilizzata per svolgere le funzioni corporee mentre la persona è a riposo (tasso di metabolismo basale)

  • Forza muscolare

Amplia le vie aeree per facilitare la respirazione

Fa sudare i palmi delle mani

Diminuisce le funzioni che sono meno importanti in una situazione di emergenza (come digestione e minzione)

Controlla il rilascio del seme (eiaculazione)

Parasimpatico

Stimola il tratto digestivo a elaborare gli alimenti ed eliminare i rifiuti (nell’evacuazione intestinale).

Rallenta la frequenza cardiaca

Riduce la pressione arteriosa

Controlla le erezioni

Per comunicare all’interno del sistema nervoso autonomo, vengono usati due messaggeri chimici (neurotrasmettitori):

  • Acetilcolina

  • Norepinefrina

Le fibre nervose che secernono l’acetilcolina sono chiamate fibre colinergiche. Le fibre che secernono la norepinefrina sono chiamate fibre adrenergiche. Solitamente, l’acetilcolina ha effetti parasimpatici (inibitori) mentre la norepinefrina ha effetti simpatici (stimolanti). Tuttavia, l’acetilcolina ha alcuni effetti simpatici. Ad esempio, a volte stimola la sudorazione o fa drizzare i peli.

Cause

Le patologie autonomiche possono essere causate da disturbi che danneggiano i nervi autonomici oppure parti del cervello che aiutano a controllare i processi fisiologici; in altri casi, possono insorgere spontaneamente, senza una causa chiara.

Alcune cause comuni di patologie autonomiche sono:

Altre cause meno comuni includono:

Sintomi

Negli uomini la difficoltà a iniziare e a mantenere un’erezione (disfunzione erettile) può essere un sintomo precoce di un disturbo del sistema nervoso autonomo.

I disturbi del sistema nervoso autonomo causano solitamente vertigini o capogiri a causa della diminuzione eccessiva della pressione arteriosa quando ci si alza in piedi (ipotensione ortostatica).

Le persone possono sudare meno o per niente e quindi diventare intolleranti al calore. Gli occhi e la bocca possono essere secchi.

Dopo mangiato, chi è affetto da un disturbo del sistema nervoso autonomo può sentirsi prematuramente sazio o addirittura vomitare perché lo stomaco si svuota molto lentamente (gastroparesi). Alcune persone urinano involontariamente (incontinenza urinaria), spesso perché la vescica è iperattiva. Altre hanno difficoltà a svuotare la vescica (ritenzione urinaria) perché questa è ipoattiva. Può manifestarsi stipsi oppure si può perdere il controllo dell’intestino.

Le pupille possono non dilatarsi e restringersi (ridursi) ai cambiamenti di luce.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Esami per determinare come la pressione arteriosa cambi durante certe manovre

  • Elettrocardiogramma

  • Test della sudorazione

Durante l’esame obiettivo, il medico può verificare la presenza di segni di disturbi del sistema nervoso autonomo come l’ipotensione ortostatica. Ad esempio, misura la pressione arteriosa e il ritmo cardiaco quando il paziente è sdraiato o seduto e quando si alza in piedi per come la pressione arteriosa cambi al variare della posizione. Quando una persona si alza in piedi, a causa della forza di gravità, il sangue delle vene delle gambe ha più difficoltà a raggiungere il cuore. Pertanto, la pressione sanguigna diminuisce. Per compensare, il cuore pompa più intensamente e la frequenza cardiaca aumenta. Tuttavia, le alterazioni della frequenza cardiaca e della pressione arteriosa sono lievi e transitorie. Se i cambiamenti sono più consistenti o durano più a lungo, il soggetto può presentare ipotensione ortostatica.

La pressione arteriosa viene misurata continuamente mentre il paziente esegue la manovra di Valsalva (cercare di espirare con forza senza lasciar fuoriuscire l’aria dal naso o dalla bocca, simile a uno sforzo durante la defecazione). Viene effettuato un elettrocardiogramma per determinare se il ritmo cardiaco cambia come dovrebbe durante la respirazione profonda e la manovra di Valsalva.

Il test del tavolo inclinato può essere effettuato per controllare le variazioni della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca quando si modifica la posizione del corpo. In questo esame, viene misurata la pressione arteriosa prima e dopo che il paziente, sdraiato su un tavolo oscillante, viene inclinato in posizione eretta.

Il test del tavolo inclinato e la manovra di Valsalva, eseguiti insieme, possono aiutare a determinare se un calo della pressione arteriosa sia dovuto a un disturbo del sistema nervoso autonomo.

Il medico esamina le pupille per controllare le risposte anomale o la mancanza di risposta ai cambiamenti di luce.

Viene effettuato anche un test della sudorazione. In un test della sudorazione si stimolano le ghiandole sudoripare con degli elettrodi riempiti di acetilcolina e posizionati sulle gambe e sugli avambracci. In seguito si misura il volume di sudore per determinare se la produzione è normale. Durante questo esame si può avvertire una sensazione di bruciore.

Nel test della sudorazione termoregolatoria viene applicato un colorante sulla pelle e la persona viene lasciata in un ambiente chiuso e riscaldato per stimolare la sudorazione. La sudorazione provoca un cambiamento di colore del prodotto. Il medico può quindi valutare l’andamento della sudorazione che può aiutare a determinare la causa dei disturbi del sistema nervoso autonomo.

Possono essere effettuati altri esami per verificare l’eventualità di patologie in grado di causare il disturbo del sistema nervoso autonomo

Trattamento

  • Trattamento della causa, se identificata

  • Attenuazione dei sintomi

Vengono trattate le malattie che possono contribuire al disturbo del sistema autonomo. Se non è presente alcuna altra patologia o se questa non può essere trattata, ci si concentra sull’alleviamento dei sintomi.

Semplici accorgimenti, associati talvolta a farmaci, possono aiutare ad alleviare alcuni sintomi dei disturbi del sistema autonomo:

  • Ipotensione ortostatica: si consiglia alle persone di sollevare la testata del letto di circa 10 centimetri e di alzarsi lentamente. Può essere d’aiuto indossare un indumento di compressione o di supporto, come una cintura addominale o calze contenitive. Il maggior consumo di sale e di acqua aiuta a mantenere il volume di sangue nel flusso sanguigno e quindi la pressione arteriosa. A volte si usano dei farmaci. Il fludrocortisone aiuta a mantenere il volume del sangue e quindi la pressione arteriosa. La midodrina aiuta a mantenere la pressione arteriosa causando il restringimento delle arterie (costrizione). Questi farmaci vengono assunti per via orale.

  • Diminuzione o assenza di sudorazione: se la sudorazione è ridotta o assente, è utile evitare ambienti caldi.

  • Ritenzione urinaria: se si manifesta ritenzione urinaria perché la vescica non è in grado di contrarsi normalmente, si può insegnare alle persone a inserire in modo autonomo un catetere (un sottile tubicino in gomma) attraverso l’uretra nella vescica. Il catetere consente all’urina trattenuta nella vescica di fuoriuscire, dando sollievo. Le persone inseriscono il catetere diverse volte al giorno e lo rimuovono dopo aver svuotato la vescica. Il betanecolo può essere usato per aumentare la tonicità della vescica e favorirne quindi lo svuotamento.

  • Stipsi: si consigliano una dieta ricca di fibre ed emollienti fecali. Se la stipsi persiste, può essere necessario un clistere.

  • Disfunzione erettile: solitamente il trattamento è costituito da farmaci come il sildenafil, il tadalafil o il vardenafil per via orale. A volte vengono utilizzati mezzi di costrizione (fasce e anelli posizionati alla base del pene) e/o dispositivi a vuoto.

Tabella
icon

Alcuni farmaci utilizzati per trattare i sintomi dei disturbi del sistema nervoso autonomo

Sintomo

Farmaco

Effetti del farmaco

Integratori di fibre (come crusca o psillio)

Emollienti fecali (come docusato, lattulosio o polietilenglicole)

Gli integratori di fibre aggiungono volume alle feci e quindi stimolano le contrazioni naturali dell’intestino. Gli integratori di fibre e gli emollienti fecali aiutano a spostare più rapidamente gli alimenti lungo l’intestino.

Pienezza nello stomaco

Domperidone

Eritromicina

Metoclopramide

Questi farmaci stimolano le contrazioni nel tratto digerente e aiutano quindi a spostare gli alimenti più rapidamente al suo interno.

Avanafil

Sildenafil

Tadalafil

Vardenafil

Questi farmaci aumentano la frequenza, la rigidità e la durata dell’erezione.

Ipotensione ortostatica (una diminuzione eccessiva della pressione arteriosa quando ci si alza in piedi)

Fludrocortisone

Questo farmaco aiuta il corpo a trattenere il sale e quindi a mantenere il volume sanguigno e la pressione arteriosa.

Midodrina

Droxidopa

Questi farmaci determinano il restringimento (costrizione) delle piccole arterie (arteriole), aiutando a mantenere invariata la pressione arteriosa.

Oxibutinina

Mirabegron

Tamsulosina

Tolterodina

Questi farmaci rilassano i muscoli di una vescica iperattiva.

Betanecolo

Questo farmaco stimola le contrazioni della vescia e quindi la aiuta a svuotarsi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Angiografia cerebrale: inserimento del catetere
Video
Angiografia cerebrale: inserimento del catetere
L’angiografia trova impiego per ottenere informazioni diagnostiche sui vasi sanguigni che...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Impulso nervoso
Modello 3D
Impulso nervoso

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE