Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Botulismo

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il botulismo è un avvelenamento raro e potenzialmente letale causato dalle tossine prodotte dal batterio anaerobio Clostridium botulinum.

  • Le tossine botuliniche, solitamente assunte con gli alimenti, possono indebolire o paralizzare i muscoli.

  • Il botulismo si presenta inizialmente con secchezza delle fauci, difficoltà a deglutire e a parlare, visione doppia e incapacità di mettere a fuoco, oppure con sintomi gastrointestinali, come diarrea, vomito e crampi addominali.

  • Il medico esamina i campioni di sangue, feci o tessuto di una lesione e può essere effettuata un’elettromiografia.

  • La preparazione e la conservazione attenta del cibo prevengono il botulismo che è causato dall’ingestione di cibi contaminati.

  • Se le persone pensano di avere il botulismo, devono recarsi immediatamente in ospedale.

  • Viene usata un’antitossina per prevenire o rallentare gli effetti della tossina.

I batteri della specie Clostridium botulinum non necessitano di ossigeno per vivere, cioè sono batteri anaerobi.

Le tossine all’origine del botulismo, che sono i veleni più potenti conosciuti, possono compromettere gravemente la funzionalità dei nervi periferici. Le tossine botuliniche paralizzano i muscoli impedendogli di rilasciare un messaggero chimico (neurotrasmettitore) chiamato acetilcolina. L’acetilcolina interagisce con i recettori sui muscoli (alla giunzione neuromuscolare) e stimola la contrazione muscolare.

A piccolissime dosi, due tipi (A e B) di tossine botuliniche possono essere usate per alleviare gli spasmi muscolari (in quanto riducono l’attività muscolare) e per attenuare le rughe.

Sapevate che…

  • Le tossine che causano il botulismo sono il veleno più potente che si conosca.

  • A piccolissime dosi, due tipi (A e B) di queste tossine possono essere usate per controllare gli spasmi muscolari e per attenuare le rughe

Cause

Il batterio Clostridium botulinum forma cellule quiescenti chiamate spore. Tali spore quiescenti sono ampiamente presenti nell’ambiente, inclusi il terreno e l’acqua dei fiumi e dei mari. Come i semi, le spore possono esistere allo stato quiescente per molti anni e sono molto resistenti alla distruzione, ad esempio con il calore. In presenza di umidità e di nutrienti e in assenza di ossigeno (come nell’intestino o in barattoli di vetro o di metallo sigillati), le spore si sviluppano in batteri attivi e producono tossine. Alcune tossine prodotte da Clostridium botulinum non vengono distrutte dall’acido gastrico o dagli enzimi protettivi dell’intestino.

Clostridium botulinum è comune nell’ambiente e le spore possono essere trasportate dall’aria. Raramente, i casi di botulismo derivano dall’ingestione o dall’inalazione di piccole quantità di terra o di polvere che contengono le spore. Inoltre, la tossina può essere usata come arma. Le spore possono entrare nel corpo anche attraverso gli occhi o la pelle, se ferita.

Di rado, il botulismo si è manifestato a seguito di un’iniezione di tossina botulinica per motivi estetici (ad esempio per le rughe) o per motivi medici, come la cefalea emicranica.

Tuttavia, la maggior parte dei casi è dovuta all’ingestione di alimenti che contengono le tossine.

Esistono forme diverse di botulismo, che hanno cause diverse. Le forme più comuni sono:

Botulismo alimentare

Il botulismo alimentare si manifesta quando si consuma cibo contaminato con tossina botulinica, prodotta dai batteri della specie Clostridium botulinum. Gli alimenti possono essere contaminati se non sono stati cotti a sufficienza prima della conservazione.

Le fonti più comuni di botulismo alimentare sono:

  • Conserve fatte in casa, in particolare gli alimenti a basso contenuto acido, come asparagi, fagiolini, barbabietole e mais.

Altre fonti includono aglio sott’olio, peperoncini, pomodori in scatola, patate al cartoccio che sono state lasciate troppo a lungo a temperatura ambiente e pesce inscatolato fatto in casa o fermentato. Tuttavia, circa il 10% delle epidemie deriva dal consumo di alimenti precotti, il più delle volte verdure, pesce, frutta e condimenti (come salse). Più raramente, il botulismo è causato dal consumo di manzo, latticini, maiale, pollame o certi altri alimenti.

La refrigerazione del cibo non rende gli alimenti sicuri, in quanto alla normale temperatura di frigorifero i clostridi sono in grado di produrre alcune tossine.

La tossina botulinica penetra nel sangue circolante dall’intestino tenue e raggiunge i nervi. Questa tossina impedisce ai nervi di inviare segnali ai muscoli.

Botulismo da ferita

Il botulismo da ferita si manifesta quando Clostridium botulinum contamina una ferita o viene introdotto in altri tessuti. All’interno della ferita, i batteri producono tossine che sono assorbite nel flusso sanguigno.

L’iniezione di farmaci con aghi non sterilizzati può causare questo tipo di botulismo, così come l’iniezione di eroina contaminata in un muscolo o sotto la pelle (iniezione sottocutanea).

Sintomi

Le varie forme di botulismo causano molti sintomi identici:

  • Bocca secca

  • Vista offuscata o doppia

  • Palpebre cadenti

  • Difficoltà a mettere a fuoco gli oggetti vicini

  • Pupille che non si contraggono normalmente quando esposte alla luce

  • Difficoltà a parlare

  • Difficoltà di deglutizione

Le lesioni nervose dovute alle tossine colpiscono la forza muscolare, ma non la sensibilità. Inoltre, la mente solitamente rimane lucida.

Dal momento che la deglutizione è difficile, gli alimenti e la saliva possono essere inalati (aspirati) nei polmoni, causando soffocamento o conati di vomito e aumentando il rischio di polmonite (detta polmonite da aspirazione).

Normalmente, dopo che si è persa la forza nei muscoli del volto e della testa, la si perde gradualmente nei muscoli delle braccia e delle gambe e in quelli coinvolti nella respirazione. I muscoli diventano progressivamente più deboli. La paralisi dei muscoli respiratori può causare la morte se non viene fornita la ventilazione meccanica (uso di una macchina per aiutare la respirazione).

I sintomi del botulismo alimentare si sviluppano improvvisamente, solitamente 18-36 ore dopo che la tossina è penetrata nel corpo, anche se i sintomi possono iniziare appena 4 ore o fino a 8 giorni dopo l’ingestione delle tossine. Più tossine vengono ingerite, prima le persone si ammalano.

I primi sintomi del botulismo alimentare sono spesso nausea, vomito, crampi allo stomaco e diarrea. Col passare del tempo, in molte persone si sviluppa stipsi. Tali sintomi digestivi solitamente si manifestano prima che siano interessati i muscoli. Le persone con botulismo da ferita non hanno sintomi digestivi.

Diagnosi

  • Solitamente elettromiografia

  • Quando è possibile, esami per individuare le tossine negli alimenti, nel sangue o nelle feci

Il medico sospetta il botulismo in base ai sintomi. Tuttavia, altri disturbi possono causare sintomi simili, quindi sono necessarie informazioni supplementari.

L’elettromiografia (stimolazione elettrica dei muscoli e registrazione della loro attività elettrica) può essere utile. Nella maggior parte dei casi di botulismo, l’elettromiografia mostra risposte muscolari anomale dopo la stimolazione elettrica.

Per il botulismo alimentare, una fonte alimentare probabile può fornire un indizio. Ad esempio, quando la patologia si manifesta in due o più persone che hanno mangiato lo stesso alimento preparato nello stesso posto, la diagnosi è più chiara. Questa viene confermata quando vengono rilevate delle tossine nel sangue o quando vengono rilevati i batteri o le tossine in un campione di feci. Le tossine possono essere identificate anche negli alimenti consumati.

Per il botulismo da ferita, il medico chiede se le persone hanno avuto una lesione che ha strappato la pelle. Può controllare la pelle per cercare segni di iniezione che possano suggerire l’uso di droghe. La diagnosi viene confermata quando vengono rilevate le tossine nel sangue o quando vengono rilevati i batteri in una coltura di tessuto della ferita.

A volte è impossibile determinare se il botulismo si sia sviluppato da una ferita o dagli alimenti.

Prevenzione

  • Cottura o riscaldamento completo degli alimenti

  • Conservazione e manipolazione adeguata degli alimenti

Le spore di Clostridium botulinum sono altamente resistenti al calore e possono sopravvivere alla bollitura per diverse ore. Tuttavia, le tossine sono rapidamente distrutte dal calore. Le conserve possono causare botulismo se sono state cotte in modo inadeguato prima di essere inscatolate. I batteri possono produrre alcune tossine a temperature di soli 3 °C, la temperatura normale di un frigorifero, quindi mettere in fresco gli alimenti non significa necessariamente renderli sicuri.

I seguenti accorgimenti possono aiutare ad evitare il botulismo alimentare:

  • Cuocere gli alimenti a circa 80 °C per 30 minuti, in quanto ciò distrugge quasi sempre le tossine

  • Gettare i cibi in scatola con alterazione del colore oppure odore strano

  • Seguire le istruzioni per la preparazione delle conserve alimentari fatte in casa dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC)

  • Gettare i barattoli che sono gonfi o perdono

  • Refrigerare gli oli fatti in casa infusi con aglio o piante medicinali e gettare qualsiasi loro residuo inutilizzato dopo 4 giorni

  • Conservare le patate cotte al cartoccio al caldo e nell’alluminio fino al momento di servirle

Quando non si è sicuri se una scatola deve essere gettata, si può fare un controllo al momento di aprirla. Prima di eseguire la prima perforazione, si possono mettere alcune gocce di acqua nel punto da perforare. Se l’acqua viene espulsa invece di essere aspirata nella scatola quando questa viene bucata, la scatola è contaminata e deve essere gettata.

Tutti gli alimenti che possono essere contaminati devono essere smaltiti con attenzione. Anche quantità minime di tossine ingerite, inalate o assorbite attraverso gli occhi o una lacerazione sulla pelle possono causare una malattia grave. Si deve evitare il contatto con la pelle il più possibile e si devono lavare le mani immediatamente dopo aver toccato gli alimenti.

Se una ferita si infetta, un intervento medico veloce può ridurre il rischio di botulismo da ferita.

Trattamento

  • A volte carbone attivo per prevenire l’assorbimento della tossina assunta con il cibo

  • Antitossina

  • Per i problemi respiratori, uso di un ventilatore meccanico

Se le persone pensano di avere il botulismo, devono recarsi immediatamente in ospedale. Se il botulismo viene diagnosticato, vengono ricoverati e sottoposti ad attento monitoraggio.

Possono essere eseguiti degli esami di laboratorio per confermare la diagnosi, ma il trattamento non può essere ritardato fino a conoscerne i risultati. Per aiutare ad eliminare qualsiasi tossina non assorbita, il medico può somministrare carbone attivo per via orale o mediante un tubo passato attraverso il naso e la bocca nello stomaco.

Si misurano spesso i segni vitali (pulsazioni, frequenza respiratoria, pressione arteriosa e temperatura). Se subentrano problemi respiratori, le persone vengono trasferite nell’unità di terapia intensiva e possono essere collegate temporaneamente a un respiratore meccanico. Questo trattamento ha ridotto la percentuale di decesso dovuta al botulismo da circa il 70% all’inizio del 1900 a meno del 10%.

Viene somministrata una sostanza che blocca l’azione delle tossine (antitossina) il più rapidamente possibile dopo la diagnosi di botulismo. Ci sono più probabilità che sia efficace entro 72 ore dall’inizio dei sintomi. L’antitossina può rallentare o interrompere un deterioramento fisico ulteriore, in modo tale che il corpo possa guarire da solo in alcuni mesi. Tuttavia, l’antitossina non può cancellare i danni già esistenti. Inoltre, alcune persone hanno una grave reazione allergica (anafilattica) all’antitossina, che deriva dal siero di cavallo, oppure possono sviluppare una reazione da siero.

Se necessario, i soggetti incapaci di deglutire possono essere alimentati attraverso una sottile sonda per alimentazione in plastica inserita attraverso il naso e la gola (sondino nasogastrico).

Se le persone hanno un botulismo da ferita, questa viene pulita in profondità e il tessuto morto viene rimosso. Vengono somministrati antibiotici, come penicillina e metronidazolo, in vena (per via endovenosa).

Alcune persone che guariscono dal botulismo in seguito si sentono stanche e affannate per anni. Possono aver bisogno di una fisioterapia a lungo termine.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul COVID-19
Video
Panoramica sul COVID-19
Modelli 3D
Vedi Tutto
Varicella
Modello 3D
Varicella

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE