Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Patologie autoimmuni

Di

Peter J. Delves

, PhD, University College London, London, UK

Ultima modifica dei contenuti lug 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Nelle malattie autoimmuni, il sistema immunitario produce anticorpi verso un antigene endogeno (autoantigene). Possono essere coinvolte le seguenti reazioni di ipersensibilità:

  • Tipo II: le cellule rivestite da Ac, come qualsiasi particella estranea similmente ricoperta, attivano il sistema del complemento, determinando una lesione tissutale.

  • Tipo III: il meccanismo della lesione comprende il deposito di complessi Ag-Ac.

  • Tipo IV: la lesione è mediata da cellule T.

Per malattie autoimmuni specifiche vedi altrove nel MANUALE.

Le donne sono colpite più frequentemente degli uomini.

Eziologia

Meccanismi

Diversi meccanismi possono spiegare la capacità dell'organismo di attaccare se stesso:

  • Gli autoantigeni possono divenire immunogeni se vengono modificati in qualche modo.

  • Gli anticorpi prodotti in risposta a un antigene estraneo possono dare reazioni crociate con un autoantigene non modificato (p. es., anticorpi prodotti contro la proteina streptococcica M possono dare reazione crociata contro il miocardio umano).

  • Gli autoantigeni normalmente sequestrati dal sistema immunitario possono diventare esposti e causare una reazione autoimmune (p. es., il rilascio sistemico di cellule uveali contenenti melanina dopo un trauma oculare innesca l'oftalmia simpatica).

Gli autoantigeni possono essere modificati da agenti chimici, fisici, o biologici:

  • Agenti chimici: taluni prodotti chimici si possono legare a proteine corporee, rendendole immunogene, come si verifica in alcuni casi di anemia emolitica immune indotta da farmaci.

  • Agenti fisici: per esempio, la luce ultravioletta induce apoptosi dei cheratinociti e successiva immunogenicità alterata di autoantigeni, con conseguente fotosensibilità, come avviene nel lupus eritematoso cutaneo.

  • Agenti biologici: per esempio, nei modelli animali, un'infezione persistente da RNA virus che si lega ai tessuti dell'ospite altera biologicamente gli autoantigeni, provocando un disturbo autoimmune simile al lupus eritematoso sistemico.

Fattori genetici

Anche i parenti dei pazienti affetti da malattie autoimmuni spesso hanno autoanticorpi. La specificità degli autoanticorpi nei pazienti e nei loro parenti è spesso, ma non sempre, simile. Se un gemello ha una malattia autoimmune, l'altro gemello ha più probabilità di averla se è identico piuttosto che se è eterozigote.

La maggior parte dei disturbi autoimmuni ha un'eziologia poligenica, e quasi sempre contribuiscono varianti alleliche all'interno dei loci genici dell'HLA.

Meccanismi di difesa

Normalmente, reazioni autoimmuni potenzialmente patologiche sono evitate per i meccanismi di tolleranza immunologici di delezione clonale e anergia clonale. Ogni linfocita autoreattivo non controllato da questi meccanismi viene solitamente trattenuto da cellule T regolatorie Foxp3+. Un difetto della regolazione delle cellule T regolatorie può interferire con ognuno di questi meccanismi protettivi, causando l'autoimmunità. Gli anticorpi anti-idiotipo (Ac verso la sede di combinazione con l'antigene di altri Ac) possono interferire con la regolazione dell'attività Ac.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sull'immunità mediata da anticorpi
Video
Panoramica sull'immunità mediata da anticorpi
L'immunità mediata da anticorpi comporta l'attivazione di cellule B e la secrezione di anticorpi...
Panoramica sulla funzione delle cellule B e T
Video
Panoramica sulla funzione delle cellule B e T
Esistono due classi principali di linfociti coinvolti nelle difese specifiche: le cellule...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE