Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Vaccino contro l’epatite B

Di

Margot L. Savoy

, MD, MPH, Lewis Katz School of Medicine at Temple University

Ultima revisione/verifica completa ott 2020| Ultima modifica dei contenuti ott 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Il vaccino contro l’epatite B aiuta a proteggere dall’epatite B e dalle sue complicanze (epatite cronica, cirrosi e tumore del fegato).

Solitamente, l’epatite B è molto più pericolosa dell’epatite A e talvolta è fatale. I sintomi possono essere leggeri o gravi e includono inappetenza, nausea e affaticamento. Nel 5-10% delle persone, l’epatite B diviene cronica e può portare allo sviluppo di cirrosi e tumore del fegato.

Per ulteriori informazioni, consultare l’informativa Hepatitis B vaccine information statement dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC).

Somministrazione del vaccino contro l’epatite B

Il vaccino contro l’epatite B viene normalmente somministrato in una serie di due o tre iniezioni intramuscolari. Tuttavia, se un soggetto precedentemente vaccinato è esposto al contatto con il virus, il medico determina il livello di anticorpi contro l’epatite B. Se il livello di anticorpi è basso, il soggetto può aver bisogno di un’altra somministrazione del vaccino contro l’epatite B.

Nell’ambito delle vaccinazioni infantili di routine, a tutti i bambini vengono somministrate tre dosi: alla nascita, all’età di 1-2 mesi e all’età di 6-18 mesi. I neonati che non ricevono una dose alla nascita devono iniziare la serie il prima possibile.

Il vaccino contro l’epatite B è inoltre consigliato per i bambini più grandi e gli adolescenti non vaccinati in precedenza. Il vaccino può essere somministrato a qualsiasi adulto non vaccinato che desidera proteggersi dall’epatite B.

Il vaccino è consigliato anche per tutti gli adulti non vaccinati maggiormente a rischio di contrarre l’epatite B, come i seguenti:

  • Persone la cui professione rende possibile l’esposizione a sangue o altri liquidi corporei potenzialmente infetti, come il personale sanitario, di strutture detentive o di pubblica sicurezza

  • Soggetti che si recano in aree geografiche in cui l’infezione è comune

  • Persone che soffrono di malattie croniche del fegato (come epatite C, cirrosi, steatosi epatica, malattia epatica correlata all’alcol ed epatite autoimmune) o presentano elevati livelli di alcuni enzimi epatici nel sangue

  • Soggetti con insufficienza renale, inclusi quelli che necessitano di dialisi

  • Soggetti che si iniettano sostanze stupefacenti

  • Soggetti che hanno più partner sessuali

  • Soggetti che necessitano una visita o un trattamento per una malattia a trasmissione sessuale

  • Uomini omosessuali

  • Partner sessuali e contatti domestici di soggetti noti come portatori di epatite B

  • Soggetti con infezione da HIV

  • Soggetti affetti da diabete di età inferiore a 60 anni e talvolta anche di età superiore

  • Soggetti che lavorano o ricevono assistenza in luoghi in cui vi sono persone ad alto rischio di contrarre l’epatite B (come centri per il trattamento delle malattie a trasmissione sessuale, centri per il trattamento e la prevenzione delle tossicodipendenze, centri per l’uso di sostanze stupefacenti iniettabili e strutture di assistenza per omosessuali, centri di emodialisi, istituti per disabili mentali, istituti di pena e strutture in cui si eseguono test e terapie per l’infezione da HIV)

  • Donne in gravidanza a rischio di contrarre l’infezione, di ammalarsi gravemente o di morire per infezione durante la gravidanza

In presenza di una malattia temporanea, i medici solitamente rimandano la somministrazione del vaccino fino alla sua risoluzione (vedere anche CDC: Who Should NOT Get Vaccinated With These Vaccines? [Chi NON deve essere vaccinato con questi vaccini?]).

Effetti collaterali del vaccino contro l’epatite B

Occasionalmente, la sede dell’iniezione diventa dolente e si sviluppa una leggera febbre.

Questo vaccino non va somministrato a soggetti che hanno già manifestato reazioni allergiche gravi al lievito di birra, che viene utilizzato per la produzione del vaccino contro l’epatite B.

Ulteriori informazioni sul vaccino contro l’epatite B

Le seguenti sono alcune risorse in lingua inglese che possono essere utili. Si prega di notare che IL MANUALE non è responsabile del contenuto di tali risorse.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Coccidioidomicosi
Quale dei farmaci seguenti viene utilizzato per trattare casi gravi di coccidioidomicosi progressiva?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE