Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Sindrome di Cushing

Di

Ashley B. Grossman

, MD, University of Oxford; Fellow, Green-Templeton College

Ultima revisione/verifica completa ago 2019| Ultima modifica dei contenuti ago 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Nella sindrome di Cushing, i livelli di corticosteroidi sono esageratamente elevati, di solito a causa dell’assunzione di farmaci corticosteroidi o di un’eccessiva produzione da parte delle ghiandole surrenali.

  • La sindrome di Cushing in genere è causata dall’assunzione di corticosteroidi per trattare un disturbo come un tumore dell’ipofisi o delle ghiandole surrenali che induce le ghiandole surrenali a produrre corticosteroidi in eccesso.

  • La sindrome di Cushing può derivare anche da tumori in altre sedi (come i polmoni)

  • I soggetti con sindrome di Cushing di solito sviluppano un eccesso di grasso lungo tutto il tronco e presentano un viso largo e rotondeggiante e una pelle sottile.

  • Per diagnosticare la sindrome di Cushing viene misurato il livello di cortisolo e vengono eseguiti altri esami.

  • Possono essere necessari un intervento chirurgico o la radioterapia per rimuovere il tumore.

Le ghiandole surrenali possono produrre corticosteroidi in eccesso a causa di un problema intrinseco alle ghiandole o di un’eccessiva stimolazione da parte dell’ipofisi, che controlla le ghiandole surrenali e altre ghiandole endocrine. Un’anomalia nell’ipofisi, come un tumore, può stimolare la ghiandola a produrre grandi quantità di corticotropina, l’ormone che controlla la produzione di corticosteroidi da parte delle ghiandole surrenali (una condizione nota come malattia di Cushing). Anche tumori esterni all’ipofisi, come il carcinoma polmonare a piccole cellule o un tumore carcinoide nei polmoni o in altre parti del corpo, possono produrre corticotropina (una condizione chiamata sindrome da produzione ectopica di corticotropina).

A volte, si sviluppa un tumore benigno (adenoma) nelle ghiandole surrenali, stimolando un’eccessiva produzione di corticosteroidi. Gli adenomi surrenalici sono molto comuni; circa il 10% della popolazione generale ne è affetta intorno ai 70 anni di età. Tuttavia, solo una piccola parte degli adenomi produce ormoni in eccesso. I tumori maligni delle ghiandole surrenali sono molto rari, ma alcuni di loro producono anche ormoni in eccesso.

Assunzione di corticosteroidi

La sindrome di Cushing può svilupparsi anche nei soggetti costretti ad assumere dosi elevate di corticosteroidi (come il prednisone) a causa di una patologia grave. I corticosteroidi sono spesso utilizzati per trattare molti disturbi infiammatori, allergici e autoimmuni. Alcuni esempi comuni includono l’asma, l’artrite reumatoide, il lupus eritematoso sistemico, molte patologie della cute e numerose altre condizioni. I pazienti che assumono dosaggi elevati presentano gli stessi sintomi di chi produce l’ormone in eccesso. I sintomi possono presentarsi saltuariamente anche se i corticosteroidi sono inalati, come per l’asma, o se sono usati localmente, come nei problemi dermatologici.

Oltre a causare la sindrome di Cushing, l’assunzione di dosi elevate di corticosteroidi può inoltre sopprimere la funzione delle ghiandole surrenali. Questa soppressione si determina perché i corticosteroidi segnalano all’ipotalamo e all’ipofisi di interrompere la produzione degli ormoni che normalmente stimolano la funzione surrenale. Quindi, se il soggetto sospende bruscamente l’assunzione di corticosteroidi, l’organismo non può ripristinare la funzionalità surrenale in maniera sufficientemente rapida, provocando un’insufficienza surrenalica transitoria (una situazione simile al morbo di Addison). Inoltre, in condizioni di stress, l’organismo non è in grado di stimolare ulteriormente la produzione dei corticosteroidi necessari.

Malattia di Cushing

La malattia di Cushing è un termine per definire la sindrome di Cushing causata da iperstimolazione delle ghiandole surrenali, di solito a causa di un tumore ipofisario. In questa patologia, le ghiandole surrenali sono iperattive a causa dell’eccessiva stimolazione da parte dell’ipofisi e non a causa di anomalie delle ghiandole surrenali. I sintomi della malattia di Cushing sono simili a quelli della sindrome di Cushing. La malattia di Cushing viene diagnosticata con esami del sangue, oppure a volte con esami delle urine e della saliva. La malattia di Cushing viene trattata con un intervento chirurgico o con la radioterapia per rimuovere il tumore ipofisario. Se la rimozione del tumore ipofisario non può essere eseguita o non ha successo, le ghiandole surrenali possono essere rimosse chirurgicamente, o possono essere somministrati farmaci per ridurre la produzione di corticotropina o bloccare la produzione di cortisolo in eccesso o i suoi effetti sui tessuti.

Effetto dell’assunzione di corticosteroidi sulle ghiandole surrenali

Nei soggetti che assumono dosi elevate di corticosteroidi, come il prednisone, la funzionalità delle ghiandole surrenali può essere inibita. Questa soppressione si determina perché dosi elevate di corticosteroidi impediscono all’ipotalamo e all’ipofisi di produrre gli ormoni che normalmente stimolano la funzione surrenale.

Se il soggetto sospende bruscamente l’assunzione di corticosteroidi, l’organismo non può ripristinare la funzionalità surrenale in maniera sufficientemente rapida, provocando un’insufficienza surrenalica transitoria (una situazione simile al morbo di Addison). Inoltre, in condizioni di stress, l’organismo non è in grado di stimolare ulteriormente la produzione dei corticosteroidi necessari.

Per questo motivo, i medici non interrompono mai bruscamente la somministrazione di corticosteroidi se questi sono stati assunti per più di 2 o 3 settimane. Il dosaggio viene invece ridotto gradualmente nell’arco di settimane e talvolta di mesi.

Inoltre, può rendersi necessario aumentare il dosaggio nei soggetti che si ammalano o sono sottoposti a grave stress durante il trattamento con corticosteroidi. Talvolta è necessario ricominciare l’assunzione di corticosteroidi in un soggetto che si ammala o è sotto stress nel giro di qualche settimana dopo la sospensione o la riduzione dei corticosteroidi.

Sintomi

I corticosteroidi modificano la quantità e la distribuzione del grasso corporeo. Si ha un eccesso di grasso lungo tutto il tronco, che può essere particolarmente marcato nella parte alta del dorso (talvolta definita gobba di bufalo). Un soggetto con sindrome di Cushing di solito ha un viso largo e rotondeggiante (facies lunare). Braccia e gambe sono di solito assottigliate, se confrontate con il tronco ispessito. I muscoli perdono la loro massa, con conseguente debolezza. La pelle diventa sottile, si escoria facilmente e guarisce con difficoltà in caso di ferite o tagli. Sull’addome e sul torace possono comparire strie purpuree che somigliano a smagliature. I soggetti con sindrome di Cushing tendono a stancarsi facilmente.

Gli elevati livelli di corticosteroidi nel tempo aumentano la pressione arteriosa (ipertensione), indeboliscono le ossa (osteoporosi) e diminuiscono la resistenza alle infezioni. Aumenta il rischio di sviluppare calcoli renali e diabete; possono comparire disturbi mentali, con depressione e allucinazioni. Le donne hanno di solito un ciclo mestruale irregolare. I bambini con sindrome di Cushing crescono lentamente e rimangono di bassa statura. In alcuni soggetti, le ghiandole surrenali producono anche grandi quantità di ormoni sessuali maschili ( testosterone e ormoni simili), provocando un incremento della peluria del viso e del corpo e calvizie nelle donne.

Diagnosi

  • Misurazione del livello di cortisolo in urine, saliva e/o sangue

  • Talvolta, altri esami del sangue e di diagnostica per immagini

Se il medico sospetta la sindrome di Cushing, misura il livello di cortisolo, il principale ormone corticosteroideo. Normalmente, i livelli di cortisolo sono elevati di mattina e si abbassano nel corso della giornata. Nei soggetti affetti da sindrome di Cushing, i livelli di cortisolo si mantengono molto alti per tutto il giorno. I livelli di cortisolo possono essere controllati mediante esami di urine, saliva o sangue.

Se i livelli di cortisolo sono elevati, il medico può consigliare un test di soppressione con desametasone, in cui una dose di desametasone viene somministrata alla sera o nell’arco di diversi giorni e successivamente si misura il livello di cortisolo al mattino. Il desametasone sopprime la secrezione di corticotropina da parte dell’ipofisi e determina un’inibizione della secrezione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali. Se la sindrome di Cushing è provocata da un’eccessiva stimolazione ipofisaria, il livello di cortisolo si riduce, anche se in minor misura rispetto ai soggetti non affetti dalla sindrome. Se la sindrome di Cushing ha un’altra origine, il livello di cortisolo rimarrà alto. Inoltre, un elevato livello di corticotropina è indice dell’eccessiva stimolazione della ghiandola surrenale.

Per determinare la causa precisa della sindrome, possono essere necessari altri esami di diagnostica per immagini, come la tomografia computerizzata (TC) o la risonanza magnetica per immagini (RMI) dell’ipofisi o delle ghiandole surrenali, nonché una radiografia del torace o la TC dei polmoni o dell’addome; tuttavia, queste indagini non sono sempre in grado di localizzare il tumore.

Se si ritiene che la causa sia da attribuire alla produzione eccessiva di corticotropina, vengono prelevati campioni di sangue dalle vene dell’ipofisi per vedere se sia lì che risiede la causa.

Trattamento

  • Dieta ricca di proteine e potassio

  • Farmaci che riducono i livelli di cortisolo o ne bloccano gli effetti

  • Intervento chirurgico o radioterapia

Il trattamento dipende dall’origine del problema: surrenale, ipofisario o altro.

Se il problema è causato dall’assunzione di farmaci corticosteroidi, il medico valuta il beneficio di un farmaco contro i danni causati dalla sindrome di Cushing. Alcuni soggetti devono continuare l’assunzione del farmaco. In caso contrario, il dosaggio viene ridotto gradualmente nell’arco di settimane e talvolta di mesi. Durante questa riduzione graduale, la dose può essere aumentata se i pazienti si ammalano o subiscono comunque un grave stress fisico. Anche per settimane o mesi dopo l’interruzione dei corticosteroidi, i pazienti che si ammalano possono aver bisogno di riprendere l’assunzione del farmaco.

Il primo passo da fare nel trattamento della sindrome di Cushing consiste nel supportare le condizioni generali seguendo una dieta ricca di proteine e potassio. A volte sono necessari farmaci che aumentano i livelli di potassio o che riducono i livelli di glucosio (zucchero) nel sangue.

Possono essere necessari un intervento chirurgico o la radioterapia per rimuovere o distruggere un tumore ipofisario.

I tumori delle ghiandole surrenali (generalmente adenomi) spesso possono essere asportati chirurgicamente. Se tali trattamenti non sono efficaci, se è presente un tumore su entrambe le ghiandole surrenali, oppure se non è presente alcun tumore, è possibile che entrambe le ghiandole surrenali debbano essere rimosse. Tutti i soggetti sottoposti ad asportazione totale delle ghiandole surrenali, e molti di coloro che sono sottoposti ad asportazione parziale, devono assumere corticosteroidi a vita.

I tumori all’esterno dell’ipofisi e delle ghiandole surrenali e che secernono ormoni in eccesso sono in genere rimossi chirurgicamente.

Alcuni farmaci, come il metirapone o il ketoconazolo, possono abbassare i livelli di cortisolo ed essere utilizzati in attesa di un trattamento più definitivo, come quello chirurgico. Inoltre, è possibile utilizzare il mifepristone, che può bloccare gli effetti del cortisolo. I soggetti con casi lievi di patologia persistente o ricorrente potrebbero trarre giovamento dal farmaco pasireotide, sebbene tenda a causare o peggiorare il diabete. Occasionalmente, anche la cabergolina potrebbe essere utile. Pasireotide e cabergolina riducono la capacità della corticotropina di stimolare la produzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali.

Cos’è la sindrome di Nelson?

La sindrome di Nelson si può sviluppare in soggetti a cui siano state asportate entrambe le ghiandole surrenali a causa della malattia di Cushing.

In questo disturbo il tumore ipofisario che ha causato la malattia di Cushing continua a svilupparsi, producendo grandi quantità di corticotropina e determinando lo scurimento della pelle. Il tumore ipofisario può comprimere le vicine strutture del cervello, provocando cefalea e disturbi della vista.

Alcuni specialisti ritengono che ciò possa essere prevenuto, almeno in alcuni soggetti, con la radioterapia dell’ipofisi. Se necessario, la sindrome di Nelson può essere trattata con radioterapia o asportazione chirurgica dell’ipofisi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Malattia tiroidea
Video
Malattia tiroidea
La tiroide è una delle ghiandole del sistema endocrino. È una ghiandola a forma di farfalla...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Come agisce l’insulina
Modello 3D
Come agisce l’insulina

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE