Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Esofagite eosinofila

Di

Kristle Lee Lynch

, MD, Perelman School of Medicine at The University of Pennsylvania

Ultima revisione/verifica completa ott 2020| Ultima modifica dei contenuti ott 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

L’esofagite eosinofila è una patologia infiammatoria in cui la parete dell’esofago si riempie di un’enorme quantità di eosinofili, un tipo di globulo bianco.

  • Questo disturbo può essere causato da allergie alimentari.

  • I bambini possono rifiutare il cibo e perdere peso e gli adulti possono avere residui di cibo nell’esofago e difficoltà di deglutizione.

  • La diagnosi si basa sui sintomi, sui risultati di endoscopia e biopsia, talvolta accompagnate da radiografie.

  • Il trattamento include inibitori della pompa protonica, corticosteroidi, modificazioni della dieta e talvolta dilatazione dell’esofago.

L’esofago è un tubo cavo che unisce la gola (faringe) allo stomaco. (Vedere anche Panoramica sull’esofago.)

L’esofagite eosinofila può comparire in qualsiasi momento tra l’infanzia e la prima età adulta. Insorge occasionalmente negli anziani ed è più comune nei soggetti di sesso maschile.

Gli eosinofili sono un tipo di leucociti che svolge un ruolo importante nella risposta dell’organismo a reazioni allergiche, asma e infezioni parassitarie. L’esofagite eosinofila può essere causata da una reazione allergica ad alcuni alimenti in soggetti che presentano fattori di rischio genetici. La reazione allergica provoca infiammazione che irrita l’esofago. Se non viene trattata, l’infiammazione porta a un restringimento cronico (stenosi) dell’esofago.

Sintomi

Neonati e bambini possono rifiutarsi di mangiare, vomitare, perdere peso e avere dolore addominale o toracico o una combinazione di questi sintomi.

I soggetti con una stenosi (di solito adulti che soffrono di esofagite da molto tempo) spesso hanno difficoltà di deglutizione (disfagia) e residui di cibo nell’esofago (cosiddetto impattamento alimentare). I soggetti possono presentare sintomi simili a quelli della malattia da reflusso gastroesofageo (gastroesophageal reflux disease, GERD), in particolare pirosi (bruciore dietro lo sterno).

Spesso presentano anche altri disturbi allergici, come asma o eczema.

Diagnosi

  • Endoscopia e biopsia

  • Talvolta radiografie con bolo baritato

I medici sospettano la diagnosi di esofagite eosinofila in soggetti di qualsiasi età che soffrono di altri disturbi allergici e presentano difficoltà a deglutire cibi solidi. La diagnosi viene sospettata anche nei soggetti che presentano sintomi di GERD che non scompaiono con il normale trattamento.

Per diagnosticare il disturbo, il medico esamina l’esofago con una sonda flessibile (endoscopia). Durante l’endoscopia, il medico preleva dei campioni di tessuto da analizzare al microscopio (procedura definita biopsia).

Talvolta i medici eseguono anche un bolo baritato. Questo esame consiste nel far assumere al paziente bario contenuto in un liquido prima della registrazione delle radiografie. Il bario evidenzia l’esofago, agevolando la visualizzazione di eventuali anomalie.

Per identificare i possibili fattori scatenanti, il medico esegue anche test per le allergie alimentari, che tuttavia dimostrano scarsa utilità.

Trattamento

  • Inibitori della pompa protonica

  • Corticosteroidi

  • Variazioni nella dieta

  • Talvolta dilatazione dell’esofago

Gli adulti assumono inibitori della pompa protonica (PPI), farmaci che riducono la produzione di acido gastrico e possono ridurre i sintomi. Nei bambini, i cambiamenti della dieta risultano spesso efficaci, tuttavia se tali cambiamenti non danno risultati, si ricorre ai PPI.

Se anche i PPI non sono efficaci, i pazienti devono assumere corticosteroidi (come fluticasone e budesonide) che vengono ingeriti per rivestire l’esofago e possono contribuire a ridurre l’infiammazione. È possibile usare un inalatore di fluticasone e nebulizzare il farmaco in bocca, senza inalarlo, per poi inghiottirlo. In questo modo, il farmaco riveste l’esofago e non penetra nei polmoni. Il budesonide in forma liquida può inoltre essere miscelato con un sostituto dello zucchero o un addensante (come l’amido di mais) ed essere quindi ingerito. In seguito, è possibile sciacquare la bocca per evitare un’infezione micotica (mughetto).

Il medico può raccomandare di modificare la dieta. Può essere utile seguire una dieta povera di cereali, latticini, pesce/molluschi, arachidi/frutta a guscio, uova e soia (vedere dieta di eliminazione). Questa è la dieta raccomandata più spesso per l’esofagite eosinofila ed è migliore e più semplice rispetto all’eliminazione basata sui risultati dei test allergologici cutanei ed ematici. La dieta elementare, nella quale la maggior parte degli alimenti è in forma liquida (di solito aminoacidi, grassi, zuccheri, vitamine e minerali), è efficace sia negli adulti sia nei bambini, ma spesso non è pratica per gli adulti.

Se i soggetti presentano un restringimento dell’esofago, il medico lo dilata gonfiando un palloncino durante l’endoscopia. Spesso si eseguono diverse dilatazioni usando palloncini progressivamente più grandi per prevenire la lacerazione dell’esofago.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Esofagite eosinofila
L’esofagite eosinofila è una patologia infiammatoria in cui la parete dell’esofago, il tubo che porta dalla gola allo stomaco, si riempie di un tipo di globuli bianchi chiamati eosinofili. Quale delle seguenti opzioni è ritenuta la causa di questo disturbo?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE