Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Panoramica sui tumori ossei

Di

Michael J. Joyce

, MD, Cleveland Clinic Lerner School of Medicine at Case Western Reserve University;


Hakan Ilaslan

, MD, Cleveland Clinic Lerner College of Medicine at Case Western Reserve University

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

I tumori ossei sono neoformazioni di cellule alterate nell’osso.

  • I tumori ossei possono essere cancerosi (maligni) o non cancerosi (benigni).

  • I tumori maligni possono iniziare nell’osso (tumore primario) oppure in altri organi (come le mammelle o la prostata) e diffondersi alle ossa (tumore metastatico).

  • I tumori possono provocare un dolore inspiegabile all’osso, che peggiora progressivamente, gonfiore o una facilità di frattura.

  • La diagnosi si basa a volte sui risultati di esami radiologici (come radiografia, tomografia computerizzata o risonanza magnetica), ma spesso richiede l’asportazione di un campione di tessuto tumorale o osseo da analizzare al microscopio (biopsia).

I tumori ossei si suddividono in benigni o maligni e primari o metastatici.

Negli adulti, la maggior parte dei tumori ossei maligni è di tipo metastatico. In generale, i tumori ossei benigni sono relativamente comuni, ma i tumori ossei maligni primari sono rari e si verificano solo in 2500 persone circa ogni anno negli Stati Uniti. Questo numero non include il mieloma multiplo Mieloma multiplo I tumori che originano nell’osso vengono denominati tumori ossei primari. I tumori ossei primari possono essere non cancerosi (benigni) o cancerosi (maligni). (Vedere anche Panoramica sui tumori... maggiori informazioni Mieloma multiplo , un tumore che si sviluppa nel midollo osseo anziché nel tessuto osseo duro che costituisce l’osso.

Sebbene i tumori ossei benigni non metastatizzino, alcuni tipi crescono rapidamente e distruggono i tessuti circostanti.

Sintomi dei tumori ossei

Talvolta può essere presente un nodulo indolore, che può diventare doloroso in seguito, ma spesso il primo sintomo di un tumore osseo è il dolore alle ossa. In alcuni casi il dolore può essere grave. Può manifestarsi a riposo o di notte e tende a peggiorare progressivamente. A volte i tumori, specie se maligni, indeboliscono progressivamente l’osso. Tale indebolimento rende molto più facile la rottura (frattura) dell’osso durante le normali attività (questo tipo di frattura è nota come frattura patologica).

Diagnosi dei tumori ossei

  • Radiografie

  • Spesso risonanza magnetica per immagini (RMI) e talvolta tomografia computerizzata (TC)

  • Talvolta scintigrafia ossea

  • Biopsia

In presenza di un’articolazione o un arto che fa sempre male, anche quando non viene utilizzato, in genere i medici eseguono una radiografia Radiografie Spesso, sulla base dell’anamnesi e dei risultati dell’esame obiettivo, il medico diagnostica una patologia muscoloscheletrica. Talvolta sono necessari esami di laboratorio, di diagnostica per... maggiori informazioni Radiografie . Le radiografie possono mostrare al medico che l’osso ha un aspetto anomalo oppure un’escrescenza o un foro al suo interno. Tuttavia, anche se i medici riescono a vedere tali anomalie sulle radiografie, in genere non sono in grado di dire se il tumore sia maligno o benigno. Per alcuni tumori, però, una radiografia è sufficiente per stabilire se sono benigni. Ad esempio, questa identificazione è spesso possibile con il malattia ossea di Paget Malattia ossea di Paget La malattia ossea di Paget delle ossa è una malattia cronica dello scheletro in cui zone dell’osso vanno incontro a un rimodellamento anormale, che ne provoca ingrossamento e indebolimento... maggiori informazioni Malattia ossea di Paget , gli encondromi Encondromi I tumori ossei non cancerosi sono benigni, il che significa che non sono tumori maligni e in generale si diffondono raramente o mai ad altre aree del corpo. Tuttavia, possono causare problemi... maggiori informazioni Encondromi , le cisti ossee Cisti ossee Molte anomalie ossee non cancerogene (benigne) possono sembrare un tumore osseo, pur non essendolo. (Vedere anche Panoramica sui tumori ossei.) Le cisti ossee aneurismatiche si sviluppano solitamente... maggiori informazioni Cisti ossee , i fibromi non ossificanti Fibroma non ossificante (difetto corticale fibroso, fibroxantoma) I tumori ossei non cancerosi sono benigni, il che significa che non sono tumori maligni e in generale si diffondono raramente o mai ad altre aree del corpo. Tuttavia, possono causare problemi... maggiori informazioni Fibroma non ossificante (difetto corticale fibroso, fibroxantoma) e la displasia fibrosa Displasia fibrosa I tumori ossei non cancerosi sono benigni, il che significa che non sono tumori maligni e in generale si diffondono raramente o mai ad altre aree del corpo. Tuttavia, possono causare problemi... maggiori informazioni Displasia fibrosa .

Se esiste la possibilità ragionevole che sia presente un tumore, in genere per poter formulare una diagnosi è necessaria una biopsia. A seconda del tumore, si possono eseguire tre tipi di biopsia:

  • Biopsia per aspirazione

  • Agobiopsia

  • Biopsia aperta

È possibile eseguire una biopsia di molti tumori.

In una biopsia per aspirazione, il medico inserisce un ago nel tumore e aspira alcune cellule. Non è necessaria alcuna incisione. Tuttavia, dato che l’ago utilizzato è molto piccolo, a volte può succedere che vengano aspirate cellule normali anziché cellule tumorali, anche quando queste ultime sono a lato di quelle normali.

L’agobiopsia viene eseguita con un ago più grande, in modo tale da poter aspirare e analizzare più cellule. Dato che sia la biopsia per aspirazione sia l’agobiopsia midollare vengono eseguite utilizzando aghi, entrambe sono considerate biopsie con ago.

Un biopsia aperta (detta anche biopsia incisionale) è una procedura chirurgica. Talvolta, quando è necessario più tessuto affinché il medico possa formulare una diagnosi adeguata, si esegue una biopsia aperta. Questa procedura prevede l’incisione della cute e dei tessuti più profondi per poter prelevare un campione adeguato per la diagnosi. A volte, questa procedura può essere eseguita nel corso dell’intervento di rimozione del tumore stesso. Se il tumore viene asportato interamente, la procedura viene definita biopsia escissionale.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE