Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Fibrillazione ventricolare

Di

L. Brent Mitchell

, MD, Libin Cardiovascular Institute of Alberta, University of Calgary

Ultima revisione/verifica completa feb 2021| Ultima modifica dei contenuti feb 2021
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La fibrillazione ventricolare è una sequenza scoordinata e potenzialmente letale di contrazioni molto rapide e inefficaci dei ventricoli (le camere inferiori del cuore), causata da molti impulsi elettrici caotici.

  • Dà luogo a perdita di conoscenza nell’arco di pochi secondi e, se non trattata tempestivamente, ha esiti fatali.

  • L’elettrocardiogramma aiuta a stabilire se la causa dell’arresto cardiaco sia la fibrillazione atriale.

  • Il paziente deve essere sottoposto a rianimazione cardiopolmonare (cardiopulmonary resuscitation, CPR), entro pochi minuti, e a successiva defibrillazione (shock elettrico erogato sul torace), al fine di ripristinare il normale ritmo cardiaco.

Nella fibrillazione ventricolare, i ventricoli si limitano a vibrare e non si contraggono in modo coordinato. Il cuore non pompa sangue e, quindi, la fibrillazione ventricolare è una forma di arresto cardiaco Arresto cardiaco L’arresto cardiaco è la situazione in cui una persona muore, perché il cuore smette di pompare sangue e ossigeno agli organi, al cervello e ai tessuti. Talvolta è possibile rianimare una persona... maggiori informazioni Arresto cardiaco . Ha esiti fatali qualora il paziente non sia sottoposto a trattamento immediato.

Sintomi della fibrillazione ventricolare

La fibrillazione ventricolare causa, in pochi secondi, la perdita di coscienza. Se non trattata, il soggetto in genere manifesta una crisi convulsiva di breve durata e successivamente diventa inerte e areattivo. Il soggetto sviluppa, di solito, convulsioni e un danno cerebrale irreversibile dopo circa 5 minuti, perché l’ossigeno non raggiunge più il cervello. La morte segue dopo poco.

Diagnosi della fibrillazione ventricolare

  • Elettrocardiogramma

L’arresto cardiaco viene diagnosticato quando un soggetto collassa improvvisamente, assume un colorito bianco cadaverico, presenta pupille molto dilatate e non è possibile rilevare polso, battito cardiaco o pressione arteriosa. La fibrillazione ventricolare viene diagnosticata come causa dell’arresto cardiaco per mezzo di un elettrocardiogramma Elettrocardiogramma L’elettrocardiogramma è un procedura rapida, semplice e indolore nella quale gli impulsi elettrici del cuore vengono amplificati e registrati. La registrazione, ovvero l’elettrocardiogramma... maggiori informazioni Elettrocardiogramma (ECG).

ECG: lettura delle onde

ECG: lettura delle onde

L’elettrocardiogramma (ECG) è la rappresentazione grafica della corrente elettrica in movimento nel cuore durante un battito cardiaco. L’andamento della corrente viene diviso in parti e ad ogni parte viene data una denominazione alfabetica nell’ECG.

Ogni battito cardiaco inizia con un impulso proveniente dal pacemaker cardiaco (nodo del seno o senoatriale). Questo impulso attiva le camere superiori del cuore (atri). L’onda P rappresenta l’attivazione degli atri.

Successivamente, la corrente elettrica si porta in basso nelle camere inferiori del cuore (ventricoli). Il complesso QRS rappresenta l’attivazione dei ventricoli.

La corrente elettrica quindi si retrodiffonde dai ventricoli in direzione opposta. Questa attività è detta onda di ripolarizzazione, ed è rappresentata dall’onda T.

Molti tipi di anomalie possono essere spesso osservati all’ECG, tra cui un attacco cardiaco (infarto miocardico) pregresso, un’alterazione del ritmo cardiaco (aritmia), un inadeguato afflusso di sangue e ossigeno al cuore (ischemia) ed un eccessivo ispessimento (ipertrofia) delle pareti muscolari del cuore.

Certe anomalie visualizzate all’ECG possono anche essere indicative della presenza di protuberanze (aneurismi) che si sviluppano in aree deboli delle pareti cardiache. Gli aneurismi possono originare da un attacco cardiaco. Se il ritmo è alterato (accelerato, rallentato o irregolare), l’ECG può indicare anche la sede in cui ha inizio il ritmo anomalo. Questa informazione offre il punto di partenza dell’iter diagnostico.

Trattamento della fibrillazione ventricolare

  • Rianimazione cardiopolmonare

  • Prevenzione di ulteriori episodi

La fibrillazione ventricolare deve essere trattata come un’emergenza assoluta. La rianimazione cardiopolmonare Trattamento di primo soccorso L’arresto cardiaco è la situazione in cui una persona muore, perché il cuore smette di pompare sangue e ossigeno agli organi, al cervello e ai tessuti. Talvolta è possibile rianimare una persona... maggiori informazioni Trattamento di primo soccorso (RCP) deve essere avviata il più presto possibile. Ad essa deve seguire la cardioversione o la defibrillazione (uno shock elettrico erogato all’altezza del torace), non appena il defibrillatore è disponibile. Possono essere quindi somministrati farmaci utilizzati per trattare le aritmie (vedere la tabella Alcuni farmaci utilizzati per il trattamento delle aritmie Alcuni farmaci usati per il trattamento delle aritmie Le alterazioni del ritmo cardiaco (aritmie) sono sequenze di battiti cardiaci irregolari, accelerate, rallentate o condotte attraverso il cuore secondo un percorso elettrico anomalo. La causa... maggiori informazioni Alcuni farmaci usati per il trattamento delle aritmie ) per aiutare a mantenere il normale ritmo cardiaco.

Quando la fibrillazione ventricolare subentra entro poche ore da un attacco cardiaco, in soggetti che non sono in stato di shock e che non presentano insufficienza cardiaca, una cardioversione Ripristino del normale ritmo Le alterazioni del ritmo cardiaco (aritmie) sono sequenze di battiti cardiaci irregolari, accelerate, rallentate o condotte attraverso il cuore secondo un percorso elettrico anomalo. La causa... maggiori informazioni Ripristino del normale ritmo tempestiva ripristina il ritmo normale nel 95% dei casi e la prognosi è favorevole. La comparsa di shock Shock Lo shock è una condizione potenzialmente letale in cui l’apporto di ossigeno agli organi è scarso, con conseguenti danni d’organo e a volte il decesso. In genere la pressione arteriosa è bassa... maggiori informazioni e di insufficienza cardiaca Insufficienza cardiaca (IC) Con insufficienza cardiaca si intende un disturbo in conseguenza del quale il cuore non è più in grado di soddisfare le esigenze dell’organismo, causando una riduzione del flusso ematico, accumulo... maggiori informazioni Insufficienza cardiaca (IC) indica un grave danno ai ventricoli. Se i ventricoli sono gravemente danneggiati, la cardioversione, anche se tempestiva, ha solo il 30% di possibilità di successo e il 70% dei sopravvissuti rianimati muore senza riacquistare una normale funzione.

Nei soggetti rianimati con successo dopo una fibrillazione ventricolare e che sopravvivono, il rischio di recidiva è elevato. Se la fibrillazione ventricolare è provocata da un disturbo reversibile, questo deve essere trattato. Diversamente, la maggior parte dei soggetti viene sottoposta a un impianto chirurgico con defibrillatore-cardioversore impiantabile Le alterazioni del ritmo cardiaco (aritmie) sono sequenze di battiti cardiaci irregolari, accelerate, rallentate o condotte attraverso il cuore secondo un percorso elettrico anomalo. La causa... maggiori informazioni (ICD) per correggere il problema se ricorre. Gli ICD garantiscono un monitoraggio continuo della frequenza e del ritmo cardiaco, rilevando automaticamente la fibrillazione ventricolare, ed erogando uno shock per ripristinare il ritmo normale. Questi soggetti sono spesso trattati con farmaci volti a prevenire la ricomparsa.

Ulteriori informazioni

Di seguito si riporta una risorsa in lingua inglese che può essere utile. Si tenga presente che IL MANUALE non è responsabile dei contenuti di tale risorsa.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Blocco atrioventricolare
Il blocco atrioventricolare è un ritardo nella conduzione (movimento) della corrente elettrica del cuore che attraversa il cuore e provoca una contrazione o un battito delle camere del cuore. Quale tra queste NON è una delle cause del blocco atrioventricolare?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE