Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Nefropatia membranosa

(Glomerulonefrite membranosa)

Di

Frank O'Brien

, MD, Washington University in St. Louis

Ultima modifica dei contenuti gen 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La nefropatia membranosa consiste nel deposito di immunocomplessi sulla membrana basale glomerulare (MBG) che risulta ispessita. La causa è generalmente sconosciuta, sebbene tra le cause secondarie vi siano farmaci, infezioni, malattie autoimmuni e neoplasie. I sintomi e i segni comprendono insorgenza insidiosa di edema e proteinuria elevata con normale sedimento urinario, una normale funzione renale e una pressione arteriosa normale o elevata. La diagnosi si basa sulla biopsia renale. La remissione spontanea è abbastanza frequente. Il trattamento dei pazienti ad alto rischio di progressione si effettua solitamente con corticosteroidi e ciclofosfamide o clorambucile.

L'M-recettore tipo fosfolipasi A2 (PLA2R) nella podocita glomerulare è stato identificato come il principale antigene bersaglio nei depositati immuno-complessi.

La nefropatia membranosa colpisce soprattutto gli adulti, in cui è una frequente causa di sindrome nefrotica.

Eziologia

La nefropatia membranosa è solitamente idiopatica, ma essa può essere secondaria a una delle seguenti condizioni:

  • Farmaci (p. es., sali d'oro, penicillamina, FANS)

  • Infezioni (p. es., infezione da virus dell'epatite B o C, sifilide, infezione da HIV)

  • Malattie autoimmuni (p. es., lupus eritematoso sistemico)

  • Tiroidite

  • Carcinoma

  • Malattie parassitarie (p. es., malaria, schistosomiasi, leishmaniosi)

In relazione all'età, nel 4-20% dei casi i pazienti hanno un tumore sottostante tra cui carcinoma del polmone, del colon, dello stomaco, della mammella o renale; linfoma di Hodgkin o non-Hodgkin, leucemia linfocitica cronica; melanoma.

La nefropatia membranosa è rara nei bambini e quando si manifesta è di solito dovuta a infezione da virus dell'epatite B o al lupus eritematoso sistemico.

La trombosi venosa renale è più frequente nella nefropatia membranosa e di solito è asintomatica, ma può manifestarsi con dolore al fianco, ematuria e ipertensione. Può progredire verso un'embolia polmonare.

Sintomatologia

Tipicamente i pazienti si presentano con un edema e una proteinuria in range nefrosico e talvolta con microematuria e ipertensione. I segni e i sintomi della malattia all'origine della nefropatia membranosa (p. es., una neoplasia) possono essere presenti già all'esordio.

Diagnosi

  • Biopsia renale

  • Valutazione per secondarietà

La diagnosi è suggerita dallo sviluppo di sindrome nefrotica, in particolare nei pazienti che hanno potenziali cause di nefropatia membranosa. La diagnosi viene confermata dalla biopsia.

La proteinuria è in range nefrosico nell'80% dei casi. Le analisi di laboratorio si effettuano come indicato per la sindrome nefrotica. La velocità di filtrazione glomerulare, se misurata, è normale o diminuita.

Alla microscopia elettronica, gli immunocomplessi appaiono come depositi densi ( Caratteristiche alla microscopia elettronica nelle patologie immunologiche glomerulari). Nelle prime fasi della malattia si presentano depositi subepiteliali densi, con protrusioni acuminate (spikes) della lamina densa tra i depositi. Più tardi appaiono depositi all'interno della MBG e si verifica un suo marcato ispessimento. Sono presenti lungo la MBG depositi diffusi di IgG, con pattern granulare, senza proliferazione cellulare, essudazione o necrosi.

L'identificazione della presenza o dell'assenza di anticorpi PLA2R e della sottoclasse di depositi di IgG può aiutare a differenziare la nefropatia membranosa idiopatica da quella secondaria. Per esempio, i depositi nella idiopatica sono positivi all'anticorpo PLA2R e prevalentemente IgG 4, mentre l'anticorpo PLA2R è tipicamente negativo e le IgG 1 e 2 predominano nella nefropatia membranosa associato a malignità (1).

Caratteristiche alla microscopia elettronica nelle patologie immunologiche glomerulari

Caratteristiche alla microscopia elettronica nelle patologie immunologiche glomerulari
Nefropatia membranosa

Diagnosi eziologica

La valutazione diagnostica dei pazienti con diagnosi di nefropatia membranosa di solito comprende le seguenti:

  • Una ricerca per una neoplasia occulta, particolarmente in un paziente che presenti perdita di peso, anemia inspiegabile o sangue occulto nelle feci o che sia anziano

  • Considerare una nefropatia membranosa farmaco-indotta

  • Dosaggio anticorpi anti-nucleo

La ricerca per neoplasie occulte è solitamente improntata dalla scelta di uno screening appropriato in relazione all'età del paziente (p. es., la colonscopia per pazienti di età > 50 anni o con altri sintomi o fattori di rischio, mammografia per donne di età > 40 anni, antigene prostatico specifico per uomini > 50 anni [> 40 per i neri], RX torace ed eventualmente TC del torace per i pazienti a rischio di cancro ai polmoni).

Riferimento di diagnosi

Prognosi

Circa il 25% dei pazienti va incontro a remissione spontanea, il 25% sviluppa una proteinuria persistente in range non nefrosico, il 25% sviluppa una sindrome nefrotica persistente e il 25% evolve fino all'insufficienza renale terminale. Le donne, i bambini e i giovani adulti con una proteinuria in range non nefrosico e i pazienti con una funzione renale ancora normale 3 anni dopo la diagnosi tendono ad avere scarsa progressione della malattia. Più del 50% dei pazienti con proteinuria in range nefrosico che sono asintomatici o che hanno edemi controllabili con i diuretici andrà incontro a remissione parziale o completa entro 3-4 anni.

Il rischio di progressione verso l'insufficienza renale è più alto tra i pazienti con

  • Proteinuria persistente 8 g/die, in particolare maschi di età > 50 anni

  • Un elevato livello di creatinina sierica al momento dell'esordio o della diagnosi

  • Riscontro bioptico di marcata infiammazione interstiziale

Trattamento

  • Trattamento delle cause secondarie e della sindrome nefrotica, come indicato

  • Terapia immunosoppressiva per i pazienti ad alto rischio di progressione

  • Trapianto di rene per i pazienti con malattia renale allo stadio terminale

Il trattamento primario è quello della malattia di base. Tra i pazienti con nefropatia membranosa idiopatica, quelli asintomatici con proteinuria in range non nefrosico non necessitano di trattamento; la funzione renale deve essere monitorata periodicamente (p. es., 2 volte/anno quando evidentemente stabile).

I pazienti con una proteinuria in range nefrosico che sono asintomatici o che hanno edemi controllabili con i diuretici richiedono il trattamento della sindrome nefrotica.

Ai pazienti con ipertensione va somministrato un ACE-inibitore o un inibitore dei recettori dell'angiotensina II; questi farmaci possono arrecare beneficio anche ai pazienti normotesi attraverso la riduzione della proteinuria.

Terapia immunosoppressiva

I farmaci immunosoppressori devono essere presi in considerazione soltanto per i pazienti con sindrome nefrotica sintomatica, idiopatica e per quelli ad alto rischio di progressione della malattia. Tuttavia, non vi sono forti evidenze che gli adulti con sindrome nefrotica possano trarre beneficio a lungo termine dalla terapia immunosoppressiva. Pazienti anziani e malati cronici sono a maggior rischio di complicanze infettive dovute a immunosoppressori.

non esiste un protocollo di consenso, ma storicamente, un regime comune inclusi corticosteroidi, seguiti da clorambucile. Tuttavia questo regime non è usato spesso attualmente (vedi il Cochrane abstract review Immunosuppressive treatment for idiopathic membranous nephropathy in adults with nephrotic syndrome). Non ci sono prove evidenti che gli adulti con sindrome nefrotica abbiano un beneficio a lungo termine dal trattamento con farmaci immunosoppressori. La maggior parte degli esperti preferisce l'uso di combinazioni di ciclofosfamide e corticosteroidi a causa del loro profilo di sicurezza migliore. Prove più recenti hanno suggerito un beneficio nell'uso del rituximab (1).

Le terapie che non hanno dimostrato un reale beneficio a lungo termine comprendono la somministrazione EV di immunoglobuline e di FANS.

Il trapianto di rene è un'opzione per i pazienti con insufficienza renale allo stadio terminale. La nefropatia membranosa interviene in circa il 10% dei pazienti con perdita del trapianto in fino al 50%.

Riferimento di trattamento

Punti chiave

  • Anche se la nefropatia membranosa è di solito idiopatica, i pazienti possono avere disturbi associati curabili, come tumori, malattie autoimmuni o infezioni.

  • Le manifestazioni iniziali sono tipicamente quelle della sindrome nefrotica (p. es., edema, proteinuria in range nefrosico, talvolta microematuria e ipertensione).

  • Confermare la diagnosi con la biopsia renale e prendere in considerazione disturbi e cause associate.

  • Trattare la sindrome nefrotica e l'ipertensione, inizialmente con l'inibizione dell'angiotensina.

  • I farmaci immunosoppressori devono venire presi in considerazione soltanto per i pazienti con sindrome nefrotica idiopatica che sono a rischio di progressione della malattia.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come fare il cateterismo uretrale nei maschi
Video
Come fare il cateterismo uretrale nei maschi
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema riproduttivo maschile
Modello 3D
Sistema riproduttivo maschile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE