Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Panoramica sull’ano e sul retto

Di

Parswa Ansari

, MD, Hofstra Northwell-Lenox Hill Hospital, New York

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’ano è l’apertura posta al termine del tratto digerente, attraverso il quale le feci vengono espulse dal corpo umano.

Il retto è la sezione del tratto digerente posto superiormente all’ano in cui si trattengono le feci prima che siano espulse dal corpo umano attraverso l’ano.

L’apparato digerente

L’apparato digerente

L’ano è in parte formato dagli strati superficiali del corpo, compresa la cute, e in parte dall’intestino. La mucosa del retto è composta da tessuto lucido di colore rosso contenente ghiandole di muco, molto più numerose del resto della mucosa intestinale. La mucosa del retto è relativamente insensibile al dolore, mentre i nervi che partono dall’ano e dalla cute esterna vicina sono molto sensibili agli stimoli dolorosi.

Le vene di provenienza rettale e anale confluiscono nella vena porta, che conduce al fegato e, quindi, nel circolo sistemico. Alcune di queste vene confluiscono direttamente nelle vene pelviche e poi nel circolo sistemico. I vasi linfatici del retto drenano nei linfonodi posti all’interno dell’addome inferiore. I vasi linfatici dell’ano drenano nei linfonodi posti all’interno dell’inguine.

Un anello muscolare (sfintere anale) mantiene chiuso l’ano. Lo sfintere è controllato in via subconscia dal sistema nervoso autonomo. Tuttavia, parte dello sfintere può essere rilassata o contratta volontariamente.

I disturbi dell’ano e del retto includono

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Anoscopia o sigmoidoscopia

  • Possibilmente tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica per immagini (RMI)

Per diagnosticare le malattie dell’ano e del retto, il medico ispeziona la cute perianale alla ricerca di un’eventuale anomalia. Con l’esplorazione rettale digitale, esamina il retto. Nelle donne, spesso si associa l’ispezione manuale della vagina (vedere Esame ginecologico). Spesso il medico esamina anche l’addome.

Successivamente, il medico esamina la superficie interna dell’ano e del retto con una sonda di esplorazione rigida lunga 7-25 cm (anoscopio o proctoscopio). In seguito, si può introdurre una sonda flessibile più lunga (sigmoidoscopio) per osservare l’intestino crasso fino a 60 cm o oltre.

L’anoscopia o la sigmoidoscopia (vedere Endoscopia) è generalmente fastidiosa ma non dolorosa. Tuttavia, se l’area all’interno o attorno all’ano è dolorante a causa della presenza di un’anomalia, prima di procedere all’esame si può applicare un unguento anestetico (coma la lidocaina), o somministrare un anestetico locale, regionale o anche generale. A volte, viene eseguito un clistere di pulizia per liberare la parte inferiore dell’intestino crasso dalle feci prima della sigmoidoscopia,

durante la quale si possono prelevare campioni di tessuto e feci per l’esame microscopico e le colture. Si può procedere anche a una TC o a una RMI.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica su diverticolosi e diverticolite
Video
Panoramica su diverticolosi e diverticolite
Modelli 3D
Vedi Tutto
Colonscopia
Modello 3D
Colonscopia

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE