Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Visite mediche preventive per i neonati

Di

Deborah M. Consolini

, MD, Sidney Kimmel Medical College of Thomas Jefferson University

Ultima revisione/verifica completa apr 2019| Ultima modifica dei contenuti apr 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

I bambini sani dovrebbero essere visitati spesso dal medico nel primo anno di vita. Le visite sanitarie preventive (dette anche visite per bambini sani) solitamente hanno luogo nei primi giorni o entro due settimane dalla nascita e a 1, 2, 4, 6 e 9 mesi di età del bambino. Durante queste visite, il medico utilizza linee guida specifiche per l’età al fine di monitorare crescita e sviluppo del bambino e pone ai genitori alcune domande sulle diverse tappe fondamentali dello sviluppo ( Tappe di sviluppo dalla nascita all’età di 12 mesi*). Talvolta vengono eseguite delle analisi e in molti casi, in occasione delle visite, il medico esegue al neonato le vaccinazioni contro diverse malattie ( Calendario vaccinale infantile).

Le visite di controllo permettono inoltre al medico di istruire i genitori sulla corretta alimentazione, sul sonno, sul comportamento, sulla sicurezza, sulla nutrizione, sull’esercizio fisico e sulla salute del bambino. Il medico avverte inoltre i genitori degli sviluppi previsti nel bambino nell’arco di tempo che li separa dal controllo successivo.

Esame

Vengono misurati la lunghezza degli arti, l’altezza, il peso e la circonferenza cranica del neonato. Inoltre, il medico esamina il neonato per individuare eventuali anomalie, compresi i segni di malattie ereditarie o anomalie congenite.

Vengono esaminati gli occhi e si esegue la valutazione della vista. Per i neonati molto prematuri (nati prima del completamento della 32a settimana di sviluppo all’interno dell’utero) di solito sono necessarie valutazioni oculistiche più frequenti da parte di un oculista per verificare l’eventuale insorgenza della retinopatia del prematuro, una malattia oculare che colpisce i bambini nati prima che i vasi sanguigni degli occhi si siano sviluppati completamente e che può provocare cecità.

Il medico controlla le anche del neonato per verificare eventuali segni di allentamento o lussazione dell’articolazione (displasia di sviluppo dell’anca), osserva i denti del bambino, se presenti, per verificare l’eventuale presenza di carie, e la bocca per individuare eventuali segni di mughetto, un’infezione da lieviti comune nei neonati. Il medico, inoltre, esamina il cuore, i polmoni e l’addome.

Screening

I test di screening vengono eseguiti per verificare se il neonato è a rischio di particolari patologie.

Gli esami del sangue vengono eseguiti per rilevare anemia o per verificare l’esposizione al piombo.

I test dell’udito poco dopo la nascita consentono di stabilire se il neonato presenta disturbi o perdita dell’udito (test di screening neonatale) e vengono ripetuti successivamente nel caso subentrino nuove preoccupazioni al riguardo ( Ipoacusia (deficit uditivo) nei bambini : Controllo e diagnosi).

I neonati vengono sottoposti allo screening dei fattori di rischio di tubercolosi a tutte le visite per bambini sani, di solito a partire dai 12 mesi di età. Di solito quelli che presentano fattori di rischio vengono quindi sottoposti al test di screening per la tubercolosi.

Sicurezza

In occasione di queste visite, il medico fornisce ai genitori le linee guida sulla sicurezza adatte all’età.

Le seguenti linee guida sulla sicurezza si applicano dalla nascita ai bambini di 12 mesi di età:

  • In auto, utilizzare un seggiolino da trasporto installato in senso contrario di marcia.

  • Impostare lo scaldabagno a una temperatura massima di 49 °C.

  • Prevenire le cadute dal fasciatoio e in prossimità delle scale.

  • Per dormire posizionare il neonato sulla schiena, utilizzare un materasso rigido, non condividere il suo letto e non mettere cuscini, paraurti imbottiti, animali di peluche o coperte nella culla.

  • Non dare al bambino cibi o oggetti che possono causare soffocamento o essere inalati nei polmoni.

  • Non usare girelli.

  • Mettere dei ganci di sicurezza sugli armadi e coprire le prese elettriche.

  • Prestare attenzione e osservare il bambino quando è nella vasca da bagno o vicino a una piscina e quando sta imparando a camminare.

Alimentazione ed esercizio fisico

Per i neonati, i consigli in materia di alimentazione si basano sull’età. Il medico può aiutare i genitori a valutare i vantaggi dell’allattamento al seno rispetto al latte artificiale e fornisce indicazioni per quanto riguarda i cibi solidi.

I genitori devono fornire al bambino un ambiente sicuro in cui potersi muovere ed esplorare. Il gioco all’aria aperta deve essere incoraggiato dai primi anni di età.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) nei bambini
Quale delle seguenti affermazioni è corretta riguardo alla prevenzione della trasmissione dell’HIV da madre a figlio?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE