Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Insufficienza tricuspidale

(Tricuspid Incompetence; Tricuspid Insufficiency)

Di

Guy P. Armstrong

, MD, North Shore Hospital, Auckland

Ultima revisione/verifica completa feb 2020| Ultima modifica dei contenuti feb 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il rigurgito tricuspidale consiste in un reflusso di sangue attraverso la valvola tricuspide ad ogni contrazione ventricolare destra.

  • Il rigurgito tricuspidale è causato da patologie che ispessiscono il ventricolo destro.

  • I sintomi sono vaghi, come debolezza e affaticamento.

  • La diagnosi si formula tramite esame obiettivo, mentre l’ecocardiogramma serve a confermare la diagnosi.

  • La patologia di base deve essere trattata.

La valvola tricuspide si trova nell’apertura tra l’atrio destro e il ventricolo destro. La valvola tricuspide si apre per consentire al sangue dell’atrio destro di riempire il ventricolo destro, e si chiude per impedire al sangue di rifluire nell’atrio destro quando il ventricolo destro si contrae per pompare il sangue nei polmoni. Quando la valvola tricuspide non si chiude completamente, parte del sangue rifluisce nell’atrio destro, detto rigurgito.

Il sangue che rifluisce nell’atrio destro aumenta il volume ematico all’interno dello stesso e determina la diminuzione della quota ematica pompata nel cuore e all’organismo. Di conseguenza, l’atrio destro si ispessisce e la pressione arteriosa aumenta nell’atrio destro e nelle grandi vene che vi confluiscono. Questa situazione può causare sintomi di insufficienza cardiaca. L’aumentata pressione può provocare edema epatico e/o delle gambe.

Se l’atrio risulta estremamente dilatato, il battito diviene accelerato e irregolare (dando luogo alla cosiddetta fibrillazione atriale), determinando una riduzione della capacità del cuore di pompare, poiché l’atrio in fibrillazione trema anziché pompare. Di conseguenza, il sangue non scorre nell’atrio con l’energia dovuta e insorge il rischio di formazione di coaguli di sangue all’interno della camera. Se un coagulo si stacca (diventando un embolo), viene pompato fuori dal cuore e può ostruire un’arteria, con la conseguente possibilità di sviluppo di un ictus o altro danno

Cause

Al contrario di altre valvulopatie cardiache, in genere il rigurgito valvolare si verifica in una valvola normale interessata da altre cardiopatie. La causa più comune è rappresentata dalla dilatazione del ventricolo destro e dall’aumento della resistenza al flusso di sangue dal ventricolo destro ai polmoni. La resistenza può aumentare a causa di

A compensazione, il ventricolo destro si dilata, determinando una distensione della valvola tricuspide e causando rigurgito.

Altre cause meno comuni sono l’infezione delle valvole cardiache (endocardite infettiva), nella maggioranza dei casi dovuta a iniezione endovenosa di sostanze illecite, difetti congeniti della valvola tricuspide, trauma, febbre reumatica e debolezza del tessuto della valvola mitrale (degenerazione mixomatosa).

Sintomi

Generalmente, il rigurgito tricuspidale non causa sintomi ad eccezione, occasionalmente, di pulsazioni al collo dovute all’aumentata pressione atriale destra e fastidio nei quadranti superiori dell’addome dovuto all’ingrossamento del fegato. Raramente, un soggetto può manifestare un accumulo di fluido del corpo (edema), soprattutto nelle gambe.

Diagnosi

  • Ecocardiogramma

La diagnosi viene posta in base all’anamnesi e all’esame obiettivo del paziente, all’elettrocardiogramma (ECG) e alla radiografia del torace. Con lo stetoscopio, può essere auscultabile un soffio caratteristico prodotto dal reflusso di sangue nella valvola tricuspide, che tende tuttavia a scomparire al peggiorare del rigurgito.

L’ecocardiogramma può riprodurre un’immagine della valvola insufficiente e aiutare a valutare la quantità di sangue rigurgitata per quantificarne la gravità.

Trattamento

  • Trattamento della patologia di base

  • A volte riparazione o sostituzione valvolare

L’insufficienza tricuspidale, quando lieve, richiede generalmente un trattamento minimo o nullo. Tuttavia, la patologia sottostante, come l’enfisema, l’ipertensione polmonare, la stenosi polmonare o le alterazioni del lato sinistro del cuore, è verosimilmente da trattare. Inoltre è necessario trattare la fibrillazione atriale e l’insufficienza cardiaca.

Raramente si ricorre all’intervento chirurgico per riparare o sostituire la valvola tricuspide, a meno che il rigurgito non sia grave oppure non sia necessario anche un intervento chirurgico a un’altra valvola cardiaca (ad esempio sostituzione della valvola mitrale). L’intervento chirurgico potrebbe prevedere l’impianto di un anello, che viene suturato per ridurre le dimensioni dell’orifizio valvolare, per riparare la valvola o per sostituirla con una protesi valvolare.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Rigurgito mitralico
Il rigurgito mitralico consiste in un reflusso di sangue attraverso la valvola mitrale, che si verifica ogni volta che il ventricolo sinistro del cuore si contrae. Nei Paesi industrializzati, quale delle seguenti è una causa comune di rigurgito mitralico?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE