Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Ascite

Di

Danielle Tholey

, MD, Thomas Jefferson University Hospital

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’ascite è l’accumulo di liquido contenente proteine (ascitico) nella cavità addominale.

  • Molti disturbi possono essere causa di ascite, ma il più comune è l’ipertensione nelle vene che trasportano il sangue al fegato (ipertensione portale), solitamente dovuta a cirrosi.

  • Se si accumulano grandi quantità di liquidi, l’addome si dilata enormemente causando al soggetto inappetenza, respiro corto e un senso di malessere.

  • L’esame del liquido può contribuire a stabilire la causa.

  • Di solito, una dieta iposodica e i diuretici possono aiutare ad eliminare i liquidi in eccesso.

Cause

La causa più comune dell’ascite è

  • Epatopatia

Le cause meno comuni di ascite comprendono malattie non epatiche, quali tumore, insufficienza cardiaca, insufficienza renale, infiammazione del pancreas (pancreatite) e tubercolosi peritoneale.

L’ascite tende a verificarsi nelle patologie epatiche di lunga durata (croniche) piuttosto che in quelle di breve durata (acute). Di solito, è dovuta a

  • Ipertensione portale: una pressione sanguigna elevata nella vena porta (la vena di grosso calibro che trasporta il sangue dall’intestino al fegato) e nelle sue diramazioni.

Di solito, l’ipertensione portale insorge nella cirrosi (grave cicatrizzazione del fegato), la quale il più delle volte è causata da un eccessivo consumo di alcol, da steatosi epatica o dall’epatite virale.

L’ascite può insorgere anche in altre epatopatie, come l’epatite alcolica grave senza cirrosi, l’epatite cronica e l’ostruzione della vena epatica (sindrome di Budd-Chiari).

Nei soggetti con malattia epatica, il liquido ascitico trasuda dalla superficie del fegato e dell’intestino e si accumula nell’addome. Ciò è dovuto a una serie di fattori, Tra questi:

  • Ritenzione renale di liquidi

  • Alterazioni in diversi ormoni e sostanze chimiche che regolano i liquidi corporei

Inoltre, di solito l’albumina fuoriesce dai vasi sanguigni nell’addome. Normalmente l’albumina, la proteina principale del sangue, aiuta a evitare la fuoriuscita dei liquidi dai vasi sanguigni. Quando l’albumina fuoriesce dai vasi sanguigni, anche i liquidi fuoriescono.

Sintomi

Di solito, piccole quantità di liquido nell’addome non causano sintomi. Quantità moderate possono causare un aumento della circonferenza della vita e un aumento di peso. In quantità notevoli, il liquido può causare gonfiore (distensione) addominale e malessere. L’addome appare teso e l’ombelico è piatto oppure estroflesso.

L’addome rigonfio preme sullo stomaco, talvolta portando a inappetenza, e sui polmoni, causando talvolta respiro affannoso.

In alcune persone con ascite, le caviglie sono gonfie per un eccesso di liquidi che vi si sono accumulati (causando edema).

Complicanze dell’ascite

Talvolta, insorge peritonite batterica spontanea (infezione del liquido ascitico che si sviluppa senza alcun motivo apparente). Questa infezione è comune tra i soggetti con ascite e cirrosi, in particolare tra gli alcolisti.

Se si sviluppa peritonite batterica spontanea, i soggetti accusano di solito un senso di fastidio all’addome, che può essere dolente alla pressione. I soggetti possono presentare anche febbre e avvertire una sensazione di malessere generale. Possono quindi diventare disorientati, confusi e assonnati. Se non trattata, l’infezione può essere fatale. La sopravvivenza dipende da un trattamento precoce con antibiotici appropriati.

Diagnosi

  • Valutazione medica

  • Talvolta, un esame di diagnostica per immagini come l’ecografia

  • Talvolta, analisi del liquido ascitico

Quando il medico batte (percuote) l’addome, il liquido fa un rumore sordo. Se l’addome del paziente è gonfio perché l’intestino è disteso a causa della presenza di gas, la percussione produce un suono sordo. Tuttavia, questi potrebbe non rilevare il liquido ascitico se il volume non è pari o superiore a circa un litro.

Se il medico non è sicuro della presenza di ascite o della sua causa, può ricorrere all’ecografia o alla tomografia computerizzata (TC; vedere Esami di diagnostica per immagini del fegato e della cistifellea). Inoltre, si può prelevare una piccola quantità di liquido ascitico, inserendo un ago nella parete addominale, tecnica nota come paracentesi diagnostica. L’esame del liquido in laboratorio può contribuire a stabilire la causa.

Trattamento

  • Dieta iposodica

  • Diuretici

  • Asportazione del liquido ascitico (paracentesi terapeutica)

  • Talvolta, intervento chirurgico per reindirizzare il flusso sanguigno (shunt portosistemico) o trapianto di fegato

  • In caso di peritonite batterica spontanea, antibiotici

Il trattamento di base per l’ascite consiste in una dieta iposodica con l’obiettivo di massimo 2.000 mg di sodio al giorno.

Se la dieta è inefficace, di solito vengono somministrati farmaci diuretici (come lo spironolattone o il furosemide). I diuretici favoriscono l’espulsione di acqua e sodio dai reni nelle urine aumentando l’urinazione.

Se l’ascite diventa fastidiosa o ostacola la respirazione o l’assunzione degli alimenti, si può rimuovere il liquido con un ago inserito nell’addome, una procedura nota come paracentesi terapeutica. Il liquido tende a riaccumularsi se non si segue anche una dieta iposodica e non si assume un diuretico. Dal momento che grandi quantità di albumina vengono perse nel liquido ascitico, può essere utile somministrarla per via endovenosa.

Se grandi quantità di liquidi si accumulano di frequente o se altri trattamenti non risultano efficaci, potrebbe essere necessario effettuare uno shunt portosistemico o un trapianto di fegato. Lo shunt portosistemico connette la vena porta o una delle sue diramazioni a una vena del circolo sistemico e quindi bypassa il fegato. Tuttavia, la creazione di uno shunt è una procedura invasiva e può causare problemi, come il deterioramento delle funzioni cerebrali (encefalopatia epatica) e il deterioramento della funzione epatica.

In caso di diagnosi di peritonite batterica spontanea, vengono somministrati antibiotici come la cefotaxima. Dal momento che spesso l’infezione si ripresenta entro un anno, viene somministrato un antibiotico diverso (come la norfloxacina) dopo la scomparsa dell’infezione iniziale, per evitare che questa si ripresenti.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sull’epatite autoimmune
Video
Panoramica sull’epatite autoimmune
Modelli 3D
Vedi Tutto
Cirrosi epatica
Modello 3D
Cirrosi epatica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE