Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Parkinsonismo

(Parkinsonismo secondario; parkinsonismo atipico)

Di

Hector A. Gonzalez-Usigli

, MD, HE UMAE Centro Médico Nacional de Occidente

Ultima revisione/verifica completa set 2020| Ultima modifica dei contenuti set 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve

Il parkinsonismo riguarda i sintomi del morbo di Parkinson (come rallentamento dei movimenti e tremori) che sono causati da un altro problema.

Cause del parkinsonismo

La causa più comune di parkinsonismo è

  • l’uso di farmaci che bloccano o interferiscono con l’azione della dopamina

Alcuni farmaci e tossine interferiscono con la dopamina e altri messaggeri chimici che aiutano le cellule nervose a comunicare tra loro o ne bloccano l’azione (neurotrasmettitori). Ad esempio gli antipsicotici, usati per trattare la paranoia e la schizofrenia, bloccano l’azione della dopamina. La dopamina è un neurotrasmettitore essenziale nei gangli basali (aggregati di cellule nervose situati in profondità nel cervello), che promuovono un movimento fluido dei muscoli.

Il parkinsonismo può essere causato da varie altre patologie:

Il parkinsonismo causato da disturbi degenerativi del cervello viene definito parkinsonismo atipico.

Sintomi del parkinsonismo

  • Un tremore di una mano quando i muscoli sono rilassati (tremore a riposo)

  • Rigidità muscolare

  • Rallentamento nei movimenti

  • Difficoltà a mantenere l’equilibrio e a camminare

Tali disturbi che causano il parkinsonismo possono provocare anche altri sintomi o variazioni dei sintomi parkinsoniani.

Alcuni di questi possono indicare che la causa non è la malattia di Parkinson. Tra questi troviamo:

  • Perdita di memoria prominente che si manifesta nel primo anno del disturbo (che indica demenza)

  • Sintomi del parkinsonismo da un solo lato del corpo (spesso dovuti ad alcuni tumori cerebrali o alla degenerazione gangliare cortico-basale)

  • Bassa pressione arteriosa, difficoltà di deglutizione, stipsi e problemi urinari (a volte dovuti ad atrofia sistemica multipla)

  • Cadute e confinamento a una sedia a rotelle nei primi mesi o anni della malattia

  • Anomalie del movimento oculare

  • Allucinazioni e problemi visuo-spaziali (come difficoltà a trovare le stanze a casa o a parcheggiare l’auto) che si sviluppano nelle prime fasi del disturbo

  • Sintomi che non diminuiscono in risposta al trattamento con levodopa

  • Incapacità di esprimere o capire un linguaggio parlato o scritto (afasia), incapacità di svolgere azioni di abilità semplici (aprassia) e incapacità di associare gli oggetti con il loro ruolo o funzione abituale (agnosia) a causa di una degenerazione gangliare cortico-basale

Nella degenerazione gangliare cortico-basale, la corteccia cerebrale (la parte del cervello che contiene la maggior parte delle cellule nervose) e i gangli basali si deteriorano progressivamente. Di solito i sintomi compaiono dopo i 60 anni.

I soggetti con degenerazione gangliare corticobasale presentano rigidità muscolare che colpisce un lato del corpo più dell’altro. Con il progredire della malattia muovere gli arti diventa sempre più difficile. Coordinazione ed equilibrio sono scarsi, sono presenti spasmi muscolari e la deglutizione diventa difficile. Le capacità cognitive sono compromesse e le persone hanno difficoltà a trovare, pronunciare e comprendere le parole. Molti soggetti perdono il controllo di una mano (sul lato maggiormente colpito): questa condizione prende il nome di sindrome della mano aliena. La mano può muoversi autonomamente. Ad esempio, può spontaneamente aprirsi o chiudersi a pugno.

Diagnosi del parkinsonismo

  • Valutazione medica

  • Di solito diagnostica per immagini cerebrale

  • Uso di levodopa per vedere se aiuta

Il medico chiede informazioni su disturbi pregressi, esposizione alle tossine e uso di farmaci che possono causare il parkinsonismo.

Se la diagnosi non è chiara, il medico può somministrare alla persona levodopa (un farmaco utilizzato per trattare la malattia di Parkinson) per escludere la malattia di Parkinson. Se si manifesta un miglioramento chiaro, è probabile che la causa sia la malattia di Parkinson.

Trattamento del parkinsonismo

  • Trattamento della causa quando è possibile

  • Talvolta, farmaci per alleviare i sintomi

  • Misure generali, come rimanere attivi se possibile

Se possibile, la causa del parkinsonismo viene corretta o trattata. Se la causa è un farmaco, questo viene interrotto per curare il disturbo. I sintomi possono diminuire o scomparire se si tratta la patologia sottostante.

I farmaci utilizzati per trattare la malattia di Parkinson (come la levodopa Levodopa/carbidopa Il cervello è costituito da materia bianca e materia grigia che contengono milioni di cellule nervose. Queste cellule nervose, o neuroni, comunicano attraverso il rilascio di sostanze chimiche... maggiori informazioni ) spesso non sono efficaci nelle persone con parkinsonismo, ma a volte possono portare a un temporaneo miglioramento.

Se un farmaco antipsicotico causa sintomi parkinsoniani fastidiosi ed è necessario assumere un farmaco antipsicotico indefinitamente i medici sostituiscono il farmaco se possibile. Tuttavia, se non fosse possibile cambiare il farmaco, l’amantadina o un farmaco con effetti anticolinergici Anticolinergico: che cosa significa? I farmaci, l’intervento medico più comune, sono una parte importante dell’assistenza medica agli anziani. Senza farmaci, molti anziani potrebbero avere capacità funzionali limitate o morire... maggiori informazioni Anticolinergico: che cosa significa? , come la benztropina, può alleviare i sintomi.

  • Rimanere attivo se possibile

  • Semplificare le attività quotidiane

  • Usare dispositivi di assistenza secondo necessità

  • Adottare misure per rendere l’abitazione sicura (come rimuovere tappeti per evitare di inciampare)

Anche un’alimentazione corretta è importante.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Distonia
La distonia sembra derivare da un’iperattività di quale area del corpo?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE